L’Iran chiama gli investimenti esteri, Italia è amica

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

Il ministro degli Esteri Gentiloni e il presidente delfina Rohani.

Il ministro degli Esteri Gentiloni e il presidente delfina Rohani.

TEHERAN. – Dopo l’annuncio della piena entrata in vigore dell’accordo sul nucleare, per l’Iran è il giorno per celebrare la “storica” vittoria della sua diplomazia, del nuovo “potere” conquistato sul campo in anni di negoziati. Un modello, dice il presidente Hassan Rohani, valido anche per affrontare le questioni aperte nella regione, diffusione del terrorismo dell’Isis inclusa.

Ma è anche il giorno in cui celebrare finalmente l’apertura al mondo della sua economia senza più le pastoie delle sanzioni. E per ricordare, ancora nelle parola del presidente, che anche in Europa vi sono Paesi che gli sono stati sempre amici. Come l’Italia, dice in conferenza stampa rispondendo ad una domanda dell’Ansa, Paese con cui i rapporti sono sempre stati “amichevoli”, e anche in campo economico “non vi sono mai stati ostacoli, tanto più oggi con la caduta delle sanzioni”.

Manca solo una settimana alla partenza di Rohani per l’Italia, prima tappa di quel suo primo viaggio in Europa che in novembre ha dovuto rinviare per i sanguinosi attacchi dell’Isis a Parigi. Il 25 e il 26 Rohani sarà a Roma con una delegazione politica ed economica, e sarà accolto anche in Vaticano, non tralascia lui stesso di ricordare.

Con il governo e l’imprenditoria italiana parlerà di cooperazione economica e investimenti in vari campi, dall’industria alle infrastrutture, dall’energia alla scienza. Perché è soprattutto di investimenti stranieri e di tecnologia che l’Iran del dopo-sanzioni ha bisogno, per ammodernare le sue strutture produttive e dare lavoro ai giovani, spesso molto preparati e qualificati, a cui chiede di contribuire allo sviluppo del Paese.

Anche a loro è implicitamente rivolta la nuova promessa di mantenere tutti i suoi impegni elettorali, anche quelli per maggiori libertà nei vari campi di espressione. L’andare in porto dell’accordo “ha preparato il terreno” per portare avanti il suo “difficile compito”, dice alludendo ai conflitti interni nel Paese, ma “in certe aree dobbiamo essere più veloci”.

Quanto agli investimenti stranieri, l’Iran ne ha bisogno per 30-50 miliardi di dollari l’anno, dice, per sostenere una crescita dell’8%. Richiedono però anche un “un settore privato più attivo”, che il suo governo cercherà di incoraggiare.

Ma oggi è anche il giorno della partenza dall’Iran dei prigionieri irano-americani liberati in un scambio scattato ieri proprio con l’implementazione dell’accordo sul nucleare. Almeno tre di loro – fra cui il corrispondente del Washington Post Jason Rezaian – sono atterrati a Ginevra, il quarto non sarebbe partito (ma tutti potevano farlo se lo desideravano, ha precisato il governo Usa), e un quinto era stato rilasciato ma non nell’ambito dello scambio.

Come Rohani, anche il presidente Obama parla di vittoria della “forza” della diplomazia, ma i suoi toni sono diversi, condizionati dalla decisione di varare proprio oggi le nuove sanzioni contro l’Iran per i missili balistici – a Washington, ma non a Teheran, considerati una violazione dell’accordo. E preferisce mettere l’accento sul pericolo scampato di una possibile bomba atomica iraniana.

Clima di sconfitta invece in Israele, dove amaramente si parla appunto di “vittoria iraniana”. Mentre Rohani non si risparmia una stoccata per il rivale saudita. “Ho sentito qualcuno esprimere rincrescimento per la prossima soluzione dei problemi economici dell’Iran – dice – non sono certo parole da buon musulmano”. Come non lo sono del resto, conclude, le bombe saudite che da mesi devastano il vicino e impoverito Yemen.

(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

11:20Pena morte: Usa, esecuzione in Alabama, aveva ucciso agente

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Il boia colpisce in Alabama, dove è stata portata a termine l'esecuzione di Torrey Twane Mcnabb, accusato di aver ucciso un agente di polizia nel 1997. I legali di Mcnabb hanno cercato fino alla fine di sospendere l'esecuzione con iniezione letale, ma i loro sforzi sono caduti nel vuoto.

11:00Violenza sessuale su minori, fermato 50enne nel Cagliaritano

(ANSA) - CAGLIARI, 20 OTT - Pornografia minorile e violenza sessuale su minori. Sono le accuse che nella tarda sera di ieri hanno portato al fermo di un uomo di 50 anni, residente nella provincia di Cagliari. Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri del Comando provinciale di Cagliari che mantengono, di concerto con l'autorità giudiziaria, la massima riservatezza sulla vicenda visto che le presunte violenze e la pornografia minorile sarebbero avvenuta in ambito familiari. (ANSA).

11:00Incendio in abitazione a Como, morto 49enne, gravi tre figli

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Un uomo di 49 anni è morto in un incendio di un'abitazione a Como e tre dei suoi 4 figli sarebbero in gravissime condizioni. Secondo quanto si apprende, all'interno dell'appartamento sarebbe stato ritrovato materiale accatastato, che farebbe presupporre che l'incendio sia stato appiccato da qualcuno all'interno dell'abitazione. I bambini coinvolti sono 4, tre femmine e un maschio, tra i 3 e gli 11 anni. Il padre, 49 anni, di nazionalità marocchina, è morto. Le fiamme sono divampate all'ultimo piano di una palazzina, in via per San Fermo.

10:31Vertice Ue, Gentiloni ospita minivertice leader socialisti

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Minivertice dei leader socialisti del Consiglio europeo in corso nella sede della delegazione italiana. Secondo quanto si apprende, con il premier Paolo Gentiloni sono riuniti lo slovacco Robert Fico, il ceco Bohuslav Sobotka, il portoghese Antonio Costa, il maltese Joseph Muscat, l'austriaco Christian Kern e lo svedese Stefan Lofven.

10:20Minacce a dipendenti, 2 imprenditori indagati per estorsione

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 20 OTT - Due imprenditori agricoli, operanti nella Piana di Lamezia Terme, sono indagati dalla Procura della Repubblica lametina, che ha emesso nei loro confronti un'informazione di garanzia e l'avviso di conclusione indagini, per estorsione ai danni di 95 loro dipendenti. Il provvedimento è scaturito nell'ambito di una serie di controlli effettuati dagli uomini della Guardia di finanza attraverso il monitoraggio di automezzi, sopralluoghi, appostamenti, pedinamenti e riscontri cinefotografici. In particolare, i finanzieri hanno scoperto, che, nel periodo compreso tra gennaio e febbraio 2016 i due imprenditori avrebbero costretto i dipendenti, in prevalenza extracomunitari, ad accettare retribuzioni ridotte di circa un terzo rispetto a quelle risultanti in busta paga oppure non corrispondenti a quelle previste dal contratto collettivo nazionale con la minaccia del licenziamento.(ANSA).

10:18Cia, Corea nord vicina a poter colpire

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - La Corea del Nord è a "mesi di distanza dallo sviluppare le capacità di colpire l'America con un missile balistico armato di testata nucleare. A lanciare l'allarme è il direttore della Cia, Mike Pompeo, sottolineando che nell'affrontare la questione nordcoreana gli Stati Uniti devono partire dall'idea che Kim Jong Un è "sull'orlo" di essere capace di colpire gli Usa. Pompeo aggiunge: Pyongyang è "pericolosamente vicina" a poter colpire l'America.

10:15Finte associazioni sportive smascherate da Gdf a Oristano

(ANSA) - ORISTANO, 20 OTT - Bar e pizzerie spacciati per associazioni sportive dilettantistiche e associazioni di promozione sociale per beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dalle normative di settore. Il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Oristano ne ha scoperte sei per un giro d'affari quantificato in un milione e 580 mila euro, con oltre 140mila euro di Iva evasa. I risultati dell'operazione "Face off" sono stati segnalati ai competenti uffici finanziari, che ora dovranno provvedere a recuperare le imposte evase. L'attività delle Fiamme Gialle mirava a contrastare l'utilizzo distorto dello strumento associativo per salvaguardare la libertà di giusta concorrenza tra gli operatori commerciali. In sostanza, la Guardia di Finanza oristanese ha accertato che i presunti soci delle associazioni paravento erano semplicemente clienti e che nessuno di loro ha mai partecipato ad assemblee societarie o alla nomina di propri rappresentanti, e che i presidenti delle sei false associazioni erano i titolari incontrastati delle attività commerciali esercitate. (ANSA).

Archivio Ultima ora