Davos: la paura della crisi gela la festa dei finanzieri

Pubblicato il 20 gennaio 2016 da redazione

AFP

AFP

DAVOS (Svizzera). – Nessuno di loro lo dice troppo forte nei saloni e corridoi che li riparano dalla neve e dal freddo delle Alpi svizzere. Ma il gran consesso dei finanzieri, capitani d’industria e governanti riunito a Davos, anche se ostenta molta fiducia e persino euforia, rischia di essere l’ultima festa prima di una nuova crisi.

Gli economisti riuniti al Forum economico mondiale sono divisi: fra chi vede una normale correzione dei mercati e si sente rincuorato dalle parole del vicepresidente Usa Joe Biden che celebrano il modello economico Usa delle “opportunità”. E chi, invece, teme una terza fase della grande crisi iniziata proprio negli Usa ormai quasi dieci anni fa come Ken Rogoff, prof di Harvard ed ex Fmi: “Chi dice ‘questa volta è diverso per la Cina’ tiene la testa sotto la sabbia”.

Per tutti, piombano come un fulmine a ciel sereno le parole di Christine Lagarde: dopo il taglio delle stime di crescita globali, il capo del Fmi ha avvertito che ci sono “dei rischi all’orizzonte maggiori del previsto”. I mercati in caduta libera, nel frattempo, si sono incaricati di far sapere che gli investitori quei rischi li prendono sul serio. Da una c’è la fuga di capitali dagli emergenti ora accoppiata al dollaro in rialzo, una mina vagante per il debito di Paesi come il Brasile.

Dall’altra il petrolio (ieri -7%) e le materie prime ai minimi. Che potrebbero persino dare una mano ai consumi, se non fosse che l’Europa è sull’orlo della deflazione e anche negli Usa i prezzi procedono a un ritmo esangue. “Non prevedo ulteriori scossoni sulle borse” – ragiona a Davos il premio Nobel Edmund Phelps – “ma al calo del petrolio non c’è un limite aritmetico: 10, cinque dollari?”. E avvicinandosi quel limite, il professore americano avverte che nessuno può escludere perdite massicce per qualche grande investitore Usa, potenziale miccia per una nuova crisi finanziaria.

Il ragionamento della Lagarde, che potrà anche confrontarsi con Mario Draghi non appena l’italiano arriverà una volta finito il consiglio Bce, ruota soprattutto sulla Cina e il suo Pil frenato ai minimi di un quarto di secolo. Nouriel Roubini, guru finanziario e gran mattatore dei party di Davos, dice di non vedere un nuovo 2008, cioè una recessione globale o una crisi finanziaria. Ma nota anche che la Cina, con l’eventualità di uno ‘sboom’ violento, rappresenta un rischio e che tocca a governi e banche centrali, in primo luogo a Pechino, scongiurarlo.

E Michael Spence, altro Nobel americano, mette il dito nella piaga delle banche centrali. “Per ora ci troviamo solo di fronte ad una forte volatilità dei mercati, ma alla lunga è possibile (una crisi, ndr) perché avere per lungo tempo una situazione con tassi così bassi può essere pericoloso e insostenibile”. Vuol dire che la politica delle banche centrali può destabilizzare. Ma c’è anche un’implicazione implicita, e cioè il fatto che, a differenza del 2008, oggi le banche centrali hanno sparato gran parte delle loro cartucce. Cosa faranno se una crisi finanziaria le cogliesse ora, che hanno già utilizzato il oro capitale ricorrendo persino all’inventiva sugli strumenti di debito da comprare per creare un po’ d’inflazione?

Gli occhi di tutti sono sulla Fed e sulla Bce, con una situazione che non si vedeva anch’essa da un quarto di secolo, il divorzio delle rispettive politiche monetarie con gli Usa che alzano i tassi e Draghi che lavora a un ulteriore quantitative easing. E le incognite sono davvero elevate, se a Davos Roubini azzarda l’ipotesi che un’istituzione come la Fed abbia sbagliato tutto a dicembre. “L’economia Usa sta rallentando, quindi la Fed potrebbe aver fatto un errore iniziando ad alzare i tassi”. Roba da far andare di traverso i sofisticati aperitivi di Davos.

(dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora