Via le sanzioni all’Iran, scambio di prigionieri con Usa

Pubblicato il 16 gennaio 2016 da redazione

EU High Representative for Foreign Affairs and Security Policy Federica Mogherini, Iranian Foreign Minister Mohammad Javad Zarif, British Foreign Secretary Philip Hammond, US Secretary of State John Kerry, reacts during a press event after the end of a new round of Nuclear Iran Talks in the Learning Center at the Swiss federal Institute of Technology (EPFL), in Lausanne, Switzerland, 02 April 2015.  EPA/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

EU High Representative for Foreign Affairs and Security Policy Federica Mogherini, Iranian Foreign Minister Mohammad Javad Zarif, British Foreign Secretary Philip Hammond, US Secretary of State John Kerry, reacts during a press event after the end of a new round of Nuclear Iran Talks in the Learning Center at the Swiss federal Institute of Technology (EPFL), in Lausanne, Switzerland, 02 April 2015. EPA/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

WASHINGTON. – E’ ormai sera a Vienna quando l’Aiea (l’agenzia dell’Onu per l’energia atomica), dopo l’annuncio di un clamoroso scambio di prigionieri tra Washington e Teheran, dà disco verde all’entrata in vigore dello storico accordo sul nucleare iraniano confermando che il Paese degli ayatollah ha rispettato tutti i suoi obblighi.

Passano pochi minuti e quasi contemporaneamente Ue, Usa e Onu annunciano la revoca delle pesanti sanzioni internazionali, che consentiranno a Teheran di recuperare oltre 100 miliardi di asset congelati all’estero e di spalancare le sue porte al mercato petrolifero, finanziario e commerciale.

Un accordo storico”, “forte” e “giusto” ha commentato il capo della diplomazia europea, Federica Mogherini, in una conferenza stampa a Vienna con il ministro degli esteri iraniano Javad Zarif, con cui ha condiviso un successo frutto di “volontà politica, perseveranza e di una diplomazia multilaterale”.

Anche segretario di Stato Usa John Kerry, in una conferenza stampa separata, ha elogiato “il potere della diplomazia nell’ affrontare sfide significative”, poco dopo che Obama aveva firmato l’ordine esecutivo per revocare le sanzioni. Plauso anche dal segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon: “è un traguardo significativo che riflette lo sforzo e la buona fede di tutte le parti per rispettare gli impegni presi”.

Ma non tutti sono contenti di quella che il presidente iraniano Hassan Rohani ha twittato come “una vittoria gloriosa” di Teheran. Israele resta preoccupata: “anche dopo aver firmato l’accordo sul nucleare, l’Iran non ha abbandonato le sue ambizioni di acquisire l’arma nucleare e continua a lavorare per destabilizzare il Medio Oriente mentre esporta terrorismo in tutto il mondo, in violazione con i suoi obblighi internazionali”, accusa il premier israeliano Benyamin Netanyahu.

Pure i Repubblicani Usa danno battaglia: “oggi l’amministrazione Obama comincia a togliere le sanzioni economiche contro il principale Stato che sostiene il terrorismo nel mondo”, ha osservato Paul Ryan, lo speaker della Camera (dominata dai Repubblicani), sostenendo che “molto probabilmente” Teheran approfitterà della nuova manna finanziaria per continuare “a finanziare il terrorismo”.

Se lo storico “Implementation day” era atteso da giorni, è arrivato invece a sorpresa l’annuncio dell’altrettanto storico scambio di prigionieri tra Usa e Iran, degno dei tempi della guerra fredda. Anche questa un’operazione già diventata terreno di scontro elettorale in America alla vigilia delle primarie.

Tanto da indurre l’amministrazione Obama a precisare che non si è trattato di un tradizionale “scambio di spie” ma di un “gesto umanitario”, dopo 14 mesi di trattative segrete che si sono chiuse solo nelle ultime 24 ore, non senza retroscena.

E’ stata l’agenzia semi ufficiale Fars a comunicare per prima la liberazione di quattro cittadini statunitensi, incluso Jason Rezaian, il capo dell’ufficio di Teheran del Washington Post, detenuto da oltre 18 mesi e condannato per spionaggio in un controverso processo a porte chiuse.

Gli altri tre rilasciati, anche loro come Rezaian con la doppia cittadinanza americana e iraniana, sono Saeed Abedini, un pastore cristiano, Amir Hekmati, un ex Marine, e Nosratollah Khosravi-Roodsari, un imprenditore. E’ stato annunciato il rilascio anche un quinto americano che non rientrava nell’accordo, Matthew Trevithick, uno studente incarcerato nei mesi scorsi.

Washington, dal canto suo, si è impegnata a liberare sette iraniani, di cui sei con doppia cittadinanza, detenuti per violazione delle sanzioni americane a Teheran. Gli Usa hanno fatto altre concessioni, lasciando cadere le accuse e i mandati di cattura internazionali per una ventina di iraniani accusati di aver violato le sanzioni americane per aver aiutato Teheran a procurarsi tecnologia e merci Usa.

Tra i retroscena, veri o presunti, dei negoziati per lo scambio dei prigionieri, il congelamento delle nuove sanzioni Usa ventilate contro Teheran per i suoi recenti test di missili balistici. La decisione di ritardare le sanzioni sarebbe stata presa dopo una telefonata di Zarif, il quale avrebbe ammonito Kerry che la mossa avrebbe potuto far saltare tutta l’operazione. Anche questo risvolto, se confermato, diventerà oggetto di polemica elettorale.

Ma i candidati della destra hanno già colto la palla al balzo. Il magnate Donald Trump boccia lo scambio usando il pallottoliere: “Loro stanno ottenendo sette persone, quindi essenzialmente ottengono 150 miliardi di dollari più sette, e noi ne otteniamo quattro (prigionieri, ndr). Non suona troppo bene”, ha detto, definendo in ogni caso “una disgrazia” il fatto che “siano rimasti lì così a lungo”.

Il senatore del Texas Ted Cruz ha sollevato dubbi su possibili dettagli ancora non noti dell’accordo. Gli ha fatto eco il senatore della Florida Marco Rubio: “L’Iran prende in ostaggio per ottenere concessioni”. Intanto Obama ha giocato d’anticipo sulla revoca delle sanzioni all’Iran, conferendo a Kerry il potere di togliere l’ultradecennale bando sull’export di aerei passeggeri civili, che consentirà alla Boeing di vendere i suoi jet: una mossa per non restare spiazzato dal pre-accordo tra l’Iran ed il colosso europeo Airbus per l’acquisto di 114 aerei di linea.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

11:29Maltempo: Barbagia sommersa dalla neve

(ANSA) - NUORO, 17 GEN - Nevica abbondantemente da stanotte su tutto il Nuorese, e nel capoluogo la temperatura all'alba è scesa fino a -4 gradi. Il sindaco di Nuoro Andrea Soddu ieri sera ha diramato un'ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Niente lezioni anche in molti altri centri della Barbagia e dell'Ogliastra. A Fonni, a mille metri d'altitudine, la situazione più critica: la neve ha raggiunto i 50 centimetri. "Siamo in piena emergenza - ha spiegato l'assessore comunale dei Lavori Pubblici, Mario Piras -. I nostri mezzi stanno lavorando dalle cinque di questa mattina per liberare le strade, ma è stato azzerato tutto il lavoro dalle intense precipitazioni che hanno ripreso alle sette. Abbiamo allertato la Protezione civile e l'Agenzia Forestas che ci hanno messo a disposizione operai e mezzi. Ora stiamo cercando di liberare le strade più importanti ma non è facile visto le continue nevicate che secondo le previsioni andranno avanti per tutta la giornata". Gli spazzaneve della Provincia sono al lavoro da questa mattina. Mezzi dell'Anas anche sulla statale 389 Nuoro-Lanusei, sulla statale 131 Dcn, ad Abbasanta ma anche a Lanusei e in Baronia. Su molte strade necessarie catene o gomme termiche. (ANSA).

11:27Accordo Ppe-Alde per Tajani, Verhofstadt si ritira

(ANSA) - STRASBURGO, 17 GEN - I gruppi Ppe e Alde al Parlamento europeo hanno siglato un accordo di cooperazione che di fatto spinge Antonio Tajani verso la presidenza dell'eurocamera. Il candidato liberale dell'Alde Guy Verhofstadt ha ritirato la sua candidatura.

11:14Media Gb, May pronta ad annunciare una ‘hard Brexit’

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - Una "hard" Brexit su posizioni molto nette. E' quella che è pronta ad annunciare, secondo i media del Regno Unito, la premier britannica Theresa May nel suo atteso discorso di oggi sul piano che Londra intende adottare nei negoziati con Bruxelles. E appare ormai inevitabile, come sottolinea il Guardian, la rinuncia della Gran Bretagna al suo accesso al mercato unico europeo per poter dare priorità al controllo sull'immigrazione. Il piano prevede in tutto 12 punti negoziali e uno fra i più importanti è proprio il rafforzamento del controllo delle frontiere per limitare gli ingressi anche dai Paesi Ue. May quindi si accinge a rifiutare uno status di adesione "parziale" al club dei 28 per il Regno Unito, sottolineando che il Paese vuole restare in ottimi rapporti coi singoli Stati e commerciare con loro "nel modo più libero possibile".

11:10Siria: Lavrov, giusto invitare Usa e Onu ad Astana

(ANSA) - MOSCA, 17 GEN - Mosca ritiene opportuno invitare ai colloqui di Astana sul conflitto siriano i rappresentanti dell'amministrazione americana entrante e dell'Onu: lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov. Rispondendo alla domanda di un giornalista durante la sua conferenza stampa annuale, Lavrov ha inoltre affermato che "solo i siriani stessi possono decidere sulla federalizzazione della repubblica araba".

11:02Maltempo: bora a 140 kmh a Trieste, chiuse due strade

(ANSA) - TRIESTE, 17 GEN - Disagi a Trieste per le forti raffiche di bora che dalla scorsa notte spazzano la città con raffiche che hanno raggiunto i 140 kmh. Due strade sono state chiuse al traffico in mattinata a causa - si apprende dal Comune - della caduta di un albero (via Ponziana, all'altezza di via Battera) e della caduta di intonaci che hanno danneggiato alcune auto (via Foscolo, fra via Canova e via Rossetti). Decine le richieste di intervento ai vigili del fuoco per cornicioni pericolanti, grossi rami spezzati, cassonetti spostati dal vento, motorini e tavoli "abbattuti" dalla bora, anche nella centrale piazza Unità d'Italia. Confermata dal Comune la chiusura, disposta già ieri in via precauzionale, di numerosi giardini pubblici. Regolare - si apprende dalla Capitaneria di Porto - il traffico delle navi in porto. La bora - secondo le previsioni Osmer e Arpa - soffierà con intensità per tutta la giornata di oggi e anche domani; comincerà ad attenuarsi a partire da giovedì. (ANSA).

11:01Rapine a sale slot e aree servizio, 9 arresti a Padova

(ANSA)- PADOVA, 17 GEN - Nove persone sono state arrestate nell' ambito di un'inchiesta della procura di Padova su furti e rapine compiute nell'autunno 2015. Gli indagati sono stati raggiunti da un provvedimento restrittivo eseguito dai carabinieri. Le accuse, sono a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio e rapine. Una donna, invece, è destinataria della misura cautelare dell'obbligo di dimora. L'indagine, denominata convenzionalmente "Gitane Slot", ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale caratterizzato da una struttura ben organizzata che operava in più province venete, costituito da più persone impiegate nella commissione dei furti e rapine, oltre da altre che ricoprivano funzioni di collegamento e logistiche. L'attività investigativa ha consentito di scoprire gli autori di 13 rapine tra sale slot, supermercati ed aree di servizio, ma anche del furto e della ricettazione di 11 auto, utilizzate per commettere le rapine. (ANSA).

11:01Criminalità: 16 arresti per assalti ai bancomat

(ANSA) - TREVISO, 17 GEN - Sedici persone sono state raggiunte da una misura di custodia cautelare al termine di un'inchiesta della procura di Treviso sugli assalti a bancomat. Si tratta di 15 misure in carcere e di un obbligo di dimora. I provvedimenti sono stati eseguiti tra le province di Treviso, Padova, Vicenza, Verona, e Venezia dai carabinieri con il supporto del 4/o Battaglione "Veneto", del nucleo cinofili di Torreglia (Padova) e del 14/o Nucleo elicotteri. Gli indagati farebbero parte di due differenti associazioni criminali dedite agli assalti ai bancomat responsabili di almeno 35 episodi in Veneto e Lombardia. I destinatari delle misure sono gli stessi già arrestati il 29 settembre 2016 e successivamente rimessi in libertà a seguito di sentenza del tribunale del riesame di Venezia.

Archivio Ultima ora