La Cina acquista il primo carico di greggio “Made in Usa”

Pubblicato il 15 gennaio 2016 da redazione

petrolio

NEW YORK. – Il primo carico di petrolio ‘Made in Usa’ dalla fine del divieto alle esportazioni va alla cinese Unipec, la divisione trading del gigante Sinopec. Un acquisto simbolico ma di grande rilevanza, che apre una nuova rotta per il greggio, mostrando l’evoluzione del rapporto fra Cina e Stati Uniti, le due maggiori economie al mondo, e i nuovi equilibri geopolitici globali in un contesto di crollo dei prezzi del petrolio ai nuovi minimi da 12 anni.

Dopo 40 anni gli Stati Uniti hanno abolito il divieto delle esportazioni di petrolio, aprendo di fatto una nuova era. Il divieto, scattato negli anni 1970 dopo che l’embargo arabo aveva causato uno shock all’economia, è stato abolito lo scorso dicembre. Il via libera all’esportazioni arriva in un momento di tensione sul mercato petrolifero, con i prezzi in caduta libera per la sovrapproduzione a livello globale.

Un mercato inondato di greggio anche per il boom energetico americano: l’ascesa del petrolio shale e del fracking infatti ha reso gli Stati Uniti il maggiore produttore di petrolio e gas al mondo. Gli States nel 2013 hanno prodotto più petrolio di quanto non ne fosse importato per la prima volta dal 1988. Il recente crollo dei prezzi frena però la corsa petrolifera americana, facendo temere una nuova ondata di default nel settore.

Le tecniche dello shale e del fracking sono costose e convenienti solo quando i prezzi del petrolio sono alti. Con il crollo dei prezzi sotto la soglia psicologica dei 30 dollari, produrre greggio non e’ più conveniente. E le aziende energetiche che si erano indebitate durante il boom sono ora in difficoltà con gli analisti che prevedono fallimenti con tensioni anche per i bilanci delle banche americane.

Una misura della ‘crisi’ è BHP Billinton, costretta a 7,2 miliardi di dollari di svalutazioni sui suoi asset shale americani. BHP ha aumentato la sua esposizione al settore petrolifero nel 2012, durante il boom dello petrolifero statunitense, quando ha speso più di 20 miliardi di dollari per acquisizioni nello shale statunitense.

La corsa al petrolio americana ha modificato gli equilibri geopolitici, aprendo una lotta all’interno dell’Opec, il cartello dei paesi produttori, di cui fa parte l’Arabia Saudita, il maggiore alleato americano nel Golfo Persico.

Gli analisti leggono nell’atteggiamento dell’Opec a lasciare i livelli di produzione invariati nonostante il crollo dei prezzi un ostacolo al petrolio americano, costoso da produrre e con costi di trasporti che potrebbero rendere anti economico il trasferimento di petrolio a raffinerie fuori dagli Stati Uniti.

Ultima ora

17:07Ciclismo: Valverde vince ultima tappa e giro Catalogna

(ANSA) - BARCELLONA, 26 MAR - Lo spagnolo Alejandro Valverde ha vinto per la seconda volta in carriera il giro della Catalogna, quest'anno giunto alla 97/a edizione. Il portacolori della Movistar si è imposto anche nell'ultima tappa, di 139 chilometri, precedendo allo sprint il colombiano Jarlinson Pantano e il francese Arthur Vichot. Nella classifica generale finale, Valverde ha preceduto altri due spagnoli: Alberto Contador secondo a 1'03'' e Marc Soler terzo a 1'16''.

17:02Bus in fiamme a Roma, nessun ferito

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Incendio all'alba su un bus della linea 506 che percorreva via Tuscolana, a Roma, verso Vermicino. Le fiamme si sono propagate nella parte posteriore del bus, nessun ferito e nessun intossicato. Il bus andato a fuoco oggi è il sesto in 5 mesi. L'ultimo solo cinque giorni fa a Ciampino quando alle 8.30 del mattino, un autobus è stato completamente distrutto dalle fiamme. L'autista, in quell'occasione, ha fatto scendere i passeggeri in tempo ma il rogo ha danneggiato anche un semaforo e alcune centraline vicine.

16:59Russia: Navalni incriminato, ‘violata legge proteste’

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - Alexei Navalni è stato incriminato per aver violato l'articolo 20.2 del codice amministrativo russo che regola le procedure per organizzare manifestazioni e cortei. Lo ha detto un portavoce della polizia di Mosca alla Tass. In base alla suddetta violazione, precisa la Tass, Navalni rischia "una multa, lavori obbligatori o l'arresto", ma sempre per violazione amministrativa.

16:55Messico: detenuti scavano tunnel, maxi evasione da carcere

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un gruppo di detenuti è riuscito a evadere da un carcere in Messico scavando un tunnel sotto le mura di cinta del carcere. Sedici evasi su 29 sono ancora alla macchia. Dopo la scoperta del tunnel, nella prigione è scattata una rivolta. Tre detenuti sono stati pugnalati a morte. Lo riferisce Cnn.

16:50Attacco Londra:Johnson contro Google,’disgustosi siti jihad’

(ANSA) - LONDRA, 26 MAR - I ministri britannici se la prendono con Google e i giganti di internet dopo l'attacco di Londra. A guidare l''offensiva' è il capo del Foreign Office, Boris Johnson, che in una intervista sul Sunday Times si dice "furioso" e definisce "disgustoso" il fatto che non venga fatto nulla per rimuovere i siti jihadisti. "Devono smetterla di fare soldi sfruttando materiale che incita alla violenza", ha affermato riferendosi ai colossi del web. Sotto accusa sono finiti in particolare la propaganda diffusa dai gruppi terroristici e la serie di manuali per organizzare 'in casa' degli attentati. Alla sua condanna si è unito il ministro degli Interni, Amber Rudd, che in modo più pacato ha detto che il problema deve essere affrontato al più presto e che questa settimana incontrerà i vertici dei gruppi per cercare di trovare una soluzione.

16:47Attacco Londra: media, ‘Masood aveva combattuto in Bosnia’

(ANSA) - BELGRADO, 26 MAR - Khalid Masood, l'autore dell'attacco terroristico di mercoledì scorso a Londra, aveva combattuto nella guerra di Bosnia (1992-1995) tra le file della formazione 'El mudjahid'. A riferirlo è il quotidiano belgradese Blic, che afferma di essere in possesso di una lista di 1.774 combattenti di 'El mudjahid', nella quale figura anche il nome di Masood. Secondo il giornale Khalid Masood, ucciso nell'attacco sul ponte di Westminster, sarebbe arrivato in Bosnia il primo maggio 1993 ripartendo il 25 dicembre 1995.

16:45Tiro a volo:fuoriclasse Usa Rhode vince skeet donne Acapulco

(ANSA) - ACAPULCO (MESSICO), 26 MAR - L'americana Kimberly Rhode, fuoriclasse del tiro a volo, non finisce di stupire a 21 anni dall'oro olimpico vinto, quando era appena sedicenne, ai Giochi del Centenario del 1996. Ora ha aggiunto al suo sconfinato palmares anche l'oro della gara di Skeet femminile della seconda 'tappa' della Coppa del Mondo, in corso ad Acapulco. La statunitense è sul podio olimpico dal 1996 con l'oro ad Atlanta, il bronzo a Sydney 2000 e l'oro ad Atene 2004 nel Double Trap e poi con l'argento di Pechino 2008, l'oro di Londra 2012 e il bronzo di Rio 2016 nello Skeet. Oggi è entrata in finale con il punteggio di 70/75 e si è poi guadagnata la vetta del podio con 54/60 davanti alla connazionale Catlin Connor, argento con 53 e alla cinese Yi Cao, bronzo con 41.. Buona la prestazione dell'azzurra Chiara Costa. La romana è entra in finale con 69/75 e +5 nello spareggio che l'ha vista impegnata con altre tre tiratrici per conquistare due posti nella serie decisiva. Alla fine si è piazzata al quinto posto.

Archivio Ultima ora