Obama: Siamo sempre il Paese più potente della Terra

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

Obama-stato-unione-congresso

Un piede alla Casa Bianca, l’altro già nella storia. Barack Obama, il primo presidente afroamericano, ha presentato il suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione. Se non vi saranno colpi di scena e avvenimenti rilevanti, quest’anno non tornerà in Parlamento.

Quindi il suo discorso di oltre un’ora di fronte al Congresso riunito in seduta comune, alla maggioranza repubblicana che lo ha ascoltato con rispetto e attenzione applaudendolo solo in quelle rare occasioni in cui non ne ha potuto fare a meno, ai rappresentanti di tutti i poteri presenti senza eccezione, e agli americani sovente estranei alla politica, dovrebbe essere l’ultimo in quell’assise.

Amarezza ma anche soddisfazione. Quello di Obama non è stato il consueto discorso del presidente che di fronte al paese snocciola cifre, sottolinea mete raggiunte e illustra propositi a livello nazionale e internazionale. Il “Yeswe can”, slogan della sua campagna elettorale otto anni fa, non pare si siatrasformato, nel “yes wecouldn’t” insinuatodai repubblicani.

Obama ha difeso la sua gestione dai durissimi giudizi negativi dei conservatori. Ma ha anche ammesso di non essere riuscito a mantenere tutte le promesse. In primis, quella fatta agli immigrati latinoamericani: la normalizzazionedella posizione legale.

Obama riassume le sfide del paese in quattro punti principali:crescita equa per permettere aogni americano “opportunità e sicurezza” nella nuova economia; uso positivo delle nuove tecnologie con lo scopo di superare le grandi sfide a cominciare dallo sviluppo e uso di energie rinnovabili; un mondo più sicuro in cui l’America non sia più il “gendarme”; e una politica che sia riflesso del meglio del paese e degli americani.

Il presidente Obama ha sottolineato che l’America resta il paese più potente della terra; che la sua economia, in netta ripresa, va meglio di ogni altra al mondo; e che il terrorismo, pur restando un pericolo, non minaccia la nazione.

– Stasera – ha detto il capo dello Stato a inizio del suo intervento – vi parlo del futuro verso il quale dobbiamo andare con coraggio e fiducia, come abbiamo sempre fatto nella nostra storia quando abbiamo dovuto affrontare sfide formidabili.

Ha negato che il Paese sia in declino e ha posto l’accento sulla creazione dei nuovi posti di lavoro.
– Permettetemi di iniziare con l’economia – ha detto -. E’ un elemento essenziale. Ora gli Stati Uniti hanno la più robusta economia del mondo. Siamo in presenza della più lunga serie di creazione di posti di lavoro nel settore privato dagli anni ’90, e del calo della disoccupazione. Negli ultimi 6 anni l’industria della manifattura ha creato 900 mila nuovi posti di lavoro, etutto nonostante la riduzionedel deficit in quasi tre quarti.

Ma i posti di lavoro, ha anche affermato, possono essere minacciati dall’automatizzazione e la delocalizzazione all’estero. Per il presidente Obama, nonostante la creazione di nuovi posti di lavoro “per i giovani è più difficile uscire dalla povertà” e “andare in pensione quando si vuole”.

Il capo dello Stato ha invitato a superare le paure e ha cercato di contrastare il discorso negativo e disfattista diffuso dai candidati repubblicani alla presidenza. Non ha citato chiaramente né Donald Trump né il resto dei candidati, ma a tutti è parso chiaro che le sue parole erano rivolte a loro. In particolare, al “magnate del mattone” che, grazie ai suoi atteggiamenti radicali, alle posizioni estreme contro gli immigrati latinoamericani e contro l’accoglienza dei profughi di religione musulmana, oggi cavalca con disinvoltura tutti i sondaggi d’opinione.

Obama ha invitatoa guardare al futuro, “non al prossimo anno ma ai prossimi 5 anni, 10 anni e oltre”.
– Viviamo un’epoca di straordinarie trasformazioni, di mutamenti che stanno modificando la nostra vita, il nostro lavoro, il nostro pianeta, il nostro posto nel mondo – ha commentato. – E’ una trasformazione che promette incredibili progressi nella medicina ma anche perturbazioni nell’economia.

Il presidente Obama ha poi sottolineato che gli “Stati Uniti hanno già vissuto epoche di grandi trasformazioni, guerre e depressioni, l’influenza degli immigranti, dei lavoratori che hanno lottato per una migliore qualità di vita e che hanno permesso la conquista dei diritti civili”.

– C’è sempre stato qualcuno che affermava di temere il futuro – ha detto. – E ogni volta abbiamo superato queste paure. Abbiamo agito in modo da trasformare le sfidein benefici, abbiamo individuato opportunità dove altri vedevano solo pericoli e ostacoli. Così siamo diventati più forti e migliori di prima.

Il capo dello Stato ha posto enfasi nella sua politica estera. Ha assicurato che il Paese continua a essere la nazione più forte. E ha attaccato il concetto di “nazione gendarme”. E’ velato il riferimento alla dottrina del “National Building” sposata da George Bush. Sostiene che l’America non persegue più la chimera di costruire nazioni.

Sottolinea che ha preminenza la lotta allo Stato Islamico. E afferma:
– La priorità è la protezione degli americani e la lotta alle reti terroristiche. Sia AlQaeda sia ora l’Isis rappresentano una minaccia diretta contro il nostro popolo. Nel mondo attuale un piccolo gruppo di terroristi, che disprezza il valore della vita umana, può far danni. I terroristi usano Internet per avvelenare le menti degli individui dentro e fuori il paese. Debilitano i nostri alleati.

Se il Congresso vuole veramente vincere questa guerra e desidera inviare un messaggio alle nostre truppe e al mondo, deve autorizzare l’uso delle forze militari contro l’Isis. Votate. Gli americani devono comunque sapere che con o senza l’intervento del Parlamento, l’Isis riceverà la stessa lezione dei terroristi che l’hanno preceduto.

E ha rilevato:
– Quando qualcuno attacca un cittadino americano può star sicuro che lo cercheremo. Può passare del tempo, ma può avere la certezza che abbiamo buona memoria e il nostro raggio d’azione non ha limiti.
Ma allo stesso tempo Obama si oppone alle invasioni militari.
– Abbiamo imparato da Vietnam e da Iraq – sostiene.

Difende l’apertura verso Cuba e afferma che è ora di riconoscere che la guerra fredda è finita. Non manca la stoccata al Congresso, in cui la maggioranza repubblicana si nega ostinatamente a togliere l’embargo all’isola.

– Cinquant’anni d’isolamento a Cuba non sono serviti a promuovere la democrazia – afferma -. Ma ci ha frenato in America Latina. Per questo abbiamo recuperato le relazioni diplomatiche, abbiamo aperto le porte ai viaggi e al commercio. E ci siamo riproposti di migliorare la vita dei cubani. Vogliamo rafforzare e consolidare la nostra leadership e attendibilità nell’emisfero? Allora, riconosciamo che la guerra fredda è terminata. Eliminiamo l’embargo.

(Mariza Bafile/Voce)

  • luigi

    e chi ci crede al negretto superstar ? pinocchio in quanto a bugie e uno scolaretto in confronto col negretto l esercito piu potente del mondo? a natale regalo al negretto un televisore cosi vede il livello militare di russia e cina meglio che stia bono sai mai che ………………… ormai gli usa non sono piu credibili a nessun livello.

  • luigi

    forte quella che sono il paese da tripla A forse voleva dire da tripla ah ah ha comico il negretto il debito che hanno lo ripagheranno stampando altra carta verdina o tirand qualche bomba intelligente se ci sara qualche centinaio di morti in piu cosa da poco in toscana si dice che voi che esse

Ultima ora

14:21Trump invita a boicottare partite Nfl

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Se i tifosi della NFL rifiuteranno di andare alle partite fino a quando i giocatori non smetteranno di non rispettare la nostra bandiera e il nostro Paese, si vedranno presto i cambiamenti. Licenziamento o sospensione!". Così il presidente Usa, Donald Trump, su Twitter torna a polemizzare contro i campioni 'ribelli' dello sport americano, quelli che contestano la presenza del tycoon ala Casa Bianca e che si rifiutano di cantare l'inno nazionale. Proprio ieri Trump aveva chiesto alla Nfl, la lega professionistica del football americano, di licenziare i giocatori che non lo fanno. La protesta intanto si allarga: ieri sera, su un palco di New York, la rockstar Stevie Wonder si è inginocchiata sul palco durante il concerto al Central Park contro le discriminazioni razziali. "Questa sera mi metto in ginocchio per l'America. Entrambe le ginocchia"!, ha urlato il cantante alla platea, in un gesto di solidarietà con gli atleti 'ribelli'.

14:15Brexit: media, scricchiola tregua Tory dopo discorso May

(ANSA) - LONDRA, 24 SET - Pare già scricchiolare la 'tregua' interna al Partito Conservatore britannico sulla piattaforma per il rilancio dei negoziati con l'Ue sulla Brexit illustrata venerdì dalla premier Theresa May a Firenze. Lo scrivono oggi i domenicali del Regno, sottolineando in particolare il tentativo di Boris Johnson di presentarsi come il nume tutelare di quel discorso e di cantare vittoria a nome dei 'brexiteers'. Il Sunday Telegraph, vicino alle posizioni del ministro degli Esteri, gli accredita in effetti di essere riuscito a imporre "una linea rossa" sulla strategia negoziale verso Bruxelles e di aver ottenuto di limitare a due anni la proposta di una fase di transizione post Brexit (nella quale la Gran Bretagna dovrebbe rimanere nel mercato unico europeo e nell'unione doganale, lasciando temporaneamente aperte le porte alla libera circolazione delle persone), che invece il dicastero del Tesoro guidato dal cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, avrebbe voluto estendere per un periodo più lungo.

14:14Champions: Napoli-Feyenoord, arbitra lo scozzese Collum

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Sarà il fischietto scozzese William Collum ad arbitrare Napoli-Feyenoord, secondo match del Gruppo F di Champions League, in programma martedì sera al San Paolo.

14:14Tennis: Vinci rientro amaro, subito fuori a Wuhan

(ANSA) - ROMA, 24 SET - E' amaro il rientro nel circuito per Roberta Vinci. La 34enne tennista tarantina esce infatti all'esordio nel "Dongfeng Motor Wuhan Open", che si disputa sui campi in cemento di Wuhan, in Cina. La pugliese, scesa al n.84 del ranking mondiale, ha ceduto con un doppio 6-4 alla statunitense Christina McHale, n.81 Wta e proveniente dalle qualificazioni.

14:12Catalogna: a migliaia in piazza per chiedere indipendenza

(ANSA) - BARCELLONA, 24 SET - Migliaia di persone sono scese in piazza a Barcellona e in altre città a sostegno del referendum sull'indipendenza della Catalogna, previsto per il 1mo ottobre e che Madrid giudica 'illegale'. Tra i manifestanti anche Carme Forcadell, portavoce del Parlamento regionale della Catalogna che, rivolgendosi alla folla, ha urlato: "Vi chiedo di uscire e andare a votare! Votate per il futuro della Catalogna'!. La Corte Costituzionale spagnola ha sospeso la legge per il referendum e la polizia ha sequestrato il materiale necessario per il voto. Questo non ha fermato i separatisti che sono intenzionati a dichiarare l'indipendenza se dovesse vincere il 'sì' al referendum.

14:10Moto: Aragon, Morbidelli vince in Moto2

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Doppietta italiana in Moto2 al Gp di Aragon, 14mo appuntamento del motomondiale. Il leader della classifica iridata su Kalex, all'ottava vittoria stagionale, ha preceduto in 40:09:904 il connazionale Mattia Pasini (Kalex, +0.145) e il portoghese Miguel Oliveira (Ktm). Grazie a questo successo, Morbidelli aumenta il vantaggio nella classifica iridata su Thomas Luthi, oggi 4/o a 4:181 di ritardo.

14:09Terremoto: Prot.civile, falso che i fondi sms sono spariti

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Polemica sulla raccolta fondi dagli sms solidali della Protezione civile destinati alle zone terremotate. Secondo notizie stampa, la Procura di Rieti sentirà il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nell'ambito di un' indagine riguardante la destinazione degli oltre 33 milioni di euro raccolti. Fondi che non sarebbero "mai arrivati alle popolazioni colpite dal sisma" e che farebbero riferimento a interventi "estranei alle aree pertinenti", come, ad esempio, "una pista ciclabile in un paese delle Marche non colpito dalle scosse". La Protezione civile smentisce la ricostruzione giornalistica: "nessun euro donato dagli italiani è 'sparito'. I fondi raccolti, come stabilito, sono destinati a interventi in favore dei territori colpiti dal sisma. Le donazioni sono nella contabilità speciale del Commissario straordinario alla ricostruzione dopo l'approvazione dei progetti proposti dalle Regioni d'intesa con i territori colpiti".

Archivio Ultima ora