Obama: Siamo sempre il Paese più potente della Terra

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

Obama-stato-unione-congresso

Un piede alla Casa Bianca, l’altro già nella storia. Barack Obama, il primo presidente afroamericano, ha presentato il suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione. Se non vi saranno colpi di scena e avvenimenti rilevanti, quest’anno non tornerà in Parlamento.

Quindi il suo discorso di oltre un’ora di fronte al Congresso riunito in seduta comune, alla maggioranza repubblicana che lo ha ascoltato con rispetto e attenzione applaudendolo solo in quelle rare occasioni in cui non ne ha potuto fare a meno, ai rappresentanti di tutti i poteri presenti senza eccezione, e agli americani sovente estranei alla politica, dovrebbe essere l’ultimo in quell’assise.

Amarezza ma anche soddisfazione. Quello di Obama non è stato il consueto discorso del presidente che di fronte al paese snocciola cifre, sottolinea mete raggiunte e illustra propositi a livello nazionale e internazionale. Il “Yeswe can”, slogan della sua campagna elettorale otto anni fa, non pare si siatrasformato, nel “yes wecouldn’t” insinuatodai repubblicani.

Obama ha difeso la sua gestione dai durissimi giudizi negativi dei conservatori. Ma ha anche ammesso di non essere riuscito a mantenere tutte le promesse. In primis, quella fatta agli immigrati latinoamericani: la normalizzazionedella posizione legale.

Obama riassume le sfide del paese in quattro punti principali:crescita equa per permettere aogni americano “opportunità e sicurezza” nella nuova economia; uso positivo delle nuove tecnologie con lo scopo di superare le grandi sfide a cominciare dallo sviluppo e uso di energie rinnovabili; un mondo più sicuro in cui l’America non sia più il “gendarme”; e una politica che sia riflesso del meglio del paese e degli americani.

Il presidente Obama ha sottolineato che l’America resta il paese più potente della terra; che la sua economia, in netta ripresa, va meglio di ogni altra al mondo; e che il terrorismo, pur restando un pericolo, non minaccia la nazione.

– Stasera – ha detto il capo dello Stato a inizio del suo intervento – vi parlo del futuro verso il quale dobbiamo andare con coraggio e fiducia, come abbiamo sempre fatto nella nostra storia quando abbiamo dovuto affrontare sfide formidabili.

Ha negato che il Paese sia in declino e ha posto l’accento sulla creazione dei nuovi posti di lavoro.
– Permettetemi di iniziare con l’economia – ha detto -. E’ un elemento essenziale. Ora gli Stati Uniti hanno la più robusta economia del mondo. Siamo in presenza della più lunga serie di creazione di posti di lavoro nel settore privato dagli anni ’90, e del calo della disoccupazione. Negli ultimi 6 anni l’industria della manifattura ha creato 900 mila nuovi posti di lavoro, etutto nonostante la riduzionedel deficit in quasi tre quarti.

Ma i posti di lavoro, ha anche affermato, possono essere minacciati dall’automatizzazione e la delocalizzazione all’estero. Per il presidente Obama, nonostante la creazione di nuovi posti di lavoro “per i giovani è più difficile uscire dalla povertà” e “andare in pensione quando si vuole”.

Il capo dello Stato ha invitato a superare le paure e ha cercato di contrastare il discorso negativo e disfattista diffuso dai candidati repubblicani alla presidenza. Non ha citato chiaramente né Donald Trump né il resto dei candidati, ma a tutti è parso chiaro che le sue parole erano rivolte a loro. In particolare, al “magnate del mattone” che, grazie ai suoi atteggiamenti radicali, alle posizioni estreme contro gli immigrati latinoamericani e contro l’accoglienza dei profughi di religione musulmana, oggi cavalca con disinvoltura tutti i sondaggi d’opinione.

Obama ha invitatoa guardare al futuro, “non al prossimo anno ma ai prossimi 5 anni, 10 anni e oltre”.
– Viviamo un’epoca di straordinarie trasformazioni, di mutamenti che stanno modificando la nostra vita, il nostro lavoro, il nostro pianeta, il nostro posto nel mondo – ha commentato. – E’ una trasformazione che promette incredibili progressi nella medicina ma anche perturbazioni nell’economia.

Il presidente Obama ha poi sottolineato che gli “Stati Uniti hanno già vissuto epoche di grandi trasformazioni, guerre e depressioni, l’influenza degli immigranti, dei lavoratori che hanno lottato per una migliore qualità di vita e che hanno permesso la conquista dei diritti civili”.

– C’è sempre stato qualcuno che affermava di temere il futuro – ha detto. – E ogni volta abbiamo superato queste paure. Abbiamo agito in modo da trasformare le sfidein benefici, abbiamo individuato opportunità dove altri vedevano solo pericoli e ostacoli. Così siamo diventati più forti e migliori di prima.

Il capo dello Stato ha posto enfasi nella sua politica estera. Ha assicurato che il Paese continua a essere la nazione più forte. E ha attaccato il concetto di “nazione gendarme”. E’ velato il riferimento alla dottrina del “National Building” sposata da George Bush. Sostiene che l’America non persegue più la chimera di costruire nazioni.

Sottolinea che ha preminenza la lotta allo Stato Islamico. E afferma:
– La priorità è la protezione degli americani e la lotta alle reti terroristiche. Sia AlQaeda sia ora l’Isis rappresentano una minaccia diretta contro il nostro popolo. Nel mondo attuale un piccolo gruppo di terroristi, che disprezza il valore della vita umana, può far danni. I terroristi usano Internet per avvelenare le menti degli individui dentro e fuori il paese. Debilitano i nostri alleati.

Se il Congresso vuole veramente vincere questa guerra e desidera inviare un messaggio alle nostre truppe e al mondo, deve autorizzare l’uso delle forze militari contro l’Isis. Votate. Gli americani devono comunque sapere che con o senza l’intervento del Parlamento, l’Isis riceverà la stessa lezione dei terroristi che l’hanno preceduto.

E ha rilevato:
– Quando qualcuno attacca un cittadino americano può star sicuro che lo cercheremo. Può passare del tempo, ma può avere la certezza che abbiamo buona memoria e il nostro raggio d’azione non ha limiti.
Ma allo stesso tempo Obama si oppone alle invasioni militari.
– Abbiamo imparato da Vietnam e da Iraq – sostiene.

Difende l’apertura verso Cuba e afferma che è ora di riconoscere che la guerra fredda è finita. Non manca la stoccata al Congresso, in cui la maggioranza repubblicana si nega ostinatamente a togliere l’embargo all’isola.

– Cinquant’anni d’isolamento a Cuba non sono serviti a promuovere la democrazia – afferma -. Ma ci ha frenato in America Latina. Per questo abbiamo recuperato le relazioni diplomatiche, abbiamo aperto le porte ai viaggi e al commercio. E ci siamo riproposti di migliorare la vita dei cubani. Vogliamo rafforzare e consolidare la nostra leadership e attendibilità nell’emisfero? Allora, riconosciamo che la guerra fredda è terminata. Eliminiamo l’embargo.

(Mariza Bafile/Voce)

  • luigi

    e chi ci crede al negretto superstar ? pinocchio in quanto a bugie e uno scolaretto in confronto col negretto l esercito piu potente del mondo? a natale regalo al negretto un televisore cosi vede il livello militare di russia e cina meglio che stia bono sai mai che ………………… ormai gli usa non sono piu credibili a nessun livello.

  • luigi

    forte quella che sono il paese da tripla A forse voleva dire da tripla ah ah ha comico il negretto il debito che hanno lo ripagheranno stampando altra carta verdina o tirand qualche bomba intelligente se ci sara qualche centinaio di morti in piu cosa da poco in toscana si dice che voi che esse

Ultima ora

16:48Francia: primarie gauche,solo 400.000 a urne a metà giornata

(ANSA) - PARIGI, 22 GEN - Confermati a metà giornata i timori di bassa affluenza alle urne nelle primarie della sinistra: soltanto 400.000 elettori si sono recati alle urne, hanno annunciato i due responsabili della consultazione, premettendo che i calcoli sono stati fatti "sul 63% dei seggi" e notando che "fa un freddo più che polare". Lo scorso novembre, nelle primarie della destra, alla stessa ora avevano votato in 1,1 milioni. E nel 2011, alle precedenti primarie della gauche, a recarsi alle urne erano stati 745.000 elettori a metà giornata. (ANSA).

16:47Terremoto: Grandi rischi, diga su faglia riattivata

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Nella zona di Campotosto c'è il secondo bacino più grande d'Europa con tre dighe, una delle quali su una faglia che si è parzialmente riattivata e ci possono essere movimenti importanti di suolo che cascano nel lago, per dirla semplice è 'l'effetto Vajont'". Lo ha detto al Tg3 Sergio Bertolucci, presidente della Commissione Grandi Rischi, aggiungendo che "se si avverte un aumento del rischio, bisogna immediatamente renderlo trasparente alle autorità e alla popolazione".

16:32Calcio: Ausilio stoppa voci Messi, “Basta illudere tifosi”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Moratti ha detto che Suning sta preparando un grande colpo? Trovare giocatori migliori di quelli che abbiamo non è facile, ma faremo il possibile per costruire un'Inter sempre più competitiva": così il ds dell'Inter, Piero Ausilio che però a 'Premium' stoppa ogni indiscrezione relativa a Leo Messi: "Non parlerei di lui, sarebbe un continuo illudere i tifosi: è vero che la proprietà è solida e ha grandi possibilità e ambizioni, ma ci sono dei parametri imposti dalla Uefa cui dobbiamo sempre tenere conto. Altri arrivi a fine gennaio? Noi pensiamo di avere una squadra a posto: sappiamo dove bisogna migliorare, ma non è possibile farlo nel mercato di gennaio. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto con Gagliardini. Quindi in entrata nessuna sorpresa, mentre faremo qualcosa in uscita". (ANSA)

16:30Israele: Rivlin invita Trump a Gerusalemme

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha invitato ufficialmente Donald Trump in Israele e a Gerusalemme. In una lettera inviata al neo capo della Casa Bianca, Rivlin si è congratulato a nome degli israeliani con Trump sottolineando che "l'alleanza tra Israele e Usa non è solo basata sull'amicizia, ma è anche incardinata in valori comuni e un lungo attaccamento alla libertà e alla democrazia: pietre fondanti delle nostre due società".

16:28Calcio: Allegri “Juventus ha vinto con rabbia e qualità”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "C'è stata responsabilità da parte di tutti, ma oltre alla fame e alla rabbia, la squadra ha anche giocato bene tecnicamente". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri dopo il 2-0 sulla Lazio. "Fame e qualità sono entrambe componenti fondamentali per vincere - spiega il tecnico a Premium - specialmente in Champions dove vogliamo fare bene. Il modulo? Mercoledì mattina mi sono svegliato e ho deciso di cambiare. Ho scelto così perché venivamo da una partita non bella a Firenze e oggi c'era la partita giusta per un esperimento del genere. Abbiamo regalato qualche ripartenza alla Lazio e da questo punto di vista bisogna migliorare: se vogliamo fare il salto per vincere il campionato e provarci in Champions, dovremo essere un pochino più spregiudicati. Le critiche nei miei confronti? Non sono mai esagerate, a volte sono giuste e a volte no. Ogni annata, nel calcio, è una storia a sé: non è che prendi i giocatori, li butti dentro e va tutto bene. Ci vuole tempo per assorbire i cambi".

16:25Rigopiano: 24 dispersi,anche senegalese

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - Sale a 24 il numero dei dispersi della tragedia dell'Hotel Rigopiano. All'interno della struttura c'era anche un immigrato senegalese Faye Dame in possesso di un permesso di soggiorno ed era regolarmente assunto. Lo hanno appurato gli investigatori, che confermano anche come l'immigrato fosse nella struttura al momento della tragedia: la sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti.

16:21Pd: Emiliano, se apre Congresso possibile che mi candidi

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Se qualcuno si prende la briga di aprire il Congresso è possibile che mi candido. Di certo non starò a guardare". Lo afferma il governatore della Puglia Michele Emiliano, ospite di 'Faccia a Faccia', in onda questa sera su La7. Emiliano spiega, inoltre, come anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore. Cosa ho imparato da segretario regionale? "Che da solo non si va da nessuno parte, mi auguro che questo sia compreso da tutto il Pd".

Archivio Ultima ora