Cgil lancia l’allarme stagnazione, il credito alle Pmi non riparte

Pubblicato il 16 gennaio 2016 da redazione

stagnazione

ROMA. – Altro che ripresa. Dopo anni di recessione per l’Italia il rischio è ora quello di entrare in una fase di stagnazione economica. A lanciare l’allarme è la Cgil che, pur ammettendo un recupero dei consumi delle famiglie, reso possibile dall’aumento del potere d’acquisto, non può che far notare con preoccupazione l’arretramento dell’export e della produzione industriale.

“La ripresa che il governo continua a propagandare è ancora lontana e i dati economici dell’ultimo trimestre 2015, purtroppo, lo confermano”, denuncia il sindacato. Anche nel mondo delle piccole imprese i segnali non sono del resto così incoraggianti come potrebbero apparire. Se infatti per i finanziamenti alle aziende del commercio e del turismo è tornato negli ultimi mesi il segno positivo, le ‘piccole’ soffrono ancora il credit crunch.

A novembre 2015 – spiega la Confesercenti – si registra un totale di oltre 165,4 miliardi di euro di prestiti ‘vivi’, cioè al netto delle sofferenze lorde, in aumento dello 0,2% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Ma la ripresa non riguarda tutti: mentre la dinamica per le imprese con oltre 5 dipendenti è positiva (+0,6% su base annua), il totale di prestiti vivi per le imprese del comparto con 5 dipendenti o meno (le cosiddette ‘famiglie produttrici’) a novembre cala del 2,1% su base annua, per un totale di 461 milioni di euro di finanziamenti in meno.

Ma, nel giorno in cui la Cgia di Mestre sottolinea come l’Italia sia un Paese in cui il lavoro notturno riguarda solo una minoranza dei lavoratori, per i sindacati il fronte è aperto sopratutto per i dipendenti della pubblica amministrazione. A tirarli in ballo è stato il premier, Matteo Renzi, che – dopo aver annunciato la linea dura contro gli assenteisti – ha affermato di non capire le polemiche sollevate dalle sigle dei lavoratori.

In realtà per i sindacati il vero problema dei dipendenti pubblici non è il licenziamento lampo in caso di furberie a danno dell’amministrazione, ma il rinnovo del contratto, bloccato da sei anni. “Primi e inflessibili a denunciare e a dissociarci dai casi di assenteismo ingiustificato, – afferma il segretario generale della Fp Cgil, Rossana Dettori – vorremmo però che il premier Renzi applicasse la stessa solerzia nel rinnovo dei contratti pubblici. È la contrattazione il luogo dove affrontare questi temi, non l’ennesimo intervento legislativo”.

Posizione condivisa a pieno dal segretario della Uil, Carmelo Barbagallo. “Giusto” sospendere i fannulloni e, se colpevoli, licenziarli, ma ora tocca al governo impegnarsi al rinnovo. Per il segretario della Cisl Fp, Giovanni Faverin, “i lavoratori sono i primi a chiedere intransigenza contro i disonesti, ma no a marchette elettorali e norme speciali: basta applicare le stesse regole del privato. E vogliamo che il premier metta la stessa determinazione nel rinnovare dignitosamente il contratto”.

Ultima ora

17:35Catalogna: procura denuncia dimostranti per ‘sedizione’

(ANSA) - BARCELLONA, 22 SET - La procura dello Stato spagnolo ha denunciato per presunta "sedizione" i manifestanti, fino a 40mila, che mercoledì sera si sono concentrati davanti alla sede del ministero dell'economia di Barcellona per protestare contro il blitz della Guardia Civil e l'arresto di 14 dirigenti dell'amministrazione. Intanto un tribunale di Barcellona ha ordinato oggi la rimessa in libertà provvisoria degli ultimi sei dei 14 dirigenti dell'amministrazione catalana arrestati nel blitz di mercoledì ancora detenuti. Fra di loro il braccio destro del vicepresidente Oriol Junqueras, Josep José. Tutti hanno rifiutati di rispondere alle domande del giudice che aveva ordinato la loro detenzione. Sono stati dichiarati indagati per disobbedienza, abuso di potere e presunta malversazione, per l'organizzazione del referendum del 1 ottobre.

17:32Massa, indagati sacerdote e il vescovo Santucci

(ANSA) - MASSA, 22 SET - Il sacerdote don Luca Morini e il vescovo della diocesi di Massa monsignor Giovanni Santucci sono indagati in un'inchiesta sull'impiego da parte del sacerdote delle offerte dei fedeli: il sospetto è che le abbia usate per spese personali 'particolari'. L'indagine della procura, partita nel febbraio 2016 e chiusa ora, nasce dopo che un escort napoletano aveva raccontato di una relazione col prete. "Acquisizione illecita di ingenti somme di denaro come ministro del culto", è la contestazione. Don Morini è accusato dai fedeli di aver usato offerte e donazioni a scopi personali. Il vescovo è indagato per impiego indebito di denaro e tentata truffa per due episodi, un prelievo di 1.000 euro dal fondo della Fondazione Pie Legati per consegnarli a don Morini senza motivare perché e per aver fatto pressione sulla Cattolica Assicurazione per aumentare il punteggio di invalidità di don Morini. L'avvocato difensore del vescovo parla di "grande equivoco".

17:31May, periodo di transizione è interesse comune

(ANSA) - LONDRA, 22 SET - Un accordo di transizione "è nell'interesse" sia dell'Ue sia del Regno Unito dopo la Brexit. Lo ha detto Theresa May a Firenze, formalizzando la proposta di una fase "di attuazione" durante la quale Londra punta a restare nel mercato unico, offrendo in cambio il mantenimento dei suoi impegni finanziari verso Bruxelles. Tale periodo, secondo i media, dovrà essere di due anni e prevedere un versamento di circa 20 miliardi di euro al bilancio comunitario. Nella fase di transizione di due anni auspicata da Theresa May per il dopo Brexit, fino al 2021, in Gran Bretagna resterà in vigore una serie di norme Ue e la giurisdizione delle corti europee, ma il Regno si riserva di riacquisire piena sovranità sul "controllo dei suoi confini".

17:31Calcio: Juventus, bilancio record con ricavi a 562 milioni

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Numeri da record per il bilancio della Juventus, approvato oggi dal consiglio di amministrazione. L'utile dell'esercizio è pari a 42,6 milioni di euro (contro i 4,1 dell'anno precedente), i ricavi ammontano a 562,7 milioni, a fronte dei 387,9 al 30 giugno 2016. I dati dovranno essere approvati dall'assemblea degli azionisti, convocata per il 24 ottobre.

17:29Assenteismo: sindaco Assisi, niente sconti

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 22 SET - "Niente sconti a chi non rispetta la legge e il pubblico impiego": il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, commenta così il licenziamento senza preavviso di una dipendente del Comune che attestava falsamente la sua presenza in servizio. Lo fa rispondendo all'ANSA. "Ci siamo mantenuti coerenti - ha sottolineato - con le nostre affermazioni. Chi non rispetta la legge e il pubblico impiego provoca un danno a tutta la collettività, oltre che d'immagine all'ente e alle persone oneste che lavorano per esso. Dipendenti - conclude Proietti - che abbiamo il dovere di difendere".(ANSA).

17:23Papa visita a sorpresa il centro di riabilitazione S.Lucia

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Oggi il Papa è uscito dal Vaticano per una visita a sorpresa alla Fondazione Santa Lucia, in Via Ardeatina, un centro di eccellenza molto conosciuto a Roma, specializzato nella neuro-riabilitazione di pazienti con deficit di movimento e cognitivi, dove vengono trattate patologie derivanti da ictus, lesioni midollari, Parkinson e sclerosi multipla. Papa Francesco accompagnato da Presidente dell' Associazione, Maria Adriana Amadio, e dal Direttore Generale, Edoardo Alesse, ha visitato il reparto di riabilitazione dei bambini affetti da patologie neurologiche. Si è fermato ed ha scherzato con loro; ha scambiato poi alcune parole di conforto con i genitori. Il Papa ha assistito con grande attenzione agli esercizi che consentono ai bambini di acquisire o recuperare la stabilità motoria. In seguito ha visitato il reparto dei pazienti tra i 15 e 25 anni tetraplegici e paraplegici, alcuni dei quali a seguito di incidenti stradali, e la palestra dove le persone anziane svolgono attività per la riabilitazione motoria.

17:19Tajani, sul referendum ha ragione Madrid

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Ha ragione il governo spagnolo, perché questo referendum è contro la Costituzione spagnola e anche contro le norme catalane". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani a Rai Radio1 rispondendo alla domanda se il referendum catalano debba tenersi oppure no. "Questo referendum non ha nulla a che vedere con quello in Lombardia e in Veneto: quello è per l'autonomia, questo per la secessione. Mi auguro che si arrivi ad una soluzione politica, che Madrid e Barcellona ricomincino a parlarsi", ha affermato. Tajani, ai microfoni del programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, ha aggiunto: "Il referendum da un punto di vista legale è illegittimo, non è permesso dalla Costituzione, ma questo lo dicono anche gli stessi giuristi catalani".

Archivio Ultima ora