Cresce la disuguaglianza nel mondo. La forbice si allarga anche in Italia

Pubblicato il 18 gennaio 2016 da redazione

​​Il boom delle disuguaglianze: cresce il divario tra ricchi e poveri

​​Il boom delle disuguaglianze: cresce il divario tra ricchi e poveri

LONDRA. – Sembrano dilagare a dispetto di tutti gli appelli e di tutti gli slogan le diseguaglianze nel mondo globalizzato. A testimoniarlo, una volta di più, è uno studio dell’Oxfam – ong britannica – secondo il quale nelle mani dell’1% di abitanti privilegiati del pianeta si concentra ormai lo stesso ammontare di ricchezze suddiviso fra il restante 99. E 62 nababbi di numero si sono accaparrati un patrimonio pari a quanto centinaia di milioni di persone, la metà più sfortunata dell’umanità, debbono spartirsi per provare a sopravvivere.

Vertici politici, ricette economiche e fiumi di retorica non bastano evidentemente a sanare la piaga. Anzi, la forbice fra ricchi e poveri continua ad allargarsi in modo inesorabile, denuncia il rapporto, pubblicato non a caso alla vigilia dell’annuale World Economic Forum, in programma questa settimana in Svizzera fra gli eleganti alberghi e gli chalet imbiancati dal candore della neve di Davos.

Un appuntamento frequentato da chi può e non fa. O forse non è in grado di fare abbastanza. A beneficio di quella platea, l’Oxfam calcola che il patrimonio della metà meno abbiente della popolazione mondiale – circa 3,6 miliardi di persone – è sceso del 41% (pari a mille miliardi di dollari) dal 2010 a oggi.

Allo stesso tempo, la ricchezza dei 62 super miliardari dorati che capeggiano le liste patinate degli individui più facoltosi del globo è ingrassata di oltre 500 miliardi di dollari, fino a 1.760 miliardi totali. Alcuni think tank custodi del verbo liberista, in effetti, non credono a queste cifre.

Mark Littlewood, direttore dell’ Institute of Economic Affairs, sospetta addirittura che si tratti di numeri “taroccati”. Mentre Ben Southwood, dell’Adam Smith Institute, intitolato al padre dell’economia di mercato e teorico della dottrina della ‘mano invisibile’, parla di stime “fuorvianti”, suggerendo di considerare altri parametri e dati disaggregati e comunque di focalizzarsi sulla curva del “benessere fra i poveri” (in crescita, dal suo punto di vista, almeno in alcune realtà significative) piuttosto che “sulle fortune dei ricchi”.

Ma Oxfam insiste: sottolinea che la ricerca è stata certificata da esperti del Credit Suisse – non proprio una cellula anarchica – e tratteggia un’economia che “invece di operare per la prosperità di tutti, per le future generazioni e per la sopravvivenza del pianeta” appare un abito tagliato ad hoc su uno scarso “1% della popolazione”.

Fra le misure suggerite per invertire la tendenza, quella di abolire una volta per tutte i paradisi offshore. “L’elusione fiscale delle multinazionali”, avverte Roberto Barbieri, numero uno di Oxfam Italia, riguarda d’altronde anche i Paesi in via di sviluppo e quelli Osce, con un impatto pari a decine e decine di miliardi di dollari volatilizzati.

L’ampliamento del divario sociale vale del resto pure per l’Italia, conferma la sezione dello studio dedicata al Bel Paese stando alla quale l’1% degli italiani controlla quasi un quarto (il 23,4%) della ricchezza nazionale netta. Mentre, fra 2000 e 2015, metà dell’incremento del benessere è finito in tasca ad appena un 10% di fortunati.

Altrove tuttavia va peggio. Negli Usa, cuore dell’impero globale, i 400 miliardari più pingui rastrellano ad esempio 234mila miliardi di dollari, qualunque cosa tale somma significhi. E in base a un’altra ricerca stilata nei mesi scorsi dall’Institute for Policy Studies, 20 paperoni 20 – fra cui filantropi del calibro di Bill Gates, Warren Buffet, Mark Zuckerberg, Jeff Bezos, Larry Ellison, Michael Bloomberg o i fratelli Koch – si ripartiscono l’equivalente di tutti i beni e denari posseduti dal 50% dei loro connazionali, 152 milioni di anime. Al netto delle donazioni esentasse, beninteso.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

19:13Mondiali a 48, torneo di play off e a Europa 3 posti in più

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - L'Europa con tre posti in più - sedici in tutto - e un torneo di qualificazione per due dei 48 posti a disposizione: potrebbe essere questa la nuova formula del Mondiale extralarge, quello votato dalla Fifa a partire dall'edizione 2026. L'Ufficio di presidenza della Fifa, formato dal presidente Gianni Infantino e dai colleghi di ciascuna delle sei confederazioni, convocato oggi nella casa della Fifa, a Zurigo, ha proposta la nuova assegnazione dei posti per il Mondiale 2026, la cui fase finale è stata ampliata a 48 squadre. La novità principale riguarda il numero di qualificate dell'Uefa che, come aveva chiesto il presidente Ceferin, passa dalle attuali 13 a 16. Attualmente sono 211 le federazioni che fanno parte della Fifa, dal 2026 pertanto si qualificherà una squadra su quattro. Il provvedimento per l'assegnazione delle griglie verrà adesso sottoposto alla ratifica dell'Esecutivo Fifa, in programma il 9 maggio a Manama (Bahrain).

19:10Ruby: altri soldi a ragazze, chiusa indagine per Cav

(ANSA) - MILANO, 30 MAR - Ennesima tegola giudiziaria per Silvio Berlusconi. La Procura di Milano ha infatti chiuso un nuovo filone dell'inchiesta 'Ruby ter', in vista della richiesta rinvio a giudizio, per l'ex premier accusato di corruzione in atti giudiziari per aver versato fino allo scorso ottobre quasi 400 mila euro a tre delle ospiti delle serate hard ad Arcore in cambio del loro silenzio. L'avviso di conclusione indagini su queste ulteriori somme che sarebbero state pagate riguarda anche Aris Espinosa, Elisa Toti e Giovanna Rigato. Come si legge nel nuovo capo di imputazione anche questi ulteriori versamenti, scoperti dai pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio in seguito ad approfondimenti investigativi, sarebbero avvenuti, tramite Giuseppe Spinelli, il ragioniere di 'fiducia' di Berlusconi, sia con bonifici, sia con assegni circolari sia in contanti.

19:09Platini a Le Monde, “Blatter voleva morire alla Fifa”

(ANSA) - PARIGI, 30 MAR - Michel Platini torna a parlare e lo fa con il quotidiano Le Monde, che ieri aveva pubblicato un lungo articolo di ricostruzione della vicenda dell'ex presidente Uefa. Platini non esclude che "un uomo vicino a Blatter, il direttore giuridico Marco Villiger, abbia informato la Procura sul pagamento 2011", i due milioni incassati da Platini che sono all'origine della procedura contro di lui: "Cercavano di fare qualcosa per danneggiarmi. Le diverse istanze interne alla Fifa sono state strumentalizzate dalle persone che tiravano le fila". Quanto ai suoi rapporti con Blatter, Platini spiega: "Me l'ha detto diverse volte, voleva morire alla Fifa. Non bisogna dimenticare che io mi sono presentato quando lui si è dimesso. Non prima. Ha sempre detto che sarei stato il suo successore". Alla domanda se consideri archiviato il suo caso, Michel Platini - che ribadisce di essere stato 'ingenuo' nel chiedere due milioni nel 2011 invece dei 2,8 che gli aveva promesso Blatter - risponde: "No, non è finita".

19:00Calcio: Juve, Mandzukic si ferma “in dubbio per Napoli”

(ANSA) - TORINO, 30 MAR - Mario Manduzkic è in dubbio per la trasferta di domenica a Napoli. L'attaccante croato non si è allenato oggi per un'infiammazione al ginocchio sinistro, solo domani si potrà capire l'entità del problema. Questa sera, altri accertamenti clinici per Marko Pjaca, che verrà visitato a Roma a Villa Stuart, dal professor Mariani. Il giovane esterno croato ha subito la rottura del legamento crociato anteriore nel secondo tempo della partita Estonia-Croazia. Dopo il controllo, "verrà presa - precisa la Juventus - la decisione per il proseguimento delle cure".

18:56Stadio Roma:Frongia,noi nei tempi,atto in conferenza servizi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Abbiamo rispettato i tempi, la Giunta ha oggi approvato la delibera per le nuove linee guida per la revisione della delibera originaria. Come avevamo detto, sia assessori sia consiglieri procediamo secondo i tempi previsti. Questo è un documento che presenteremo anche il 5 aprile alla riunione della conferenza dei servizi. Se la conferenza dei servizi andrà avanti o se ne aprirà una nuova? A breve l'assessore all'urbanistica Luca Montuori darà maggiori informazioni sull'iter che seguirà". Lo ha detto l'assessore allo Sport, Daniele Frongia, interpellato a margine della cerimonia per l'allenatore Claudio Ranieri.

18:55M5s: firme false, in sei contro La Rocca, ‘tutto falso’

(ANSA) - PALERMO, 30 MAR - Sei dei cinquestelle indagati per le firme false alle Comunali 2012, a Palermo, hanno raccontato la loro versione ai magistrati che hanno chiuso le indagini. A chiedere di parlare con il pm, prima della eventuale richiesta di rinvio a giudizio, sono stati i parlamentari Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino; Riccardo Ricciardi (marito della deputata Loredana Lupo), l'attivista Samantha Busalacchi e Pietro Salvino, marito di Claudia Mannino. Hanno spiegato di non essere a conoscenza dei fatti di quella notte, contraddicendo la collega Claudia La Rocca, la prima a parlare, seguita dal deputato regionale Giorgio Ciaccio; e hanno precisato che nei mesi precedenti alla presentazione delle liste c'erano stati problemi con altre firme raccolte e mai utilizzate. Proprio per questo precedente, mai si sarebbe tollerata la riscrittura delle firme mancanti. Samantha Busalacchi, indicata come l'amanuense, ha smentito di avere partecipato alla ricopiatura e ha messo in dubbio la perizia grafica.

18:53Studente Erasmus morto a Valencia, no segni violenza

(ANSA) - FERMO, 30 MAR - Non ci sono segni di violenza sul corpo di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto con delle coltellate al petto in un appartamento di Valencia, dove si trovava per l'Erasmus, ma il consulente di parte Piergiorgio Fedeli, che oggi ha assistito alla seconda autopsia a Roma, non esclude alcuna ipotesi. Per le autorità spagnole, si tratta di un suicidio. Ipotesi a cui non credono i genitori del giovane, rappresentati dall'avv. Igor Giostra, che hanno chiesto ulteriori esami in Italia. La seconda autopsia, disposta dal pm Monteleone, è stata eseguita dal prof. Bolino. Il corpo era sotto formalina e il precedente esame autoptico fatto in Spagna è risultato eseguito correttamente. E' stato chiesto l'esame del Dna sulle unghie del giovane. Comunque non c'erano segni di lesioni che potessero far presupporre azioni violente ai danni di Giacomo. I colpi all'emitorace sinistro, infine, che secondo magistratura e polizia spagnole sarebbe stati autoinflitti, sono stati inferti con forza.

Archivio Ultima ora