Juve show per la decima, a Udine basta un tempo

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

Juventus forward Paulo Dybala exults after scoring the goal of 0-1 during the Italian serie A soccer match Udinese-Juventus at Friuli Stadium, Udine, 17 January 2016. ANSA/ STEFANO LANCIA

Juventus forward Paulo Dybala exults after scoring the goal of 0-1 during the Italian serie A soccer match Udinese-Juventus at Friuli Stadium, Udine, 17 January 2016. ANSA/ STEFANO LANCIA

UDINE. – La rincorsa continua. La Juventus stravince a Udine, trascinata da un Dybala implacabile e da un Khedira in forma strepitosa. E il poker è servito, nella giornata in cui l’Udinese avrebbe voluto festeggiare in tutt’altro modo la sua prima nel nuovo Stadio Friuli. Salgono così a dieci le vittorie consecutive raccolte dalla squadra di Allegri, rientrata prepotentemente nella lotta allo scudetto. Sorpassata l’Inter, agguanta il secondo posto in solitaria e mette il Napoli nel mirino.

Ci mette meno di mezz’ora, la Juventus, a rovinare la festa per il nuovo stadio all’Udinese. Il tempo di fare tre gol e mandare i bianconeri di casa al tappeto, prima del quarto centro di Alex Sandro, che chiude definitivamente i conti, rendendo superfluo il secondo tempo. L’Udinese resiste all’assalto della Vecchia Signora appena un quarto d’ora, tempo in cui non riesce però mai a chiamare in causa Buffon.

E’ al 15′ che si blocca la situazione. Badu stende Asamaoah pronto a scappare per vie centrali. Rocchi lo ammonisce e concede il calcio di punizione alla Juventus, in divisa bianco-rosa. Dybala dai 25 metri si rivela un cecchino. Karnezis resta a guardare, immobile, la palla che si insacca sul palo alla sua destra.

Passano 3′ e la difesa dell’Udinese si fa infilare per la seconda volta, imbambolata. Khedira è lasciato tutto solo sul secondo palo pronto a raccogliere un cross dalla destra e a incornarlo di testa. L’Udinese è allo sbando. Prova a pressare alto, senza idee e convinzione, scoprendo solo il fianco alle giocate della Juventus.

Come al 25′ quando Mandzukic si invola tutto solo in area di rigore. Danilo tenta un recupero disperato ma ottiene solo l’effetto di falciare l’attaccante avversario. L’arbitro non ha dubbi. Assegna il rigore ed estrae il rosso all’indirizzo del difensore bianconero. L’Udinese resta in dieci e Dybala dal dischetto spiazza Karnezis.

La Juventus diventa padrona assoluta del campo, capace di fare il bello e il cattivo tempo, senza fare neppure troppa fatica. E così, prima del riposo, Alex Sandro cala il poker con un gran tiro dal limite dell’area, diagonale sul palo.

Nella ripresa la gara prosegue sull’inerzia del rotondo vantaggio a favore della Juventus. La squadra di Allegri può giocare con tutta tranquillità, ai ritmi che preferisce. Khedira scatenato mette in difficoltà in più occasioni la retroguardia friulana e la Juventus dà l’impressione di poter pungere ad ogni affondo.

La debacle del primo tempo, per il passivo, per il modo in cui è maturata e per l’inferiorità numerica, non lascia scampo all’Udinese. E’ troppo pesante per vedere una reazione decisa e soprattutto efficace dei padroni di casa. Pericolosi solo alla mezz’ora con un calcio di punizione di Lodi che Buffon para con l’aiuto del palo.

(Di Elena Viotto/ANSA)

Ultima ora

17:20Terremoto:Carabinieri danno rifugio in caserma a 50 abitanti

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Una cinquantina di abitanti di un Comune e di una frazione del teramano, impauriti dopo il terremoto e infreddoliti per la mancanza di energia elettrica con cui far funzionare gli impianti di riscaldamento, hanno chiesto aiuto ai Carabinieri e sono ospiti da ieri di due caserme dei militari. Le persone provengono dal Comune di Valle Castellana e dalla frazione Nerito del Comune di Crognaleto, che si trovano tra i Monti della Laga e contano in tutto meno di duemila abitanti. Alle avverse condizioni meteorologiche che in questi giorni hanno interessato la provincia con abbondanti precipitazioni nevose e che hanno comportato l'isolamento dei Comuni e l'interruzione di energia elettrica, si sono aggiunte le forti scosse di terremoto avvertite nella mattinata di ieri. Alcuni abitanti dei due centri hanno quindi chiesto aiuto ai Carabinieri, che hanno aperto le porte delle caserme per accogliere i cittadini infreddoliti, dar loro ospitalità e un pasto caldo.

16:47Inchiesta canili: Raggi indagata, chiesta archiviazione

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La Procura di Roma ha chiesto l'archiviazione della posizione di Virginia Raggi nell'inchiesta sui canili scaturita da una denuncia del Partito Animalista Europeo. Nell'indagine, si è appreso, Raggi risulta indagata per omissione in atti d'ufficio. Nell'esposto si accusava la sindaca di "non aver dato corso al bando, già vinto e assegnato con decorrenza 1 ottobre 2016, per la gestione dei canili comunali di Roma". Per il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Alberto Pioletti, secondo quanto si è appreso, non sussistono fatti penalmente rilevanti attribuibili alla sindaca sulla gestione del caso. Nell'esposto, il Partito Animalista Europeo aggiungeva che la sindaca "ha mantenuto rapporti istituzionali con l'ex gestore privato Avcpp che da maggio 2016 occupa abusivamente le strutture comunali impedendo con la forza fisica l'insediamento degli affidatari vincitori del bando pubblico".

16:33Trump:via a celebrazioni, omaggio a Arlington, poi benvenuto

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - Le celebrazioni dell'inauguration day, che culmineranno domani con il giuramento di Donald Trump a Capitol Hill e la successiva parata sino alla Casa Bianca, si aprono ufficialmente oggi alle 15 (le 21 in Italia) al cimitero di Arlington con la deposizione di una corona di fiori ai caduti da parte del presidente eletto e del suo vice Mike Pence. Una cerimonia privata alla quale seguira' un'ora dopo la celebrazione di benvenuto 'Make American Great again' (lo slogan della campagna di Trump) al Lincoln Memorial, con un concerto nel quale si esibiranno Toby Keith, 3 Doors Down ed altri gruppi. E' prevista un'apparizione del tycoon. Alle 19.30 (01.30 in Italia) Trump e Pence dovrebbero farsi vedere con i loro familiari ad una serata di gala organizzata da 'Great America Alliance", uno dei principali superPac (comitati elettorali privati che raccolgono fondi) che ha sostenuto il magnate nella corsa alla Casa Bianca.

16:30Russia: migliaia fedeli celebrano Epifania in acque gelate

(ANSA) - MOSCA, 19 GEN - Diverse migliaia di russi hanno celebrato anche quest'anno l'Epifania ortodossa sfidando il rigido inverno e immergendosi nelle acque gelate di laghi e fiumi per ricordare il battesimo di Cristo nel fiume Giordano. Su laghi e fiumi ghiacciati i credenti creano di solito un buco a forma di croce per potersi bagnare.

16:21Migranti: finti certificati in cambio denaro, arrestata

(ANSA) - CUNEO, 19 GEN - Un'insegnante cuneese è agli arresti domiciliari per aver falsificato certificati di lingua italiana per stranieri. La donna, docente in una scuola primaria, è indagata per reati previsti dal Testo Unico sull'immigrazione e per falso ideologico. Avrebbe falsificato 110 documenti per consentire ad altrettanti stranieri, indiani e cinesi, di ottenere il permesso di soggiorno a lungo termine. Gli attestati costavano dai 250 ai 300 euro. Sono indagati anche tre intermediari: due indiani residenti a Savigliano e Pavia e un italiano di Torino. Le indagini della polizia sono partite a giugno da un'anomalia riscontrata nell'Ufficio Stranieri della Questura di Cuneo: un indiano, che non parlava italiano, ha presentato il certificato di conoscenza della lingua. L'uomo ha ammesso di non aver frequentato alcun corso e di aver pagato l'insegnante per ottenere l'attestato. (ANSA).

16:20Hotel Rigopiano: dispersa famiglia di Osimo

(ANSA) - OSIMO (ANCONA), 19 GEN - C'è anche un famiglia di tre persone di Osimo tra i dispersi dell'Hotel Rigopiano, in Abruzzo: la madre è una commerciante, il marito un poliziotto, con il loro bimbo di 7 anni. Lo ha confermato il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni. Tra i dispersi c'è anche una coppia marchigiana, di Castignano (Ascoli Piceno).

16:12Giornata memoria: a Milano prima pietra inciampo per ricordo

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - È dedicata ad Alberto Segre, ucciso ad Auschwitz nel 1944, la prima delle pietre d'inciampo della città di Milano. Un sampietrino con una targa in ottone che serve a ricordare le vittime del nazifascismo. Nel mondo ne sono state sistemate oltre 50 mila. In città vengono collocate le prime sei come parte delle iniziative 'Milano è memoria' in vista della giornata della memoria del 27 gennaio. "È una cosa che Milano avrebbe dovuto fare prima, ma abbiamo iniziato a rimediare" ha commentato il sindaco Giuseppe Sala. "Non ci abbiamo pensato prima e credo che questo sia un errore comune grave. Meno male abbiamo cominciato" ha aggiunto Liliana Segre, che con il padre Alberto fu deportata ad Auschwitz. Per lei la posa di questa pietra (e delle due che verranno sistemate accanto, per ricordare i suoi nonni, anche loro morti in campo di concentramento) significa "iniziare ad avere un punto su cui fermarci visto che non ho una tomba per mio padre, che è stato assassinato per la colpa di essere nato", di essere ebreo.

Archivio Ultima ora