Davos: trema la fiducia dei manager. In Italia invece prevale l’ottimismo

Pubblicato il 19 gennaio 2016 da redazione

Davos: alla vigilia del Forum, Di Caprio premiato per il suo impegno verso il pianeta

Davos: alla vigilia del Forum, Di Caprio premiato per il suo impegno verso il pianeta

DAVOS. – Sarà la campagna ‘anti-gufi’ del governo Renzi, oppure l’effetto del jobs act e delle altre riforme in cantiere o semplicemente un effetto-ritardo. L’Italia è in totale controtendenza con il resto del mondo nella Ceo Survey di PriceWaterhouse Coopers, con oltre la metà dei top manager italiani intervistati che si aspetta un 2016 in decisa ripresa. Mentre a livello globale sono appena uno su quattro e le principali economie tirano il freno.

Presentato a Davos, alla vigilia della maxi-kermesse di politici, imprenditori e finanzieri fra le gelide nevi svizzere, lo studio di Pwc, ‘Ridefinire il successo dell’azienda in un mondo che cambia’, ultimato fra novembre e dicembre, non tiene conto del crollo delle borse visto da inizio anno, il petrolio sotto 30 dollari, e le tensioni deflazionistiche, la minaccia di un atterraggio duro in Cina.

E del successo delle aziende ha parlato anche il candidato all’Oscar, Leonardo Di Caprio, sottolineando che “non possiamo permettere che l’ingordigia delle grandi aziende determini il futuro dell’umanità”. Insieme a Di Caprio, fra gli artisti presenti a Davos, anche il violoncellista di origini cinesi Yo-Yo Ma, che si è esibito in un concerto organizzato da Intesa Sanpaolo.

Dallo studio emerge però come da tempo i manager globali sembrassero aver fiutato i venti di crisi dell’anno appena iniziato. Appena il 27% si aspetta un miglioramento della crescita globale quest’anno, contro il 37% di un anno fa. Uno su quattro vede salire il proprio pessimismo e pensa che la crescita frenerà.

Le statistiche sembrano dargli ragione, visto che gli Usa dopo anni di boom sembrano destinati a tirare il freno, e così anche l’Europa (togliendo la parola boom). Per non parlare della Cina che non cresceva così poco da oltre un ventennio. In Italia invece prevale l’ottimismo. Il 55% degli oltre 50 top manager sentiti da Pwc, oltre il doppio del dato complessivo (150 manager in 80 paesi), si aspetta un miglioramento della crescita globale. Oltre il 90% vede ricavi in crescita quest’anno contro l’82% globale, anche se pochi si sbilanciano e solo il 20% ha “molta fiducia” nei prossimi 12 mesi.

La Penisola vede più rosa del resto del mondo anche nell’orizzonte di tre anni. Segno invertito anche sui rischi percepiti dai manager: due terzi dei ceo globali oggi vedono più rischi per l’azienda, in cima c’è la situazione geopolitica. In Italia è il contrario: grazie ai segnali di crescita il 57% vede più opportunità oggi.

In cima ai rischi, in un mondo ancora alle prese con gli eccessi della finanza e un potenziale conflitto regionale in Medio Oriente i ceo indicano nella “sovra-regolamentazione” la prima minaccia, mentre gli italiani, a dispetto dei tagli fiscali, temono un aumento delle tasse. Il gap di prospettiva è significativo rispetto ai manager globali e secondo Nicola Anzivino, partner di Pwc, nasce dalle difficoltà recenti dell’Italia e dall’uscita da una recessione protrattasi per anni.

“Le ultime previsioni danno un Pil in crescita di oltre l’1%, non più lo zero virgola”, e in effetti il governo prevede un’accelerazione dallo 0,5% dell’anno passato a un tasso tre volte più forte, proprio mentre Usa, Eurozona e Cina frenano. Ciò, assieme ad “alcune misure governative” si ripercuote positivamente sui budget delle aziende, sull’ottimismo, sull’occupazione, dove Pwc rileva un 37% dei manager interessati ad aumentare i dipendenti, in lieve aumento dall’anno scorso (in mezzo c’è il jobs act, fra flessibilità e incentivi pubblici alle aziende) specie per chi ha competenze ‘stem’, scienze, tecnologie, ingegneria, matematica.

Il ritardo temporale – suggerisce la survey – fa sì che ora l’Italia agganci quell’accelerata vista altrove nei mesi e anni passati. Ma non si rischia di non agganciarla quella ripresa, ora che sui mercati arrivano forti scossoni e con l’Italia che non ha ancora levato dalla strada un macigno come quegli oltre 200 miliardi di prestiti inesigibili? “Le prospettive sono ancora rosee, non siamo arrivati tardi”, spiega Anzivino in una conference call con la stampa.

“Ci sono tutte le condizioni perché i ceo possano tornare a investire e pensare in grande”. E persino sul tema incandescente del credito, ora “la percezione rispetto al passato è che quello che conta è il merito creditizio, se si hanno progetti credibili le banche italiane sono disposte a finanziarli”, anche se resta un problema per le aziende troppo indebitate.

(Domenico Conti/Ansa)

Ultima ora

17:20Terremoto:Carabinieri danno rifugio in caserma a 50 abitanti

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Una cinquantina di abitanti di un Comune e di una frazione del teramano, impauriti dopo il terremoto e infreddoliti per la mancanza di energia elettrica con cui far funzionare gli impianti di riscaldamento, hanno chiesto aiuto ai Carabinieri e sono ospiti da ieri di due caserme dei militari. Le persone provengono dal Comune di Valle Castellana e dalla frazione Nerito del Comune di Crognaleto, che si trovano tra i Monti della Laga e contano in tutto meno di duemila abitanti. Alle avverse condizioni meteorologiche che in questi giorni hanno interessato la provincia con abbondanti precipitazioni nevose e che hanno comportato l'isolamento dei Comuni e l'interruzione di energia elettrica, si sono aggiunte le forti scosse di terremoto avvertite nella mattinata di ieri. Alcuni abitanti dei due centri hanno quindi chiesto aiuto ai Carabinieri, che hanno aperto le porte delle caserme per accogliere i cittadini infreddoliti, dar loro ospitalità e un pasto caldo.

16:47Inchiesta canili: Raggi indagata, chiesta archiviazione

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La Procura di Roma ha chiesto l'archiviazione della posizione di Virginia Raggi nell'inchiesta sui canili scaturita da una denuncia del Partito Animalista Europeo. Nell'indagine, si è appreso, Raggi risulta indagata per omissione in atti d'ufficio. Nell'esposto si accusava la sindaca di "non aver dato corso al bando, già vinto e assegnato con decorrenza 1 ottobre 2016, per la gestione dei canili comunali di Roma". Per il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Alberto Pioletti, secondo quanto si è appreso, non sussistono fatti penalmente rilevanti attribuibili alla sindaca sulla gestione del caso. Nell'esposto, il Partito Animalista Europeo aggiungeva che la sindaca "ha mantenuto rapporti istituzionali con l'ex gestore privato Avcpp che da maggio 2016 occupa abusivamente le strutture comunali impedendo con la forza fisica l'insediamento degli affidatari vincitori del bando pubblico".

16:33Trump:via a celebrazioni, omaggio a Arlington, poi benvenuto

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - Le celebrazioni dell'inauguration day, che culmineranno domani con il giuramento di Donald Trump a Capitol Hill e la successiva parata sino alla Casa Bianca, si aprono ufficialmente oggi alle 15 (le 21 in Italia) al cimitero di Arlington con la deposizione di una corona di fiori ai caduti da parte del presidente eletto e del suo vice Mike Pence. Una cerimonia privata alla quale seguira' un'ora dopo la celebrazione di benvenuto 'Make American Great again' (lo slogan della campagna di Trump) al Lincoln Memorial, con un concerto nel quale si esibiranno Toby Keith, 3 Doors Down ed altri gruppi. E' prevista un'apparizione del tycoon. Alle 19.30 (01.30 in Italia) Trump e Pence dovrebbero farsi vedere con i loro familiari ad una serata di gala organizzata da 'Great America Alliance", uno dei principali superPac (comitati elettorali privati che raccolgono fondi) che ha sostenuto il magnate nella corsa alla Casa Bianca.

16:30Russia: migliaia fedeli celebrano Epifania in acque gelate

(ANSA) - MOSCA, 19 GEN - Diverse migliaia di russi hanno celebrato anche quest'anno l'Epifania ortodossa sfidando il rigido inverno e immergendosi nelle acque gelate di laghi e fiumi per ricordare il battesimo di Cristo nel fiume Giordano. Su laghi e fiumi ghiacciati i credenti creano di solito un buco a forma di croce per potersi bagnare.

16:21Migranti: finti certificati in cambio denaro, arrestata

(ANSA) - CUNEO, 19 GEN - Un'insegnante cuneese è agli arresti domiciliari per aver falsificato certificati di lingua italiana per stranieri. La donna, docente in una scuola primaria, è indagata per reati previsti dal Testo Unico sull'immigrazione e per falso ideologico. Avrebbe falsificato 110 documenti per consentire ad altrettanti stranieri, indiani e cinesi, di ottenere il permesso di soggiorno a lungo termine. Gli attestati costavano dai 250 ai 300 euro. Sono indagati anche tre intermediari: due indiani residenti a Savigliano e Pavia e un italiano di Torino. Le indagini della polizia sono partite a giugno da un'anomalia riscontrata nell'Ufficio Stranieri della Questura di Cuneo: un indiano, che non parlava italiano, ha presentato il certificato di conoscenza della lingua. L'uomo ha ammesso di non aver frequentato alcun corso e di aver pagato l'insegnante per ottenere l'attestato. (ANSA).

16:20Hotel Rigopiano: dispersa famiglia di Osimo

(ANSA) - OSIMO (ANCONA), 19 GEN - C'è anche un famiglia di tre persone di Osimo tra i dispersi dell'Hotel Rigopiano, in Abruzzo: la madre è una commerciante, il marito un poliziotto, con il loro bimbo di 7 anni. Lo ha confermato il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni. Tra i dispersi c'è anche una coppia marchigiana, di Castignano (Ascoli Piceno).

16:12Giornata memoria: a Milano prima pietra inciampo per ricordo

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - È dedicata ad Alberto Segre, ucciso ad Auschwitz nel 1944, la prima delle pietre d'inciampo della città di Milano. Un sampietrino con una targa in ottone che serve a ricordare le vittime del nazifascismo. Nel mondo ne sono state sistemate oltre 50 mila. In città vengono collocate le prime sei come parte delle iniziative 'Milano è memoria' in vista della giornata della memoria del 27 gennaio. "È una cosa che Milano avrebbe dovuto fare prima, ma abbiamo iniziato a rimediare" ha commentato il sindaco Giuseppe Sala. "Non ci abbiamo pensato prima e credo che questo sia un errore comune grave. Meno male abbiamo cominciato" ha aggiunto Liliana Segre, che con il padre Alberto fu deportata ad Auschwitz. Per lei la posa di questa pietra (e delle due che verranno sistemate accanto, per ricordare i suoi nonni, anche loro morti in campo di concentramento) significa "iniziare ad avere un punto su cui fermarci visto che non ho una tomba per mio padre, che è stato assassinato per la colpa di essere nato", di essere ebreo.

Archivio Ultima ora