Coppa Italia: Juve insaziabile, Lazio coraggiosa ma battuta

Pubblicato il 20 gennaio 2016 da redazione

Lazio's Lucas Biglia (L) and Juventus' Alex Sandro in action during the Italy Cup quarter final soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 20 January 2016. ANSA/CLAUDIO PERI

Lazio’s Lucas Biglia (L) and Juventus’ Alex Sandro in action during the Italy Cup quarter final soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 20 January 2016.
ANSA/CLAUDIO PERI

ROMA. – Sono Alessandria-Milan ed Inter-Juventus le semifinali della Coppa Italia 2015-’16. Nel proprio quarto i bianconeri si sono sbarazzati della Lazio (con un gol di Lichtsteiner, al 21′ della ripresa, “visto” dall’occhio di falco) alla loro maniera: cinici, concreti, quadrati in ogni reparto. Insomma, la stessa Juve che da 10 turni sa solo vincere in campionato si è confermata nel gelo dell’Olimpico ‘affamata’ di successi, non importa il nome della competizione che li produce.

Una Lazio volenterosa, ma con limiti oggettivi, ha poco da recriminare o da rimproverarsi. Alla fine di 95 minuti di grande impegno da parte di tutti i protagonisti, i biancocelesti hanno costruito ben poco davanti alla porta avversaria. Neto (alla terza presenza da titolare) scarsamente impegnato nei primi 45′, lo è stato ancor meno in seguito. All’attacco della Lazio è mancato soprattutto Klose.

Nonostante lo 0-0, è un primo tempo bello per intensità e velocità. Si picchia il giusto, e (quasi) sempre nei limiti del regolamento. Entrambi i tecnici mostrano di tenere al trofeo, schierando formazioni molto vicine alle migliori. Nella Lazio resta in panchina Parolo tra i titolari del campionato. La Juve davanti fa riposare Dybala e Mandzukic, in porta c’è Neto (alla terza presenza in bianconero).

I bianconeri tengono di più l’iniziativa, ma la formazione di Pioli è viva ed attenta, sempre pronta a ripartire, cercando insieme di spegnere sul nascere le folate di Pogba e Zaza (bello il suo duello con Bisevac, alla prima da titolare). Resta più defilato Morata, mentre sull’altro fronte Keita appare più ispirato di Klose.

Il primo tiro in porta è della Juve (4′) con Sturaro, centrale. Berisha blocca. La prima vera occasione da gol capita però sui piedi di Keita, lanciato da Biglia (13′), ma il suo destro è alto. Pogba replica di testa, alto anche lui. La segnalazione di un fuorigioco molto dubbio ferma Candreva lanciato a rete. Il francese scalda la serata di Berisha con un bel tiro piazzato, centrale e da una ventina di metri, ben deviato in angolo.

Tanto sacrificio la Lazio lo paga nella ripresa, quando la Juventus comincia guadagnare metri, grazie alla maggiore tecnica dei singoli che sopperisce alla stanchezza del collettivo. Già al 6′ Morata avrebbe l’occasione di sbloccare. Ben servito da Zaza, lo spagnolo impegna Berisha che devia di piede. Poi lo stesso Zaza manda sull’esterno della porta. Sarà uno dei numerosi interventi del portiere che terranno a galla i suoi.

Al 21′ la rete che deciderà l’incontro. Zaza ha il tempo di piazzare il sinistro a giro, ma centra il palo. La palla arriva a Lichtsteiner che conclude a botta sicura. Berisha riesce a respingere, ma quando la palla ha ormai varcato la linea di porta, come certifica la gol-line tecnology. E’ un mazzata per la Lazio.

I ragazzi di Pioli perdono la tensione nervosa che li aveva sostenuti fino a quel momento e rischiano il tracollo. Zaza imperversa lanciando Sturaro che manda a lato di poco. Biglia si fa male (sembra un infortunio grave) in un contrasto con Cuadrado ed esce soffrente. Al 46′ Berisha salva ancora il 2-0 respingendo su Mandzukic, entrato alla mezzora posto di Morata.

Dopo 5′ di recupero (Dybala in campo al 45′ riesce a sfiorare il gol) è finita. Juve avanti con merito, Lazio fuori. Per Pioli è il sesto ko consecutivo contro i bianconeri da quando siede su questa panchina.

Ultima ora

21:21Calcio: Crotone, Cordaz, vogliamo giocarcela fino al termine

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - "Ci crediamo, siamo vivi e vogliamo giocarcela fino al termine". Così Alex Cordaz, portiere e capitano del Crotone, cerca di risollevare il morale della squadra dopo il ko casalingo con il Bologna ed in vista della gara di domenica prossima a Marassi contro il Genoa. "Quella contro l'undici di Juric - dice il numero uno del Crotone - è una gara fondamentale, come sarà peraltro da qui alla fine per ogni partita. Il morale deve essere alto. Non dobbiamo guardare a quello che è successo o non è successo perché non ne abbiamo il tempo. Dobbiamo solo concentrarci su Genoa e cercare di ottenere il massimo". Contro i rossoblu liguri il Crotone ritroverà Ivan Juric, l'allenatore che ha permesso ai calabresi la conquista della Serie A. "Conosciamo bene Juric - dice Cordaz - ma lui ha le sue armi e la sua squadra. Noi adesso non possiamo guardare l'avversario. Che sia Genoa, Empoli o Juventus, dobbiamo giocarcela con chiunque e fare punti''.

21:06Killer Florida, ‘ho agito in nome dell’Isis’

(ANSA) - NEW YORK, 17 GEN - Esteban Santiago, l'uomo accusato di aver ucciso cinque persone all'aeroporto di Fort Lauderdale, in Florida, ha detto agli agenti dell'Fbi di aver effettuato l'attacco a nome dell'Isis: lo ha detto l'agente speciale del Bureau Michael Ferlazzo durante la sua testimonianza in udienza, secondo quanto riporta la Cnn. L'agente non ha spiegato se Santiago sostiene di avere legami con lo Stato Islamico o se e' stato solo ispirato dall'organizzazione terroristica.

20:54Maltempo: partoriente da Desulo a Nuoro in sei ore

(ANSA) - NUORO, 17 GEN - Quasi un'odissea quella vissuta oggi da una partoriente di Desulo che ha impiegato sei ore per percorrere la strada provinciale 7, che collega il paese del Mandrolisai, dove la neve ha superato il mezzo metro, con Nuoro. Tutto comunque è andato bene, la donna è stata ricoverata all'ospedale San Francesco e potrebbe partorire nelle prossime ore. Una vicenda che il sindaco di Desulo, Gigi Littarru, ha stigmatizzato su Facebook: "Secondo voi può una partoriente fare un viaggio di sei ore per raggiungere l'ospedale di Nuoro? In Sardegna, a Desulo accade anche questo. Mi tengo per me le maledizioni di rito. Siamo governati da incapaci, che puntualmente non capiscono o non vogliono capire". La donna, con la gravidanza a termine, è partita verso Nuoro alle prime ore del mattino, dopo le prime avvisaglie del parto, ma raggiungere il capoluogo barbaricino si è rivelato più complicato del previsto. "Con la riforma sanitaria ci hanno chiuso l'ospedale di Sorgono, che era a pochi chilometri, ora però ci permettano di avere i mezzi per liberare la strada - ha dichiarato il sindaco all'ANSA - Chi ci governa ancora non sa che siamo paesi di montagna distanti ore dal primo ospedale. Qui non stiamo chiedendo la luna ma solo mezzi per permetterci di vivere in questo territorio. Quando siamo venuti a conoscenza del viaggio della donna abbiamo allertato la Protezione civile e tutto è andato bene. Ma non si può vivere in queste condizioni. La Regione deve sapere che anche nei piccoli paesi dimenticati dal mondo c'è bisogno della presenza dello Stato". (ANSA).

20:41Maradona: de Magistris’evento per tutti magari il 10 maggio’

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - "Un evento organizzato e voluto da Alessandro Siani". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, parlando, nel corso della diretta Facebook dalla pagina di Repubblica Napoli, dello spettacolo di ieri sera al Teatro di San Carlo con Maradona, sottolineando che "è stata una bella serata, il teatro era stracolmo". "Noi lavoriamo a un evento allo stadio San Paolo in occasione dei 30 anni dallo scudetto - ha affermato - se possibile il 10 maggio, ma comunque in quel mese". "Pensiamo a un evento accessibile a tutti - ha aggiunto - durante il quale conferire la cittadinanza onoraria a Maradona". "Noi consideriamo Maradona un bene comune - ha concluso - e per lui deve esserci un evento popolare, accessibile a tutti".

20:39Attivista Femen contro statua Trump a Museo Cere

(ANSA) - MADRID, 17 GEN - Un'attivista dell'organizzazione femminista Femen ha fatto irruzione nel Museo delle Cere di Madrid per contestare a seni nudi l'inaugurazione di una statua dedicata al presidente eletto americano Donald Trump. La donna ha gridato varie volte in inglese "stringete il patriarcato per i testicoli" e "fascista!", prima di essere allontanata dai dipendenti del museo. Femen Spagna ha rivendicato l'iniziativa pubblicando sul proprio sito una foto di spalle della donna, affermando che "Femen ha preso per i testicoli la statua di Trump nel Museo delle Cere".

20:30Calcio: Bologna, problemi difesa,out Gastaldello e Torosidis

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Doppio stop nella difesa del Bologna. Il capitano Daniele Gastaldello, con uno stiramento all'otturatore interno sinistro, ne avrà per due-tre settimane. Il terzino greco Vasilis Torosidis, per un problema al pettineo sinistro, tornerà invece a disposizione tra dieci giorni. Gli esiti degli esami sono resi noti dal club, impegnato in serata in Coppa Italia con l'Inter a Milano.

20:28Calcio: Coppa d’Africa, Ghana-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Ghana ha battuto l'Uganda 1-0 (1-0) in un match valido per la Coppa d'Africa allo stadio di Port Gentil (girone D). Andre Ayew decide il match su rigore al 32' del primo tempo.

Archivio Ultima ora