Sempre meno negozi nelle città, aumentano le bancarelle

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

Parioli bancarelle

ROMA. – Sempre meno negozi nelle città italiane che rischiano una vera e propria desertificazione. Tra il 2008 e il 2015 sono spariti 3.240 negozi dai centri storici (-16,7%) mentre il commercio ambulante ha visto una impennata del 73,2%, che “ha moderatamente compensato” la chiusura delle attività tradizionali.

A scattare la fotografia sull’attuale panorama commerciale delle città del Belpaese è Confcommercio che, insieme a Unioncamere-SiCamera, ha condotto una ricerca sulla ‘Demografia d’impresa nei centri storici italiani’ censendo 39 comuni italiani di medie dimensioni dove vivono circa 7 milioni di persone, ma escludendo volutamente grandi città come Roma, Milano e Napoli.

La città più colpita dal fenomeno della desertificazione dei negozi è Trieste: -25,2%, seguita da Perugia (-22,9%), Potenza (-21,8%) e Udine (-20,8%). L’aumento degli affitti è tra le principali cause per la chiusura dei negozi tradizionali. “Agire sulla leva tributaria, introducendo la cedolare secca sulle locazioni commerciali per ridurre gli affitti”, suggerisce il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, per cercare di arginare la “moria” dei negozi.

Una proposta che trova subito d’accordo Confedilizia. “L’allarme di Confcommercio sulla desertificazione dei centri storici a causa della crisi del commercio coglie nel segno, così come la ricetta proposta”, afferma il presidente Giorgio Spaziani Testa. “Attendiamo dal Governo un segnale di risposta. La cedolare secca su negozi e uffici affittati sarebbe la mossa giusta per far sì che il 2016 sia, come evocato dal Presidente Renzi, l’anno del rilancio dell’immobiliare”, sottolinea.

Dall’indagine emerge anche che i centri storici vengono ripopolati da strutture turistico-ricettive con l’apertura di alberghi, bar e ristoranti: +9,8% nello stesso periodo. Questo ultimo trend è particolarmente evidente nel Mezzogiorno. L’esempio più eclatante è quello di Salerno che in sette anni ha visto una crescita nel numero di queste attività pari al 61,8% rispetto al +2% di Padova, +3,3% di Firenze o il +8,5% di Parma.

(di Alfonso Abagnale/ANSA)

Ultima ora

06:59Afghanistan: autobomba a Kabul ovest, almeno 12 morti

(ANSA) - KABUL, 24 LUG - E' di almeno 12 morti e 10 feriti il bilancio delle vittime di una autobomba esplosa stamattina presto in un quartiere occidentale di Kabul. Lo rende noto il ministero dell'Interno afgano, specificando che tutte le vittime sono civili. Secondo alcuni testimoni, l'attacco avrebbe preso di mira un minibus. Non c'è stata ancora alcuna rivendicazione.

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

Archivio Ultima ora