Renzi: vincerò la battaglia in Ue, sempre più Paesi con noi

Pubblicato il 15 gennaio 2016 da redazione

Italy's Prime Minister Matteo Renzi (L) with European Commission President, Jean Claude Juncker, at the European heads of states and government summit in Brussels, Belgium, 19 March 2015. ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

Italy’s Prime Minister Matteo Renzi (L) with European Commission President, Jean Claude Juncker, at the European heads of states and government summit in Brussels, Belgium, 19 March 2015.
ANSA/TIBERIO BARCHIELLI/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI

ROMA. – “L’Italia questa battaglia la vincerà”. La convinzione con cui Matteo Renzi a dicembre ha lanciato la sua offensiva per la flessibilità e per avere un trattamento non più penalizzante in Ue, non viene scalfita dal duro attacco che il presidente della Commissione Jean Claude Juncker gli riserva nella conferenza stampa di inizio anno.

Il premier, racconta chi ha avuto modo di parlargli, non si aspettava tanta virulenza. Lo descrivono stupito e irritato per quella che legge come l’ennesimo segnale di “mancanza di rispetto” di Bruxelles verso il nostro Paese. Ma per nulla preoccupato. Anzi, ancor più determinato a portare avanti la sua battaglia nel merito dei singoli dossier. Convinto che il fronte per una “svolta” nella politica europea si vada rafforzando e stia ‘accerchiando’ il partito del rigore. E che è solo questione di tempo perché anche Hollande abbracci la battaglia, ricompattando il fronte socialista su una linea “obamiana”.

Le parole di Juncker irrompono a Palazzo Chigi mentre è in corso la riunione del Consiglio dei ministri. Ci si aspettava un passaggio sull’Italia, nella conferenza stampa di Juncker. Ma non così virulento: “assolutamente incomprensibile, abnorme e irricevibile”, scuotono la testa i renziani. Anche perché il premier era convinto di essere riuscito a tenere il confronto nel merito, sia con il presidente della commissione, che vedrà a febbraio a Roma, sia con Angela Merkel, con la quale dovrebbe incontrarsi in una cena a Berlino a fine gennaio.

“Nessuna polemica. L’Italia chiede semplicemente che ci siano le stesse regole per tutti, dall’energia al surplus commerciale, dall’immigrazione, agli aiuti di stato. Tutto qui”, scriverà in serata lo stesso premier nella sua newsletter.

La richiesta di Pier Carlo Padoan a Bruxelles di coprire con il budget Ue i 3 miliardi di aiuti alla Turchia per l’immigrazione (fortemente promossi da Berlino), rende bene l’idea – spiegano dal governo – di come l’Italia voglia d’ora in poi farsi sentire su ogni singolo dossier, per ottenere quanto gli altri. Per far valere gli interessi dell’Italia dopo anni di “compiti a casa” e “lezioncine” subite dagli euroburocrati, Renzi è convinto di avere tre fattori: le riforme fatte, la forza di essere il primo partito per numero di eurodeputati, “i tanti soldi” che Roma dà a Bruxelles.

In più, “se qualcuno pensa che noi possiamo essere telecomandati da Bruxelles, ha sbagliato premier”, chiarisce Renzi, indotto a replicare dalla durezza dei toni dell’attacco di Juncker. Ma il leader Pd la trincea europea la scava da tempo. Venerdì vedrà gli eurodeputati Dem per serrare le truppe e in mattinata incontra Gianni Pittella, che è capogruppo dei socialisti e democratici al Parlamento europeo, per fare un punto sulle linee di azione.

Lo stesso Pittella aveva già manifestato a Juncker, raccontano, un certo malcontento del gruppo S&D, che si è riunito mercoledì, e che chiede alla commissione un cambio di passo. Del resto che il sostegno del Pd al conservatore Juncker sia legato a un programma, non incondizionato e dunque non scontato, Renzi lo ha detto a più riprese e lo ribadisce in serata: “Juncker è stato eletto sulla base di un accordo politico, che comprendeva flessibilità e investimenti. Noi non abbiamo cambiato idea”.

Quanto alla rivendicazione del presidente della commissione di aver introdotto la flessibilità in Ue, circola tra i parlamentari Pd un discorso del 13 gennaio 2015 in cui è lo stesso Juncker, a Strasburgo, a riconoscere il ruolo determinante dell’Italia. E sempre tra i parlamentari Dem si registra del disappunto per come Federica Mogherini ha trattato la vicenda: mantenendosi imparziale ma “senza spendere neanche una parola in difesa dell’Italia”.

La battaglia, osservano i renziani, è appena iniziata. Il premier resta convinto che Bruxelles non potrà negare all’Italia quello 0,2% in più di flessibilità che il governo si è preso per la sicurezza e la cultura nella legge di stabilità. Ma la partita più difficile si giocherà per i prossimi anni, per ottenere un margine di flessibilità in più nel difficile percorso di avvicinamento al pareggio di bilancio.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora