Renzi: vincerò la battaglia in Ue, sempre più Paesi con noi

Pubblicato il 15 gennaio 2016 da redazione

Italy's Prime Minister Matteo Renzi (L) with European Commission President, Jean Claude Juncker, at the European heads of states and government summit in Brussels, Belgium, 19 March 2015. ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

Italy’s Prime Minister Matteo Renzi (L) with European Commission President, Jean Claude Juncker, at the European heads of states and government summit in Brussels, Belgium, 19 March 2015.
ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

ROMA. – “L’Italia questa battaglia la vincerà”. La convinzione con cui Matteo Renzi a dicembre ha lanciato la sua offensiva per la flessibilità e per avere un trattamento non più penalizzante in Ue, non viene scalfita dal duro attacco che il presidente della Commissione Jean Claude Juncker gli riserva nella conferenza stampa di inizio anno.

Il premier, racconta chi ha avuto modo di parlargli, non si aspettava tanta virulenza. Lo descrivono stupito e irritato per quella che legge come l’ennesimo segnale di “mancanza di rispetto” di Bruxelles verso il nostro Paese. Ma per nulla preoccupato. Anzi, ancor più determinato a portare avanti la sua battaglia nel merito dei singoli dossier. Convinto che il fronte per una “svolta” nella politica europea si vada rafforzando e stia ‘accerchiando’ il partito del rigore. E che è solo questione di tempo perché anche Hollande abbracci la battaglia, ricompattando il fronte socialista su una linea “obamiana”.

Le parole di Juncker irrompono a Palazzo Chigi mentre è in corso la riunione del Consiglio dei ministri. Ci si aspettava un passaggio sull’Italia, nella conferenza stampa di Juncker. Ma non così virulento: “assolutamente incomprensibile, abnorme e irricevibile”, scuotono la testa i renziani. Anche perché il premier era convinto di essere riuscito a tenere il confronto nel merito, sia con il presidente della commissione, che vedrà a febbraio a Roma, sia con Angela Merkel, con la quale dovrebbe incontrarsi in una cena a Berlino a fine gennaio.

“Nessuna polemica. L’Italia chiede semplicemente che ci siano le stesse regole per tutti, dall’energia al surplus commerciale, dall’immigrazione, agli aiuti di stato. Tutto qui”, scriverà in serata lo stesso premier nella sua newsletter.

La richiesta di Pier Carlo Padoan a Bruxelles di coprire con il budget Ue i 3 miliardi di aiuti alla Turchia per l’immigrazione (fortemente promossi da Berlino), rende bene l’idea – spiegano dal governo – di come l’Italia voglia d’ora in poi farsi sentire su ogni singolo dossier, per ottenere quanto gli altri. Per far valere gli interessi dell’Italia dopo anni di “compiti a casa” e “lezioncine” subite dagli euroburocrati, Renzi è convinto di avere tre fattori: le riforme fatte, la forza di essere il primo partito per numero di eurodeputati, “i tanti soldi” che Roma dà a Bruxelles.

In più, “se qualcuno pensa che noi possiamo essere telecomandati da Bruxelles, ha sbagliato premier”, chiarisce Renzi, indotto a replicare dalla durezza dei toni dell’attacco di Juncker. Ma il leader Pd la trincea europea la scava da tempo. Venerdì vedrà gli eurodeputati Dem per serrare le truppe e in mattinata incontra Gianni Pittella, che è capogruppo dei socialisti e democratici al Parlamento europeo, per fare un punto sulle linee di azione.

Lo stesso Pittella aveva già manifestato a Juncker, raccontano, un certo malcontento del gruppo S&D, che si è riunito mercoledì, e che chiede alla commissione un cambio di passo. Del resto che il sostegno del Pd al conservatore Juncker sia legato a un programma, non incondizionato e dunque non scontato, Renzi lo ha detto a più riprese e lo ribadisce in serata: “Juncker è stato eletto sulla base di un accordo politico, che comprendeva flessibilità e investimenti. Noi non abbiamo cambiato idea”.

Quanto alla rivendicazione del presidente della commissione di aver introdotto la flessibilità in Ue, circola tra i parlamentari Pd un discorso del 13 gennaio 2015 in cui è lo stesso Juncker, a Strasburgo, a riconoscere il ruolo determinante dell’Italia. E sempre tra i parlamentari Dem si registra del disappunto per come Federica Mogherini ha trattato la vicenda: mantenendosi imparziale ma “senza spendere neanche una parola in difesa dell’Italia”.

La battaglia, osservano i renziani, è appena iniziata. Il premier resta convinto che Bruxelles non potrà negare all’Italia quello 0,2% in più di flessibilità che il governo si è preso per la sicurezza e la cultura nella legge di stabilità. Ma la partita più difficile si giocherà per i prossimi anni, per ottenere un margine di flessibilità in più nel difficile percorso di avvicinamento al pareggio di bilancio.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora