Coppa Italia, Napoli Inter 0-2. Nerazzurri in semifinale

Pubblicato il 19 gennaio 2016 da redazione

Inter's miedfielder Jonathan Biabiany (L) and Napoli's defender Ivan Strinic in action during the Italian Cup quarter final soccer match between SSC Napoli and FC Inter at San Paolo Stadium in Naples, 19 January 2016. ANSA/ CESARE ABBATE

Inter’s miedfielder Jonathan Biabiany (L) and Napoli’s defender Ivan Strinic in action during the Italian Cup quarter final soccer match between SSC Napoli and FC Inter at San Paolo Stadium in Naples, 19 January 2016. ANSA/ CESARE ABBATE

NAPOLI. – Vince l’Inter in Coppa Italia, vendicando il successo del Napoli già registrato in campionato poco più di un mese e mezzo fa. La vittoria vale per la squadra di Mancini la qualificazione alla semifinale di Coppa Italia. Per conoscere l’avversaria si dovrà aspettare l’esito della gara all’Olimpico di Roma tra Lazio e Juventus.

Sarri e Mancini, è evidente dalla lettura dei tabellini iniziali, si preoccupano molto più del campionato che della Coppa Italia. Il Napoli si schiera con sei riserve mentre Mancini manda inizialmente in panchina Murillo, D’Ambrosio, Brozovic ed Icardi. La differenza tra Napoli ed Inter di campionato e di coppa Italia è particolarmente evidente nella prima frazione di gioco.

La cifra tecnica delle due squadre è decisamente inferiore a quella cui si è abituati. Il Napoli dimostra però che anche le riserve hanno saputo assimilare gli schemi del proprio allenatore, con altrettanta meticolosa precisione rispetto ai titolari.

L’Inter, invece, si affida più all’improvvisazione che all’organizzazione. In sostanza il Napoli è più squadra rispetto agli avversari e la differenza si percepisce con maggiore evidenza quando gli azzurri, peraltro in non più di un paio di circostanze con Callejon e Gabbiadini, riescono a creare qualche problema alla difesa milanese.

Nel secondo tempo il copione della gara rimane inalterato ma proprio quando il Napoli, con gli ingressi in campo di Hamisk, Jorginho ed Higuain, mette in campo più qualità, l’Inter trova il gol del vantaggio con Jovetic che sfrutta abilmente con un’azione personale un errore a centrocampo di Hamsik.

La gara si incanala così verso un finale favorevole agli ospiti. Gli azzurri sono incapaci di mordere e quando si riversano in avanti negli ultimi minuti alla ricerca del gol del pareggio, l’Inter li punisce con un contropiede fulminante di Ljaijc che chiude il conto ad una manciata di secondi dal fischio di chiusura.

Il pubblico del San Paolo è deluso ma incita ugualmente gli azzurri e si riscalda soltanto quando un prolungato ed inusuale litigio fra Sarri e Mancini (che finiscono entrambi per venire espulsi) li mette in condizione di inveire contro il tecnico nerazzurro. Mancini, è vero, raggiunge anzitempo gli spogliatoi ma si porta a casa la qualificazione alla semifinale e rimane in corsa per la conquista di un importante trofeo.

Ultima ora

21:05Morto a Santa Croce: procura sequestra area decesso

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La procura di Firenze ha deciso di porre sotto sequestro l'area della basilica di Santa Croce dove oggi si è verificato l'incidente mortale a un turista spagnolo per il distacco di un frammento che lo ha colpito. La decisione è stata presa nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo aperta sul fatto. Sul caso è stata aperta un'inchiesta per omicidio colposo. L'Opera di santa Croce ha spiegato, attraverso il segretario generale Giuseppe De Micheli, che controlli erano stati effettuati una settimana fa in occasione della pulitura delle vetrate.

20:27Campo Progressista: Capelli, impegno Pisapia va avanti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "L'impegno di Campo Progressista, e quindi anche di Giuliano Pisapia, nel progetto politico per un centrosinistra di governo radicalmente innovativo, ampio e inclusivo prosegue". Lo chiarisce il portavoce Cp Alessandro Capelli, smentendo le affermazioni di Bruno Tabacci. "Vogliamo contribuire a cambiare e migliorare questo paese, e non possiamo certo fermarci adesso", conclude Capelli.

20:27Bankitalia: Lotti, nessun timore di frizioni Renzi-Gentiloni

(ANSA) - PRATO, 19 OTT - Il ministro dello Sport Luca Lotti non teme frizioni fra il premier Paolo Gentiloni e il segretario Pd, Matteo Renzi, sulla vicenda Bankitalia. Rispondendo alle domande dei cronisti sul tema, a margine dell'evento del Pd organizzato a Prato, ha detto: "Io credo che si stia parlando molto di questo, si sia discusso tanto, perchè è un argomento complesso. Continueremo a discutere, vedremo in Consiglio dei ministri fra qualche giorno quale decisione verrà presa pero' non ho nessun timore da questo punto di vista".

20:26Berlusconi, io ottimista, Salvini ragionevole

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Salvini si pone con irruenza nel fare politica ma quando ci sediamo al tavolo è estremamente aperto e ragionevole e positivo. Questo mi dà l'assoluta sicurezza su come possa funzionare da qui in avanti la coalizione". Lo ha detto il leader di Fi, Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti a Bruxelles. "Con la Lega e Meloni - ha aggiunto - abbiamo parlato di un governo con 20 membri, 12 della società civile e solo 8 politici, tre di Forza Italia, tre della Lega e due Fratelli d'Italia".

20:26Bankitalia: Renzi, nessuno scheletro nell’armadio

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non abbiamo nessuno scheletro nell'armadio. Siamo i primi a essere interessati al fatto che la Commissione sulle banche lavori e faccia chiarezza". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

20:26Bankitalia: Renzi, Commissione ci riserverà sorpresine

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "La vicenda di Banca Etruria andava avanti da anni, non solo negli ultimi mesi. E mi aspetto che la Commissione sulle banche ci riserverà qualche sorpresina". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

19:54Migranti: fonti Ue, pressing Juncker-Tusk per aumento fondi

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - Pressing dei presidenti del Consiglio europeo, Donald Tusk, e della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, affinché gli Stati membri aumentino i finanziamenti destinati alla dimensione esterna della crisi migratoria per gli anni prossimi. Secondo quanto si apprende da fonti Ue, nel primo giro di tavolo del vertice europeo sul tema migrazioni, Tusk ha elogiato l'impegno dell'Italia, con la situazione dei flussi che sta migliorando. "L'Italia ci aiuta, dobbiamo fare altrettanto con l'Italia", ha detto il presidente ribadendo la richiesta per un maggiore impegno di fondi, a cui si è unito anche Juncker.

Archivio Ultima ora