Juve show per la decima, a Udine basta un tempo

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

Juventus forward Paulo Dybala exults after scoring the goal of 0-1 during the Italian serie A soccer match Udinese-Juventus at Friuli Stadium, Udine, 17 January 2016. ANSA/ STEFANO LANCIA

Juventus forward Paulo Dybala exults after scoring the goal of 0-1 during the Italian serie A soccer match Udinese-Juventus at Friuli Stadium, Udine, 17 January 2016. ANSA/ STEFANO LANCIA

UDINE. – La rincorsa continua. La Juventus stravince a Udine, trascinata da un Dybala implacabile e da un Khedira in forma strepitosa. E il poker è servito, nella giornata in cui l’Udinese avrebbe voluto festeggiare in tutt’altro modo la sua prima nel nuovo Stadio Friuli. Salgono così a dieci le vittorie consecutive raccolte dalla squadra di Allegri, rientrata prepotentemente nella lotta allo scudetto. Sorpassata l’Inter, agguanta il secondo posto in solitaria e mette il Napoli nel mirino.

Ci mette meno di mezz’ora, la Juventus, a rovinare la festa per il nuovo stadio all’Udinese. Il tempo di fare tre gol e mandare i bianconeri di casa al tappeto, prima del quarto centro di Alex Sandro, che chiude definitivamente i conti, rendendo superfluo il secondo tempo. L’Udinese resiste all’assalto della Vecchia Signora appena un quarto d’ora, tempo in cui non riesce però mai a chiamare in causa Buffon.

E’ al 15′ che si blocca la situazione. Badu stende Asamaoah pronto a scappare per vie centrali. Rocchi lo ammonisce e concede il calcio di punizione alla Juventus, in divisa bianco-rosa. Dybala dai 25 metri si rivela un cecchino. Karnezis resta a guardare, immobile, la palla che si insacca sul palo alla sua destra.

Passano 3′ e la difesa dell’Udinese si fa infilare per la seconda volta, imbambolata. Khedira è lasciato tutto solo sul secondo palo pronto a raccogliere un cross dalla destra e a incornarlo di testa. L’Udinese è allo sbando. Prova a pressare alto, senza idee e convinzione, scoprendo solo il fianco alle giocate della Juventus.

Come al 25′ quando Mandzukic si invola tutto solo in area di rigore. Danilo tenta un recupero disperato ma ottiene solo l’effetto di falciare l’attaccante avversario. L’arbitro non ha dubbi. Assegna il rigore ed estrae il rosso all’indirizzo del difensore bianconero. L’Udinese resta in dieci e Dybala dal dischetto spiazza Karnezis.

La Juventus diventa padrona assoluta del campo, capace di fare il bello e il cattivo tempo, senza fare neppure troppa fatica. E così, prima del riposo, Alex Sandro cala il poker con un gran tiro dal limite dell’area, diagonale sul palo.

Nella ripresa la gara prosegue sull’inerzia del rotondo vantaggio a favore della Juventus. La squadra di Allegri può giocare con tutta tranquillità, ai ritmi che preferisce. Khedira scatenato mette in difficoltà in più occasioni la retroguardia friulana e la Juventus dà l’impressione di poter pungere ad ogni affondo.

La debacle del primo tempo, per il passivo, per il modo in cui è maturata e per l’inferiorità numerica, non lascia scampo all’Udinese. E’ troppo pesante per vedere una reazione decisa e soprattutto efficace dei padroni di casa. Pericolosi solo alla mezz’ora con un calcio di punizione di Lodi che Buffon para con l’aiuto del palo.

(Di Elena Viotto/ANSA)

Ultima ora

11:08Migranti: Viminale, 2,8 mld euro spesa per accoglienza

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Nel Def 2017 è previsto uno stanziamento di 4,7 miliardi di euro per il fenomeno migratorio ipotizzando uno scenario di crescita dei flussi: di questa quota il 18,8% è destinata alle operazioni di soccorso, il 68% per l'accoglienza ed il 13,3% per l' assistenza sanitaria e l'istruzione. Per l'accoglienza, dunque, la spesa prevista è di 2,8 miliardi di euro, dei quali 2 miliardi sono gestiti dal Dipartimento delle Libertà civili e l'Immigrazione del ministero dell'Interno. Lo ha detto il prefetto Gerarda Pantalone, capo del Dipartimento, in audizione alla commissione Migranti. "Dei 2 miliardi che gestiamo noi - ha spiegato Pantalone - 1 miliardo e 895 milioni di euro sono destinati all'accoglienza in senso stretto: 1 miliardo e 320 milioni vanno ai centri d'accoglienza". Il prefetto ha poi fatto sapere che c'è una lista dei primi dieci Centri di permanenza per i rimpatri che dovrebbero sorgere in altrettante regioni e che nel 2017 sono stati allontanati 8.935 migranti trovati in posizione irregolare.

10:59Stoltenberg, oggi piano d’azione Nato anti-terrorismo

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Nel vertice straordinario dei leader della Nato in programma nel pomeriggio "adotteremo un piano d'azione per aumentare il contributo della Nato nella lotta contro il terrorismo" in cui l'Alleanza "è impegnata da anni". Lo ha detto il segretario generale Jens Stoltenberg sottolineando che "la più grande operazione militare dell'Alleanza è stata quella lanciata in Afghanistan in risposta diretta agli attacchi terroristici dell'11 settembre negli Stati Uniti". Dopo aver ricordato che, dopo la fine della missione di combattimento nel 2015, ora sono 13mila i soldati che partecipando alla missione di addestramento e assistenza, Stoltenberg ha affermato che in Afghanistan "non torneremo ad una missione di combattimento", ma la missione continuerà e "più avanti decideremo il livello delle truppe", di cui è stato richiesto un aumento. "Addestrare le forze locali è una delle armi migliori nella lotta contro il terrorismo" ha puntualizzato Stoltenberg, ricordando che "stiamo già addestrando le forze irachene".

10:46Manchester: media, trovato materiale per altre bombe

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia di Manchester ha trovato materiale per realizzare altri ordigni esplosivi nei raid compiuti dopo la strage all'arena. Ne dà notizia l'Independent, secondo cui potevano essere utilizzati in "attacchi imminenti". Sui media del Regno Unito l'ipotesi che circola è che l'appartamento perquisito ieri dagli agenti nel centro della città fungesse da luogo per la costruzione delle bombe.

10:19Stoltenberg, Nato avrà coordinatore anti-terrorismo

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - La Nato avrà una "nuova cellula di intelligence contro il terrorismo" che sarà creata nel quartier generale di Bruxelles ed il cui scopo è quello di "migliorare la condivisione di intelligence, comprese quelle sui foreign fighters". Inoltre sarà nominato un "coordinatore per supervisionare gli sforzi nella lotta contro il terrorismo" Lo ha annunciato il segretario generale dell'Alleanza, Jens Stoltenberg, arrivando nella sede della Nato.

10:17Stoltenberg conferma, Nato membro coalizione anti-Isis

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha confermato che nel vertice straordinario del pomeriggio i leader "concorderanno sulla partecipazione a pieno titolo nella coalizione anti-Isis". "Questo - ha specificato - manderà un forte messaggio politico di unità nella lotta contro il terrorismo e migliorerà il coordinamento all'interno della coalizione, ma questo non significa che la Nato si impegnerà in operazioni di combattimento".

10:15Manchester: E.League, United omaggiato dai “cugini” del City

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Il Manchester City omaggia via social il club cittadino tradizionalmente rivale, lo United, poco dopo la vittoria dell'Europa League da parte della squadra di Mourinho nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. Il club di Guardiola, infatti, ha pubblicato su Twitter la scritta "ACityUnited", con le parole "City" in celeste e "United" in rosso. Lo United, a sua volta, ha risposto pubblicando una foto con i suoi giocatori che sorreggono uno striscione con la frase in bianco su sfondo rosso: "Manchester - A City United".

10:12Coniugi uccisi: indagini, forse donna eliminata per vendetta

(ANSA) - SAN SEVERO (FOGGIA), 25 MAG - Nell'indagine sull'uccisione dei due coniugi compiuta ieri nella loro profumeria a San Severo "non è certo da scartare l'ipotesi che si sia trattato di una vendetta legata all'uccisione del minorenne Mario Morelli, avvenuta lo scorso anno per mano del figlio, anch'egli minorenne, delle due vittime di ieri: Nicola Salvatore e Isabella Rotondo". Ed è proprio l'uccisione della donna che farebbe propendere per la seconda ipotesi. "Se si fosse trattato - spiega il dirigente della squadra mobile della questura di Foggia, Roberto Pititto, che coordina le indagini - di un problema legato a dissidi nella criminalità locale, difficilmente avrebbero ucciso anche la donna, anche perché, non avrebbe potuto identificare i due killer visto che avevano il volto coperto da caschi integrali da motociclisti. Non avrebbe senso". "Al momento, tuttavia - rileva Pititto - non possiamo escludere nessuna ipotesi investigativa. Potrebbe anche essersi verificata una rottura degli equilibri interni alla mala locale".

Archivio Ultima ora