Cresce la disuguaglianza nel mondo. La forbice si allarga anche in Italia

Pubblicato il 18 gennaio 2016 da redazione

​​Il boom delle disuguaglianze: cresce il divario tra ricchi e poveri

​​Il boom delle disuguaglianze: cresce il divario tra ricchi e poveri

LONDRA. – Sembrano dilagare a dispetto di tutti gli appelli e di tutti gli slogan le diseguaglianze nel mondo globalizzato. A testimoniarlo, una volta di più, è uno studio dell’Oxfam – ong britannica – secondo il quale nelle mani dell’1% di abitanti privilegiati del pianeta si concentra ormai lo stesso ammontare di ricchezze suddiviso fra il restante 99. E 62 nababbi di numero si sono accaparrati un patrimonio pari a quanto centinaia di milioni di persone, la metà più sfortunata dell’umanità, debbono spartirsi per provare a sopravvivere.

Vertici politici, ricette economiche e fiumi di retorica non bastano evidentemente a sanare la piaga. Anzi, la forbice fra ricchi e poveri continua ad allargarsi in modo inesorabile, denuncia il rapporto, pubblicato non a caso alla vigilia dell’annuale World Economic Forum, in programma questa settimana in Svizzera fra gli eleganti alberghi e gli chalet imbiancati dal candore della neve di Davos.

Un appuntamento frequentato da chi può e non fa. O forse non è in grado di fare abbastanza. A beneficio di quella platea, l’Oxfam calcola che il patrimonio della metà meno abbiente della popolazione mondiale – circa 3,6 miliardi di persone – è sceso del 41% (pari a mille miliardi di dollari) dal 2010 a oggi.

Allo stesso tempo, la ricchezza dei 62 super miliardari dorati che capeggiano le liste patinate degli individui più facoltosi del globo è ingrassata di oltre 500 miliardi di dollari, fino a 1.760 miliardi totali. Alcuni think tank custodi del verbo liberista, in effetti, non credono a queste cifre.

Mark Littlewood, direttore dell’ Institute of Economic Affairs, sospetta addirittura che si tratti di numeri “taroccati”. Mentre Ben Southwood, dell’Adam Smith Institute, intitolato al padre dell’economia di mercato e teorico della dottrina della ‘mano invisibile’, parla di stime “fuorvianti”, suggerendo di considerare altri parametri e dati disaggregati e comunque di focalizzarsi sulla curva del “benessere fra i poveri” (in crescita, dal suo punto di vista, almeno in alcune realtà significative) piuttosto che “sulle fortune dei ricchi”.

Ma Oxfam insiste: sottolinea che la ricerca è stata certificata da esperti del Credit Suisse – non proprio una cellula anarchica – e tratteggia un’economia che “invece di operare per la prosperità di tutti, per le future generazioni e per la sopravvivenza del pianeta” appare un abito tagliato ad hoc su uno scarso “1% della popolazione”.

Fra le misure suggerite per invertire la tendenza, quella di abolire una volta per tutte i paradisi offshore. “L’elusione fiscale delle multinazionali”, avverte Roberto Barbieri, numero uno di Oxfam Italia, riguarda d’altronde anche i Paesi in via di sviluppo e quelli Osce, con un impatto pari a decine e decine di miliardi di dollari volatilizzati.

L’ampliamento del divario sociale vale del resto pure per l’Italia, conferma la sezione dello studio dedicata al Bel Paese stando alla quale l’1% degli italiani controlla quasi un quarto (il 23,4%) della ricchezza nazionale netta. Mentre, fra 2000 e 2015, metà dell’incremento del benessere è finito in tasca ad appena un 10% di fortunati.

Altrove tuttavia va peggio. Negli Usa, cuore dell’impero globale, i 400 miliardari più pingui rastrellano ad esempio 234mila miliardi di dollari, qualunque cosa tale somma significhi. E in base a un’altra ricerca stilata nei mesi scorsi dall’Institute for Policy Studies, 20 paperoni 20 – fra cui filantropi del calibro di Bill Gates, Warren Buffet, Mark Zuckerberg, Jeff Bezos, Larry Ellison, Michael Bloomberg o i fratelli Koch – si ripartiscono l’equivalente di tutti i beni e denari posseduti dal 50% dei loro connazionali, 152 milioni di anime. Al netto delle donazioni esentasse, beninteso.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

23:35Champions: tutto facile per Bayern e Psg

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Questi gli altri risultati della terza giornata di Champions League: Gruppo A - Cska Mosca-Basilea 0-2 (Xhaka, Oberlin) e Benfica-Manchester United 0-1 (Rashford). Gruppo B - Anderlecht-Psg 0-4 (Mbappè, Cavani, Neymar, Di Maria) e Bayern-Celtic 3-0 (Muller, Kimmich, Hummels).

23:21Champions: Roma pareggia e Juventus vince

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Chelsea-Roma 3-3 e Juventus-Sporting Lisbona 2-1 nella 3/a giornata di Champions. Partita spettacolare a Londra: Chelsea in vantaggio con David Luiz al 11' che lascia partire un destro dal limite dell'area che batte Alisson. Al 37' il raddoppio dei Blues: Bruno Peres perde un pallone a centrocampo, Morata si invola, il suo cross viene deviato da Fazio e diventa un assist per Hazard che non ha difficoltà a insaccare. Dopo 2' la Roma accorcia con Kolarov. Nel secondo tempo il sorpasso romanista grazie a una doppietta di Dzeko, prima con un tiro al volo (64') poi con un colpo di testa (70'). Un colpo di testa di Hazard al 75' riporta il match in parità. Chelsea primo nel gruppo C con 7 punti, Roma 2/a a 5. A Torino la Juve parte male con un autogol di Alex Sandro al 12' pareggiato da una punizione di Pjanic al 29'. Decide il match un colpo di testa di Mandzukic all'84' su assist di Douglas Costa, appena entrato in campo. Barcellona (3-1 all'Olympiacos) guida il gruppo D con 9 punti, Juve 2/a a 6.

23:00Nomina Zooprofilattico Teramo, governatore Abruzzo indagato

(ANSA) - L'AQUILA, 18 OTT - La Procura della Repubblica dell'Aquila sta indagando sull'iter e la scelta della nomina di Mauro Mattioli alla direzione generale dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo, vicenda che vede tra gli indagati il governatore abruzzese, Luciano D'Alfonso. Secondo l'accusa sui requisiti in possesso dell'ex rettore dell'Università di Teramo non ci sarebbe stata univocità di giudizio nei passaggi burocratici e di merito che hanno portato alla nomina. Si tratta di un'inchiesta che si compone di due fascicoli innescati da due denunce, una delle quali presentata dal rappresentante del ministero della Salute. Il primo, secondo quanto si è appreso, è avviato verso l' archiviazione, nel secondo, che il procuratore capo, Renzo, deve assegnare ad un altro pm, ci sono otto indagati con la ipotesi di reato di abuso d'ufficio e falso. "Non vedo l'ora di poter parlare in qualche sede di quel fascicolo", ha detto D'Alfonso.

Archivio Ultima ora