Rapporto shock dell’Onu, 19.000 civili morti in Iraq

Pubblicato il 19 gennaio 2016 da redazione

Iraqi men inspect the damage to their house after a mortar attack as Arbain is observed in Karbala, Iraq, 12 December 2014.  EPA/ALAA AL-SHEMAREE

Iraqi men inspect the damage to their house after a mortar attack as Arbain is observed in Karbala, Iraq, 12 December 2014. EPA/ALAA AL-SHEMAREE

BAGHDAD/BEIRUT. – Almeno 19mila civili uccisi, migliaia di donne ridotte in schiavitù, oltre 3 milioni di sfollati di cui un milione di bambini in età scolare: sono queste le cifre “sconcertanti” che danno un’idea del prezzo pagato dalla popolazione irachena in quasi due anni di guerra contro l’Isis, secondo un rapporto reso noto dall’Onu, che punta il dito anche contro le forze governative e le milizie loro alleate.

Il rapporto, realizzato dalla missione di assistenza delle Nazioni Unite per l’Iraq (Unami) e dall’ufficio dell’Alto commissario per i diritti umani (Ohchr), prende in considerazione il periodo che va dal primo gennaio del 2014 al 31 ottobre 2015 e si basa sui racconti di vittime e testimoni.

Ma il numero delle vittime potrebbe essere sottostimato rispetto a quello reale. Inoltre, afferma l’Alto commissario per i diritti umani, Zeid Raad al Hussein, “anche questi dati osceni sulle perdite non riescono a riflettere esattamente quanto terribili siano le sofferenze dei civili in Iraq” perché molti altri “sono morti per il mancato accesso al cibo, all’acqua e alle cure mediche”.

Nei 22 mesi a cui si riferisce il rapporto i civili uccisi risultano essere stati 18.802 e i feriti 36.245. Ma ancora oggi, sottolineano le Nazioni Unite, nonostante le sconfitte subite sul terreno, “il cosiddetto Stato islamico continua a commettere violenze sistematiche e diffuse”. Atti che, “in alcuni casi, sono crimini di guerra, crimini contro l’umanità e forse genocidio”.

Circa 3.500 persone, soprattutto donne e bambini della minoranza Yazidi, sono “attualmente detenute in schiavitù”. A Mosul 800-900 bambini e adolescenti sono stati sottratti alle famiglie per essere sottoposti a corsi di istruzione religiosa e addestramento militare. Mentre testimoni hanno riferito di bambini-soldato uccisi perché fuggivano dai combattimenti nella provincia occidentale di Al Anbar.

L’Onu denuncia inoltre le esecuzioni capitali trasformate in “orribili spettacoli pubblici”, nelle quali i condannati sono stati “decapitati, bruciati vivi, schiacciati con bulldozer, o gettati dall’alto di edifici”.

Ma tra le violenze denunciate vi sono anche rappresaglie compiute da milizie alleate all’esercito di Baghdad, tra le quali formazioni sciite, con uccisioni o sequestri di civili in aree strappate al controllo dell’Isis e sospettati di essere collaborazionisti, in particolare nelle province di Salahuddin e di Diyala.

Il primo ministro Haidar al Abadi, sciita, ha compiuto una visita a Moqdadiya, nella provincia di Diyala, per condannare le violenze perpetrate la settimana scorsa da membri di milizie sciite contro moschee e civili sunniti per vendetta, dopo un doppio attentato dell’Isis che aveva provocato venti morti. Il rapporto dell’Onu, tuttavia, sottolinea che molti civili sono morti anche sotto i bombardamenti delle forze governative.

Numerose anche le fosse comuni scoperte, e non solo in aree già sotto il controllo dello Stato islamico. Nei pressi della città di Bassora, nel Sud del Paese, ne è stata trovata una contenente i resti di 377 persone, compresi bambini e donne, apparentemente uccise durante la sollevazione degli sciiti del 1991, repressa nel sangue da Saddam Hussein.

(Alberto Zanconato/Ansa)

Ultima ora

06:18Slavina su hotel, arrivati i soccorritori

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Sono giunti sul posto i soccorritori in marcia da ore nella neve per raggiungere l'hotel Rigopiano in provincia di Pescara, travolto ieri da una slavina mentre ospitava circa 20 persone. Gli uomini del Soccorso alpino Guardia di finanza (Sagf) e del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico (Cnsas) ancora non sentono voci provenire dall'interno, ma vedono alcune luci accese.

02:52Slavina su hotel, “aiuto, moriamo di freddo”

(ANSA) - FARINDOLA (PESCARA), 19 GEN - "Aiuto aiuto stiamo morendo di freddo": è l'sms inviato ai soccorritori dalla coppia di clienti rimasta intrappolata nell'hotel Rigopiano in provincia di Pescara, colpito da una slavina. È composta da 20 uomini e 7 mezzi dei Vigili del fuoco, due squadre del Soccorso alpino e speleologico, sei ambulanze del 118 e forze di polizia la colonna che sta cercando di raggiungere la struttura nel comune di Farindola: date le condizioni serviranno ancora ore per arrivare sul luogo, rende noto la Protezione civile. La colonna dei soccorritori si troverebbe a circa sette chilometri dall'albergo e sta incontrando diverse difficoltà a causa di un'ulteriore slavina presente sulla strada.

00:24Calcio: 4-2 al Genoa, Lazio ai quarti Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La Lazio ha battuto il Genoa 4-2 (2-2) e si è qualificata per i quarti di finale di Coppa Italia. Biancocelesti in vantaggio al 20' pt con Djordjevic e raddoppio di Hoedt al 31', accorcia Pinilla al 41' e pareggia Pandev al 45', poi Milinkovic-Savic al 25'st e Immobile al 30' chiudono la gara. Nel prossimo turno, il 31 gennaio, la Lazio affronterà l'Inter.

22:24Obama, la democrazia ha bisogno della stampa

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - "Avere voi in questo edificio ci ha fatto lavorare tutti meglio, perché la stampa è l'occhio critico su quelli che hanno il potere": Così Obama nell'ultima conferenza stampa da presidente, sottolineando come "gli americani e la democrazia hanno bisogno della stampa. "Manning ha scontato una dura sentenza in carcere, la sua condanna era sproporzionata. Ho valutato il suo caso nei dettagli", ha aggiunto sottolineando di non prestare attenzione ai tweet di Assange. "Intrattenere rapporti costruttivi con la Russia è una priorità degli Usa ed è nell'interesse del mondo", ha detto aggiungendo però che con Putin c'è stata un'escalation del sentimento anti-americano." Poi ha invitato gli Usa a difendere la propria visione del mondo e a non perpetrare prepotenze nei confronti dei Paesi più piccoli, con un riferimento a Russia e Cina. "Cordiali" i rapporti con Trump. "Gli ho offerto i miei consigli, ha aggiunto, riferendo di aver detto al presidente eletto che il lavoro del presidente è "non lo si può fare da soli".

22:00Parigi sogna il vaporetto con linee di bus fluviali

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - "Il fiume deve essere parte integrante della nostra strategia di trasporto come le teleferiche o i veicoli autonomi. Dobbiamo esplorare tutte le possibilità tecnologiche sui corsi d'acqua, dalla Senna ai canali": ne è convinta Valérie Pécresse, presidente dell'Ile-de-France, la regione parigina, e del suo sindacato dei trasporti pubblici Stif, che lo ha spiegato a Le Monde. Il sogno di Parigi è di trasformare la Senna in uno dei mezzi di trasporto abituali: il trasporto fluviale è un sogno di cui si parla da anni ma che si è sempre scontrato con la realtà per diverse ragioni, spesso logistiche ed ambientali. Ma ora Pécresse vuole provare a fare sul serio.

21:51Sindaco Montegallo, 5 frazioni isolate,40 sfollati

(ANSA) - MONTEGALLO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - ''Abbiamo 5 frazioni isolate sotto 2 metri e 30 cm di neve, con una trentina di persone, non abbiamo energia elettrica, la situazione è critica, e intanto continua a nevicare''. Lo dice all'ANSA il sindaco di Montegallo (Ascoli Piceno) Sergio Fabiani. ''Per fortuna, ad ora, non abbiamo malati o anziani gravi da assistere''. Gli sfollati del nuovo sisma, ''non per i crolli ma per la neve e la paura'', sono 40. Già da questa sera troveranno accoglienza negli hotel di Grottammare. ''Vengono da alcune delle 23 frazioni del comprensorio. Hanno timore a restare in casa, li capisco''. In paese sono al lavoro i carabinieri, i vigili urbani del contingente messo a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna, una squadra dei vigili del fuoco, ma mancano mezzi spartineve e pale gommate che possano aprire un varco per raggiungere le frazioni. ''La Provincia di Ascoli - spiega Fabiani, che è al suo posto nonostante 38 di febbre - ha promesso che domani ci manderà dei mezzi in più''.

21:43Cannes, rapina da 15 mln in gioielleria Harry Winston

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Un uomo a volto scoperto è entrato nella gioielleria Harry Winston sul celebre boulevard della Croisette di Cannes e si è impadronito di 26 parure di gioielli, essenzialmente di diamanti per un valore di circa 15 milioni di euro. Il ladro aveva una pistola e una granata, non si sa ancora se vera o finta, riporta il quotidiano Le Figaro. L'uomo si è presentato intorno alle 11 del mattino, da solo, nella gioielleria come un semplice cliente. Aveva il volto coperto soltanto da un paio di occhiali da sole e "ha chiesto di vedere delle parure di diamanti per conto di un acquirente. La commessa si è insospettita e gli ha mostrato un catalogo", riporta ancora il quotidiano. L'uomo, allora, ha tirato fuori le armi per farsi aprire le vetrine dalle 2 commesse presenti e facendo stendere a terra la guardia di sicurezza. Si è impadronito dei gioielli e, senza sparare nessun colpo, è riuscito a uscire dalla boutique indisturbato, a piedi come era venuto, senza lasciare traccia.

Archivio Ultima ora