Approvate le riforme dal Senato. Ora la parola passa agli italiani

Pubblicato il 20 gennaio 2016 da redazione

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi interviene in Senato durante il voto finale del Ddl Riforme Costituzionali (seconda deliberazione del Senato), Roma, 20 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi interviene in Senato durante il voto finale del Ddl Riforme Costituzionali (seconda deliberazione del Senato), Roma, 20 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Via libera dal Senato al ddl sulle riforme costituzionali con uno ‘score’ finora mai raggiunto, vale a dire 180 sì, ma con la maggioranza di governo che non avrebbe raggiunto il ‘tetto’ minimo di voti senza l’aiuto di 22 senatori di Ala, Fare! e di Fi. Matteo Renzi, ha ringraziato i senatori che hanno raggiunto “un obiettivo che molti ritenevano impossibile”, vale a dire l’autoriforma del Senato.

Il premier ha ribadito la sua volontà di dimettersi in caso di sconfitta al referendum costituzionale di ottobre, in vista del quale sono nati due nuovi Comitati “per il no”, uno promosso da Fi, Lega e Fdi e un altro da alcuni senatori centristi.

Il voto dell’Assemblea di Palazzo Madama è il primo della seconda lettura conforme prevista dall’articolo 138 della Carta per le riforme costituzionali, cui seguirà quello definitivo della Camera ad aprile. Occorreva la maggioranza assoluta che in Senato è di 161 voti (315 senatori eletti e 6 a vita). I sì sono stati ben 180 (contro i 178 della precedente votazione, il 13 ottobre), ma la maggioranza assoluta è stata superata con il contributo di 17 senatori di Ala, il gruppo di Denis Verdini, le 3 senatrici di Fare!, il movimento di Flavio Tosi, e di due senatori di Fi, Bernabò Bocca e Riccardo Villari, che già in precedenza si erano espressi in questo modo.

Ala, con Lucio Barani, ha rivendicato di essere “determinante”, mentre i bersaniani, con Miguel Gotor, hanno affermato che questi risultati “aprono la strada a una stagione di trasformismo e annunciano una lunga e profonda palude in cui il Pd non può e non deve smarrire la propria identità riformista”.

Renzi ha solennizzato questo passaggio intervenendo in Senato al termine della discussione generale. Un discorso dai toni alti, assai diverso da quello con cui il 28 febbraio del 2014 chiese la fiducia per il suo governo, con le mani in tasca e augurandosi che il suo fosse l’ultimo governo a chiedere la fiducia in Senato. Il premier ha ringraziato i senatori per essersi “autoriformati”, facendo “riguadagnare alla politica la fiducia dei cittadini”.

E dopo aver ricordato i passi avanti dell’Italia negli ultimi due anni, non ha attribuito al solo governo il merito: “grazie al vostro impegno le cose stanno cambiando”. Ma alla fine del suo discorso Renzi ha ribadito “ufficialmente” la propria intenzione “di porre fine alla propria esperienza politica” nel caso di vittoria del “no” al referendum costituzionale di ottobre. E agli applausi ironici dei senatori di M5s e Lega, Renzi ha prontamente risposto: “sarà affascinante vedere le stesse facce gaudenti di adesso, quando, il giorno dopo il referendum sulla riforma, avremo dimostrato da che parte sta l’Italia”.

Curiosa una citazione del libro di Giulio Tremonti (“Uscita di sicurezza”) presente in aula: “noi considerati dilettanti abbiamo costruito un Arca di Noè, i professionisti il Titanic”. Ma che il referendum non sarà un pranzo di gala lo si è capito allorché, in una sala di Palazzo Madama, si sono susseguite le conferenze stampa di tre “comitati per il no”, di cui due nuovi di zecca, dopo il primo dei costituzionalisti “di sinistra” (Alessandro Pace, Gustavo Zagrebelski, Stefano Rodotà) partito i giorni scorsi.

Proprio per differenziarsi da esso Fi ne ha promosso uno guidato da due ex presidenti della Consulta, Annibale Marini e Alfonso Quaranta. Ed anche tre senatori di area centrista, Mario Mauro, Carlo Giovanardi e Luigi Compagna ne hanno varato uno tutto loro, indirizzato soprattutto al mondo ex Dc e moderato.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

16:26Calcio: Sousa, allenare Kalinic è una gioia

(ANSA) - FIRENZE, 20 GEN - "Ho sempre detto e lo ripeto che allenare giocatori come Kalinic è una gioia per chi fa questo mestiere". Così Paulo Sousa parla dell'attaccante croato da tempo chiacchierato sul mercato, nel mirino dei cinesi del Tianjin. Intanto per domani, in trasferta contro il Chievo, Kalinic mancherà per squalifica, sarà l'occasione per Babacar per confermare di essere pronto se il tecnico viola lo schiererà titolare. Dall'Inghilterra confermano la chiusura dell'acquisto di Zarate per circa 2,5 milioni da parte del Watford di Mazzarri.

16:24Tenta rapina a poliziotto ma lascia curriculum nello scooter

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Era in cerca di lavoro, girava con un curriculum vitae, ma nel frattempo faceva il rapinatore: è stato grazie ai dati contenuti in quei fogli A4, lasciati sotto la sella del suo scooter, che la Polizia è riuscita a rintracciare e arrestate, nella sua abitazione di Napoli, un pregiudicato di 31 anni, Luca Donnarumma, che all'alba ha tentato di rapinare un sovrintendente capo della Polizia di Stato. Donnarumma è entrato in azione in via Salvator Rosa: ha preso di mira una persona in strada - il poliziotto - che stava per salire a bordo della sua auto per recarsi a lavoro. Ne è nata una colluttazione al termine della quale il rapinatore, approfittando della strada in discesa, è comunque riuscito a scappare. L'agente ha fornito un'esatta descrizione sia dell'abbigliamento indossato dal rapinatore sia dello scooter, intercettato a poco distanza. Sotto la sella c'era il curriculum vitae, grazie al quale la Polizia è riuscita a individuare e arrestare il rapinatore.

16:23Calcio: Pioli, concentrati per vincerle tutte

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 GEN - "Champions? Ho l'esperienza necessaria per capire che dobbiamo aspettare la fine della stagione. Ma dobbiamo rimanere concentrati e vincerle tutte": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli in vista della partita con il Palermo. "Insieme a noi - aggiunge - c'e' una società molto forte con grande ambizione. Vogliamo costruire un buon presente che sia base per un grande futuro". L'allenatore ha molte alternative a centrocampo ma non teme che i giocatori possano essere delusi dalle sue scelte: "La squadra viene prima di tutto e i giocatori sono sintonizzati in questa direzione. Sono contento di avere l'imbarazzo della scelta". Il mercato nerazzurro non e' finito: "Mi aspetto delle cessioni oltre a quelle che sono già state fatte".

16:20Calcio: Sarri “Milan cresciuto, sarà difficilissima”

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - "La gara con il Milan ci dirà a che punto siamo noi e loro. Il Milan ha fatto passi in avanti giganteschi negli ultimi mesi, fanno benissimo in casa e hanno ricompattato un ambiente difficile, per noi sarò una gara difficilissima". Maurizio Sari si prepara così al big match con i rossoneri. "Ci saranno momenti in cui dovremo usare il fioretto e altri in cui servirà la sciabola, loro ci creeranno sofferenza ma avremo anche delle opportunità. Dobbiamo essere bravi a interpretare i momenti della partita". Sui singoli, Sarri ha spiegato che "Suso e Bonaventura sono bravi tecnicamente, saltano avversario e ci creeranno difficoltà, sicuramente saranno un punto di pericolo".

16:11Merkel riceve Fillon in cancelleria lunedì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 20 GEN - La cancelliera tedesca Angela Merkel riceverà il candidato alla presidenza francese François Fillon, lunedì prossimo in cancelleria. Lo ha comunicato il suo portavoce, Steffen Seibert, oggi in conferenza stampa. Subito dopo Fillon terrà un discorso alla Fondazione Adenauer, vicina alla Cdu. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Seibert ha affermato che un incontro del genere "non rappresenta alcuna interferenza" nella campagna elettorale francese, e ha ricordato che Merkel in passato ha incontrato altri candidati, sia conservatori che socialdemocratici.

16:11Di Maio, eroi salvano persone, antieroi le banche

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Ci sono eroi e antieroi. Gli eroi sono quelli che si mettono a disposizione, rischiando l'incolumità, per salvare gli altri. Gli antieroi sono quelli che si nascondono dietro sobrietà per celare disorganizzazione e incapacità". Così Luigi Di Maio commentando i salvataggi a Rigopiano. "Non è polemica è la verità. Gli antieroi hanno tempi da Bolt quando si tratta di tirar fuori dalle tasche degli italiani 20 mld per salvare la banca che hanno distrutto e sono insopportabilmente lenti quando si tratta di dare ai terremotati 28 milioni che gli italiani hanno donato con grande solidarietà".

16:11Calcio: Coppa Italia, tre giornate a Zarate

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tre giornate di squalifica sono state inflitte a Mauro Zarate (Fiorentina) dal giudice sportivo che ha esaminato i referti relativi alla gare degli ottavi di Coppa Italia. L'attaccante argentino è stato fermato "per condotta violenta avendo, al 26' del secondo tempo, con il pallone non a distanza di giuoco, colpito con un calcio un avversario", ovvero Bastien, del Chievo. Una giornata dovranno scontare Barreca (Torino) e Radovanovic (Chievo), entrambi espulsi per doppia ammonizione.

Archivio Ultima ora