Cresce la disuguaglianza nel mondo. La forbice si allarga anche in Italia

Pubblicato il 18 gennaio 2016 da redazione

​​Il boom delle disuguaglianze: cresce il divario tra ricchi e poveri

​​Il boom delle disuguaglianze: cresce il divario tra ricchi e poveri

LONDRA. – Sembrano dilagare a dispetto di tutti gli appelli e di tutti gli slogan le diseguaglianze nel mondo globalizzato. A testimoniarlo, una volta di più, è uno studio dell’Oxfam – ong britannica – secondo il quale nelle mani dell’1% di abitanti privilegiati del pianeta si concentra ormai lo stesso ammontare di ricchezze suddiviso fra il restante 99. E 62 nababbi di numero si sono accaparrati un patrimonio pari a quanto centinaia di milioni di persone, la metà più sfortunata dell’umanità, debbono spartirsi per provare a sopravvivere.

Vertici politici, ricette economiche e fiumi di retorica non bastano evidentemente a sanare la piaga. Anzi, la forbice fra ricchi e poveri continua ad allargarsi in modo inesorabile, denuncia il rapporto, pubblicato non a caso alla vigilia dell’annuale World Economic Forum, in programma questa settimana in Svizzera fra gli eleganti alberghi e gli chalet imbiancati dal candore della neve di Davos.

Un appuntamento frequentato da chi può e non fa. O forse non è in grado di fare abbastanza. A beneficio di quella platea, l’Oxfam calcola che il patrimonio della metà meno abbiente della popolazione mondiale – circa 3,6 miliardi di persone – è sceso del 41% (pari a mille miliardi di dollari) dal 2010 a oggi.

Allo stesso tempo, la ricchezza dei 62 super miliardari dorati che capeggiano le liste patinate degli individui più facoltosi del globo è ingrassata di oltre 500 miliardi di dollari, fino a 1.760 miliardi totali. Alcuni think tank custodi del verbo liberista, in effetti, non credono a queste cifre.

Mark Littlewood, direttore dell’ Institute of Economic Affairs, sospetta addirittura che si tratti di numeri “taroccati”. Mentre Ben Southwood, dell’Adam Smith Institute, intitolato al padre dell’economia di mercato e teorico della dottrina della ‘mano invisibile’, parla di stime “fuorvianti”, suggerendo di considerare altri parametri e dati disaggregati e comunque di focalizzarsi sulla curva del “benessere fra i poveri” (in crescita, dal suo punto di vista, almeno in alcune realtà significative) piuttosto che “sulle fortune dei ricchi”.

Ma Oxfam insiste: sottolinea che la ricerca è stata certificata da esperti del Credit Suisse – non proprio una cellula anarchica – e tratteggia un’economia che “invece di operare per la prosperità di tutti, per le future generazioni e per la sopravvivenza del pianeta” appare un abito tagliato ad hoc su uno scarso “1% della popolazione”.

Fra le misure suggerite per invertire la tendenza, quella di abolire una volta per tutte i paradisi offshore. “L’elusione fiscale delle multinazionali”, avverte Roberto Barbieri, numero uno di Oxfam Italia, riguarda d’altronde anche i Paesi in via di sviluppo e quelli Osce, con un impatto pari a decine e decine di miliardi di dollari volatilizzati.

L’ampliamento del divario sociale vale del resto pure per l’Italia, conferma la sezione dello studio dedicata al Bel Paese stando alla quale l’1% degli italiani controlla quasi un quarto (il 23,4%) della ricchezza nazionale netta. Mentre, fra 2000 e 2015, metà dell’incremento del benessere è finito in tasca ad appena un 10% di fortunati.

Altrove tuttavia va peggio. Negli Usa, cuore dell’impero globale, i 400 miliardari più pingui rastrellano ad esempio 234mila miliardi di dollari, qualunque cosa tale somma significhi. E in base a un’altra ricerca stilata nei mesi scorsi dall’Institute for Policy Studies, 20 paperoni 20 – fra cui filantropi del calibro di Bill Gates, Warren Buffet, Mark Zuckerberg, Jeff Bezos, Larry Ellison, Michael Bloomberg o i fratelli Koch – si ripartiscono l’equivalente di tutti i beni e denari posseduti dal 50% dei loro connazionali, 152 milioni di anime. Al netto delle donazioni esentasse, beninteso.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

21:27Calcio: Ederson confessa, ‘ho tumore a testicolo’

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 LUG - Il centrocampista brasiliano Ederson Honorato Campos ha reso noto oggi di avere un tumore a un testicolo, scoperto al termine di un esame antidoping. Per potersi curare l'ex laziale, 31 anni, è stato così momentaneamente tolto dalla lista dei giocatori del Flamengo, dove è approdato due anni fa. "Sono triste ma anche tranquillo per il futuro che mi aspetta", ha detto il giocatore in una conferenza stampa a Rio de Janeiro.

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

Archivio Ultima ora