Roma, il ritorno di Spalletti. Finita l’epoca Garcia

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

La Roma cambia tecnico: via Garcia, ecco Spalletti

La Roma cambia tecnico: via Garcia, ecco Spalletti

ROMA. – A volte ritornano, e completano il lavoro raccogliendo successi. A volte invece la minestra riscaldata risulta indigesta. Luciano Spalletti ha ancora un po’ d’amaro in bocca per il congedo dalla Roma dopo due ko in campionato nel 2009, visto che la galoppata del suo successore Claudio Ranieri ha sfiorato lo scudetto nella scia di una super Inter.

Ma il tecnico di Certaldo aveva ottenuto nei suoi quattro anni in giallorosso ottimi riscontri: 11 successi di fila, un gioco scintillante con Totti falso nueve, tre secondi posti, due coppa Italia, una Supercoppa, due quarti di Champions. Quindi tornare a Trigoria per Spalletti significa provare l’assalto al tricolore, per completare un lavoro che ancora i tifosi ricordano con piacere.

Grinta, polso e un gioco piacevole e redditizio, che si giovava però del genio di un Totti con dieci anni di meno. Tornare però è sempre difficile, ma sulla piazza giallorossa può essere beneagurante per il tecnico di Certaldo il ricordo di un suo stimato predecessore, Nils Liedholm. Il Barone, dopo un assaggio dal 1973 al 1977 con un terzo posto, è tornato a Roma dal 1979 al 1984 conquistando lo scudetto e realizzando una cavalcata in Coppa dei Campioni conclusasi male all’Olimpico nella finale persa ai rigori. Poco significativi poi i due ritorni dello svedese ormai anziano.

Al polo opposto c’è invece l’esperienza di Zeman: una primavera di bel gioco tra il 1997 e il 1999, poi il gelido inverno 2012-2013 finito con l’esonero.

Più facili le rimpatriate se si ha a disposizione la panchina vincente della Juventus, ma perfino il Trap si è dovuto accontentare nel secondo periodo (1991-94, una Coppa Uefa) rispetto all’epopea del primo (1976-1986, 13 trofei con sei scudetti, la Coppa Campioni all’Heysel e un’Intercontinentale). Più equilibrato il cammino di Marcello Lippi, anche se è il primo periodo (1994-1999, tre scudetti, Coppa Campioni e Intercontinentale) a fare da traino rispetto al secondo (2001-2004, due scudetti). Più netto il divario nel suo ruolino da timoniere della nazionale: titolo mondiale nel biennio 2004-2008, eliminazione ingloriosa in Sudafrica nel ritorno 2008-2010.

Ma è il Milan la squadra dei rientri plurimi: male è andata ad Arrigo Sacchi dopo l’epopea 1987-1991, padrone d’Italia e d’Europa con una gioco da antologia (uno scudetto, due Coppe Campioni e due Intercontinentali), per poi naufragare nell’11/o posto del 1997. E dire che per tornare all’ovile rossonero aveva lasciato la panchina della nazionale.

Fabio Capello, dopo l’apprendistato nel 1987, è tornato al Milan dal 1991 al 1996 per inanellare successi a catena (quattro scudetti e una Champions), ma il richiamo del 1997 lascia al tecnico l’amaro in bocca e un decimo posto. Uno scudetto rossonero per Liedholm al secondo tentativo (1977-1979) ma si chiudono con l’esonero sia il primo (1963-1966) che il terzo (1987-1989).

Trionfali i primi due periodi di Nereo Rocco (1961-1963 e 1967-1974, con quattro trofei in Italia e cinque all’estero), mentre nel terzo e il quarto, tra il 1976 e il 1977, solo una Coppa Italia.

Male all’Inter Helenio Herrera nel 1973-1974 dopo il cammino tra il 1960 al 1968 che ha segnato la storia del calcio (tre scudetti, due coppe Campioni e due Intercontinentali). Fa gli scongiuri quindi Roberto Mancini tornato il sella dopo i tre scudetti dal 2004 al 2008, ma nel suo primo campionato dopo il subentro del 2015 l’Inter si sta battendo per lo scudetto.

Per il resto, discreto il ritorno di Bianchi nel Napoli 1992-1993 ma inarrivabili lo scudetto e la Coppa Uefa del ciclo 1985-1989. Tra le grandi squadre europee ottimo il raddoppio scudetto di Capello al Real Madrid nel 1997 e nel 2007, ma per la società il gioco non era all’altezza. Due scudetti , due Champions e l’Intercontinentale per Vicente del Bosque con le merengue nel 1999-2003 dopo l’esperienza di pochi anni prima.

Oltre a Lippi vittorioso in nazionale Pozzo nel terzo e più corposo periodo di gestione azzurra (1929-1948, due titoli mondiali e uno olimpico). In Brasile infine titoli mondiali per Parreira nel secondo dei tre tratti della sua carriera con la nazionale (1991-1994) e per Scolari nel primo dei due periodi alla Selecao (2001-2002).

Ultima ora

19:32Pugilato: Europei Youth, 4 azzurri sul ring, vincono in 2

(ANSA) - ANTALYA (TURCHIA), 22 OTT - L'arena dell'OzkaymakFalez Hotel di Antalya è il ringside degli Europei Youth di Boxe. Sette gli azzurri, selezionati da coach Coletta, e 4 quelli saliti oggi sul ring nella 2/a giornata. Il primo a combattere è il veneto Adami che, superando 4-1 l'armeno Bazeyan, passa ai quarti dei 52 Kg: martedì 24 se la vedrà con il turco Demirhan. Passa ai quarti, nei 60 Kg, anche Gasparri che, battendo 4-1 il bosniaco Blazevic, si guadagna il match con il polacco Durckaz. Perde (4-1) negli ottavi dei 69 Kg Buremi, sconfitto dall'azero Njat. Sconfitta per Pugliara (ottavi 91 Kg) nel match con il georgiano Yordanyan. "Buon match quello di Adami - commenta il ct Coletta -, che avuto il solo difetto di essersi lasciato prendere dalla confusione dell'avversario. Vittoria, comunque, strameritata. Buremi ha perso un match in cui ha dato veramente tutto, avendo un fortissimo dolore al deltoide. Bene Gasparri: ha vinto in maniera chiara e netta ed è in crescita".

19:21Gb: testimone, sequestratore sarebbe marito d’una dipendente

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - L'uomo armato che risulta aver preso oggi in ostaggio due persone della sala da bowling 'Bowl Mfa', nell'area commerciale e di divertimento del Bermuda Park di Nuneaton, in Inghilterra, sarebbe "il marito" o il fidanzato o un ex di una delle dipendenti della struttura. Lo ha detto a SkyNews il chief executive della stessa struttura, Mehdi Amshar.

19:21Referendum: Bossi, spero più del 34% in Lombardia

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - "Spero di più": così il presidente della Lega, Umberto Bossi, ha risposto sull'obiettivo del 34% di affluenza fissato dal governatore Maroni per il referendum sull'autonomia della Lombardia. Bossi è stato interpellato al seggio di via Fabriano, non lontano dalla sede federale di via Bellerio a Milano, dove ha da poco votato. Bossi è apparso incuriosito dal voto elettronico. "Per me sì", l'indipendenza resta un sogno. Ma i referendum di Lombardia e Veneto "non sono inutili, sono l'unica possibilità di tamponare la crisi sociale che arriva", ha detto Bossi, rispondendo ai giornalisti al seggio in cui ha votato a Milano. E se non passano i referendum? "Vuol dire che quelli del Nord - ha risposto - vogliono l'indipendenza e sono stufi dei farabutti romani che hanno alle spalle e prendono i loro soldi. L'autonomia blocca l'indipendenza".

19:07Nudo davanti a David Michelangelo, denunciato da polizia

(ANSA) - FIRENZE, 22 OTT - Si è completamente denudato davanti al David di Michelangelo alla Galleria dell'Accademia di Firenze, in mezzo a decine di visitatori sorpresi: è accaduto nel pomeriggio di oggi nella Tribuna che ospita la celebre scultura per vedere la quale ogni giorno c'è una lunga coda di turisti. Protagonista del gesto un giovane uomo che, una volta liberatosi degli indumenti e rimasto completamente nudo, ha assunto una posa plastica davanti alla statua gridando anche frasi incomprensibili. I custodi in servizio alla Galleria hanno cercato di coprirlo e lo hanno convinto ad avviarsi all'uscita, mentre altri addetti chiamavano la polizia che, intervenuta, lo ha denunciato per atti osceni in un luogo pubblico frequentato anche da minori. Si tratta, secondo quanto appreso, di uno spagnolo 28enne che, tre anni fa, aveva compiuto un gesto simile davanti alla Venere di Botticelli, agli Uffizi: anche allora scattò un'analoga denuncia.(ANSA).

19:01Chiesa: S.Antonio Padova, accolto nuovo delegato pontificio

(ANSA) - PADOVA, 22 OTT - La Basilica di Sant'Antonio, a Padova, ha accolto mons. Fabio Dal Cin, che prende il posto di mons. Giovanni Tonucci, come delegato pontificio. Varcata la soglia principale, Dal Cin ha baciato il Crocifisso e ha celebrato la messa; quindi, dopo la comunione, ha offerto una lampada votiva alla tomba del Santo con cui illuminare il cammino della comunità, ha chiesto a Sant'Antonio di sostenerlo nel suo compito e ha posato la mano sulla pietra della tomba. "Vi ringrazio tutti della presenza e delle preghiere che farete per me - ha detto - Rivolgo a papa Francesco la mia gratitudine per questo incarico, che mi permetterà di tenere un piede in Veneto. Perché questa è la mia terra e vi sono molto legato". Tra i presenti anche il sindaco Sergio Giordani, che ha dato il benvenuto a monsignor Dal Cin ricordando la figura di Sant'Antonio: "In una società attraversata, oggi più che mai, da tensioni e violenze, la voce di sant'Antonio, il suo messaggio di pace, risuona forte e limpido in tutto il mondo".

19:01Gb: allerta in bowling, ‘non è terrorismo’

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - "L'incidente" in corso nella sala bowling del Beruda Park di Nuneaton, in Inghilterra centrale, "non è legato ad alcuna attività terroristica". Lo assicura la polizia locale, precisando che gli agenti sono al lavoro per cercare di sbloccare la situazione. Il servizio ambulanze di zona precisa da parte sua di aver inviato alcuni mezzi a scopo precauzionale, ma che al momento non risultano feriti.

18:52Gb: testimone, ‘uomo armato e due ostaggi in bowling’

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - Sarebbero 2 gli ostaggi trattenuti da un uomo armato nella sala bowling del Bermuda Park, un'area commerciale di Nuneaton, in Inghilterra. Lo riferisce un testimone citato dal Mail online, mentre altri affermano di aver sentito parlare gli agenti di "ostaggi", ma senza fare numeri. La situazione appare ora di stallo, con una trentina di poliziotti che circondano l'area sorvolata pure da un elicottero. Il Bermuda Park, affollato di famiglie e bambini nel pomeriggio domenicale, è ora bloccato: non si entra né si esce.

Archivio Ultima ora