Cgil lancia l’allarme stagnazione, il credito alle Pmi non riparte

Pubblicato il 16 gennaio 2016 da redazione

stagnazione

ROMA. – Altro che ripresa. Dopo anni di recessione per l’Italia il rischio è ora quello di entrare in una fase di stagnazione economica. A lanciare l’allarme è la Cgil che, pur ammettendo un recupero dei consumi delle famiglie, reso possibile dall’aumento del potere d’acquisto, non può che far notare con preoccupazione l’arretramento dell’export e della produzione industriale.

“La ripresa che il governo continua a propagandare è ancora lontana e i dati economici dell’ultimo trimestre 2015, purtroppo, lo confermano”, denuncia il sindacato. Anche nel mondo delle piccole imprese i segnali non sono del resto così incoraggianti come potrebbero apparire. Se infatti per i finanziamenti alle aziende del commercio e del turismo è tornato negli ultimi mesi il segno positivo, le ‘piccole’ soffrono ancora il credit crunch.

A novembre 2015 – spiega la Confesercenti – si registra un totale di oltre 165,4 miliardi di euro di prestiti ‘vivi’, cioè al netto delle sofferenze lorde, in aumento dello 0,2% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Ma la ripresa non riguarda tutti: mentre la dinamica per le imprese con oltre 5 dipendenti è positiva (+0,6% su base annua), il totale di prestiti vivi per le imprese del comparto con 5 dipendenti o meno (le cosiddette ‘famiglie produttrici’) a novembre cala del 2,1% su base annua, per un totale di 461 milioni di euro di finanziamenti in meno.

Ma, nel giorno in cui la Cgia di Mestre sottolinea come l’Italia sia un Paese in cui il lavoro notturno riguarda solo una minoranza dei lavoratori, per i sindacati il fronte è aperto sopratutto per i dipendenti della pubblica amministrazione. A tirarli in ballo è stato il premier, Matteo Renzi, che – dopo aver annunciato la linea dura contro gli assenteisti – ha affermato di non capire le polemiche sollevate dalle sigle dei lavoratori.

In realtà per i sindacati il vero problema dei dipendenti pubblici non è il licenziamento lampo in caso di furberie a danno dell’amministrazione, ma il rinnovo del contratto, bloccato da sei anni. “Primi e inflessibili a denunciare e a dissociarci dai casi di assenteismo ingiustificato, – afferma il segretario generale della Fp Cgil, Rossana Dettori – vorremmo però che il premier Renzi applicasse la stessa solerzia nel rinnovo dei contratti pubblici. È la contrattazione il luogo dove affrontare questi temi, non l’ennesimo intervento legislativo”.

Posizione condivisa a pieno dal segretario della Uil, Carmelo Barbagallo. “Giusto” sospendere i fannulloni e, se colpevoli, licenziarli, ma ora tocca al governo impegnarsi al rinnovo. Per il segretario della Cisl Fp, Giovanni Faverin, “i lavoratori sono i primi a chiedere intransigenza contro i disonesti, ma no a marchette elettorali e norme speciali: basta applicare le stesse regole del privato. E vogliamo che il premier metta la stessa determinazione nel rinnovare dignitosamente il contratto”.

Ultima ora

09:46Calcio: Mondiali 2018, Brasile-Paraguay 3-0

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il Brasile ha battuto a San Paolo il Paraguay per 3-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali 2018. Verdeoro in vantaggio al 33' con Coutinho, raddoppio di Neymar al 63' e terzo gol di Marcelo all'85'. Con la vittoria il Brasile, leader della classifica del girone, si porta a 33 punti, 9 di vantaggio sulla Colombia seconda a 24.

09:43Calcio:Mondiali 2018, Cile-Venezuela 3-1, Sanchez record gol

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Allo stadio Monumental di Santiago il Cile ha battuto per 3-1 il Venezuela in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Alexis Sanchez ha aperto le marcature al 4'. Grazie alla rete l'attaccante dell'Arsenal, ex Udinese, ha raggiunto Marcelo Salas a 37 gol come maggior cannoniere di sempre della 'Roja'. Sanchez avrebbe anche potuto scavalcare Salas se il portiere del Venezuela Farinez non gli avesse respinto un rigore al 75'. Sanchez ha comunque poi propiziato anche gli altri due gol del Cile, entrambi segnati da Esteban Paredes al 7' e al 23'. Per il Venezuela ha accorciato le distanze Rondon al 63'.

09:38Mondiali 2018: squalifica Messi, interviene anche Macri

(ANSA) - BUENOS AIRES, 29 MAR - Sulla pesante squalifica di Lio Messi da parte della Fifa si muove anche il presidente argentino Mauricio Macri, che ha definito ''esagerata'' la misura. ''Avergli dato il massimo, tra una e quattro gare... un'esagerazione, speriamo si possa appellare e ridurre questa condanna. E' terribile'', ha commentato il presidente dall'Olanda, dove si trova in visita.

09:38Morti marito e moglie, forse omicidio-suicidio

(ANSA) - NAPOLI, 29 MAR - Un probabile caso di omicidio-suicidio è avvenuto a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), in via Della Valle, dove i carabinieri nella notte sono intervenuti rinvenendo sul selciato il corpo senza vita dell'80enne Gennaro Merola: si sarebbe lanciato dal balcone dell'abitazione al primo piano in cui risiedeva. In casa, é stato invece trovato nel letto, il cadavere della moglie, Gerarda Di Pietro di 77 anni. La donna aveva evidenti lesioni al volto causate da un probabile corpo contundente.

09:36Calcio: Mondiali 2018, Ecuador-Colombia 0-2, in gol Cuadrado

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - La Colombia ha battuto l'Ecuador a Quito per 2-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Le reti sono state segnate dal madridista James Rodriguez al 19' e dallo juventino Juan Cuadrado al 33'. I 'cafeteros' sono così tornati a vincere a Quito, a 2.850 metri di altitudine, dopo oltre 20 anni. L'ultimo successo risaliva infatti all'ottobre 1996 nelle qualificazioni ai Mondiali di Francia 1998 e la nazionale dell'allora ct Francisco 'Pacho' Maturana si era imposta per 1-0 grazie ad un gol di Faustino Asprilla, che vestiva la maglia del Parma.

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

Archivio Ultima ora