Burkina Faso: inferno Al Qaida, vendetta contro la Francia

Pubblicato il 16 gennaio 2016 da redazione

Burkina Faso forces take up positions outside the Splendid Hotel in Ouagadougou, Burkina Faso, 16 January 2016. According to media reports at least 23 people from 18 nationalities have been killed after Islamist militants attacked The Splendid Hotel frequented by many westeners in Burkina Faso. A joint operation by French and Burkina Faso forces freed many hostages. Al-Qaeda in the Islamic Maghreb (AQIM) has claimed responsibility.  EPA/AHMED YEMPABOU

Burkina Faso forces take up positions outside the Splendid Hotel in Ouagadougou, Burkina Faso, 16 January 2016. According to media reports at least 23 people from 18 nationalities have been killed after Islamist militants attacked The Splendid Hotel frequented by many westeners in Burkina Faso. A joint operation by French and Burkina Faso forces freed many hostages. Al-Qaeda in the Islamic Maghreb (AQIM) has claimed responsibility. EPA/AHMED YEMPABOU

ROMA. – Il terrorismo jihadista colpisce il Burkina Faso e trasforma un hotel di lusso e un ristorante per stranieri in un inferno di morte, piombo e fiamme che hanno squarciato la notte nel centro della capitale Ouagadougou per oltre 12 ore.

L’azione, partita l’altra sera e rivendicata da Al Qaida per il Maghreb Islamico (Aqmi), si è conclusa solo ieri mattina, quando l’Hotel Splendid e il vicino hotel Yibi sono stati “liberati” dalle forze speciali francesi e locali: a fronte di 126 persone – fra cui un ministro burkinabè – portate in salvo, 33 delle quali ferite, i quattro terroristi, fra i quali due donne, si sono lasciati dietro un bilancio di 23 persone trucidate di ben 18 nazionalità (almeno due delle quali francesi, secondo Parigi, e sei canadesi secondo il premier Justin Trudeau) prima di venire abbattuti uno ad uno.

L’ultimo dei terroristi, che si era asserragliato allo Yibi, è stato ucciso dai militari francesi a mattinata inoltrata. Ed è stata proprio la massiccia presenza militare francese nel Sahel a indirizzare la mano dell’Aqmi: “Una vendetta contro la Francia e i miscredenti occidentali”, ha dichiarato il ramo nordafricano di Al Qaida, captato dal Site, che ha precisato che l’assalto è stato compiuto da “combattenti del battaglione Morabitoun” (le Sentinelle) facente capo a Moktar Belmoktar, già autore dell’assalto all’impianto del gas in Algeria e lo stesso che a novembre, in un’impresa simile pochi giorni dopo l’azione dell’Isis a Parigi, compì un analogo massacro all’hotel Radisson Blu di Bamako, nel vicino Mali: bilancio 20 morti.

Un gesto compiuto in coordinamento con l’Aqmi e con il quale ha siglato la riconciliazione, dopo le voci che davano Belmoktar in fuga verso i “rivali” dell’Isis. Mali e Burkina Faso sono partner nel cosiddetto Gruppo G5 per il Sahel, insieme a Mauritania, Ciad e Niger: alleanza regionale contro le formazioni jihadiste, che non hanno confini.

Inoltre, Ouagadougou, insieme agli altri 4 membri, prende parte all’operazione ‘Barkhane’, promossa dalla Francia ed erede di ‘Serval’, nel Mali. Vi prendono parte dal 2014 3.000 militari francesi ma, a differenza della ‘Serval’, si estende anche ai Paesi vicini, Burkina Faso compreso.

E i soldati francesi stanziati nella guerra alla jihad del deserto prediligevano l’albergo e il bar. La “vendetta” qaedista è scattata alle 19.30 locali, quando i ristoranti erano pieni di stranieri, uomini d’affari, addetti Onu, turisti, ma anche persone locali: l’irruzione del commando di tre-quattro persone armate con il volto mascherato al grido di “Allahu akhbar!” nel caffè-ristorante di stile occidentale ‘Cappuccino’; le raffiche fra i tavoli e l’accanimento con spari a bruciapelo contro le persone a terra.

Contemporaneamente uno dei terroristi dà fuoco alle auto parcheggiate davanti al ristorante e all’adiacente hotel di lusso a 4 stelle Splendid. I terroristi – fra essi una donna nera con le treccine lunghe, due arabi e forse un tuareg – spargono liquido infiammabile nel ristorante e gli danno fuoco, sparando poi a quanti cercano di fuggire. Poi si asserragliano nell’albergo e ripetono il copione dopo aver mandato in frantumi a raffiche la vetrata d’ingresso.

Ma un hotel di quattro piani e 147 camere è difficile da controllare in tre o quattro, e molte persone si nascondono o riescono a fuggire dalle finestre o dalle uscite secondarie. “E’ terribile, la gente era distesa a terra e c’era sangue dappertutto. E loro sparavano a bruciapelo”, racconta a Le Monde Yannick Sawadogo, un sopravissuto.

“Li sentivamo parlare mentre passavano fra le persone e sparavamo a quelle che non erano morte. Quando poi sono usciti hanno incendiato tutto. Molti ne hanno allora approfittato per uscire dalle finestre rotte”. “Non riuscivamo più a respirare. Il soffitto lentamente scendeva e le fiamme iniziavano a ustionarci. Alcune persone sono fuggite, ma all’uscita i terroristi li hanno abbattuti”.

Bangou, il suo amico Roland e alcuni altri, sono riusciti a fuggire rompendo un vetro e si sono rifugiati dietro un gruppo elettrogeno, qualche strada più in là. Bangou ha descritto i terroristi come all’apparenza “bambini” con armi “troppo pesanti per loro”.

Dieci i cadaveri raccolti dal ristorante Cappuccino, almeno 13 – ma potrebbero essercene di più – nell’hotel Splendid. Ma a molte ore dalla conclusione ufficiale dell’azione delle forze speciali, non è dato ancora conoscere la nazionalità di morti, feriti, salvati, anche se la Francia ha già dichiarato che due vittime sono suoi cittadini.

La Farnesina sta verificando e ha invitato gli italiani a “evitare ogni spostamento e rimanere nelle proprie abitazioni” a Ouagadougou. Nelle stesse ore nel nord del Burkina Faso, a Djibo, capoluogo della provincia settentrionale di Soum, è stata rapita una coppia di anziani volontari australiani – un medico e sua moglie – che viveva e lavorava lì dal 1972.

Anche qui, la mano appare essere quella di Al Qaida: al network fondato da Osama bin Laden fa infatti parte il gruppo jihadista maliano Ansar Dine, un cui dirigente ha rivendicato il rapimento, compiuto, vi si afferma, da combattenti dell’ “Emirato del Sahara”.

(di Fabio Govoni/ANSA)

Ultima ora

18:10Rally Italia Talent: il sogno diventa realtà

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il sogno diventa realtà per i vincitori dell'edizione 2017 del Rally Italia Talent. Per Samuele Pirotto, 18 anni studente di Pallare (SV) e Emanuela Revello, 21 anni studentessa di Genova, è ormai ora di partecipare al Rally d'Italia Sardegna (8/11 giugno), gara italiana valida per il Campionato del Mondo con una Abarth 500 R3T con i colori ufficiali Abarth. I 2 giovanissimi alla loro prima esperienza in assoluto in un rally saranno seguiti passo per passo da 2 Tutor d'eccezione: Giandomenico Basso, Campione Italiano Rally in carica, e Simone Scattolin navigatore nel mondiale di Lorenzo Bertelli che non sarà presente quest'anno in terra sarda. "L'emozione sta aumentando giorno dopo giorno - ha ammesso Pirotto - ed è davvero difficile da spiegare perché non mi sembra ancora vero. A 18 anni appena compiuti non è una cosa che succede tutti i giorni e questo grazie a Aci Sport, Abarth e in particolare a Aci Rally Italia Talent che ha permesso a me e Emanuela di realizzare questo fantastico sogno''.

18:00Calcio: Totti in diretta tv ‘e chi dorme stanotte…’

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "La gente non dormirà in vista della partita di domani? E che io dormo?...". Questa la battuta con cui Francesco Totti si congeda da Sky Sport24 dopo aver fatto un'incursione durante un collegamento in diretta da Trigoria. La gara in programma all'Olimpico col Genoa chiuderà la stagione della Roma e, contemporaneamente, farà calare il sipario sulla carriera in maglia giallorossa del n.10.

17:59“Cannabis legale”, sfila a Roma la Million marijuana march

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Al grido di 'Cannabis legale', un fiume colorato di persone, accompagnato da musica rigorosamente reggae che pompa musica da sette carri, è partito per la 17/ma edizione romana della "Million Marijuana march". La 'marcia', che si svolge a maggio in oltre 400 città del mondo, ha l'obiettivo di "chiedere la fine di ogni persecuzione (sociale, penale ed amministrativa) nei confronti dei semplici assuntori, l'accesso incondizionato all'utilizzo terapeutico da parte dei pazienti che intendono sperimentare le proprietà benefiche della cannabis e la riappropriazione del diritto per tutti e tutte di poter legittimamente coltivare una pianta che appartiene al patrimonio genetico dell'umanità", spiegano gli organizzatori. Il corteo, formato soprattutto da giovani, è partito da Piazza della Repubblica e arriverà in piazza San Giovanni. Tra gli slogan, 'Autoproduzione unica soluzione, senza nessun monopolio niente più mafie e persecuzione!".

17:57Cade in piscina ad Arezzo, gravissimo un bambino di 5 anni

(ANSA) - AREZZO, 27 MAG - E' rimasto ferito gravemente e sarebbe in pericolo di vita un bambino di 5 anni che nel pomeriggio è caduto in acqua in piscina ad Arezzo. Secondo una prima ricostruzione, sarebbe andato in arresto cardiaco in seguito ad una congestione. I genitori hanno subito dato l'allarme. Sul posto è giunta anche la polizia. I sanitari del 118 hanno preso in carico il piccolo che è stato poi trasferito all' ospedale pediatrico Meyer di Firenze con l'elicottero. (ANSA).

17:55Operazione Gdf, 9 locali notturni Rimini sconosciuti a fisco

(ANSA) - RIMINI, 27 MAG - Locali notturni di Rimini, Riccione e Misano Adriatico sono finiti nel mirino della Guardia di finanza. Attraverso l'operazione, denominata "Black dance", nove società sono risultate completamente sconosciute al Fisco: pur realizzando profitti dall'attività gestita hanno omesso di presentare le dichiarazioni dei redditi e di versare le imposte dovute. I finanzieri del Gruppo di Rimini e della Tenenza di Cattolica sono comunque riusciti a ricostruire il reale volume d'affari attraverso una serie di riscontri effettuati attraverso la frammentata documentazione contabile acquisita e incrociando i dati forniti dalla Siae sulle attività di intrattenimento, alla stessa dichiarate dagli operatori sottoposti a verifica fiscale. Le "fiamme gialle" hanno constatato e segnalato all'Agenzia delle entrate incassi in nero per oltre 20 milioni di euro con imposte evase complessivamente (in materia di reddito e di Iva) per circa 9 milioni. Otto persone sono state denunciate per reati tributari. Sequestrati beni.

17:51Giro: Pinot vince 20/a tappa

(ANSA) - ASIAGO (VICENZA), 27 MAG - Il francese Thibaut Pinot ha vinto, dopo uno sprint ristretto, la ventesima tappa del 100/o Giro d'Italia, da Pordenone ad Asiago (Vicenza), lunga 190 chilometri. Secondo il russo Ilnur Zakarin, terzo Vincenzo Nibali, quarto Domenico Pozzovivo. Il colombiano Nairo Quintana, arrivato quinto, ha conservato la maglia rosa.

17:48Finale coppa calcio Gb, Wembley blindata

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Veicoli blindati sono stati dispiegati allo stadio di Wembley per la finale di calcio di stasera della FA cup (la Coppa inglese) tra Arsenal e Chelsea. Lo ha annunciato la polizia. "Stiamo lavorando a stretto contatto con la Football Association per fare in modo che questo appuntamento si svolga senza incidenti", ha detto il sergente Jon Williams. "L'obiettivo è la sicurezza dei tifosi. Chiunque verrà allo stadio vedrà un aumento delle forze dell'ordine dentro e fuori lo stadio. Questo include anche moltissimi agenti armati e veicoli blindati della polizia", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora