Terrorismo: primo espulso del 2016, il figlio inneggiò all’Isis

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

alfano

ROMA. – E’ un macedone di 49 anni che viveva nel trevigiano il primo espulso del 2016 “per motivi di prevenzione di terrorismo”. Nello scorso novembre il figlio di 8 anni aveva elogiato in classe per la strage di Parigi, inneggiando all’Isis ed all’uccisione del Papa.

“Noi – ha commentato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, che ha firmato il provvedimento, la 67/a espulsione dal 2015 – siamo un Paese che conosce i principi dell’accoglienza per chi fugge da guerre e persecuzioni, ma siamo un Paese che fa rispettare le proprie leggi e le proprie regole e chi non le rispetta o si dimostra persino ostile alle nostre tradizioni, lo espelliamo. Questa è la nostra linea”.

La linea, già applicata in precedenti casi, è mandare via dall’Italia chi non può essere colpito dalla magistratura per specifici reati, ma rappresenta un pericolo per le sue posizioni radicali. Nel caso del macedone – Ljimani Redjep il suo nome, viveva a San Zenone degli Ezzellini, era impiegato in una ditta di imballaggi – le indagini svolte dai carabinieri del Ros indicano che era inserito in un giro di soggetti di origine balcanica, accomunati da posizioni oltranziste di stampo wahabita.

In particolare l’uomo aveva evidenziato chiari elementi di radicalizzazione, con un progressivo cambiamento in chiave antioccidentale del proprio modo di vivere, anche a livello estetico. Dal marzo del 2012, Redjep era il ‘responsabile sociale’ dell’Associazione Culturale Islamica ‘Fratellanza’ di San Zenone e, in questa veste, dopo gli attacchi terroristici del 13 novembre a Parigi, aveva rifiutato di aderire all’iniziativa, promossa da altre associazioni islamiche della provincia di Treviso, di diffondere un comunicato di solidarietà alla Francia e di disapprovazione nei confronti. Rifiuto definito “molto indicativo” da Alfano ai fini della decisione di mandarlo via dall’Italia.

Sempre a novembre avevano fatto scalpore alcuni commenti in classe del figlio del macedone riferiti proprio alle stragi francesi: “hanno fatto bene, è giusto quello che hanno fatto, adesso andiamo a Roma e uccideremo il Papa, viva l’Isis”. Parole che avevano spinto la dirigente scolastica a segnalare il fatto al ministero degli Esteri con grande risalto dei media locali.

Ieri mattina, l’uomo è stato portato in questura dove gli è stato notificato il decreto di espulsione prima di essere accompagnato all’aeroporto di Venezia dove è stato imbarcato su un aereo diretto in Macedonia. Lascia in Italia la moglie e i suoi due figli.

Ultima ora

13:14Nomadi davanti a Municipio Napoli, no a sgombero campi

(ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - Donne e bambini nomadi in piazza a Napoli per dire no allo sgombero disposto dalla Procura di due campi della periferia cittadina. I manifestanti si sono riuniti davanti a Palazzo San Giacomo, sede del Municipio, chiedendo all'amministrazione cittadina di intervenire per evitare che decine di famiglie vengano cacciate dai due siti senza una proposta abitativa alternativa. ''Circa 150 famiglie che dopo l'ennesimo sgombero erano riuscite a trovare 'casa' nell'area dell'ex Manifattura tabacchi dovranno abbandonare nei prossimi giorni il campo - spiega il padre comboniano Alex Zanotelli presente alla manifestazione - e la stessa sorte toccherà per altri 500 ospiti del campo di Scampia. E' incomprensibile per me che la Procura di Napoli continui ad emanare decreti di demolizione dei campi per 'giuste' ragioni senza offrire alternative a queste persone''. ''Un accanimento - dice Zanotelli - che vede negli sgomberi dei campi l'unica soluzione applicabile".

12:52‘Mio fratello è stato ucciso’, polizia blocca il funerale

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - Prima di morire, in ospedale, aveva scritto un messaggio ai suoi cari: "mi hanno picchiato". E ora la sorella chiede di far luce sulle ultime ore della vita dell'uomo. "Ho paura che sia stato ucciso", è il suo sospetto. La squadra mobile di Torino, che indaga sulla vicenda, ha così bloccato il funerale di Christian Fuentes Sanchez, peruviano 40enne trovato svenuto in strada venerdì notte e morto lunedì in ospedale. Dalle prime ricostruzioni sembra che il 40enne, dopo essere stato a cena con alcuni amici in un locale peruviano, fosse andato in un bar di via Lauro Rossi, dove sarebbe scoppiato un litigio. La polizia ha acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza della zona per capire cos'è successo e la Procura ha disposto l'autopsia per determinare la natura delle lesioni riscontrate sul corpo dell'uomo. Il decesso di Christian sarebbe stato causato da morte cerebrale, ma la sorella è anche convinta che per salvare suo fratello non sia stato fatto tutto il possibile. (ANSA).

12:47Calcio: Pallotta, mercato del Milan? Follia, non ha i soldi

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "È uno scherzo, è pazzia, non ha senso. non hanno i soldi. Sono sconvolto dall'Uefa". Il presidente della Roma James Pallotta commenta con stupore il mercato del Milan che, con i circa 200 milioni di euro spesi finora, è il più esoso dell'estate. Il consorzio cinese che ha rilevato il club rossonero, secondo quanto riportato dalla Ap, è stato acquisito grazie al sostegno del fondo azionario statunitense Elliott. Il cui ceo Paul Singer, spiega Pallotta, "è un mio amico e arriverà a possedere il club", perché i cinesi "hanno un debito".

12:35F.1: Ungheria, Ricciardo davanti nelle prime libere

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Il pilota della Red Bull Daniel Ricciardo ha ottenuto il miglior tempo nella prima sessione di prove libere del Gran Premio di Ungheria di Formula 1, a Budapest. In 1'18"486, l'australiano ha preceduto di 234 millesimi il ferrarista Kimi Raikkonen e di 372 il rivale della Mercedes Lewis Hamilton. L'altro pilota della Rossa, Sebastian Vettel, è sesto (+1"077), preceduto dal compagno di squadra di Hamilton, il finlandese Valtteri Bottas (+0"762). Quarto crono per la seconda Red Bull, condotta dall'olandese Max Verstappen (+0"676). Da segnalare un fuori pista senza conseguenze per Vettel intorno alla mezz'ora e, pochi minuti dopo, una bandiera rossa per lo schianto contro le barriere ad una curva di Antonio Giovinazzi, su Haas: anche in questo caso, pilota indenne, ma non lo stesso per la vettura.

12:35Nuoto: Mondiali, in finale 4×200 sl uomini

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Va in finale col quinto tempo la 4x200 stile maschile ai Mondiali di nuoto di Budapest. Gli azzurri della staffetta chiudono in 7'09"53: prima frazione con Filippo Megli con 1'47"59, seguono Filippo Magnini con 1'47"35 e Luca Dotto con 1'47"64, chiude il neocampione del mondo degli 800 stile libero Gabriele Detti in 1'46"95. Record italiano nei 100 farfalla invece per Piero Codia, che in batteria ha stabilito il primato nazionale con il tempo di 51"09 ed entra nella semifinale alle spalle del solo Caleleb Dressel, nuovo re dei 100 stile, che lo precede di un secondo (50"08). Codia migliora il precedente primato nazionale da lui stesso ottenuto agli Assoluti di Riccione. Avanza in semifinale anche Luca Dotto, con l'ottavo crono di 21"98 nei 50 stile. In semifinale poi Silvia Di Pietro con il quindicesimo tempo dei 50 farfalla. La 24enne romana chiude in 26"24. Centra la semifinale dei 200 dorso, infine, Margherita Panziera, nono tempo di 2'09"43.

12:25Migranti: Generazione identitaria, ‘C-star verso Catania’

(ANSA) - CATANIA, 28 LUG - "La C-star è ripartita con il suo comandante. Bugie e fake news delle Ong sono state smentite. Defend Europe verso Catania!". Lo scrive sul proprio profilo Facebook il movimento Generazione identitaria pubblicando anche un Twitter di #DefendEuropa: "Nulla di illegale è stato trovato a bordo. Anche le infamie hanno le gambe corte!". La nave era stata noleggiata da un simpatizzante britannico per Defend Europa, iniziativa appoggiata in Italia da 'Generazione identitaria', per "monitorare e denunciare l'attività illecita delle navi delle Ong" impegnate nel soccorso di migranti e "fermare i criminali che fanno affari con i trafficanti di uomini". La C-star era stata bloccata dalle autorità di Cipro che avevano fermato e poi rilasciati il comandante, il suo vice e altri sette componenti l'equipaggio, ipotizzando un traffico di esseri umani e documenti falsi.

12:22Agenzia pompe funebri offre servizio ibernazione in Russia

(ANSA) - MODENA, 28 LUG - Anche gli italiani possono essere ibernati, tramite la KrioRus - la società russa che, unica in Europa offre l'ibernazione - grazie al servizio offerto da Filippo Polistena, titolare delle pompe funebri Mirandola. La crionica, ovvero l'ibernazione del corpo dopo il decesso - ricorda l'articolo - è un servizio relativamente costoso, che negli Stati Uniti è realtà da tempo, mentre in Europa è possibile - appunto solo - grazie alla KrioRus. "Tenendo presente che ci deve essere l'autorizzazione della persona in questione - spiega Polistena -, la soluzione ideale è raggiungere la Russia prima del decesso. E poi morire in Russia ed affidarsi direttamente agli scienziati della Kriorus. Altrimenti, se il decesso avviene in Italia, la burocrazia è più complessa". Dall'inizio dell'anno 16 persone lo hanno contattato: "sono tre ad aver firmato il contratto, mentre altre due stanno già riposando in Russia". (ANSA).

Archivio Ultima ora