A Davos le nuove emergenze: Cina, petrolio e ambiente

Pubblicato il 17 gennaio 2016 da redazione

epa04033015 Workers make the last preparations inside the Congress Center, two days before the opening of the 44th Annual Meeting of the World Economic Forum (WEF), in Davos, Switzerland, 20 January 2014.  EPA/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

epa04033015 Workers make the last preparations inside the Congress Center, two days before the opening of the 44th Annual Meeting of the World Economic Forum (WEF), in Davos, Switzerland, 20 January 2014. EPA/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

ROMA. – Il rallentamento della Cina che trascina con sé la ripresa dell’economia mondiale, il crollo del prezzo del petrolio e dei mercati, la sfida perenne dell’ambiente e gli attacchi terroristici a livello mondiale. Sono questi i temi che i big dell’economia e della finanza di tutto il mondo si troveranno ad affrontare a Davos nella prossima settimana per la tradizionale riunione annuale del World Economic Forum sulle alpi svizzere.

In 2.500 manager e politici sono attesi alla stazione alpina per le sessioni di confronto e di dibattito, che quest’anno si concentreranno ufficialmente sui cambiamenti tecnologici. Non a caso, fra gli invitati, figurano anche i top manager dei big dell’economia digitale, fra cui Uber, AirBnb e la cinese Alibaba, oltre ai colossi ormai storici, come Google e Facebook.

Ma è inevitabile che l’attenzione venga rivolta anche a temi di più scottante attualità, a partire dalle conseguenze su scala globale del rallentamento della Cina e della discesa senza fine del prezzo del greggio.

Il futuro del Dragone è diventato sinonimo del destino dell’economia globale e dei mercati finanziari internazionali: il grande rischio, che verrà affrontato dai big mondiali dell’economia, fra cui il presidente della Bce Mario Draghi, è che la frenata della Cina possa causare disordini e colpire duramente l’attività finanziaria, scatenando nuovamente il panico sui mercati finanziari, già duramente colpiti dal calo del petrolio.

L’effetto domino del rallentamento cinese si riverserebbe sui produttori di commodities, fra cui Brasile, Australia e Russia, oltre che sui paesi occidentali che vedono proprio nella Cina il principale produttore dei beni di più largo consumo.

Su tutto, come testimonia anche l’aumento delle misure di sicurezza adottato in questi giorni dalle autorità svizzere, aleggia la minaccia terroristica che si fa sempre più pressante, dopo la scia degli ultimi attentati.

La lotta all’Isis sarà al centro degli incontri cui parteciperanno il segretario di Stato Usa, John Kerry (il presidente Barack Obama non si è mai presentato sulle Alpi svizzere), il primo ministro britannico David Cameron e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Per l’Italia è attesa la presenza del ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, e dell’alto rappresentante della Politica estera Ue, Federica Mogherini, mentre il premier Matteo Renzi e il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, non sono al momento attesi a Davos.

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora