Usa 2016: Obama in campo, al via il tour elettorale

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

obama'hillary

WASHINGTON. – ‘In tour’. Forse per evocare i tempi in cui riceveva reazioni di pubblico da rock star. Barack Obama torna così on the road nell’ultimo anno della sua presidenza per portare di Stato in Stato il suo messaggio sul futuro dell’America. Mentre Donald Trump fa paura ai democratici e continua a volare nei sondaggi tra i candidati repubblicani, raddoppiando a livello nazionale il suo vantaggio su Ted Cruz, staccato ora di 13 punti. Lontanissimi tutti gli altri, da Marco Rubio a Jeb Bush.

Il messaggio di ottimismo pronunciato da Obama nel discorso sullo stato dell’Unione ma che incrociandosi con la strada verso il voto per le presidenziali assume connotati da ‘tour elettorale’. In Nebraska prima, ieri in Louisiana, poi a Detroit, Obama ripete che “l’America ha fatto molti progressi negli ultimi anni, ma bisogna andare avanti”. E ‘cambiamenti’ resta la parola chiave di questa sua stagione: quelli effettuati. Quelli ancora necessari.

“Per cambiare bisogna agire e dire no a chi vuole solo il mantenimento dello status quo”, ha detto come a preparare il passaggio di consegne e affidare la sua eredità: in America “il sistema, il governo, possono funzionare davvero solamente se tutti vengono coinvolti. Tutti i cittadini, sindaci, governatori, membri del Congresso”.

“Per questo – ha aggiunto – il mio slogan è sempre stato ‘Yes we can’ e non ‘Yes I can'”. Lo dice tornando in maniche di camicia, davanti al computer, per rispondere alle domande inviategli via Twitter. Obama lo si ricorda così in campagna elettorale otto anni fa, quando colpivano le differenze dagli altri candidati e l’audacia nella sua proposta di cambiamento che adesso vuole consegnare al candidato democratico che spera di succedergli alla Casa Bianca.

Il messaggio di Obama irrompe in un campagna elettorale già infuocata a poco più di due settimane dalle primarie. Lo è su entrambi i fronti: quello democratico assiste ad un’impennata nelle tensioni tra la fino ad ora indiscussa frontrunner Hillary Clinton e lo sfidante da sinistra Bernie Sanders che ha rapidamente guadagnato terreno nei sondaggi fino ad un testa a testa che minaccia la ex segretario di Stato.

I repubblicani sono più litigiosi da tempo, con Donald Trump che continua a tenere banco. Ma in serata un nuovo duello televisivo per gli aspiranti alla nomination Gop, il penultimo prima del caucus in Iowa che inaugura le primarie, potrebbe fare da volano per quei nuovi equilibri accennati dai sondaggi delle ultime settimane che hanno indicato il senatore del Texas Ted Cruz in ascesa.

Cruz adesso deve però rendere conto di una scivolata non da poco che sembra provvidenziale per Trump. Stando a quanto emerge Cruz non avrebbe dichiarato per la sua campagna al Senato di quattro anni fa un prestito a basso tasso di interesse di almeno 750 mila dollari concessogli dalla banca Goldman Sachs, dove la moglie lavorava come dirigente.

All’epoca Cruz annunciò che, con l’accordo della coniuge, aveva liquidato tutti i suoi risparmi iniettando oltre un milione di dollari nella sua campagna. Ma la sua comunicazione finanziaria al Senato, anziché riportare la liquidazione degli asset, mostra che nella prima metà del 2012 lui e la moglie ottennero un prestito favorevole dalla Goldman Sachs e un altro dalla Citibank, per una somma di 750 mila dollari estesa poi a un milione prima che fosse restituita alla fine di quello stesso anno.

“Tutto noto e trasparente”, reagisce il candidato per la nomination Gop, parlando di operazioni “ordinarie”. E se qualche omissione c’è stata, verrà emendata. Resta tuttavia motivo di imbarazzo, soprattutto considerato il livello di critica da parte del senatore del Texas – anche per questo caro ai Tea Party – circa i salvataggi di Wall Street e l’influenza delle grandi banche a Washington.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora