Obama: Siamo sempre il Paese più potente della Terra

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

Obama-stato-unione-congresso

Un piede alla Casa Bianca, l’altro già nella storia. Barack Obama, il primo presidente afroamericano, ha presentato il suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione. Se non vi saranno colpi di scena e avvenimenti rilevanti, quest’anno non tornerà in Parlamento.

Quindi il suo discorso di oltre un’ora di fronte al Congresso riunito in seduta comune, alla maggioranza repubblicana che lo ha ascoltato con rispetto e attenzione applaudendolo solo in quelle rare occasioni in cui non ne ha potuto fare a meno, ai rappresentanti di tutti i poteri presenti senza eccezione, e agli americani sovente estranei alla politica, dovrebbe essere l’ultimo in quell’assise.

Amarezza ma anche soddisfazione. Quello di Obama non è stato il consueto discorso del presidente che di fronte al paese snocciola cifre, sottolinea mete raggiunte e illustra propositi a livello nazionale e internazionale. Il “Yeswe can”, slogan della sua campagna elettorale otto anni fa, non pare si siatrasformato, nel “yes wecouldn’t” insinuatodai repubblicani.

Obama ha difeso la sua gestione dai durissimi giudizi negativi dei conservatori. Ma ha anche ammesso di non essere riuscito a mantenere tutte le promesse. In primis, quella fatta agli immigrati latinoamericani: la normalizzazionedella posizione legale.

Obama riassume le sfide del paese in quattro punti principali:crescita equa per permettere aogni americano “opportunità e sicurezza” nella nuova economia; uso positivo delle nuove tecnologie con lo scopo di superare le grandi sfide a cominciare dallo sviluppo e uso di energie rinnovabili; un mondo più sicuro in cui l’America non sia più il “gendarme”; e una politica che sia riflesso del meglio del paese e degli americani.

Il presidente Obama ha sottolineato che l’America resta il paese più potente della terra; che la sua economia, in netta ripresa, va meglio di ogni altra al mondo; e che il terrorismo, pur restando un pericolo, non minaccia la nazione.

– Stasera – ha detto il capo dello Stato a inizio del suo intervento – vi parlo del futuro verso il quale dobbiamo andare con coraggio e fiducia, come abbiamo sempre fatto nella nostra storia quando abbiamo dovuto affrontare sfide formidabili.

Ha negato che il Paese sia in declino e ha posto l’accento sulla creazione dei nuovi posti di lavoro.
– Permettetemi di iniziare con l’economia – ha detto -. E’ un elemento essenziale. Ora gli Stati Uniti hanno la più robusta economia del mondo. Siamo in presenza della più lunga serie di creazione di posti di lavoro nel settore privato dagli anni ’90, e del calo della disoccupazione. Negli ultimi 6 anni l’industria della manifattura ha creato 900 mila nuovi posti di lavoro, etutto nonostante la riduzionedel deficit in quasi tre quarti.

Ma i posti di lavoro, ha anche affermato, possono essere minacciati dall’automatizzazione e la delocalizzazione all’estero. Per il presidente Obama, nonostante la creazione di nuovi posti di lavoro “per i giovani è più difficile uscire dalla povertà” e “andare in pensione quando si vuole”.

Il capo dello Stato ha invitato a superare le paure e ha cercato di contrastare il discorso negativo e disfattista diffuso dai candidati repubblicani alla presidenza. Non ha citato chiaramente né Donald Trump né il resto dei candidati, ma a tutti è parso chiaro che le sue parole erano rivolte a loro. In particolare, al “magnate del mattone” che, grazie ai suoi atteggiamenti radicali, alle posizioni estreme contro gli immigrati latinoamericani e contro l’accoglienza dei profughi di religione musulmana, oggi cavalca con disinvoltura tutti i sondaggi d’opinione.

Obama ha invitatoa guardare al futuro, “non al prossimo anno ma ai prossimi 5 anni, 10 anni e oltre”.
– Viviamo un’epoca di straordinarie trasformazioni, di mutamenti che stanno modificando la nostra vita, il nostro lavoro, il nostro pianeta, il nostro posto nel mondo – ha commentato. – E’ una trasformazione che promette incredibili progressi nella medicina ma anche perturbazioni nell’economia.

Il presidente Obama ha poi sottolineato che gli “Stati Uniti hanno già vissuto epoche di grandi trasformazioni, guerre e depressioni, l’influenza degli immigranti, dei lavoratori che hanno lottato per una migliore qualità di vita e che hanno permesso la conquista dei diritti civili”.

– C’è sempre stato qualcuno che affermava di temere il futuro – ha detto. – E ogni volta abbiamo superato queste paure. Abbiamo agito in modo da trasformare le sfidein benefici, abbiamo individuato opportunità dove altri vedevano solo pericoli e ostacoli. Così siamo diventati più forti e migliori di prima.

Il capo dello Stato ha posto enfasi nella sua politica estera. Ha assicurato che il Paese continua a essere la nazione più forte. E ha attaccato il concetto di “nazione gendarme”. E’ velato il riferimento alla dottrina del “National Building” sposata da George Bush. Sostiene che l’America non persegue più la chimera di costruire nazioni.

Sottolinea che ha preminenza la lotta allo Stato Islamico. E afferma:
– La priorità è la protezione degli americani e la lotta alle reti terroristiche. Sia AlQaeda sia ora l’Isis rappresentano una minaccia diretta contro il nostro popolo. Nel mondo attuale un piccolo gruppo di terroristi, che disprezza il valore della vita umana, può far danni. I terroristi usano Internet per avvelenare le menti degli individui dentro e fuori il paese. Debilitano i nostri alleati.

Se il Congresso vuole veramente vincere questa guerra e desidera inviare un messaggio alle nostre truppe e al mondo, deve autorizzare l’uso delle forze militari contro l’Isis. Votate. Gli americani devono comunque sapere che con o senza l’intervento del Parlamento, l’Isis riceverà la stessa lezione dei terroristi che l’hanno preceduto.

E ha rilevato:
– Quando qualcuno attacca un cittadino americano può star sicuro che lo cercheremo. Può passare del tempo, ma può avere la certezza che abbiamo buona memoria e il nostro raggio d’azione non ha limiti.
Ma allo stesso tempo Obama si oppone alle invasioni militari.
– Abbiamo imparato da Vietnam e da Iraq – sostiene.

Difende l’apertura verso Cuba e afferma che è ora di riconoscere che la guerra fredda è finita. Non manca la stoccata al Congresso, in cui la maggioranza repubblicana si nega ostinatamente a togliere l’embargo all’isola.

– Cinquant’anni d’isolamento a Cuba non sono serviti a promuovere la democrazia – afferma -. Ma ci ha frenato in America Latina. Per questo abbiamo recuperato le relazioni diplomatiche, abbiamo aperto le porte ai viaggi e al commercio. E ci siamo riproposti di migliorare la vita dei cubani. Vogliamo rafforzare e consolidare la nostra leadership e attendibilità nell’emisfero? Allora, riconosciamo che la guerra fredda è terminata. Eliminiamo l’embargo.

(Mariza Bafile/Voce)

  • luigi

    e chi ci crede al negretto superstar ? pinocchio in quanto a bugie e uno scolaretto in confronto col negretto l esercito piu potente del mondo? a natale regalo al negretto un televisore cosi vede il livello militare di russia e cina meglio che stia bono sai mai che ………………… ormai gli usa non sono piu credibili a nessun livello.

  • luigi

    forte quella che sono il paese da tripla A forse voleva dire da tripla ah ah ha comico il negretto il debito che hanno lo ripagheranno stampando altra carta verdina o tirand qualche bomba intelligente se ci sara qualche centinaio di morti in piu cosa da poco in toscana si dice che voi che esse

Ultima ora

15:01Terremoto: camper Telefono Azzurro in partenza per Amatrice

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Camper Azzurro, un mezzo che agevolerà il supporto di Telefono Azzurro ai piccoli abitanti delle zone nel centro Italia vittime un anno fa del sisma, è in viaggio verso Amatrice, dove l'associazione è presente sin dallo scorso agosto. Il mezzo, presentato ieri sera al Giffoni Festival alla presenza della ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli, consentirà all'associazione di rafforzare la sua presenza e il suo supporto ai bambini, offrendo sostegno educativo e psicologico attraverso attività ludico-ricreative impostate sull'importanza dell'ascolto, tema distintivo dell'attività trentennale di Telefono Azzurro. Le attività di Telefono Azzurro ad Amatrice proseguiranno nei prossimi mesi nelle scuole, ma anche all'interno di moduli prefabbricati, grazie al lavoro di operatori specializzati che si alterneranno per favorire il rafforzamento delle attività. (ANSA).

14:59Lancia acido addosso a moglie e fugge con i figli

(ANSA) - FORLÌ, 22 LUG - Al culmine di una lite ha aggredito la moglie con un coltello, ferendola leggermente, e poi le ha lanciato addosso una sostanza acida. Quindi è fuggito in auto, probabilmente con i due figli piccoli. Il fatto è successo a fine mattina in un appartamento di un condominio di via Salinatore a Forlì. La donna, albanese di 37 anni, è stata portata in ospedale e secondo le prime informazioni non sarebbe grave, anche se ha riportato ferite e ustioni. L'uomo, kossovaro, è attivamente ricercato. Probabilmente a limitare i danni alla donna è stato l'intervento di alcuni vicini, che hanno 'lavato' la pelle della donna dall'acido. I vicini hanno anche tentato di fermare l'uomo che però si è dileguato e in casa non ci sono più nemmeno i due figli piccoli. È intervenuta la polizia.(ANSA).

14:59Nautica: si è spento designer Versari, inventò moto d’acqua

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Si è spento questa mattina all'età di 86 anni Giulio Versari, inventore e design papà di alcuni dei più famosi oggetti della nautica moderna. Versari era da tempo malato. Tra le sue invenzioni più famose la poltrona da combattimento per la pesca d'altura, la bitta a scomparsa e il primo prototipo di moto d'acqua. Proprio in questi giorni, fino a domani, alcuni suoi oggetti sono in mostra al Castello di Santa Margherita Ligure, materiale che lo stesso Versari, sammargheritese, ha donato al Comune e al neo nato Museo del Mare cittadino. I funerali si terranno lunedì alle 11:30 nella basilica di Santa Margherita. (ANSA).

14:30Migranti: nuovo sbarco di algerini nel sud Sardegna

(ANSA) - CARBONIA, 22 LUG - Nuovo sbarco di migranti nelle coste del Sulcis. Questa mattina un barchino con a bordo sei algerini è approdato lungo la spiaggia di Capo Sperone, a Sant'Antioco, sulla costa sud occidentale della Sardegna. Gli stranieri sono stati avvistati da un bagnante che ha fatto scattare l'allarme. Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Polizia di Carbonia. I migranti, tutti uomini, dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Assemini (Cagliari). (ANSA).

14:21Calcio: Real, la maglia n.10 a Luka Modric

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il nuovo n.10 dei campioni d'Europa del Real Madrid è Luka Modric. Sarà il fuoriclasse croato, una delle stelle della squadra merengue, a ereditare la maglia più prestigiosa fino a poche settimane fa sulle spalle di James Rodriguez, adesso passato al Bayern Monaco. La scelta è stata ufficializzata dal club che ha pubblicato sul sito la nuova numerazione delle maglie per la stagione entrante. Un numero di maglia 'pesante' per il talento croato, che a Madrid ha giocato finora col numero 19, che indosserà la maglia che nel recente passato è stata sulle spalle di Robinho, Özil o del colombiano. Ovviamente scontati e confermati i numeri di maglia delle altre stelle della squadra, da C.Ronaldo (7) a Bale (11), da Benzema (9) a Kroos (8), da Ramos (4) a Marcelo (12), a Isco (22). I nuovi arrivati Theo Hernandez e Dani Ceballos avranno rispettivamente il 15 e il 24.

14:21Calcio: lampi di ‘euro’ Milan in Cina, 4-0 al Bayern Monaco

(ANSA) - MILANO, 22 LUG - Lampi di ottimo Milan in Cina. Con gli assist di Rodriguez, gli inserimenti di Kessié, una doppietta del giovane Cutrone e una prodezza di Calhanoglu i rossoneri hanno battuto 4-0 il Bayern Monaco nell'ultima partita della tournée cinese: a cinque giorni dal preliminare di Europa League, Vincenzo Montella può constatare passi avanti rispetto al ko con il Borussia Dortmund. In porta debutto stagionale per Gianluigi Donnarumma, con il fratello Antonio subentrato nel finale, e da subito si è fatto notare sulla corsia sinistra Rodriguez che al 14' ha servito a Kessié l'assist del vantaggio, e al 25' con una punizione mancina da trenta metri ha offerto una palla perfetta per l'incornata di Cutrone. L'attaccante classe '98 si è ripetuto al 42' finalizzando un perfetto contropiede milanista. I tedeschi di Ancelotti hanno sprecato un paio di chance nella ripresa, quando hanno debuttato in rossonero Biglia e Bonucci, accolto con un'ovazione dal pubblico di Shenzhen. A 5' dalla fine ha completato il poker Calhanoglu.

14:16Muore colpito da un toro nel suo allevamento

(ANSA) - ISERNIA, 22 LUG - Allevatore muore ucciso dal toro a cui stava dando da mangiare. Il 73enne Pasquale Forte di Sesto Campano (Isernia) è stato raggiunto a un fianco dal toro del suo piccolo allevamento. L'animale lo ha caricato colpendolo con le corna. Subito soccorso da operatori del 118, poi trasportato all'ospedale "Veneziale" di Isernia, l'uomo è morto qualche ora dopo il ricovero. Nell'allevamento i carabinieri stanno effettuando rilievi. (ANSA).

Archivio Ultima ora