Borse: il petrolio iraniano fa paura. Bruciati i guadagni del 2015

Pubblicato il 16 gennaio 2016 da redazione

petrolio iraniano

NEW YORK. – L’orso torna sui mercati. Le piazze finanziarie globali hanno bruciato 14.000 miliardi di dollari dal picco di giugno scorso e i guadagni del 2015 sono andati in fumo. Una fuga che nelle ultime settimane è accelerata, con la Cina in frenata e il petrolio che affonda. Un calo, quello del greggio, su cui pesa ora l’incognita Iran: con l’entrata in vigore dell’accordo sul nucleare cadono le sanzioni a Teheran e il petrolio iraniano si appresta ad affacciarsi su un mercato già inondato di greggio, con il rischio di aumentare le pressioni al ribasso.

Il petrolio continua la sua discesa, aggiornando i minimi degli ultimi 12 anni e non lasciando intravedere una fine della caduta libera. I prezzi sono ormai sotto i 30 dollari al barile, e la soglia psicologica dei 20 dollari sembra a portata di mano. Le tensioni all’interno dell’Opec, il boom energetico americano e la Cina in frenata meno affamata di greggio spingono al ribasso le quotazioni.

E ora arriva il petrolio iraniano su un mercato già in crisi per la sovrapproduzione. Consapevole del momento difficile sul mercato, Teheran studia accordi ‘baratto’ per le vendite, con i quali il greggio è pagato dai clienti con beni e servizi. Una modalità che consentirebbe a Teheran di competere in una guerra dei prezzi petroliferi senza svendere il proprio greggio.

Al petrolio sotto pressione, che ha affondato le Borse mondiali, si aggiunge la Cina e l’incognita della sua crescita. I dati ufficiali sul pil 2015 sono attesi martedì, ma il premier Li Keqiang rassicura: è cresciuto quasi del 7%, centrando l’obiettivo di Pechino. Si tratterebbe comunque del tasso di crescita annuale più basso da 25 anni.

E’ proprio sull’affidabilità delle statistiche cinesi che gli analisti sono scettici, così come lo sono sulla capacità del governo di gestire l’economia a fronte degli ultimi scivoloni del mercato. Una scarsa comunicazione, regole nuove difficili da attuare, come i circuit breaker per limitare la volatilità che hanno causato la sospensione degli scambi, sono alcuni degli elementi critici che fanno paura ai mercati.

L’attenzione è anche sulle prossime mosse della Bce e le parole del presidente Mario Draghi. Le misure di allentamento monetario annunciate in dicembre sono state accolte freddamente dai mercati. Un rafforzamento del quantitative easing resta un’ipotesi, come emerge dai verbali dell’ultima riunione. Un rafforzamento che potrebbe arrivare presto se il petrolio a 30 dollari e gli scossoni dalla Cina continueranno a destabilizzare la fragile crescita dell’area euro minacciando la deflazione.

Agli sviluppi globali guarda anche la Fed. Wall Street è da settimane sotto pressione, anche se molti analisti rassicurano: non è il ripetersi del 2008, per ora non c’è una crisi finanziaria che minaccia l’economia reale. Rispetto al 2008 le differenze sono molte, con l’economia americana in una posizione migliore, i consumatori meno indebitati e le banche più forti.

Ma l’attenzione della Fed resta alta dopo il primo aumento dei tassi dal 2006. Le difficoltà delle ultime settimane, e la possibilità di nuovi cali in Borsa, anche del 10% come previsto dal numero uno di BlackRock Larry Fink, hanno spinto gli analisti a rivedere la road map di rialzi della Fed, posticipando la prossima stretta almeno fino a giugno.

Ultima ora

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

Archivio Ultima ora