La Cina acquista il primo carico di greggio “Made in Usa”

Pubblicato il 15 gennaio 2016 da redazione

petrolio

NEW YORK. – Il primo carico di petrolio ‘Made in Usa’ dalla fine del divieto alle esportazioni va alla cinese Unipec, la divisione trading del gigante Sinopec. Un acquisto simbolico ma di grande rilevanza, che apre una nuova rotta per il greggio, mostrando l’evoluzione del rapporto fra Cina e Stati Uniti, le due maggiori economie al mondo, e i nuovi equilibri geopolitici globali in un contesto di crollo dei prezzi del petrolio ai nuovi minimi da 12 anni.

Dopo 40 anni gli Stati Uniti hanno abolito il divieto delle esportazioni di petrolio, aprendo di fatto una nuova era. Il divieto, scattato negli anni 1970 dopo che l’embargo arabo aveva causato uno shock all’economia, è stato abolito lo scorso dicembre. Il via libera all’esportazioni arriva in un momento di tensione sul mercato petrolifero, con i prezzi in caduta libera per la sovrapproduzione a livello globale.

Un mercato inondato di greggio anche per il boom energetico americano: l’ascesa del petrolio shale e del fracking infatti ha reso gli Stati Uniti il maggiore produttore di petrolio e gas al mondo. Gli States nel 2013 hanno prodotto più petrolio di quanto non ne fosse importato per la prima volta dal 1988. Il recente crollo dei prezzi frena però la corsa petrolifera americana, facendo temere una nuova ondata di default nel settore.

Le tecniche dello shale e del fracking sono costose e convenienti solo quando i prezzi del petrolio sono alti. Con il crollo dei prezzi sotto la soglia psicologica dei 30 dollari, produrre greggio non e’ più conveniente. E le aziende energetiche che si erano indebitate durante il boom sono ora in difficoltà con gli analisti che prevedono fallimenti con tensioni anche per i bilanci delle banche americane.

Una misura della ‘crisi’ è BHP Billinton, costretta a 7,2 miliardi di dollari di svalutazioni sui suoi asset shale americani. BHP ha aumentato la sua esposizione al settore petrolifero nel 2012, durante il boom dello petrolifero statunitense, quando ha speso più di 20 miliardi di dollari per acquisizioni nello shale statunitense.

La corsa al petrolio americana ha modificato gli equilibri geopolitici, aprendo una lotta all’interno dell’Opec, il cartello dei paesi produttori, di cui fa parte l’Arabia Saudita, il maggiore alleato americano nel Golfo Persico.

Gli analisti leggono nell’atteggiamento dell’Opec a lasciare i livelli di produzione invariati nonostante il crollo dei prezzi un ostacolo al petrolio americano, costoso da produrre e con costi di trasporti che potrebbero rendere anti economico il trasferimento di petrolio a raffinerie fuori dagli Stati Uniti.

Ultima ora

18:45Calcio: Pelè, sto meglio e pronto a tifare Brasile

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 21 GEN - Per smentire le voci su sue presunte gravi condizioni di salute, Pelè è apparso in un programma di Rete Globo e si è detto "pronto a tifare Brasile ai Mondiali in Russia". "Non so se (il ct) Tite mi convocherà - ha aggiunto -, però mi farò trovare pronto per la prossima Coppa del mondo". O Rei, oggi 77enne, convive con problemi di salute dal 2012 e negli ultimi cinque anni si è sottoposto ad operazioni a femore, menisco e anca. "Ma, grazie a Dio, adesso non sento dolore", ha tenuto a precisare. Poi ancora sui Mondiali per dire la sua sulla Seleçao. "Tempo fa ero preoccupato - ha ammesso -, e anche triste per via della situazione che c'era. Non avevamo una vera squadra, invece adesso sono tranquillo perché Tite ha saputo costruirne una e trasmetterle fiducia. Il Brasile è talmente forte che può perfino permettersi di non vincere in casa. Ci rifaremo".

18:37Ferisce figlio e nuora e si barrica in casa, poi arreso a Cc

(ANSA) - CORIGLIANO CALABRO (COSENZA), 22 GEN - Ha ferito a colpi di pistola il figlio e la nuora e si é poi barricato in casa insieme alla moglie, arrendendosi ai carabinieri soltanto a distanza di alcune ore. É accaduto nella frazione "Schiavonea" di Corigliano Calabrio, nell'alto Jonio cosentino. Il duplice ferimento sarebbe avvenuto al culmine di una lite provocata da dissidi familiari. Al momento i carabinieri, che stanno ricostruendo i fatti, non hanno reso nota l'identità di chi ha sparato, né quella dei due feriti. La moglie del feritore é uscita dalla casa in cui sono avvenuti i fatti quando l'uomo si é arreso. La donna é rimasta incolume. Dei due feriti il più grave é il figlio dell'uomo, ricoverato in coma farmacologico nell'ospedale di Cosenza.

18:32Colombia: bus travolto da valanga di fango

(ANSA) - BOGOTA', 22 GEN - Un autobus è stato trascinato verso un precipizio da una valanga di fango, causando la morte di almeno 13 persone, sulla strada che porta da Tumaco a San Juan de Pasto, nel dipartimento di Narino, nell'estremo Sudest della Colombia, vicino alla frontiera con l'Ecuador. Lo ha reso noto il responsabile dell'Agenzia colombiana per la sicurezza stradale, Alejandro Maya, che ha precisato che l'incidente è avvenuto nel luogo noto come La Nariz del Diablo (il naso del diavolo) al km 66 della strada, che porta dal capoluogo del dipartimento a Tumaco.

18:32Russia: tribunale dispone liquidazione fondazione Navalni

(ANSA) - MOSCA, 22 GEN - Il tribunale distrettuale Meshchansky di Mosca ha accolto il ricorso del Ministero della Giustizia sulla liquidazione della fondazione Pyatoye Vremya Goda (la quinta stagione) che finanzia il lavoro dello staff del leader dell'opposizione Alexei Navalni. "Il tribunale ha accolto il ricorso della direzione del Ministero della Giustizia", ha detto il giudice Irina Afanasyeva pronunciando la sentenza. Lo riporta Interfax. Allo stesso tempo, gli avvocati della fondazione hanno dichiarato alla corte che le violazioni riscontrate "non sono significative" e che vi si può porre rimedio facilmente. "Riteniamo che la richiesta del Ministero della Giustizia sia illegale, poiché la fondazione è attiva in conformità con la legislazione russa, mentre le violazioni scoperte possono essere sanate", ha detto il legale Ivan Zhdanov annunciando di voler ricorrere in appello.

18:31Incidenti lavoro: operaio scivola e muore in cava nel Senese

(ANSA) - RAPOLANO TERME (SIENA), 22 GEN - Incidente mortale sul lavoro questa mattina in una cava di Rapolano Terme (Siena). E' morto un 36enne di origini bosniache, residente ad Asciano, sulle Crete Senesi. Secondo una prima ricostruzione, mentre l'uomo era al lavoro in una cava di travertino, sarebbe scivolato in una scarpata da un'altezza di 11 metri. Stava lavorando al ripristino di una recinzione. L'uomo è stato subito soccorso dai sanitari del 118 e trasportato in codice rosso con l'elisoccorso Pegaso all'ospedale di Siena, ma poi è morto per le gravi ferite riportate nella caduta. Sul posto carabinieri ed ispettori del lavoro per accertare la regolare posizione lavorativa dell'uomo.

18:30Figc: Tommasi, mia candidatura alla presidenza resta

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "La mia candidatura resta. Siamo tutti convinti. Sappiamo com'è il sistema elettorale e sappiamo soprattutto quali sono i candidati e che quindi dobbiamo trovare il modo di fare eleggere alla presidenza Figc un ex calciatore, le difficoltà ci sono e ci saranno": lo dice il n.1 dell'Aic, Damiano Tommasi, dopo il consiglio direttivo. "Ho parlato con i dirigenti di società - prosegue - e c'è da capire cosa è per noi rinnovamento. Si dà per scontato che le parti siano due. Quindi noi oggi volevamo ribadire che sono tre. C'è anche Tommasi". "Non è escluso che qualcuno faccia un passo indietro anche prima di domenica - ha aggiunto -. Ad oggi, però, non è chiara la situazione e bisogna scegliere i compagni di viaggio. L'ultima volta che ho tirato indietro la gamba era il 2004 e sono stato fermo 16 mesi. Prima di rifarlo, quindi, ci penserò cento volte. Sono convinto che la mia candidatura abbia un suo perché". Poi conferma la linea comune con l'Aiac: "Oggi abbiamo visto Ulivieri, c'è la volontà di stare insieme".

18:30Germania-Francia celebrano 55 anni del Trattato dell’Eliseo

(ANSA) - BERLINO, 22 GEN - Nel giorno del 55esimo anniversario del trattato dell'Eliseo, il Bundestag si è riunito in una seduta straordinaria a Berlino, alla quale partecipano anche alcuni deputati francesi, con il loro presidente Francois de Rugy. Nel primo pomeriggio parlamentari tedeschi voleranno a Parigi per una seduta analoga del Parlamento francese. Quest'anno sarà firmato un nuovo trattato, che rafforza l'amicizia franco-tedesca, sancita dal celebre accordo siglato da Charles de Gaulle e Konrad Adenauer il 22 gennaio del 1963. All'iniziativa franco-tedesca, rilanciata da Merkel e Macron, partecipano tutti i gruppi parlamentari tedeschi, tranne quello del partito di destra oltranzista Alternative fuer Deutschland, che contesta di non essere stato coinvolto nella fase di preparazione.

Archivio Ultima ora