Usa 2016: Obama in campo, al via il tour elettorale

Pubblicato il 14 gennaio 2016 da redazione

obama'hillary

WASHINGTON. – ‘In tour’. Forse per evocare i tempi in cui riceveva reazioni di pubblico da rock star. Barack Obama torna così on the road nell’ultimo anno della sua presidenza per portare di Stato in Stato il suo messaggio sul futuro dell’America. Mentre Donald Trump fa paura ai democratici e continua a volare nei sondaggi tra i candidati repubblicani, raddoppiando a livello nazionale il suo vantaggio su Ted Cruz, staccato ora di 13 punti. Lontanissimi tutti gli altri, da Marco Rubio a Jeb Bush.

Il messaggio di ottimismo pronunciato da Obama nel discorso sullo stato dell’Unione ma che incrociandosi con la strada verso il voto per le presidenziali assume connotati da ‘tour elettorale’. In Nebraska prima, ieri in Louisiana, poi a Detroit, Obama ripete che “l’America ha fatto molti progressi negli ultimi anni, ma bisogna andare avanti”. E ‘cambiamenti’ resta la parola chiave di questa sua stagione: quelli effettuati. Quelli ancora necessari.

“Per cambiare bisogna agire e dire no a chi vuole solo il mantenimento dello status quo”, ha detto come a preparare il passaggio di consegne e affidare la sua eredità: in America “il sistema, il governo, possono funzionare davvero solamente se tutti vengono coinvolti. Tutti i cittadini, sindaci, governatori, membri del Congresso”.

“Per questo – ha aggiunto – il mio slogan è sempre stato ‘Yes we can’ e non ‘Yes I can'”. Lo dice tornando in maniche di camicia, davanti al computer, per rispondere alle domande inviategli via Twitter. Obama lo si ricorda così in campagna elettorale otto anni fa, quando colpivano le differenze dagli altri candidati e l’audacia nella sua proposta di cambiamento che adesso vuole consegnare al candidato democratico che spera di succedergli alla Casa Bianca.

Il messaggio di Obama irrompe in un campagna elettorale già infuocata a poco più di due settimane dalle primarie. Lo è su entrambi i fronti: quello democratico assiste ad un’impennata nelle tensioni tra la fino ad ora indiscussa frontrunner Hillary Clinton e lo sfidante da sinistra Bernie Sanders che ha rapidamente guadagnato terreno nei sondaggi fino ad un testa a testa che minaccia la ex segretario di Stato.

I repubblicani sono più litigiosi da tempo, con Donald Trump che continua a tenere banco. Ma in serata un nuovo duello televisivo per gli aspiranti alla nomination Gop, il penultimo prima del caucus in Iowa che inaugura le primarie, potrebbe fare da volano per quei nuovi equilibri accennati dai sondaggi delle ultime settimane che hanno indicato il senatore del Texas Ted Cruz in ascesa.

Cruz adesso deve però rendere conto di una scivolata non da poco che sembra provvidenziale per Trump. Stando a quanto emerge Cruz non avrebbe dichiarato per la sua campagna al Senato di quattro anni fa un prestito a basso tasso di interesse di almeno 750 mila dollari concessogli dalla banca Goldman Sachs, dove la moglie lavorava come dirigente.

All’epoca Cruz annunciò che, con l’accordo della coniuge, aveva liquidato tutti i suoi risparmi iniettando oltre un milione di dollari nella sua campagna. Ma la sua comunicazione finanziaria al Senato, anziché riportare la liquidazione degli asset, mostra che nella prima metà del 2012 lui e la moglie ottennero un prestito favorevole dalla Goldman Sachs e un altro dalla Citibank, per una somma di 750 mila dollari estesa poi a un milione prima che fosse restituita alla fine di quello stesso anno.

“Tutto noto e trasparente”, reagisce il candidato per la nomination Gop, parlando di operazioni “ordinarie”. E se qualche omissione c’è stata, verrà emendata. Resta tuttavia motivo di imbarazzo, soprattutto considerato il livello di critica da parte del senatore del Texas – anche per questo caro ai Tea Party – circa i salvataggi di Wall Street e l’influenza delle grandi banche a Washington.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

18:47L. elettorale: M5s, meglio sistema tedesco del Rosatellum

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il M5s vuole "abbattere il Rosatellum che riteniamo essere incostituzionale e trasformarlo in una proposta costituzionale e buona per il Paese". Lo dice il deputato M5s e componente della Commissione Affari Costituzionali, Danilo Toninelli che - a proposito dei rilievi di chi fa notare che un correttivo di governabilità al sistema tedesco, come chiede il M5s, snaturerebbe troppo il sistema proporzionale - risponde: "Vedremo. Un correttivo di governabilità potrebbe invece migliorarlo e comunque il modello tedesco vero è comunque meglio del Rosatellum".

18:42Voucher: Rosato, arrivano quelli per micro imprese

(ANSA) - ROMA, 25 MAG Nella manovrina verrà presentato un emendamento che ripristina il lavoro occasionale (voucher) non solo per le famiglie ma anche per le piccole imprese. Lo ha detto ai cronisti a Montecitorio, il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato. "L'annuncio di Rosato di un emendamento che introduce i voucher per le microimprese significa che il Pd ha deciso di far cadere il Governo", replica in una nota il deputato di MDP Arturo Scotto.

18:20Manchester, ‘Abedi ha costruito bomba da solo’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, avrebbe costruito da solo l'ordigno con cui si è fatto esplodere all'arena. Lo sostiene Sky News citando fonti vicine agli inquirenti secondo cui il giovane britannico potrebbe però aver ricevuto istruzioni su come realizzarla da altri. Intanto si è appreso che Abedi sarebbe volato a Manchester dall'aeroporto di Duesseldorf, ma secondo la polizia tedesca l'attentatore avrebbe soltanto fatto scalo nella città del Nordreno-Westfalia e avrebbe trascorso poco tempo nella zona di transito dell'aeroporto. Il kamikaze di Manchester sarebbe giunto in Germania dall'aeroporto Ataturk di Istanbul pochi giorni prima dell'attacco. Fonti della sicurezza di Ankara, citate da media locali, non precisano però se prima si trovasse in Turchia o abbia solo fatto scalo nella metropoli sul Bosforo.

18:13Cei: Bassetti, serve lavoro, non rubare speranza a giovani

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il lavoro per i giovani, l'attenzione alle famiglie, la vicinanza agli ultimi. Il neo presidente Cei, il card. Gualtiero Bassetti, parla delle sue priorità. L'arcivescovo di Perugia che gira con la sua utilitaria per trovare la gente, il pastore che risponde alla crisi con gli Empori della solidarietà, il porporato che, come lui ha detto, si fa guidare "più dalle ragioni del cuore che da quelle dell'intelletto" - "mi sono definito un improvvisatore perché è il contrario di calcolatore" -, per prima cosa lancia "un grido forte" per i giovani. "Nessuno rubi la speranza ai giovani, quando manca il lavoro si toglie la dignità". Il cardinale ha risposto alle domande dei giornalistima si è anche lasciato ad una confidenza sulla sua elezione: "Ero partito confidando sulla mia giovane età...". Sulla politica: "La Chiesa fa riferimento a quella con la 'p' maiuscola". Glissa sul Family Day ("sono temi che affronteremo") ed esalta l'Amoris Laetitia di Papa Francesco: "è un capolavoro, non è opinabile, è magistero".

18:10Calcio: diritti tv, ok bando Serie A

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - L'assemblea della Lega Serie A ha deliberato a maggioranza (13 club favorevoli su 20) l'approvazione del bando per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sarà pubblicato domani e il giorno ultimo per le offerte "è fissato prima dell'apertura delle buste dell'asta per i diritti tv Uefa per la Champions", prevista dal 12 giugno, come ha spiegato il subcommissario di Lega, Paolo Nicoletti, senza scendere nei dettagli del bando: "E' una struttura interessante per il mercato".

18:09F1: Marchionne, per vincere Mondiale c’è da lavorare molto

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 25 MAG - Per vincere il Mondiale la Ferrari deve lavorare "molto: l'impegno è quello di sviluppare continuamente la macchina durante la stagione; ogni vettura, anche questa qui di Montecarlo ha dei cambiamenti importanti". Lo ha detto l'ad di Fca e presidente e ad della Ferrari, Sergio Marchionne, a Maranello per l'inaugurazione dei nuovi spazi del Museo Ferrari. Quanto al buon avvio nel Mondiale, con Vettel in testa alla classifica piloti con 104 punti e Raikkonen quarto con 49, ha argomentato, "lo sognavo, è arrivato. E' una squadra veramente brava - ha aggiunto riferendosi al team -: in scuderia finalmente abbiamo dei ragazzi che sono puntati nella direzione giusta, stanno lavorando bene, i piloti ci sono, la macchina c'è, quindi...". La Rossa, ora, è a somiglianza di Marchionne? "No - ha replicato Marchionne - è a somiglianza della Ferrari. Finalmente sta uscendo la vera scuderia. Oggi ha fatto bene, Sebastian è andato veramente bene, vediamo".

18:09Hamas proclama ‘Giornata di collera’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 MAG - Hamas ha indetto per domani in Cisgiordania una 'Giornata di collera' contro Israele in un gesto di sostegno con lo sciopero della fame ad oltranza intrapreso il 17 aprile scorso - su iniziativa del dirigente di al-Fatah Marwan Barghouti - da un migliaio di palestinesi reclusi in Israele per reati legati alla intifada. In un messaggio di incitamento alla protesta Hamas fa appello ai palestinesi della Cisgiordania a "scontrarsi con gli occupanti israeliani". Da parte sua il quotidiano israeliano Maariv ha appreso che dietro le quinte sono in corso tentativi per mettere fine alla protesta dei detenuti. Da parte palestinese, secondo il giornale, vi prendono parte il capo dell'Intelligence generale Zihad Hab-el-Rih (secondo la grafia ebraica, ndr) e Hussein a-Sheikh, ministro dell'Anp per le questioni civili. Anche lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) è coinvolto in questi contatti, secondo i media, nel timore che la protesta dei detenuti dilaghi nei Territori.

Archivio Ultima ora