L’Iran chiama gli investimenti esteri, Italia è amica

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

Il ministro degli Esteri Gentiloni e il presidente delfina Rohani.

Il ministro degli Esteri Gentiloni e il presidente delfina Rohani.

TEHERAN. – Dopo l’annuncio della piena entrata in vigore dell’accordo sul nucleare, per l’Iran è il giorno per celebrare la “storica” vittoria della sua diplomazia, del nuovo “potere” conquistato sul campo in anni di negoziati. Un modello, dice il presidente Hassan Rohani, valido anche per affrontare le questioni aperte nella regione, diffusione del terrorismo dell’Isis inclusa.

Ma è anche il giorno in cui celebrare finalmente l’apertura al mondo della sua economia senza più le pastoie delle sanzioni. E per ricordare, ancora nelle parola del presidente, che anche in Europa vi sono Paesi che gli sono stati sempre amici. Come l’Italia, dice in conferenza stampa rispondendo ad una domanda dell’Ansa, Paese con cui i rapporti sono sempre stati “amichevoli”, e anche in campo economico “non vi sono mai stati ostacoli, tanto più oggi con la caduta delle sanzioni”.

Manca solo una settimana alla partenza di Rohani per l’Italia, prima tappa di quel suo primo viaggio in Europa che in novembre ha dovuto rinviare per i sanguinosi attacchi dell’Isis a Parigi. Il 25 e il 26 Rohani sarà a Roma con una delegazione politica ed economica, e sarà accolto anche in Vaticano, non tralascia lui stesso di ricordare.

Con il governo e l’imprenditoria italiana parlerà di cooperazione economica e investimenti in vari campi, dall’industria alle infrastrutture, dall’energia alla scienza. Perché è soprattutto di investimenti stranieri e di tecnologia che l’Iran del dopo-sanzioni ha bisogno, per ammodernare le sue strutture produttive e dare lavoro ai giovani, spesso molto preparati e qualificati, a cui chiede di contribuire allo sviluppo del Paese.

Anche a loro è implicitamente rivolta la nuova promessa di mantenere tutti i suoi impegni elettorali, anche quelli per maggiori libertà nei vari campi di espressione. L’andare in porto dell’accordo “ha preparato il terreno” per portare avanti il suo “difficile compito”, dice alludendo ai conflitti interni nel Paese, ma “in certe aree dobbiamo essere più veloci”.

Quanto agli investimenti stranieri, l’Iran ne ha bisogno per 30-50 miliardi di dollari l’anno, dice, per sostenere una crescita dell’8%. Richiedono però anche un “un settore privato più attivo”, che il suo governo cercherà di incoraggiare.

Ma oggi è anche il giorno della partenza dall’Iran dei prigionieri irano-americani liberati in un scambio scattato ieri proprio con l’implementazione dell’accordo sul nucleare. Almeno tre di loro – fra cui il corrispondente del Washington Post Jason Rezaian – sono atterrati a Ginevra, il quarto non sarebbe partito (ma tutti potevano farlo se lo desideravano, ha precisato il governo Usa), e un quinto era stato rilasciato ma non nell’ambito dello scambio.

Come Rohani, anche il presidente Obama parla di vittoria della “forza” della diplomazia, ma i suoi toni sono diversi, condizionati dalla decisione di varare proprio oggi le nuove sanzioni contro l’Iran per i missili balistici – a Washington, ma non a Teheran, considerati una violazione dell’accordo. E preferisce mettere l’accento sul pericolo scampato di una possibile bomba atomica iraniana.

Clima di sconfitta invece in Israele, dove amaramente si parla appunto di “vittoria iraniana”. Mentre Rohani non si risparmia una stoccata per il rivale saudita. “Ho sentito qualcuno esprimere rincrescimento per la prossima soluzione dei problemi economici dell’Iran – dice – non sono certo parole da buon musulmano”. Come non lo sono del resto, conclude, le bombe saudite che da mesi devastano il vicino e impoverito Yemen.

(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

15:13Gb: May, punire i capi che tradiscono i loro impiegati

(ANSA) - LONDRA, 21 GEN - La premier britannica Theresa May si dice pronta a punire con nuove misure, fra cui multe molto salate, i dirigenti di azienda che tradiscono i loro lavoratori. Il primo ministro ha annunciato dalle pagine del domenicale progressista Observer un giro di vite nel mondo societario dopo il collasso della Carillion, gruppo di costruzioni e colosso delle commesse pubbliche finito in bancarotta mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro. In particolare, si legge nell'intervento, verranno puniti i dirigenti che non assicurano i fondi pensioni dei loro dipendenti e invece continuano imperterriti a guadagnare dalle società in crisi. Nel caso della Carillion, il deficIt nel fondo pensione del gruppo è stato stimato in 900 milioni di sterline, circa un miliardo di euro. Le misure della May saranno contenute in un 'libro bianco' pubblicato a marzo e includono nuovi poteri per bloccare o limitare le scalate societarie che mettono a rischio i fondi pensione.

15:12Calcio: Allegri, per scudetto servono calma e grande Juve

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "La Juventus sa che per vincere lo scudetto dovrà fare grandissime cose: il Napoli ha girato a 51 punti, ma mancano ancora 18 partite, ci vuole calma". Questa la previsione di Allegri sulla corsa scudetto, con il Napoli primo con un punto di vantaggio sulla Juventus al termine del girone d'andata: "Noi abbiamo 2 punti in più dello scorso anno, stiamo facendo un cammino importante ma il Napoli sta facendo da lepre - ha aggiunto l'allenatore bianconero -, ma ci vuole calma, ad aprile arrivano gli scontri diretti. Il Napoli ha le qualità e le caratteristiche per vincere lo scudetto, ma è normale che la Juve, anche se è reduce da sei scudetti consecutivi, deve fare di tutto per vincere il settimo".

15:11Rapine in villa: quattro in azione con pistole nel Pesarese

(ANSA) - FERMIGNANO (PESARO URBINO), 21 GEN - Una banda di rapinatori ha fatto irruzione alle 2 della scorsa notte in una villa bifamiliare isolata a Fermignano, dove si trovavano cinque donne, tra cui tre adolescenti. Nella villa abitano due imprenditori del luogo, del settore zincatura, in questi giorni all'estero per lavoro. Pistole alle mano, i banditi hanno intimato alle padrone di casa di indicare dove fossero le casseforti. Spaventate, lo hanno fatto, fornendo anche la combinazione per l'apertura. Dentro c'erano oggetti preziosi e denaro per un ammontare complessivo di 30 mila euro. I banditi sono fuggiti con la refurtiva e con l'auto di famiglia, una l'Audi ritrovata dai carabinieri in fondo alla proprietà, a circa un kilometro di distanza. Dei malviventi (almeno quattro tutti armati, probabilmente dell'Est Europa) si sono perse le tracce. Le donne sono in stato di choc, ma non hanno lesioni. Sul posto i carabinieri di Fermignano e Urbino. (ANSA).

15:06Schulz all’Spd, andiamo al governo e ci rafforzeremo

(ANSA) - BERLINO, 21 GEN - "Sono convinto che la strada coraggiosa sia quella giusta. E penso che non farà male, ma rafforzerà il partito". Lo ha detto Martin Schulz, chiedendo ai delegati dell'Spd a Bonn di votare a favore delle trattative di governo per la Grosse Koalition con Angela Merkel. Un'Spd che accoglie questa sfida "non ne uscirà danneggiata, sarà di nuovo votata e potrà di nuovo vincere", ha aggiunto. "Il documento uscito dai colloqui esplorativi è un manifesto per una Germania europea", ha detto Schulz sottolineando che "lo spirito del neoliberalismo deve finire in Europa e questo possiamo ottenerlo". "Se non ce ne occupiamo noi non lo fa nessuno", ha detto.

14:39Calcio: Marino, a gennaio non si muove nessuno da Bergamo

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Gasperini per il nostro progetto il mister è imprescindibile. E' uno spettacolo vederlo lavorare e vedere i risultati che porta". Così nel prepartita di Atalanta-Napoli il dg del club orobico, Umberto Marino, che aggiunge che "lui è molto felice qui a Bergamo". Marino, parlando a 'Premium', esclude poi che qualche big atalantino possa partire a gennaio: "Siamo una grossa delusione per questo mercato - la sua battuta - perché non si muove nessuno a parte Kurtic che ringraziamo per la professionalità". Stesso discorso per il 'Papu' Gomez sul quale, si dice, potrebbe esserci il Liverpool: "Premesso che non c'è nulla ma a noi fa solo piacere se i nostri giocatori sono seguiti. Non c'è niente ma comunque il Papu e la sua famiglia sono molto felici a Bergamo e quindi credo che sarà un matrimonio che durerà ancora per molto tempo". Marino chiude anche su Giaccherini: "E' un ottimo giocatore ma la nostra rosa è completa".

14:38Maltempo: maestrale a 100km/h, stop navi Sardegna-Corsica

(ANSA) - CAGLIARI, 21 GEN - Forti disagi nei collegamenti marittimi tra la Sardegna e la penisola a causa del maestrale che soffia con raffiche intorno ai 100 chilometri all'ora. A risentirne maggiormente sono le Bocche di Bonifacio, esposte al vento da nord ovest: da questa mattina sono state sospese le tratte da Santa Teresa di Gallura alla Corsica. Ritardi invece nei traghetti provenienti dalla Penisola: la nave partita da Genova e diretta a Porto Torres, è stata dirottata a Olbia accumulando 30 minuti di ritardo. Secondo le previsioni meteo, il maestrale continuerà a spirare con forza fino a questa notte, poi domani una attenuazione, con punte massime di 70 km/h che arriveranno a 90 nel basso Campidano. Mareggiate lungo le coste esposte, con onde alte 4-5 metri. Super lavoro per i vigili del fuoco a Cagliari - dove per precauzione sono stati chiusi parchi, giardini recintati e cimiteri pubblici - e in provincia: si registrato soprattutto alberi caduti, cornicioni, pali, cartelloni e rami pericolanti, recinzioni divelte. A Villacidro la furia del vento ha strappato i pannelli in lamiera di una recinzione che sono finiti su un'auto in via Nazionale, mentre in via Guido Rossi è caduto un albero: nessuno è rimasto ferito. Sul posto carabinieri, pompieri e polizia municipale. (ANSA).

14:32Migranti: Mareamico,arrivano a Lampedusa e subito foglio via

(ANSA) - AGRIGENTO, 21 GEN - Dopo il riconoscimento formale a Lampedusa i migranti tunisini vengono accompagnati nel traghetto e inviati a Porto Empedocle dove ricevono un panino e un frutto e il foglio di via e poi vengono lasciati liberi di andare. Lo dice l'associazione Mareamico che accompagna la propria nota con un video che testimonia quanto asserito. ''Quando il loro numero diventa insostenibile per Lampedusa - dice l'associazione - e dopo il formale riconoscimento, i tunisini vengono accompagnati alla nave e inviati a Porto Empedocle. Lì arrivano in decine, gli viene dato un sacchetto contenente un panino ed un frutto e con il foglio di via in mano - valido per 7 giorni - vengono praticamente abbandonati al porto''. ''Percorrono - continua - i 15 km che li separano dalla stazione ferroviaria di Agrigento. Bivaccano li al freddo senza alcun controllo e senza alcuna assistenza per tutta la notte e all'alba prenderanno il primo treno che li condurrà a Palermo e poi in tutta l'Europa, nella loro inevitabile clandestinità''.

Archivio Ultima ora