Davos: trema la fiducia dei manager. In Italia invece prevale l’ottimismo

Pubblicato il 19 gennaio 2016 da redazione

Davos: alla vigilia del Forum, Di Caprio premiato per il suo impegno verso il pianeta

Davos: alla vigilia del Forum, Di Caprio premiato per il suo impegno verso il pianeta

DAVOS. – Sarà la campagna ‘anti-gufi’ del governo Renzi, oppure l’effetto del jobs act e delle altre riforme in cantiere o semplicemente un effetto-ritardo. L’Italia è in totale controtendenza con il resto del mondo nella Ceo Survey di PriceWaterhouse Coopers, con oltre la metà dei top manager italiani intervistati che si aspetta un 2016 in decisa ripresa. Mentre a livello globale sono appena uno su quattro e le principali economie tirano il freno.

Presentato a Davos, alla vigilia della maxi-kermesse di politici, imprenditori e finanzieri fra le gelide nevi svizzere, lo studio di Pwc, ‘Ridefinire il successo dell’azienda in un mondo che cambia’, ultimato fra novembre e dicembre, non tiene conto del crollo delle borse visto da inizio anno, il petrolio sotto 30 dollari, e le tensioni deflazionistiche, la minaccia di un atterraggio duro in Cina.

E del successo delle aziende ha parlato anche il candidato all’Oscar, Leonardo Di Caprio, sottolineando che “non possiamo permettere che l’ingordigia delle grandi aziende determini il futuro dell’umanità”. Insieme a Di Caprio, fra gli artisti presenti a Davos, anche il violoncellista di origini cinesi Yo-Yo Ma, che si è esibito in un concerto organizzato da Intesa Sanpaolo.

Dallo studio emerge però come da tempo i manager globali sembrassero aver fiutato i venti di crisi dell’anno appena iniziato. Appena il 27% si aspetta un miglioramento della crescita globale quest’anno, contro il 37% di un anno fa. Uno su quattro vede salire il proprio pessimismo e pensa che la crescita frenerà.

Le statistiche sembrano dargli ragione, visto che gli Usa dopo anni di boom sembrano destinati a tirare il freno, e così anche l’Europa (togliendo la parola boom). Per non parlare della Cina che non cresceva così poco da oltre un ventennio. In Italia invece prevale l’ottimismo. Il 55% degli oltre 50 top manager sentiti da Pwc, oltre il doppio del dato complessivo (150 manager in 80 paesi), si aspetta un miglioramento della crescita globale. Oltre il 90% vede ricavi in crescita quest’anno contro l’82% globale, anche se pochi si sbilanciano e solo il 20% ha “molta fiducia” nei prossimi 12 mesi.

La Penisola vede più rosa del resto del mondo anche nell’orizzonte di tre anni. Segno invertito anche sui rischi percepiti dai manager: due terzi dei ceo globali oggi vedono più rischi per l’azienda, in cima c’è la situazione geopolitica. In Italia è il contrario: grazie ai segnali di crescita il 57% vede più opportunità oggi.

In cima ai rischi, in un mondo ancora alle prese con gli eccessi della finanza e un potenziale conflitto regionale in Medio Oriente i ceo indicano nella “sovra-regolamentazione” la prima minaccia, mentre gli italiani, a dispetto dei tagli fiscali, temono un aumento delle tasse. Il gap di prospettiva è significativo rispetto ai manager globali e secondo Nicola Anzivino, partner di Pwc, nasce dalle difficoltà recenti dell’Italia e dall’uscita da una recessione protrattasi per anni.

“Le ultime previsioni danno un Pil in crescita di oltre l’1%, non più lo zero virgola”, e in effetti il governo prevede un’accelerazione dallo 0,5% dell’anno passato a un tasso tre volte più forte, proprio mentre Usa, Eurozona e Cina frenano. Ciò, assieme ad “alcune misure governative” si ripercuote positivamente sui budget delle aziende, sull’ottimismo, sull’occupazione, dove Pwc rileva un 37% dei manager interessati ad aumentare i dipendenti, in lieve aumento dall’anno scorso (in mezzo c’è il jobs act, fra flessibilità e incentivi pubblici alle aziende) specie per chi ha competenze ‘stem’, scienze, tecnologie, ingegneria, matematica.

Il ritardo temporale – suggerisce la survey – fa sì che ora l’Italia agganci quell’accelerata vista altrove nei mesi e anni passati. Ma non si rischia di non agganciarla quella ripresa, ora che sui mercati arrivano forti scossoni e con l’Italia che non ha ancora levato dalla strada un macigno come quegli oltre 200 miliardi di prestiti inesigibili? “Le prospettive sono ancora rosee, non siamo arrivati tardi”, spiega Anzivino in una conference call con la stampa.

“Ci sono tutte le condizioni perché i ceo possano tornare a investire e pensare in grande”. E persino sul tema incandescente del credito, ora “la percezione rispetto al passato è che quello che conta è il merito creditizio, se si hanno progetti credibili le banche italiane sono disposte a finanziarli”, anche se resta un problema per le aziende troppo indebitate.

(Domenico Conti/Ansa)

Ultima ora

12:12Terremoto: sale a 6.000 euro tetto Isee reddito di sostegno

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali che prevede condizioni più agevoli di accesso al Sostegno per l'inclusione attiva (SIA) nelle zone colpite dal sisma dello scorso anno. Per le famiglie residenti nei comuni del cosiddetto cratere da almeno due anni al momento degli eventi sismici, il SIA sarà riconosciuto sulla base del solo ISEE e con una soglia doppia rispetto al resto del paese, pari cioè ad euro 6.000. Particolari deduzioni sono previste nel caso in cui il nucleo familiare sia proprietario di immobili distrutti dal sisma o dichiarati inagibili o soggetti a provvedimenti temporanei di esproprio: per la richiesta del SIA tali immobili non rileveranno a fini ISEE. Il sostegno durerà dodici mesi e potrà essere richiesto a partire dal 2 settembre e fino al 31 ottobre.(ANSA).

12:08Rubano carico ‘Folletti’, presi da polizia stradale

(ANSA) - FIRENZE, 17 AGO - Aveva "ripulito", con un complice, il furgone della ditta del fratello portando via un intero carico di aspirapolvere "Folletto": adesso lui, un italiano 44enne che aveva lavorato nella ditta del fratello dalla quale era stato licenziato, ed il complice brasiliano di 24, sono stati arrestati dalla polizia stradale di Firenze. Il carico di Folletti, pronti per la consegna, era su un furgone nel piazzale della ditta di Calenzano (Firenze), che opera nel settore delle spedizioni. Il colpo risale al gennaio scorso e gli autori conoscevano il sistema di allarme della ditta ed il posizionamento delle telecamere di sicurezza, grazie ai molti anni trascorsi dall'italiano alle dipendenze dell'azienda del fratello e che durante il furto era rimasto fuori in auto a fare da palo. Lo straniero aveva scavalcato il cancello: attento a non farsi riprendere dalle telecamere e con la testa coperta da un cappuccio aveva usato i guanti per aprire gli imballaggi dei "Folletti". Al proprietario della ditta non era rimasto altro che sporgere denuncia al Compartimento Polstrada della Toscana, consegnando i filmati registrati, dalle quali però non si riusciva a vedere la targa dell'auto usata dai ladri. Ma i poliziotti l'hanno scoperta visionando altre immagini catturate dalle telecamere piazzate nelle zone limitrofe e a risalire ai due. Nel corso delle indagini, coordinate dal sostituto procuratore Giuseppe Ledda, gli agenti hanno perquisito i due, sequestrando i loro telefonini, nonché il giubbotto, i guanti, il coltello e il cappuccio usati dal brasiliano. Le prove hanno consentito al gip Anna Liguori di disporre per ambedue le misure cautelari, che sono state eseguite dalla Polizia Stradale. Ora l'italiano si trova nel carcere di Sollicciano, mentre il brasiliano è ai domiciliari. (ANSA).

12:00Violenta ragazzino nel Reggiano, arrestato dai carabinieri

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 17 AGO - Un giovane di 21 anni è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver violentato un ragazzo di meno di 14 anni affetto da deficit cognitivi. L'episodio risale al 10 luglio ed è stato ricostruito dal Nucleo Investigativo del comando provinciale dell'Arma di Reggio Emilia, coordinato dal sostituto procuratore Maria Rita Pantani. Il 21enne, che abita vicino alla vittima, avrebbe attirato il ragazzino che giocava in strada in una zona di campagna dopo averne carpito la fiducia, per poi violentarlo. Il 14enne ha raccontato tutto ai genitori e anche la visita in ospedale ha confermato l'avvenuto abuso. Nei confronti del 21enne è stata formulata l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita dai carabinieri. L'accusa è di violenza sessuale aggravata. (ANSA).

11:59Calcio: ds Barcellona in tv, vicini a Coutinho e Dembelé

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il Barcellona sta trattando con Liverpool e Borussia Dortmund "le condizioni" per gli acquisti di Philippe Coutinho e Ousmane Dembelé: lo ha detto, in una intervista alla tv spagnola Esport 3 dopo il ko in Supercoppa il direttore dell'area tecnica blaugrana, Pep Seguro. Rispondendo alla domanda se Coutinho e Dembelé il prossimo anno giocheranno con il Barcellona, Seguro ha detto "speriamo" per poi aggiungere che la trattativa per i due giocatori non è ancora conclusa "ma siamo molto vicini". Dopo la partenza di Neymar il club catalano è corso ai ripari. Secondo quanto scrivono i media spagnoli, l'operazione per portare a Barcellona i due giocatori dovrebbe costare circa 250 milioni di euro che, sommati agli 82 spesi per Deulofeu, Semedo e Paulinho portano a un totale di 330 milioni, cento in più dei 222 incassati con la cessione di Neymar.

11:46Hong Kong: in carcere tre leader ‘movimento ombrelli’

(ANSA) - PECHINO, 17 AGO - L'Alta Corte di Hong Kong ha ribaltato il verdetto di primo grado disponendo il carcere a carico dei leader di Demosisto, Joshua Wong e Nathan Law, nonche' di Alex Chow, tra i promotori del "movimento degli ombrelli", la protesta pro-democrazia del 2014 andata in scena nell'ex colonia britannica. Wong è stato condannato a sei mesi di prigione, Law a 8 e Chow a 7: per tutti e tre c'è anche la pena accessoria a non potersi candidare a cariche politiche per cinque anni, fino al 2022.

11:27Calcio: in Bundesliga arriva il primo arbitro donna

(ANSA) - BERLINO, 17 AGO - Dopo essersi fatta le ossa per un decennio in seconda divisione, nella stagione ormai alle porte Bibiana Steinhaus entrerà nella storia del calcio tedesco diventando la prima donna a fischiare nella massima serie. Trentotto anni, funzionario di polizia, è tra i quattro arbitri promossi dalla Federcalcio tedesca (DFB) nell'elite dei 24 che dirigono in Bundesliga. "Per ogni arbitro, sia uomo che donna, il sogno è arrivare in Bundesliga - commentò lo scorso maggio, quando la promozione fu annunciata - Ho lavorato molto duramente per quello obiettivo. Negli ultimi anni ho avuto qualche qualche battuta d'arresto, quindi sono molto felice della fiducia ricevuta dalla commissione esaminatrice". Figlia di un arbitro, Steinhaus ha cominciato nel 1999 dirigendo partite di calcio femminile. E' diventata arbitro Fifa nel 2005 e nel 2007 si è guadagnata un posto in seconda divisione, primo arbitro professionista donna in Germania.

11:12Incendi: fiamme su Monte Faito, arrestato piromane

(ANSA) - NAPOLI, 17 AGO - Arrestato il responsabile degli incendi che dalla mattina del 15 agosto hanno colpito il Monte Faito, nel Napoletano. Si tratta di un 60enne che ai Carabinieri ha raccontato: "Non so perché l'ho fatto, ho preso i fiammiferi e ho dato fuoco". L'uomo, di Vico Equense (Napoli), già noto alle forze di polizia, in un primo momento ha negato le sue responsabilità. Ma le indagini dei militari, supportate dalle immagini dei sistemi di video sorveglianza comunali, lo hanno incastrato. E così si è ricostruito che l'uomo si spostava con la sua Motoape: fiamme, quelle da lui causate, che hanno cancellato 18 ettari di bosco, che hanno ferito una persona, distrutto case e che hanno visto il coinvolgimento di due canadair, due elicotteri e squadre dei Vigili del fuoco a terra che hanno lavorato incessantemente il 15 e il 16 agosto, soprattutto per impedire che le fiamme potessero propagarsi alle aree residenziali della località Faito.

Archivio Ultima ora