Roma pari e ancora fischi, Spalletti come Garcia

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

Roma's head coach Luciano Spalletti before the Italian Serie A soccer match As Roma vs Hellas Verona at Olimpico stadium in Rome, 17 January 2016.  ANSA/ ALESSANDRO DI MEO

Roma’s head coach Luciano Spalletti before the Italian Serie A soccer match As Roma vs Hellas Verona at Olimpico stadium in Rome, 17 January 2016.
ANSA/ ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Il Verona non vince mai, la Roma non vince più. Nonostante l’arrivo di Luciano Spalletti sulla panchina al posto dello svuotato Garcia, i giallorossi hanno proposto all’Olimpico una fotocopia delle deludenti prestazioni precedenti, incapaci di battere l’ultima in classifica che più volte li ha anche fatti tremare. E ancora una volta l’uscita dal campo si è svolta tra in fischi.

“Dobbiamo vincere subito, non ci sono alibi. Le altre corrono” era stato l’appello-ordine di Spalletti, ma l’1-1 conferma che non basta una sferzata psicologica per fare ripartire la Roma, balbettante in difesa, lenta nella manovra e imprecisa in attacco, dove anche oggi Dzeko si è segnalato come il re dello spreco.

Il tecnico dovrà lavorare molto per raddrizzare la barca ma domenica c’è la Juve che intanto vola e al momento il confronto appare impari. La Roma che in campionato non agguanta i tre punti dal 2-0 al Genoa del 20 dicembre contava di ritrovarsi contro i gialloblù. I tifosi, esortati a loro volta da Spalletti a tornare in massa all’Olimpico per “cominciare insieme la risalita”, non hanno risposto e gli spalti sono apparsi ancora desolatamente sgombri, la spinta alla squadra quasi inesistente.

Per cominciare, Spalletti ripristina il 4-2-3-1 della sua prima esperienza nella capitale. Rilancia in difesa Castan al fianco di Manolas, con ai lati Torosidis e Digne. La cerniera di centrocampo è composta da De Rossi e Pjanic, mentre alle spalle di Dzeko sono schierati Florenzi, Salah e Nainggolan, a sorpresa trequartista.

Nel Verona di Delneri, votato al 3-4-3, esordio per l’ex viola Rebic in attacco a fianco di Pazzini e Wszolek, un tridente che si è rivelato di difficile gestione per giallorossi.

Il primo tempo della Roma non è di quelli da ricordare e l’Olimpico, complice il clima gelido, tace dubbioso. Dopo il nulla in 15′, la prima azione pericolosa è però del Verona, con Wszolek che si invola sulla destra e impegna Szeczesny. Il ritmo dei giallorossi è compassato, niente sangue agli occhi. Dzeko lotta per aprire varchi, Salah e Florenzi corrono ma senza costrutto e la difesa sbanda.

Niente di nuovo, ma nel finale due sprazzi giallorossi cambiano il risultato e, in apparenza, le prospettive. Al 40 Dzeko da due passi coglie il palo e sugli sviluppi dell’azione De Rossi scodella di tacco un assist per Nainggolan, che non sbaglia per la sua prima rete stagionale. Al 44′ Salah di testa manda fuori di poco.

Risponde però subito il Verona a inizio ripresa, con un uno-due da brividi: prima Wszolek si libera in area e costringe Sczsesny al mezzo miracolo e al 5′ il palo salva il portiere battuto da una conclusione velenosa del croato Rebic. Al nono altro palo, questa volta della Roma, su tiro di Salah deviato da Gollini.

Il Verona, ravvivato dall’ingresso di Fares in avanti al posto di Emanuelson, agisce in contropiede e trova il pari su rigore per un dubbio atterramento di Wszolek da parte di Castan in scivolata. Pazzini colpisce la parte bassa della traversa e la palla si insacca. Nella successiva mezz’ora la Roma mantene la pressione ma Salah e Dzeko sbagliano lo sbagliabile e l’ingresso di Iago Falque non incide. Si ricomincia quindi da dove si era lasciato, un punto a partita e intanto le altre corrono.

Ultima ora

18:24Catalogna: Ue, rispettiamo Costituzione spagnola

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - "Rispettiamo l'ordine costituzionale della Spagna come facciamo con tutti gli stati membri" ed è "in seno a questo che tutte queste questioni dovranno o potranno essere affrontate". Lo ha ribadito il portavoce della Commissione Ue Margaritis Schinas sulla Catalogna. "Abbiamo già espresso più volte la posizione della Commissione" sulle questioni degli indipendentismi nazionali e, anche alla luce di un possibile ruolo di mediazione tra Madrid e Barcellona, questa "non ha che le competenze attribuitele". "La posizione risale al 2004 e passa per il rispetto del quadro costituzionale e dell'ordine giuridico di ogni stato membro".

18:21Kenya: fissate nuove elezioni al 26 ottobre

(ANSA-AP) - NAIROBI, 21 SET - La Commissione elettorale del Kenya ha annunciato di aver fissato la data per nuove elezioni presidenziali al prossimo 26 ottobre. Il primo settembre scorso la Corte Suprema del Kenya aveva fatto sapere di aver riscontrato irregolarità nelle recenti elezioni presidenziali che hanno visto la riconferma di Uhuru Kenyatta e aveva ordinato un nuovo voto entro 60 giorni. Quattro dei sei giudici della Corte suprema avevano votato in favore della petizione presentata dal principale sfidante di Kenyatta e suo storico oppositore Raila Odinga, che contestava l'esito del voto dell'8 agosto scorso, denunciando brogli. Lo stesso giorno, il presidente Uhuru Kenyatta, esprimendo il proprio "personale disappunto" ha affermato di accettare la decisione della Corte Suprema, anche se, ha affermato, "ha deciso di andare contro la volontà del popolo".

18:19Coni: Malagò, 19/12 cerimonia Collari d’Oro con Gentiloni

(ANSA) - ANCONA, 21 SET - Si terrà il 19 dicembre alla presenza del premier Paolo Gentiloni e del ministro Luca Lotti, e in diretta tv sulla Rai, la cerimonia per l'assegnazione dei Collari d'oro, la massima onorificenza del Coni, ai campioni del mondo delle stagioni passate in cui il riconoscimento non era ancora stato istituito. L'ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò, nella conferenza stampa dopo la riunione della giunta, tenutasi ad Ancona. "In quell'occasione - ha detto - inviteremo tutti i campioni del mondo di sport a squadre che non hanno avuto l'onorificenza: la nazionale di calcio del 1982 (Bearzot e Scirea saranno rappresentati da loro familiari), gli atleti della pallavolo e un atleta della pallanuoto". Nello stesso giorno è in programma la messa per gli sportivi, che ''per la prima volta, per motivi logistici, non sarà a San Pietro ma in una chiesa vicina alla nostra sede".

18:12Passa una notte bloccato nel fango, anziano salvato

(ANSA) - PIACENZA, 21 SET - Ha trascorso un giorno e una notte immobile in un canale pieno di acqua e di fango, in attesa che qualcuno lo trovasse. Si è conclusa fortunatamente nel migliore dei modi la disavventura accaduta a un anziano di Piacenza che questa mattina è stato trovato riverso in un canale di campagna vicino al San Rocco al Porto, in provincia di Lodi, a pochi chilometri da Piacenza. L'uomo, ieri mattina, a bordo della sua auto era rimasto impantanato in aperta campagna. Sceso per controllare, appena ha aperto la portiera non si è accorto del canale di fianco e vi è precipitato finendo nella melma e non più in grado di muoversi a causa della caduta. Scattate le ricerche, una pattuglia dei carabinieri, notata la sua vettura abbandonata, si è avvicinata e lo ha trovato ancora vivo. Sul posto i vigili del fuoco di Piacenza e il 118 per riportarlo in salvo. Poi il trasporto con l'ambulanza in ospedale, ma non si troverebbe in pericolo.(ANSA).

18:10Calcio: Moratti, a Inter manca giocatore fantasia

(ANSA) - MILANO - "Oggi nell'Inter non c'è un giocatore che accende la fantasia come succedeva con Recoba. E' una squadra ordinata in cui ognuno fa il suo, forse Perisic ha più classe degli altri ma non c'è un giocatore che sia sorprendente come Recoba. Io lo apprezzavo perché svegliava i miei sogni": lo dice l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, in un'intervista a Sportitalia. "Mi diverte vedere i giocatori delle altre squadre e capire quali sono interessanti. Certamente - continua l'ex patron - ci sono giocatori giovani italiani come Chiesa e come Verdi che giocano molto bene. Moratti ha parole positive per Mauro Icardi: "Ha lo stile da vero centravanti. Ha tantissime qualità anche umane, non si spaventa ed ha grandi doti umane. Infine l'ex presidente commenta l'introduzione della Var a"La considero una novità positiva. Nel 90% dei casi - spiega - la decisione che viene presa risulta corretto. Purtroppo toglie un po' di emotività ma di certo priva l'arbitro di un elemento di discussione".

18:09Trump su copertina Newsweek, ‘pazzo fuori di testa’

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - "Insane in the membrane": un pazzo fuori di testa, un cervello bacato. Newsweek dedica, con questo titolo, la copertina del suo prossimo numero a Donald Trump. Il presidente americano e' immortalato di profilo, in bianco e nero. Nel sottotitolo il magazine scrive: "Come la destra ha perso la testa, venduto la sua anima e appoggiato Donald Trump".

18:04Moto: Pernat, Rossi in pista? Non avevo dubbi

(ANSA) - GENOVA, 21 SET - "Rossi in pista? Non avevo dubbi". Carlo Pernat, il manager che ha lanciato Rossi nel Motomondiale, risponde così all'ANSA sul via libera per Valentino Rossi nel Gp di Aragon. "Tre settimane fa avevo detto che si sarebbe presentato ad Aragon: Valentino è troppo forte con la testa, senza contare che la frattura era composta e questo ha aiutato - ha spiegato Pernat -, conoscendolo ero sicuro che ci avrebbe provato. Mi ricordo un episodio simile capitato nel '92 con Alex Gramigni: venne investito a 20 giorni dalla prova del Mugello e si ruppe tibia e perone. Con il dottor Costa decidemmo di operarlo subito e alla fine corse al Mugello conquistando 6 punti. Quell'anno poi vinse il Mondiale".

Archivio Ultima ora