L’Iran chiama gli investimenti esteri, Italia è amica

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

Il ministro degli Esteri Gentiloni e il presidente delfina Rohani.

Il ministro degli Esteri Gentiloni e il presidente delfina Rohani.

TEHERAN. – Dopo l’annuncio della piena entrata in vigore dell’accordo sul nucleare, per l’Iran è il giorno per celebrare la “storica” vittoria della sua diplomazia, del nuovo “potere” conquistato sul campo in anni di negoziati. Un modello, dice il presidente Hassan Rohani, valido anche per affrontare le questioni aperte nella regione, diffusione del terrorismo dell’Isis inclusa.

Ma è anche il giorno in cui celebrare finalmente l’apertura al mondo della sua economia senza più le pastoie delle sanzioni. E per ricordare, ancora nelle parola del presidente, che anche in Europa vi sono Paesi che gli sono stati sempre amici. Come l’Italia, dice in conferenza stampa rispondendo ad una domanda dell’Ansa, Paese con cui i rapporti sono sempre stati “amichevoli”, e anche in campo economico “non vi sono mai stati ostacoli, tanto più oggi con la caduta delle sanzioni”.

Manca solo una settimana alla partenza di Rohani per l’Italia, prima tappa di quel suo primo viaggio in Europa che in novembre ha dovuto rinviare per i sanguinosi attacchi dell’Isis a Parigi. Il 25 e il 26 Rohani sarà a Roma con una delegazione politica ed economica, e sarà accolto anche in Vaticano, non tralascia lui stesso di ricordare.

Con il governo e l’imprenditoria italiana parlerà di cooperazione economica e investimenti in vari campi, dall’industria alle infrastrutture, dall’energia alla scienza. Perché è soprattutto di investimenti stranieri e di tecnologia che l’Iran del dopo-sanzioni ha bisogno, per ammodernare le sue strutture produttive e dare lavoro ai giovani, spesso molto preparati e qualificati, a cui chiede di contribuire allo sviluppo del Paese.

Anche a loro è implicitamente rivolta la nuova promessa di mantenere tutti i suoi impegni elettorali, anche quelli per maggiori libertà nei vari campi di espressione. L’andare in porto dell’accordo “ha preparato il terreno” per portare avanti il suo “difficile compito”, dice alludendo ai conflitti interni nel Paese, ma “in certe aree dobbiamo essere più veloci”.

Quanto agli investimenti stranieri, l’Iran ne ha bisogno per 30-50 miliardi di dollari l’anno, dice, per sostenere una crescita dell’8%. Richiedono però anche un “un settore privato più attivo”, che il suo governo cercherà di incoraggiare.

Ma oggi è anche il giorno della partenza dall’Iran dei prigionieri irano-americani liberati in un scambio scattato ieri proprio con l’implementazione dell’accordo sul nucleare. Almeno tre di loro – fra cui il corrispondente del Washington Post Jason Rezaian – sono atterrati a Ginevra, il quarto non sarebbe partito (ma tutti potevano farlo se lo desideravano, ha precisato il governo Usa), e un quinto era stato rilasciato ma non nell’ambito dello scambio.

Come Rohani, anche il presidente Obama parla di vittoria della “forza” della diplomazia, ma i suoi toni sono diversi, condizionati dalla decisione di varare proprio oggi le nuove sanzioni contro l’Iran per i missili balistici – a Washington, ma non a Teheran, considerati una violazione dell’accordo. E preferisce mettere l’accento sul pericolo scampato di una possibile bomba atomica iraniana.

Clima di sconfitta invece in Israele, dove amaramente si parla appunto di “vittoria iraniana”. Mentre Rohani non si risparmia una stoccata per il rivale saudita. “Ho sentito qualcuno esprimere rincrescimento per la prossima soluzione dei problemi economici dell’Iran – dice – non sono certo parole da buon musulmano”. Come non lo sono del resto, conclude, le bombe saudite che da mesi devastano il vicino e impoverito Yemen.

(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

16:47Dipendenti Comune Genova “furbetti”, chieste condanne per 7

(ANSA) - GENOVA, 23 LUG - La procura di Genova ha chiesto nei giorni scorsi la condanna di sette dipendenti comunali, alcuni ancora al lavoro, accusati di truffa aggravata. Le richieste vanno da un massimo di un anno e due mesi a nove mesi. La vicenda risale al 2012 quando gli agenti della polizia municipale iniziano a indagare su un gruppo di tecnici incaricati delle manutenzioni di impianti elettrici e di riscaldamento. Secondo quanto emerso, il gruppo (difeso dagli avvocati Davide Paltrinieri e Giuseppe Pugliese) andava a fare altro durante le ore di lavoro: chi a fare la spesa, chi al mare, chi se ne stava a casa. Uno di loro, a turno, teneva il badge degli altri e timbrava per tutti secondo le accuse. Il sistema era stato scoperto grazie a pedinamenti e appostamenti davanti all'ufficio in Valbisagno. Gli investigatori avevano seguito i "furbetti" documentando tutto e Palazzo Tursi aveva licenziato due dipendenti, mentre per gli altri cinque erano state comminati soltanto alcuni mesi di sospensione.

16:44Migranti: vandalismo contro centro profughi nel Piacentino

(ANSA) - PIACENZA, 23 LUG - Atto vandalico a scopo intimidatorio la scorsa notte in un centro di accoglienza per profughi in provincia di Piacenza. Quattro persone, riprese dalle telecamere di sicurezza, si sono presentate a bordo di un fuoristrada all'ingresso della struttura di accoglienza ad Albone, nel comune di Podenzano. Nello stesso comune proprio ieri pomeriggio attivisti di destra avevano dato vita a una manifestazione di protesta contro i richiedenti asilo. I vandali hanno scardinato con le mani uno dei grossi cancelli di ferro posti all'ingresso, poi sono risaliti in auto e sono fuggiti. Uno degli ospiti della struttura se n'è accorto e ha avvertito il 112. All'arrivo dei carabinieri della Compagnia di Piacenza, che stanno indagando, la vettura sospetta con i quattro uomini era già sparita facendo perdere le tracce. (ANSA).

16:29Calcio: Chiellini “Leo mi mancherà, ma in tanti importanti”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "A livello umano mi mancherà, per il resto siamo tanti giocatori importanti e, magari, può arrivare un altro difensore che ci permetta di tirare il fiato". Reduce dall'amichevole persa contro il Barcellona negli Stati Uniti, Giorgio Chiellini non nasconde il dispiacere per l'addio di Leonardo Bonucci. "Negli ultimi sette anni ho visto più lui, insieme a Buffon e a Barzagli, di chiunque altro, famiglia compresa", ammette il difensore bianconero. Nella prima uscita stagionale, tra i bianconeri l'assenza di Bonucci si è vista tutta. E non solo per la facilità con cui nel primo tempo Neymar è andato a segno due volte. Oltre a difendere, Bonucci era infatti diventato il regista arretrato della squadra di Allegri, che ora deve affidarsi ai lanci lunghi di Buffon o agli esterni per impostare l'azione. "Eravamo cinque difensori, siamo quattro difensori di altissimo livello, con caratteristiche diverse - taglia corto Chiellini -. Quello sinceramente mi preoccupa meno".

16:05Calcio: Kolarov “Lazio il mio passato, ora è una mia rivale”

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Non posso e non voglio negare il mio passato. Però, in questo momento sono alla Roma e, come ho dato il 100% nella Lazio, adesso darò più del 100% alla Roma. La Lazio è stata una bella esperienza, però da oggi loro sono miei rivali sul campo". Si presenta così l'ex biancoceleste, Aleksandar Kolarov, da ieri nuovo rinforzo della difesa giallorossa. "Sono molto contento di essere qui - le parole del serbo - certi giocatori li conoscevo prima, gli altri invece no, ora ci sarà tutto il tempo di conoscerci meglio". Il ds Monchi, riconosce l'ex City, "è stato molto importante in questa trattativa, è stato molto chiaro con me e io molto chiaro con lui: abbiamo trovato l'accordo praticamente in due minuti". A Roma ritroverà Edin Dzeko, con cui ha giocato diversi anni a Manchester: "Io ed Edin siamo rimasti in contatto da quando lui è andato via. Ho parlato con lui della Roma e mi ma raccontato solo cose belle. Sono contento di giocarci ancora insieme. L'obiettivo è sempre quello di vincere. Darò il 100%".

16:03Ap: Alfano, ci uniremo ad altri e andremo avanti

(ANSA) - GIARDINI NAXOS (MESSINA), 23 LUG - "Difenderemo con orgoglio la storia di questi quattro anni. Ci uniremo insieme ad altri ed insieme ad altri, insieme a tutti quegli altri con cui ci siamo uniti, andremo avanti, non per il nostro bene ma per il bene di un Paese che ha bisogno di quest'area politica, di questo centro autonomo e indipendente, forte e coraggioso che noi con tutta la fatica di questi anni siamo riusciti a rappresentare e che siamo convinti di riuscire a rappresentare anche negli anni a venire". Così il leader di Ap Alfano a Giardini Naxos per la chiusura della Summer School.

16:03Ap: Alfano, in atto scontro ma non ci faremo annettere

(ANSA) - GIARDINI NAXOS (MESSINA) - "Ci attendono mesi faticosi perché tutte le aggressioni di questi mesi adesso sono arrivate all'aggressione finale perché è quella pre-elettorale. quindi nei prossimi giorni lo scontro si alzerà, ci sarà ancora maggior violenza nei nostri confronti, potremmo avere qualche altra defezione. A me di tutto questo interessa poco. Da settembre scende in campo la squadra titolare. Noi non ci piegheremo, non ci faremo sottomettere, non ci faremo annettere". Così il leader di Ap Angelino Alfano intervenendo alla Summer School a Giardini Naxos.

16:02L.elettorale: Rosato, dialogo se M5s rispetta i patti

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Noi siamo disponibili al dialogo con tutte le forze politiche. E' evidente che bisogna fare un testo condiviso da tutti. Ma soprattutto serve che ognuno mantenga i patti sottoscritti. Il movimento 5 stelle non l'ha fatto nel precedente passaggio. Se ora sono pronti a confrontarsi seriamente, per noi il tavolo è aperto". Lo afferma Ettore Rosato capogruppo del Pd alla Camera in un'intervista al Gr1 e replicando al deputato M5s Toninelli che ha chiesto, per tornare a discutere, che i Dem rivedano preferenze e voto disgiunto.

Archivio Ultima ora