Approvate le riforme dal Senato. Ora la parola passa agli italiani

Pubblicato il 20 gennaio 2016 da redazione

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi interviene in Senato durante il voto finale del Ddl Riforme Costituzionali (seconda deliberazione del Senato), Roma, 20 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi interviene in Senato durante il voto finale del Ddl Riforme Costituzionali (seconda deliberazione del Senato), Roma, 20 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Via libera dal Senato al ddl sulle riforme costituzionali con uno ‘score’ finora mai raggiunto, vale a dire 180 sì, ma con la maggioranza di governo che non avrebbe raggiunto il ‘tetto’ minimo di voti senza l’aiuto di 22 senatori di Ala, Fare! e di Fi. Matteo Renzi, ha ringraziato i senatori che hanno raggiunto “un obiettivo che molti ritenevano impossibile”, vale a dire l’autoriforma del Senato.

Il premier ha ribadito la sua volontà di dimettersi in caso di sconfitta al referendum costituzionale di ottobre, in vista del quale sono nati due nuovi Comitati “per il no”, uno promosso da Fi, Lega e Fdi e un altro da alcuni senatori centristi.

Il voto dell’Assemblea di Palazzo Madama è il primo della seconda lettura conforme prevista dall’articolo 138 della Carta per le riforme costituzionali, cui seguirà quello definitivo della Camera ad aprile. Occorreva la maggioranza assoluta che in Senato è di 161 voti (315 senatori eletti e 6 a vita). I sì sono stati ben 180 (contro i 178 della precedente votazione, il 13 ottobre), ma la maggioranza assoluta è stata superata con il contributo di 17 senatori di Ala, il gruppo di Denis Verdini, le 3 senatrici di Fare!, il movimento di Flavio Tosi, e di due senatori di Fi, Bernabò Bocca e Riccardo Villari, che già in precedenza si erano espressi in questo modo.

Ala, con Lucio Barani, ha rivendicato di essere “determinante”, mentre i bersaniani, con Miguel Gotor, hanno affermato che questi risultati “aprono la strada a una stagione di trasformismo e annunciano una lunga e profonda palude in cui il Pd non può e non deve smarrire la propria identità riformista”.

Renzi ha solennizzato questo passaggio intervenendo in Senato al termine della discussione generale. Un discorso dai toni alti, assai diverso da quello con cui il 28 febbraio del 2014 chiese la fiducia per il suo governo, con le mani in tasca e augurandosi che il suo fosse l’ultimo governo a chiedere la fiducia in Senato. Il premier ha ringraziato i senatori per essersi “autoriformati”, facendo “riguadagnare alla politica la fiducia dei cittadini”.

E dopo aver ricordato i passi avanti dell’Italia negli ultimi due anni, non ha attribuito al solo governo il merito: “grazie al vostro impegno le cose stanno cambiando”. Ma alla fine del suo discorso Renzi ha ribadito “ufficialmente” la propria intenzione “di porre fine alla propria esperienza politica” nel caso di vittoria del “no” al referendum costituzionale di ottobre. E agli applausi ironici dei senatori di M5s e Lega, Renzi ha prontamente risposto: “sarà affascinante vedere le stesse facce gaudenti di adesso, quando, il giorno dopo il referendum sulla riforma, avremo dimostrato da che parte sta l’Italia”.

Curiosa una citazione del libro di Giulio Tremonti (“Uscita di sicurezza”) presente in aula: “noi considerati dilettanti abbiamo costruito un Arca di Noè, i professionisti il Titanic”. Ma che il referendum non sarà un pranzo di gala lo si è capito allorché, in una sala di Palazzo Madama, si sono susseguite le conferenze stampa di tre “comitati per il no”, di cui due nuovi di zecca, dopo il primo dei costituzionalisti “di sinistra” (Alessandro Pace, Gustavo Zagrebelski, Stefano Rodotà) partito i giorni scorsi.

Proprio per differenziarsi da esso Fi ne ha promosso uno guidato da due ex presidenti della Consulta, Annibale Marini e Alfonso Quaranta. Ed anche tre senatori di area centrista, Mario Mauro, Carlo Giovanardi e Luigi Compagna ne hanno varato uno tutto loro, indirizzato soprattutto al mondo ex Dc e moderato.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

16:30Calcio: disposto il Daspo per 19 tifosi del Catanzaro

(ANSA) - POTENZA, 24 MAR - In seguito all'aggressione di due giocatori del Catanzaro (Lega Pro, girone C) avvenuta nel parcheggio dello stadio "Arturo Valerio", al termine della partita persa a Melfi (Potenza) lo scorso 11 marzo, 19 tifosi della formazione giallorossa non potranno assistere a manifestazioni sportive per i prossimi tre o cinque anni. In particolare, il Questore di Potenza, Alfredo Anzalone, ha disposto il Daspo per 16 maggiorenni, mentre per altri tre minorenni è stato avviato il procedimento amministrativo per l'applicazione della stessa misura.

16:18Salvini, a Verona il 25 aprile invito anche presidente Anpi

(ANSA) - VERONA, 24 MAR - "Come si fa a festeggiare la Liberazione e il diritto alla libertà di pensiero e di parola chiedendo d qualcuno di non manifestare?". Il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, ha replicato così al presidente dell'Anpi che ha chiesto al prefetto e al questore di Verona di vietare la manifestazione sulla sicurezza annunciata dalla Lega Nord per il 25 aprile a Verona. "Noi saremo a Verona rispettosamente - ha sottolineato -, la Festa della Liberazione è una festa per tutti, e da tutti i fascismi, i comunismi e i totalitarismi. Quindi portiamo rispetto e chiediamo rispetto". "Noi - ha aggiunto - ci saremo pacificamente, a volto scoperto. Anzi, se qualcuno che è stato al corteo del 25 aprile poi volesse venire anche alla nostra manifestazione, che parla di libertà e di sicurezza, sarà il benvenuto". "Perciò invito anche il presidente dell'Anpi e venire a sentire le proposte della Lega" ha concluso Salvini.

16:16Pd: Emiliano, guardo con interesse a M5s, metà voti nostri

(ANSA) - CATANIA, 24 MAR - "Renzi ha fatto sentire tutti estranei: è finita l'epoca della rottamazione, una parola che non mi è mai piaciuta. Piuttosto guardo con interesse ai Cinque Stelle perché metà dei loro elettori erano nostri. Oggi inizia l'epoca della ricostruzione, dell'amicizia e dell'armonia. Una sfida che parte dal Sud e che per 'ripartire insieme' serve puntare su diritti e sul lavoro". Lo afferma Michele Emiliano.

16:12Roma: Di Battista, Raggi? Via anche per consiglio del medico

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, "si è presa alcuni giorni, credo glielo abbia consigliato anche il medico, dopo tanti mesi di lavoro quindi non ha nulla a che vedere con un commissariamento come dite voi: il sindaco di Roma è Virginia, e credo che le cose stiamo andando molto meglio". Così Alessandro Di Battista ha risposto a una domanda al termine di una conferenza stampa al Pirellone, la sede del Consiglio regionale della Lombardia, a sostegno dei lavoratori dell'ex Alfa di Arese. Il deputato M5S ha risposto alla domanda sull'assenza della Raggi da Roma solo al termine dell'incontro, dopo un lungo confronto coi giornalisti presenti sull'opportunità di formulare la domanda come primo argomento al suo arrivo.

16:11Omicidio Vasto: 30 anni a Fabio Di Lello

(ANSA) - LANCIANO (CHIETI), 24 MAR - Condannato a 30 anni dalla Corte d'Assise, a Lanciano, Fabio Di Lello, 34 anni, di Vasto (Chieti), riconosciuto colpevole dell'omicidio volontario premeditato di Italo D'Elisa (22), avvenuto lo scorso primo febbraio davanti ad un bar di Vasto (Chieti). L'imputato sparò contro il giovane tre colpi di pistola calibro 9, secondo l'accusa per vendicare l'investimento mortale di sua moglie, Roberta Smargiassi, da parte della vittima, la scorsa estate. L'accusa aveva chiesto l'ergastolo. La condanna a 30 anni è per effetto dello sconto di pena previsto dal rito abbreviato. La Corte ha inoltre stabilito una provvisionale di 40 mila euro per il padre, la madre e il fratello della vittima.

16:09Calcio: Uefa, Dele Alli squalificato per tre giornate

(ANSA) - NYON, 24, MAR - Dele Alli, il talentuoso centrocampista del Tottenham, è stato squalificato per tre turni dall'Uefa: la squalifica arriva dopo l'espulsione rimediata il mese scorso nella gara di Europa League contro il Gent. Alli sconterà lo stop nella prossime stagione, essendo gli Spurs stati eliminati dalla squadra belga. Alli in questa stagione ha finora realizzato 17 gol tra premier e coppe.

15:58Villorba Corse presenta con Dallara prototipo per Le Mans

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Ci sarà anche Giampaolo Dallara sabato 25 marzo alle 17.30 in "Piazza dei Miracoli" a Pisa a presentare la P217 insieme a Cetilar Villorba Corse, il team tutto italiano che porterà il prototipo di classe LMP2 alla 24 Ore di Le Mans. La scuderia veneta diretta da Raimondo Amadio svelerà la Dallara e la squadra che affronteranno la leggendaria corsa endurance francese il 17-18 giugno e tutto il campionato European Le Mans Series 2017. A togliere i veli al nuovo prototipo di classe LMP2 in livrea Cetilar e a presentare il programma sportivo che da "Road to Le Mans" è diventato quest'anno "Italian Spirit of Le Mans" saranno pure i piloti titolari di questa grande avventura tutta tricolore: l'emiliano Andrea Belicchi, il trevigiano Giorgio Sernagiotto e il pisano Roberto Lacorte, che farà gli onori di casa. Nell'ambito della Cerimonia di Presentazione, davvero unica con sullo sfondo la Torre Pendente e nell'ambito delle celebrazioni del Capodanno Pisano.

Archivio Ultima ora