Pentagono, forze speciali Usa in Iraq contro l’Isis

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

pentagono

WASHINGTON. – Si rafforza la presenza di militari Usa in Medio Oriente per combattere l’Isis: dopo la Siria, forze speciali Usa, per ora 200 soldati, sono sbarcate in Iraq per dare la caccia ai leader e ai militanti del Califfato o per liberare ostaggi. Non sono ancora “boots on the ground” in larga scala, ma il Pentagono sta scommettendo sempre di più sulle operazioni di intelligence mirate, in collaborazione con le forze irachene e i Peshmerga curdi, anche per supportarle nella riconquista di roccaforti come Mosul.

L’annuncio è stato dato dal segretario alla difesa Usa Ashton Carter nella nella sede della 101/ma divisione aviotrasportata, di cui circa 500 uomini saranno inviati in Iraq alla fine di febbraio, mentre altri 1300 soldati del gruppo di combattimento della 2/a brigata verranno mandati in tarda primavera.

“Li uccideremo o cattureremo ovunque li troveremo”, ha detto Carter riferendosi ai miliziani dell’Isis. Ma la reazione del premier iracheno, Haider Al-Abadi, non è stata delle migliori: “non c’è necessità di truppe di terra straniere da combattimento”, ha precisato, sollecitando invece più armi, addestramento e sostegno all’esercito iracheno da parte dei partner internazionali di Baghdad.

Il capo del governo iracheno ha anche ammonito che qualsiasi operazione speciale contro l’Isis nel suo Paese richiede l’approvazione del governo e il coordinamento con le forze irachene, nel pieno rispetto della sovranità nazionale.

Il segretario di stato Usa John Kerry ha tentato di prevenire eventuali polemiche sostenendo che Baghdad era stata informata in anticipo dagli Usa e che Washington coopererà consultandosi sul tipo di forze inviate, sulla zona d’intervento e sulla natura delle missioni delle forze speciali americane.

I ‘Rambo’ Usa hanno già condotto operazioni analoghe nel Paese: nel 2006 hanno ucciso il leader di Al-Qaida in Iraq, Abu Musab al-Zarqawi, mentre più recentemente, insieme alle forze speciali irachene, hanno compiuto un raid in un compound del nord liberando circa 70 prigionieri iracheni che rischiavano di essere giustiziati: in quella occasione ha perso la vita un soldato Usa, il primo americano a cadere in Iraq da quando la Casa Bianca ha lanciato la sua campagna contro l’Isis nell’agosto del 2014.

La task force Usa potrà compiere operazioni unilaterali anche in Siria, ha riferito Carter, che la prossima settimana incontrerà a Parigi i colleghi di altri Paesi, principalmente europei, tra cui Italia, Germania, Francia, Olanda e Gran Bretagna.

“Ogni nazione ha un interesse significativo nel completare la distruzione di questa organizzazione malvagia, e dobbiamo includere tutte le capacità che possiamo portare in questo campo”, ha spiegato. Lo sbarco delle forze speciali, annunciato all’inizio di dicembre, segue il discorso alla nazione di Obama, secondo cui l’Isis non rappresenta una “minaccia esistenziale” per gli Usa ma mina e destabilizza i suoi alleati e quindi va combattuta e distrutta.

“Se il Congresso è serio nella sua decisione di vincere questa guerra, e vuole mandare un messaggio alla nostre truppe e al mondo – ha ammonito il presidente – autorizzi l’uso della forza militare contro l’Isis: votate”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

03:15Trump: chiesti 1 mld dollari per primi 99,7 km muro

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha chiesto formalmente 1 miliardo di dollari per i primi 99,7 chilometri di muro con il Messico. Lo riporta la Cnn citando documenti del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. I fondi serviranno per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine gia' esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo.

Archivio Ultima ora