Roma, il ritorno di Spalletti. Finita l’epoca Garcia

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

La Roma cambia tecnico: via Garcia, ecco Spalletti

La Roma cambia tecnico: via Garcia, ecco Spalletti

ROMA. – A volte ritornano, e completano il lavoro raccogliendo successi. A volte invece la minestra riscaldata risulta indigesta. Luciano Spalletti ha ancora un po’ d’amaro in bocca per il congedo dalla Roma dopo due ko in campionato nel 2009, visto che la galoppata del suo successore Claudio Ranieri ha sfiorato lo scudetto nella scia di una super Inter.

Ma il tecnico di Certaldo aveva ottenuto nei suoi quattro anni in giallorosso ottimi riscontri: 11 successi di fila, un gioco scintillante con Totti falso nueve, tre secondi posti, due coppa Italia, una Supercoppa, due quarti di Champions. Quindi tornare a Trigoria per Spalletti significa provare l’assalto al tricolore, per completare un lavoro che ancora i tifosi ricordano con piacere.

Grinta, polso e un gioco piacevole e redditizio, che si giovava però del genio di un Totti con dieci anni di meno. Tornare però è sempre difficile, ma sulla piazza giallorossa può essere beneagurante per il tecnico di Certaldo il ricordo di un suo stimato predecessore, Nils Liedholm. Il Barone, dopo un assaggio dal 1973 al 1977 con un terzo posto, è tornato a Roma dal 1979 al 1984 conquistando lo scudetto e realizzando una cavalcata in Coppa dei Campioni conclusasi male all’Olimpico nella finale persa ai rigori. Poco significativi poi i due ritorni dello svedese ormai anziano.

Al polo opposto c’è invece l’esperienza di Zeman: una primavera di bel gioco tra il 1997 e il 1999, poi il gelido inverno 2012-2013 finito con l’esonero.

Più facili le rimpatriate se si ha a disposizione la panchina vincente della Juventus, ma perfino il Trap si è dovuto accontentare nel secondo periodo (1991-94, una Coppa Uefa) rispetto all’epopea del primo (1976-1986, 13 trofei con sei scudetti, la Coppa Campioni all’Heysel e un’Intercontinentale). Più equilibrato il cammino di Marcello Lippi, anche se è il primo periodo (1994-1999, tre scudetti, Coppa Campioni e Intercontinentale) a fare da traino rispetto al secondo (2001-2004, due scudetti). Più netto il divario nel suo ruolino da timoniere della nazionale: titolo mondiale nel biennio 2004-2008, eliminazione ingloriosa in Sudafrica nel ritorno 2008-2010.

Ma è il Milan la squadra dei rientri plurimi: male è andata ad Arrigo Sacchi dopo l’epopea 1987-1991, padrone d’Italia e d’Europa con una gioco da antologia (uno scudetto, due Coppe Campioni e due Intercontinentali), per poi naufragare nell’11/o posto del 1997. E dire che per tornare all’ovile rossonero aveva lasciato la panchina della nazionale.

Fabio Capello, dopo l’apprendistato nel 1987, è tornato al Milan dal 1991 al 1996 per inanellare successi a catena (quattro scudetti e una Champions), ma il richiamo del 1997 lascia al tecnico l’amaro in bocca e un decimo posto. Uno scudetto rossonero per Liedholm al secondo tentativo (1977-1979) ma si chiudono con l’esonero sia il primo (1963-1966) che il terzo (1987-1989).

Trionfali i primi due periodi di Nereo Rocco (1961-1963 e 1967-1974, con quattro trofei in Italia e cinque all’estero), mentre nel terzo e il quarto, tra il 1976 e il 1977, solo una Coppa Italia.

Male all’Inter Helenio Herrera nel 1973-1974 dopo il cammino tra il 1960 al 1968 che ha segnato la storia del calcio (tre scudetti, due coppe Campioni e due Intercontinentali). Fa gli scongiuri quindi Roberto Mancini tornato il sella dopo i tre scudetti dal 2004 al 2008, ma nel suo primo campionato dopo il subentro del 2015 l’Inter si sta battendo per lo scudetto.

Per il resto, discreto il ritorno di Bianchi nel Napoli 1992-1993 ma inarrivabili lo scudetto e la Coppa Uefa del ciclo 1985-1989. Tra le grandi squadre europee ottimo il raddoppio scudetto di Capello al Real Madrid nel 1997 e nel 2007, ma per la società il gioco non era all’altezza. Due scudetti , due Champions e l’Intercontinentale per Vicente del Bosque con le merengue nel 1999-2003 dopo l’esperienza di pochi anni prima.

Oltre a Lippi vittorioso in nazionale Pozzo nel terzo e più corposo periodo di gestione azzurra (1929-1948, due titoli mondiali e uno olimpico). In Brasile infine titoli mondiali per Parreira nel secondo dei tre tratti della sua carriera con la nazionale (1991-1994) e per Scolari nel primo dei due periodi alla Selecao (2001-2002).

Ultima ora

21:12Terrorismo: Minniti, sbaglio fare scambio sicurezza-libertà

(ANSA) - TODI (PERUGIA), 26 MAG - "E' fondamentale tenere insieme due principi, quello di garantire la sicurezza dei cittadini ma anche la loro libertà. Non è possibile fare uno scambio tra sicurezza e libertà, sarebbe la cosa più sbagliata di questo mondo": lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, intervenendo oggi a Todi ad un incontro a sostegno del candidato a sindaco del centro sinistra Carlo Rossini. presente anche la presidente della Regione Catiuscia Marini. Soffermandosi sul tema del terrorismo il ministro ha detto che "sicurezza e libertà devono essere due termini strettamente connessi" perché al cittadino non "serve avere una sicurezza che lo isola e che non gli permette di vivere serenamente la sua vita". (ANSA).

21:11Ariana Grande tornerà a Manchester per concerto beneficienza

(ANSA) - LONDRA, 26 MAG - La cantante americana Ariana Grande tornerà a Manchester per un concerto di beneficienza per le vittime dell'attacco avvenuto lunedì scorso all'Arena al termine di uno dei suoi concerti nella città britannica. Lo ha reso noto la stessa cantante su Twitter. "Ritornerò in questa incredibile e coraggiosa città di Manchester per passare del tempo con i miei fan e per un concerto di beneficienza in onore e per raccogliere soldi per le vittime e le loro famiglie", ha cinguettato la cantante. Grande ha poi precisato che sta lavorando sui dettagli del nuovo appuntamento e "appena saranno confermati li condividerà", aggiungendo che il suo "cuore, le preghiere e le sue più sincere condoglianze vanno alle vittime dell'attacco".

21:09Processo Juve: Pecoraro “Io non ho chiesto patteggiamento”

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "La Procura, costituendo l'accusa, non poteva fare alcuna proposta di patteggiamento": il procuratore federale, Giuseppe Pecoraro, precisa all'Ansa i termini di quanto avvenuto oggi nella prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e rapporti con gli ultras. "La Procura - spiega Pecoraro - si è esclusivamente confrontata con la Juventus per cercare una soluzione accoglibile da entrambe la parti. Il confronto è stato sospeso nel momento in cui la Juventus ha richiesto un rinvio per poter riflettere sulle varie soluzioni di carattere generale che la parti hanno prospettato", ha concluso.

20:43Comey sapeva di informazioni false su Emailgate H. Clinton

(ANSA) - WASHINGTON, 26 MAG - L'allora direttore dell'Fbi James Comey sapeva che alcune informazioni relative all'inchiesta sulle email di Hillary Clinton erano false, create dall'intelligence russa, ma temeva che se fossero diventate di pubblico dominio avrebbero sminuito la stessa inchiesta, e ciò indusse Comey ad agire unilateralmente la scorsa estate nel dichiarare l'inchiesta conclusa. Lo riferisce la Cnn citando diverse fonti informate. Il Washington Post aveva riferito nei giorni scorsi che tali informazioni, provenienti dall'intelligence russa, erano inaffidabili. La Cnn cita adesso fonti ufficiali Usa secondo cui Comey e l'Fbi erano consapevoli che le informazioni erano false.

20:40Comuni Brindisi:dimissioni 17 consiglieri,verso scioglimento

(ANSA) - BRINDISI, 26 MAG - Diciassette consiglieri comunali di Brindisi hanno firmato le proprie dimissioni, dinanzi al notaio, formalizzando così la sfiducia alla sindaca Angela Carluccio, che guida una coalizione di centrodestra. Il numero è sufficiente per lo scioglimento del Consiglio comunale, che dovrà ora essere formalizzato dal prefetto con la nomina di un commissario. Le firme saranno depositate alla segreteria generale del Comune. "Lascio il Palazzo di Città - dice la sindaca Angela Carluccio - con la stessa serenità con cui lo scorso anno avevo per la prima volta indossato la fascia tricolore: quel giorno mi impegnai a dare tutta me stessa per la mia Brindisi, oggi posso dire di averlo fatto, non lesinando sforzi e cercando di inerpicarmi tra le mille salite di un percorso complesso e viziato da insidie e trabocchetti".

20:19Killer ricercato: agente ferito racconta e si commuove

(ANSA) - FERRARA, 26 MAG - "Mi sono finto morto. Lui si è avvicinato, mi ha preso la pistola e il caricatore, mi ha insultato e poi se ne è andato. Quando ho sentito la macchina allontanarsi sono riuscito non so come ad alzarmi. Sulla strada mi hanno visto e mi hanno soccorso. In quel momento ho capito che, forse, sarei riuscito a portare a casa la pelle". L'assistente di polizia provinciale Marco Ravaglia ha raccontato così, con la voce rotta dalla commozione, quello che gli è successo la sera dell'8 aprile, quando era di pattuglia nel Mezzano insieme alla guardia volontaria Valerio Verri ed entrambi sono stati assaliti da Norbert Feher alias Igor Vaclavic, da allora latitante. Verri è stato ucciso, Ravaglia è stato ferito da tre colpi di pistola e per la prima volta ha incontrato i giornalisti nel centro riabilitativo di San Giorgio, a Ferrara. Ha detto di non aver visto in faccia l'assassino e quindi di non aver potuto riconoscere e collegarlo con il killer che una settimana prima aveva ucciso Davide Fabbri a Budrio. (ANSA).

20:04Pacco sospetto in Fincantieri Marghera, allontanati operai

(ANSA) - VENEZIA, 26 MAG - Un pacco sospetto ritrovato a bordo di una nave in costruzione ha bloccato per due ore l'attività nello stabilimento Fincantieri di Marghera. Sono intervenuti Polizia e vigili del fuoco. Gli operai del turno, circa 1.900, sono stati fatti allontanare dalla nave. Al termine dei controlli è stato accertato che il pacco conteneva unicamente dei tubi legati con del nastro adesivo e dei fili elettrici, in modo da ricordare un ordigno artigianale.

Archivio Ultima ora