Davos: trema la fiducia dei manager. In Italia invece prevale l’ottimismo

Pubblicato il 19 gennaio 2016 da redazione

Davos: alla vigilia del Forum, Di Caprio premiato per il suo impegno verso il pianeta

Davos: alla vigilia del Forum, Di Caprio premiato per il suo impegno verso il pianeta

DAVOS. – Sarà la campagna ‘anti-gufi’ del governo Renzi, oppure l’effetto del jobs act e delle altre riforme in cantiere o semplicemente un effetto-ritardo. L’Italia è in totale controtendenza con il resto del mondo nella Ceo Survey di PriceWaterhouse Coopers, con oltre la metà dei top manager italiani intervistati che si aspetta un 2016 in decisa ripresa. Mentre a livello globale sono appena uno su quattro e le principali economie tirano il freno.

Presentato a Davos, alla vigilia della maxi-kermesse di politici, imprenditori e finanzieri fra le gelide nevi svizzere, lo studio di Pwc, ‘Ridefinire il successo dell’azienda in un mondo che cambia’, ultimato fra novembre e dicembre, non tiene conto del crollo delle borse visto da inizio anno, il petrolio sotto 30 dollari, e le tensioni deflazionistiche, la minaccia di un atterraggio duro in Cina.

E del successo delle aziende ha parlato anche il candidato all’Oscar, Leonardo Di Caprio, sottolineando che “non possiamo permettere che l’ingordigia delle grandi aziende determini il futuro dell’umanità”. Insieme a Di Caprio, fra gli artisti presenti a Davos, anche il violoncellista di origini cinesi Yo-Yo Ma, che si è esibito in un concerto organizzato da Intesa Sanpaolo.

Dallo studio emerge però come da tempo i manager globali sembrassero aver fiutato i venti di crisi dell’anno appena iniziato. Appena il 27% si aspetta un miglioramento della crescita globale quest’anno, contro il 37% di un anno fa. Uno su quattro vede salire il proprio pessimismo e pensa che la crescita frenerà.

Le statistiche sembrano dargli ragione, visto che gli Usa dopo anni di boom sembrano destinati a tirare il freno, e così anche l’Europa (togliendo la parola boom). Per non parlare della Cina che non cresceva così poco da oltre un ventennio. In Italia invece prevale l’ottimismo. Il 55% degli oltre 50 top manager sentiti da Pwc, oltre il doppio del dato complessivo (150 manager in 80 paesi), si aspetta un miglioramento della crescita globale. Oltre il 90% vede ricavi in crescita quest’anno contro l’82% globale, anche se pochi si sbilanciano e solo il 20% ha “molta fiducia” nei prossimi 12 mesi.

La Penisola vede più rosa del resto del mondo anche nell’orizzonte di tre anni. Segno invertito anche sui rischi percepiti dai manager: due terzi dei ceo globali oggi vedono più rischi per l’azienda, in cima c’è la situazione geopolitica. In Italia è il contrario: grazie ai segnali di crescita il 57% vede più opportunità oggi.

In cima ai rischi, in un mondo ancora alle prese con gli eccessi della finanza e un potenziale conflitto regionale in Medio Oriente i ceo indicano nella “sovra-regolamentazione” la prima minaccia, mentre gli italiani, a dispetto dei tagli fiscali, temono un aumento delle tasse. Il gap di prospettiva è significativo rispetto ai manager globali e secondo Nicola Anzivino, partner di Pwc, nasce dalle difficoltà recenti dell’Italia e dall’uscita da una recessione protrattasi per anni.

“Le ultime previsioni danno un Pil in crescita di oltre l’1%, non più lo zero virgola”, e in effetti il governo prevede un’accelerazione dallo 0,5% dell’anno passato a un tasso tre volte più forte, proprio mentre Usa, Eurozona e Cina frenano. Ciò, assieme ad “alcune misure governative” si ripercuote positivamente sui budget delle aziende, sull’ottimismo, sull’occupazione, dove Pwc rileva un 37% dei manager interessati ad aumentare i dipendenti, in lieve aumento dall’anno scorso (in mezzo c’è il jobs act, fra flessibilità e incentivi pubblici alle aziende) specie per chi ha competenze ‘stem’, scienze, tecnologie, ingegneria, matematica.

Il ritardo temporale – suggerisce la survey – fa sì che ora l’Italia agganci quell’accelerata vista altrove nei mesi e anni passati. Ma non si rischia di non agganciarla quella ripresa, ora che sui mercati arrivano forti scossoni e con l’Italia che non ha ancora levato dalla strada un macigno come quegli oltre 200 miliardi di prestiti inesigibili? “Le prospettive sono ancora rosee, non siamo arrivati tardi”, spiega Anzivino in una conference call con la stampa.

“Ci sono tutte le condizioni perché i ceo possano tornare a investire e pensare in grande”. E persino sul tema incandescente del credito, ora “la percezione rispetto al passato è che quello che conta è il merito creditizio, se si hanno progetti credibili le banche italiane sono disposte a finanziarli”, anche se resta un problema per le aziende troppo indebitate.

(Domenico Conti/Ansa)

Ultima ora

22:17Turista tedesco cade da scala e muore

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Un turista tedesco di 62 anni è morto in Val Badia dopo essere caduto da una scala. L'incidente è avvenuto poco prima delle ore 18 nel rifugio Piz Sorega, a quota 2.000 metri, poco prima che gli impianti sciistici chiudessero. Vano l'intervento dei soccorritori dell'Aiut Alpin che sono giunti sul posto in elicottero. L'uomo è morto per un trauma cranico. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, il tedesco sarebbe scivolato sulle scale interne della struttura, in quanto indossava gli scarponi da neve.

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

20:44Calcio: Inter-Rafinha e’ fatta, manca solo ufficialita’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Rafinha sara' un giocatore dell'Inter: il club nerazzurro e il Barcellona hanno raggiunto un accordo per il centrocampista brasiliano che arrivera' a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a 35 milioni di euro. Per Rafinha si attende solo l'ufficialita'.

Archivio Ultima ora