Borse: il petrolio iraniano fa paura. Bruciati i guadagni del 2015

Pubblicato il 16 gennaio 2016 da redazione

petrolio iraniano

NEW YORK. – L’orso torna sui mercati. Le piazze finanziarie globali hanno bruciato 14.000 miliardi di dollari dal picco di giugno scorso e i guadagni del 2015 sono andati in fumo. Una fuga che nelle ultime settimane è accelerata, con la Cina in frenata e il petrolio che affonda. Un calo, quello del greggio, su cui pesa ora l’incognita Iran: con l’entrata in vigore dell’accordo sul nucleare cadono le sanzioni a Teheran e il petrolio iraniano si appresta ad affacciarsi su un mercato già inondato di greggio, con il rischio di aumentare le pressioni al ribasso.

Il petrolio continua la sua discesa, aggiornando i minimi degli ultimi 12 anni e non lasciando intravedere una fine della caduta libera. I prezzi sono ormai sotto i 30 dollari al barile, e la soglia psicologica dei 20 dollari sembra a portata di mano. Le tensioni all’interno dell’Opec, il boom energetico americano e la Cina in frenata meno affamata di greggio spingono al ribasso le quotazioni.

E ora arriva il petrolio iraniano su un mercato già in crisi per la sovrapproduzione. Consapevole del momento difficile sul mercato, Teheran studia accordi ‘baratto’ per le vendite, con i quali il greggio è pagato dai clienti con beni e servizi. Una modalità che consentirebbe a Teheran di competere in una guerra dei prezzi petroliferi senza svendere il proprio greggio.

Al petrolio sotto pressione, che ha affondato le Borse mondiali, si aggiunge la Cina e l’incognita della sua crescita. I dati ufficiali sul pil 2015 sono attesi martedì, ma il premier Li Keqiang rassicura: è cresciuto quasi del 7%, centrando l’obiettivo di Pechino. Si tratterebbe comunque del tasso di crescita annuale più basso da 25 anni.

E’ proprio sull’affidabilità delle statistiche cinesi che gli analisti sono scettici, così come lo sono sulla capacità del governo di gestire l’economia a fronte degli ultimi scivoloni del mercato. Una scarsa comunicazione, regole nuove difficili da attuare, come i circuit breaker per limitare la volatilità che hanno causato la sospensione degli scambi, sono alcuni degli elementi critici che fanno paura ai mercati.

L’attenzione è anche sulle prossime mosse della Bce e le parole del presidente Mario Draghi. Le misure di allentamento monetario annunciate in dicembre sono state accolte freddamente dai mercati. Un rafforzamento del quantitative easing resta un’ipotesi, come emerge dai verbali dell’ultima riunione. Un rafforzamento che potrebbe arrivare presto se il petrolio a 30 dollari e gli scossoni dalla Cina continueranno a destabilizzare la fragile crescita dell’area euro minacciando la deflazione.

Agli sviluppi globali guarda anche la Fed. Wall Street è da settimane sotto pressione, anche se molti analisti rassicurano: non è il ripetersi del 2008, per ora non c’è una crisi finanziaria che minaccia l’economia reale. Rispetto al 2008 le differenze sono molte, con l’economia americana in una posizione migliore, i consumatori meno indebitati e le banche più forti.

Ma l’attenzione della Fed resta alta dopo il primo aumento dei tassi dal 2006. Le difficoltà delle ultime settimane, e la possibilità di nuovi cali in Borsa, anche del 10% come previsto dal numero uno di BlackRock Larry Fink, hanno spinto gli analisti a rivedere la road map di rialzi della Fed, posticipando la prossima stretta almeno fino a giugno.

Ultima ora

09:03Terremoti: due forti scosse alle Fiji

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Le isole Fiji sono state colpite oggi da due violenti terremoti, di magnitudo 5,1 e 6,4: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Il primo, di minore potenza, é stato registrato 289 chilometri a nord dell'isola di Ndoi e ad una profondità di 579 chilometri mentre il secondo - molto più potente - ha colpito a sud delle isole, ad una profondità di 98 chilometri. Il Pacific Tsunami Warning Centre ha escluso un rischio tsunami.

08:52Mo: Hamas, attacco di oggi è nuovo capitolo Intifada

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - Hamas da Gaza plaude per l'attacco palestinese di oggi che ha causato 3 morti israeliani: "è un nuovo capitolo dell''Intifada di Al-Quds (Gerusalemme)", ha detto Hazzam Qassam portavoce della fazione, citato dai media. "Significa che ogni tentativo di 'giudaizzare' la città non cambia il fatto che Gerusalemme è arabo-musulmana: i suoi cittadini e la gioventù non risparmieranno alcun sforzo per redimerla con il loro spirito e sangue", ha aggiunto.

08:24India-Usa: Mattis a New Delhi per Afghanistan e armamenti

(ANSA) - NEW DELHI, 26 SET - Il Segretario alla Difesa statunitense James Mattis è giunto oggi a New Delhi per una visita di due giorni che avrà al centro la lunga crisi in Afghanistan e la cooperazione indo-americana in campo militare, con un possibile annuncio da parte dell'India dell'acquisto di aerei da caccia e droni. Lo ha reso noto l'agenzia di stampa Ani. Subito dopo il suo arrivo Mattis, che è il primo ministro americano a visitare l'India dall'insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, ha incontrato la collega Nirmala Sitharaman, mentre in giornata sarà ricevuto dal premier Narendra Modi.

08:22Mo: polizia, ucciso terrorista autore attacco

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - La polizia ha annunciato che è stato ucciso il palestinese autore dell'attacco terroristico di questa mattina a Har Adar in Cisgiordania, che ha causato la morte di tre israeliani. L'uomo - 37 anni di Beit Sourik con regolare permesso di lavoro in Israele - è arrivato ai cancelli del villaggio assieme ad un gruppo di manovali palestinesi ed ha aperto il fuoco sui guardiani da distanza ravvicinata.

08:21Brexit: May incontrerà Tusk oggi a Downing Street

(ANSA) - ROMA, 26 SET - La premier britannica Theresa May incontrerà il presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk oggi a Downing Street. L'incontro, scrive la Bbc online, si terrà parallelamente al quarto round di negoziati sulla Brexit con Londra a Bruxelles. Tusk aveva annunciato martedì scorso, a margine dell'Assemblea Generale Onu, di avere accettato di incontrare May oggi a Londra.

07:57‘Ndrangheta: arrestato sindaco di Seregno, corruzione

(ANSA) - MONZA, 26 SET - Il sindaco di Seregno (Monza) Edoardo Mazza, di Forza Italia, è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Milano in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dai Gip dei Tribunali di Monza, nell'ambito della maxi inchiesta sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta in Brianza e in Lombardia. E' accusato di corruzione: avrebbe favorito gli affari con un imprenditore legato alle cosche, il quale si sarebbe a sua volta adoperato per procurargli voti. A legare a "doppio filo" politica e 'ndrangheta, secondo l'inchiesta della Procura di Monza e della Dda di Milano, sarebbe stato un imprenditore edile di Seregno il quale avrebbe intrattenuto rapporti con politici del territorio, e coltivato frequentazioni e rapporti fatti di reciproci scambi di favori con esponenti della criminalità organizzata. Il suo ruolo sarebbe stato "determinante" per l'elezione del sindaco arrestato.(ANSA).

07:55Mo: attacco Cisgiordania, 3 israeliani uccisi

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - Tre israeliani sono rimasti uccisi nell'attentato avvenuto oggi a Har Hadar, in Cisgiordania. Lo rende noto la polizia israeliana secondo cui l'assalitore e' giunto ai cancelli del villaggio assieme con un gruppo di manovali palestinesi ed ha aperto il fuoco sui guardiani da distanza ravvicinata.

Archivio Ultima ora