Burkina Faso: inferno Al Qaida, vendetta contro la Francia

Pubblicato il 16 gennaio 2016 da redazione

Burkina Faso forces take up positions outside the Splendid Hotel in Ouagadougou, Burkina Faso, 16 January 2016. According to media reports at least 23 people from 18 nationalities have been killed after Islamist militants attacked The Splendid Hotel frequented by many westeners in Burkina Faso. A joint operation by French and Burkina Faso forces freed many hostages. Al-Qaeda in the Islamic Maghreb (AQIM) has claimed responsibility.  EPA/AHMED YEMPABOU

Burkina Faso forces take up positions outside the Splendid Hotel in Ouagadougou, Burkina Faso, 16 January 2016. According to media reports at least 23 people from 18 nationalities have been killed after Islamist militants attacked The Splendid Hotel frequented by many westeners in Burkina Faso. A joint operation by French and Burkina Faso forces freed many hostages. Al-Qaeda in the Islamic Maghreb (AQIM) has claimed responsibility. EPA/AHMED YEMPABOU

ROMA. – Il terrorismo jihadista colpisce il Burkina Faso e trasforma un hotel di lusso e un ristorante per stranieri in un inferno di morte, piombo e fiamme che hanno squarciato la notte nel centro della capitale Ouagadougou per oltre 12 ore.

L’azione, partita l’altra sera e rivendicata da Al Qaida per il Maghreb Islamico (Aqmi), si è conclusa solo ieri mattina, quando l’Hotel Splendid e il vicino hotel Yibi sono stati “liberati” dalle forze speciali francesi e locali: a fronte di 126 persone – fra cui un ministro burkinabè – portate in salvo, 33 delle quali ferite, i quattro terroristi, fra i quali due donne, si sono lasciati dietro un bilancio di 23 persone trucidate di ben 18 nazionalità (almeno due delle quali francesi, secondo Parigi, e sei canadesi secondo il premier Justin Trudeau) prima di venire abbattuti uno ad uno.

L’ultimo dei terroristi, che si era asserragliato allo Yibi, è stato ucciso dai militari francesi a mattinata inoltrata. Ed è stata proprio la massiccia presenza militare francese nel Sahel a indirizzare la mano dell’Aqmi: “Una vendetta contro la Francia e i miscredenti occidentali”, ha dichiarato il ramo nordafricano di Al Qaida, captato dal Site, che ha precisato che l’assalto è stato compiuto da “combattenti del battaglione Morabitoun” (le Sentinelle) facente capo a Moktar Belmoktar, già autore dell’assalto all’impianto del gas in Algeria e lo stesso che a novembre, in un’impresa simile pochi giorni dopo l’azione dell’Isis a Parigi, compì un analogo massacro all’hotel Radisson Blu di Bamako, nel vicino Mali: bilancio 20 morti.

Un gesto compiuto in coordinamento con l’Aqmi e con il quale ha siglato la riconciliazione, dopo le voci che davano Belmoktar in fuga verso i “rivali” dell’Isis. Mali e Burkina Faso sono partner nel cosiddetto Gruppo G5 per il Sahel, insieme a Mauritania, Ciad e Niger: alleanza regionale contro le formazioni jihadiste, che non hanno confini.

Inoltre, Ouagadougou, insieme agli altri 4 membri, prende parte all’operazione ‘Barkhane’, promossa dalla Francia ed erede di ‘Serval’, nel Mali. Vi prendono parte dal 2014 3.000 militari francesi ma, a differenza della ‘Serval’, si estende anche ai Paesi vicini, Burkina Faso compreso.

E i soldati francesi stanziati nella guerra alla jihad del deserto prediligevano l’albergo e il bar. La “vendetta” qaedista è scattata alle 19.30 locali, quando i ristoranti erano pieni di stranieri, uomini d’affari, addetti Onu, turisti, ma anche persone locali: l’irruzione del commando di tre-quattro persone armate con il volto mascherato al grido di “Allahu akhbar!” nel caffè-ristorante di stile occidentale ‘Cappuccino’; le raffiche fra i tavoli e l’accanimento con spari a bruciapelo contro le persone a terra.

Contemporaneamente uno dei terroristi dà fuoco alle auto parcheggiate davanti al ristorante e all’adiacente hotel di lusso a 4 stelle Splendid. I terroristi – fra essi una donna nera con le treccine lunghe, due arabi e forse un tuareg – spargono liquido infiammabile nel ristorante e gli danno fuoco, sparando poi a quanti cercano di fuggire. Poi si asserragliano nell’albergo e ripetono il copione dopo aver mandato in frantumi a raffiche la vetrata d’ingresso.

Ma un hotel di quattro piani e 147 camere è difficile da controllare in tre o quattro, e molte persone si nascondono o riescono a fuggire dalle finestre o dalle uscite secondarie. “E’ terribile, la gente era distesa a terra e c’era sangue dappertutto. E loro sparavano a bruciapelo”, racconta a Le Monde Yannick Sawadogo, un sopravissuto.

“Li sentivamo parlare mentre passavano fra le persone e sparavamo a quelle che non erano morte. Quando poi sono usciti hanno incendiato tutto. Molti ne hanno allora approfittato per uscire dalle finestre rotte”. “Non riuscivamo più a respirare. Il soffitto lentamente scendeva e le fiamme iniziavano a ustionarci. Alcune persone sono fuggite, ma all’uscita i terroristi li hanno abbattuti”.

Bangou, il suo amico Roland e alcuni altri, sono riusciti a fuggire rompendo un vetro e si sono rifugiati dietro un gruppo elettrogeno, qualche strada più in là. Bangou ha descritto i terroristi come all’apparenza “bambini” con armi “troppo pesanti per loro”.

Dieci i cadaveri raccolti dal ristorante Cappuccino, almeno 13 – ma potrebbero essercene di più – nell’hotel Splendid. Ma a molte ore dalla conclusione ufficiale dell’azione delle forze speciali, non è dato ancora conoscere la nazionalità di morti, feriti, salvati, anche se la Francia ha già dichiarato che due vittime sono suoi cittadini.

La Farnesina sta verificando e ha invitato gli italiani a “evitare ogni spostamento e rimanere nelle proprie abitazioni” a Ouagadougou. Nelle stesse ore nel nord del Burkina Faso, a Djibo, capoluogo della provincia settentrionale di Soum, è stata rapita una coppia di anziani volontari australiani – un medico e sua moglie – che viveva e lavorava lì dal 1972.

Anche qui, la mano appare essere quella di Al Qaida: al network fondato da Osama bin Laden fa infatti parte il gruppo jihadista maliano Ansar Dine, un cui dirigente ha rivendicato il rapimento, compiuto, vi si afferma, da combattenti dell’ “Emirato del Sahara”.

(di Fabio Govoni/ANSA)

Ultima ora

19:39Usa: Obama sbanca su Twitter, oltre 83 mln seguaci

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Barack Obama sbanca su Twitter. L'ex presidente, con il suo account personale @barackobama, ha infatti superato gli 83 milioni di seguaci. Secondo TwitterCounter, attualmente Obama è terzo al mondo per numero di seguaci al pari di Taylor Swift e dopo Katy Perry e Justin Bieber. @barackobama è stato creato nel 2007 e negli anni si è assestato intorno agli ottanta milioni di 'follower', tuttavia il balzo in avanti si è avuto proprio dopo l'addio alla Casa Bianca e il passaggio di testimone a Donald Trump. L'attuale presidente Donald Trump, con il suo account privato, ha attualmente quasi 23 milioni di seguaci. E' 59mo nella classifica mondiale tra Kourtney Kardashian, modella e sorella minore di Kim Kardashian, e la Nasa, l'agenzia spaziale americana.

19:36Francia: primarie della gauche, sale la tensione

(ANSA) - PARIGI, 24 GEN - Sale la tensione e volano accuse pesanti fra Manuel Valls e Benoit Hamon, i due candidati socialisti che domenica si sfidano al ballottaggio delle primarie per le presidenziali. I toni fra Hamon (36% al primo turno), esponente dell'ala sinistra del partito, e l'ex premier (31%) sono apparsi durissimi fin da domenica sera, quando Valls ha parlato di scelta fra "promesse irrealizzabili" e "sinistra credibile". Oggi, l'ex premier ha accusato Hamon di "ambiguità" sul tema, delicatissimo in Francia, della laicità e dei rapporti con l'Islam. Valls commentava un filmato in cui Hamon minimizzava il fenomeno di alcuni caffè nella banlieue di Parigi in cui le donne non vengono fatte entrare. Un ministro del governo, che ha voluto rimanere anonimo ma è stato citato da Liberation, ha parlato di Hamon come del "candidato dei Fratelli musulmani". "E' deliberatamente offensivo - ha replicato Hamon - bisogna smetterla. Io lotto contro l'islamismo radicale, al contrario di chi dà solo lezioni".

19:28Violenza sessuale: 30enne arrestato dopo denuncia convivente

(ANSA) - RIMINI, 24 GEN - Un 30 enne di Santarcangelo è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Rimini, in esecuzione di un ordine di custodia in carcere del Gip per maltrattamenti in famiglia aggravati reiterati e violenza sessuale nei confronti della convivente, una ragazza straniera, madre di una bambina di 6 anni. Il 19 gennaio la vittima ha avuto il coraggio di chiamare il 112, per l'ennesimo animato dissidio in casa: i carabinieri sono intervenuti per placare gli animi, sorprendendo l'uomo anche con una coltivazione di marijuana in casa, oltre ad altro stupefacente trovato nell'abitazione. Venne arrestato. Proprio l'arresto del convivente ha indotto la donna a denunciare, in lacrime, le malefatte della quale era stata vittima, dal settembre del 2016. Era stata minacciata e percossa numerose volte dal convivente, che solitamente agiva sotto l'effetto di sostante stupefacenti e alcoliche, anche in presenza della figlia. La donna sarebbe stata anche costretta a subire atti sessuali.(ANSA).

19:24Province: tagli Sardegna, pressing su Decaro per no a intesa

(ANSA) - CAGLIARI, 24 GEN - L'Anci nazionale dia parere contrario all'intesa, in sede di Conferenza unificata, sul decreto del presidente del Consiglio dei ministri se verrà confermata l'esclusione della Sardegna dai fondi per le Province e le città metropolitane. Lo chiede il presidente dell'associazione dei Comuni sardi, Pier Sandro Scano, in una lettera ad Antonio Decaro. La bozza finora circolata esclude dalla ripartizione delle risorse sia la Sicilia che la Sardegna: per i sardi uno 'scippo' di quasi 70 milioni che rischia di mandare all'aria i bilanci di Sassari, Nuoro, Oristano e Sud Sardegna. La Regione è sul piede di guerra e ha già annunciato - in accordo con Anci e Cal - di essere pronta a presentare un ricorso alla Corte Costituzionale contro il decreto. Nella lettera Scano sottolinea la "evidente disparità di trattamento che il Governo vuole riservare agli enti locali della Sardegna in seguito all'approvazione della legge di bilancio per il 2017 e, soprattutto, per quanto riguarda il fondo per il finanziamento di intervento a favore degli enti territoriali. Considerato che, anche e soprattutto gli enti locali della Sardegna stanno concorrendo al risanamento della finanza pubblica attraverso l'applicazione delle norme statali che negli anni hanno comportato tagli pesanti ai bilanci delle province e dei comuni, non si capisce - ribadisce il numero uno dell'Anci regionale - la ragione della esclusione dalla ripartizione. Sarebbero, infatti, con quelle siciliane, le uniche chiamate a partecipare al contenimento della spesa pubblica". (ANSA).

19:22Comuni: sindaca Brindisi rassegna dimissioni dopo crisi

(ANSA) - BRINDISI, 24 GEN - La sindaca di Brindisi, Angela Carluccio, ha consegnato alle 16.30 la lettera di dimissioni nelle mani del segretario generale del Comune, "con la volontà di ripartire con un progetto politico condiviso con la propria maggioranza e allargato a quanti vogliano lavorare per il bene della città" si legge in una nota diffusa dal portavoce del sindaco. La decisione è stata ufficializzata mezz'ora prima di un appuntamento, fissato dinanzi ad un notaio della città, nel corso del quale 17 consiglieri (la maggioranza del Consiglio), che hanno già sottoscritto una mozione di sfiducia, intendono formalizzare la rinuncia alla carica facendo di fatto cadere l'amministrazione comunale. Carluccio era stata eletta lo scorso giugno dopo lo scioglimento anticipato del Consiglio comunale per l'arresto dell'allora sindaco Mimmo Consales per corruzione.

19:21Regeni: Alfano lo ricorda, domani un minuto di silenzio

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - In occasione dell'anniversario della scomparsa di Giulio Regeni "domani promuoveremo, come Farnesina, alcune iniziative dal valore simbolico" e verrà osservato "un minuto di silenzio da tutto il personale dell'ambasciata" italiana al Cairo. A ricordare la figura del ricercatore italiano, ucciso in Egitto, è stato il ministro degli Esteri Angelino Alfano, oggi al Senato per parlare del Venezuela, sollecitato in questo da una mozione presentata dal presidente della commissione Esteri Pier Ferdinando Casini.

19:18Cuffaro si laurea in giurisprudenza alla ‘Sapienza’ di Roma

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - Salvatore Cuffaro, l'ex presidente della Regione condannato a sette anni per favoreggiamento aggravato alla mafia e tornato in libertà un anno fa dopo avere scontato la pena, domani si laureerà in giurisprudenza, alla 'Sapienza' a Roma con una tesi dal titolo "Contrasto al sovraffollamento carcerario tra Costituzione e Convenzione europea", relatore il professore Giorgio Spangher. Sul frontespizio della tesi, due dediche: "A mio padre la cui ascesa al cielo è avvenuta senza che il carcere mi abbia consentito di essere presente". E ancora: "Ai detenuti 'fine pena mai' che hanno scelto di morire una sola volta piuttosto che morire ogni giorno". "Ho avuto quasi tutti trenta e trenta e lode - racconta l'ex Governatore - ho ricevuto esperienze fortissime dall'esperienza madre: quella della detenzione. Non dimenticherò l'esame col professor Oliviero Diliberto, già ministro della Giustizia. Mi ha guardato a lungo e mi ha abbracciato. Ci siamo commossi".

Archivio Ultima ora