Davos: la paura della crisi gela la festa dei finanzieri

Pubblicato il 20 gennaio 2016 da redazione

AFP

AFP

DAVOS (Svizzera). – Nessuno di loro lo dice troppo forte nei saloni e corridoi che li riparano dalla neve e dal freddo delle Alpi svizzere. Ma il gran consesso dei finanzieri, capitani d’industria e governanti riunito a Davos, anche se ostenta molta fiducia e persino euforia, rischia di essere l’ultima festa prima di una nuova crisi.

Gli economisti riuniti al Forum economico mondiale sono divisi: fra chi vede una normale correzione dei mercati e si sente rincuorato dalle parole del vicepresidente Usa Joe Biden che celebrano il modello economico Usa delle “opportunità”. E chi, invece, teme una terza fase della grande crisi iniziata proprio negli Usa ormai quasi dieci anni fa come Ken Rogoff, prof di Harvard ed ex Fmi: “Chi dice ‘questa volta è diverso per la Cina’ tiene la testa sotto la sabbia”.

Per tutti, piombano come un fulmine a ciel sereno le parole di Christine Lagarde: dopo il taglio delle stime di crescita globali, il capo del Fmi ha avvertito che ci sono “dei rischi all’orizzonte maggiori del previsto”. I mercati in caduta libera, nel frattempo, si sono incaricati di far sapere che gli investitori quei rischi li prendono sul serio. Da una c’è la fuga di capitali dagli emergenti ora accoppiata al dollaro in rialzo, una mina vagante per il debito di Paesi come il Brasile.

Dall’altra il petrolio (ieri -7%) e le materie prime ai minimi. Che potrebbero persino dare una mano ai consumi, se non fosse che l’Europa è sull’orlo della deflazione e anche negli Usa i prezzi procedono a un ritmo esangue. “Non prevedo ulteriori scossoni sulle borse” – ragiona a Davos il premio Nobel Edmund Phelps – “ma al calo del petrolio non c’è un limite aritmetico: 10, cinque dollari?”. E avvicinandosi quel limite, il professore americano avverte che nessuno può escludere perdite massicce per qualche grande investitore Usa, potenziale miccia per una nuova crisi finanziaria.

Il ragionamento della Lagarde, che potrà anche confrontarsi con Mario Draghi non appena l’italiano arriverà una volta finito il consiglio Bce, ruota soprattutto sulla Cina e il suo Pil frenato ai minimi di un quarto di secolo. Nouriel Roubini, guru finanziario e gran mattatore dei party di Davos, dice di non vedere un nuovo 2008, cioè una recessione globale o una crisi finanziaria. Ma nota anche che la Cina, con l’eventualità di uno ‘sboom’ violento, rappresenta un rischio e che tocca a governi e banche centrali, in primo luogo a Pechino, scongiurarlo.

E Michael Spence, altro Nobel americano, mette il dito nella piaga delle banche centrali. “Per ora ci troviamo solo di fronte ad una forte volatilità dei mercati, ma alla lunga è possibile (una crisi, ndr) perché avere per lungo tempo una situazione con tassi così bassi può essere pericoloso e insostenibile”. Vuol dire che la politica delle banche centrali può destabilizzare. Ma c’è anche un’implicazione implicita, e cioè il fatto che, a differenza del 2008, oggi le banche centrali hanno sparato gran parte delle loro cartucce. Cosa faranno se una crisi finanziaria le cogliesse ora, che hanno già utilizzato il oro capitale ricorrendo persino all’inventiva sugli strumenti di debito da comprare per creare un po’ d’inflazione?

Gli occhi di tutti sono sulla Fed e sulla Bce, con una situazione che non si vedeva anch’essa da un quarto di secolo, il divorzio delle rispettive politiche monetarie con gli Usa che alzano i tassi e Draghi che lavora a un ulteriore quantitative easing. E le incognite sono davvero elevate, se a Davos Roubini azzarda l’ipotesi che un’istituzione come la Fed abbia sbagliato tutto a dicembre. “L’economia Usa sta rallentando, quindi la Fed potrebbe aver fatto un errore iniziando ad alzare i tassi”. Roba da far andare di traverso i sofisticati aperitivi di Davos.

(dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

03:46Usa, sondaggio: Trump crolla al 40%

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - La bufera del Russiagate fa crollare Trump nell'ultimo sondaggio di Fox news (21-23 maggio): il 40% del campione approva il lavoro del presidente Usa, mentre il 53% lo boccia. Un mese fa il rapporto era 45% a 48%. Il 44% inoltre ritiene che gli hackeraggi russi abbiano aiutato il tycoon ad arrivare alla Casa Bianca. Il 68% approva la nomina di un procuratore speciale per indagare sulle interferenze di Mosca nelle elezioni (29% e' contro) e il 43% pensa che scoprirà un coordinamento della campagna di Trump con la Russia. Il 60% inoltre e' convinto che Trump abbia licenziato il capo dell'Fbi James Comey perche' l'indagine sul Russiagate stava danneggiando la presidenza (il 29% non lo pensa). Come se non bastasse, il 57% ritiene che la condivisione di informazioni segrete con i russi nello studio ovale sia frutto di cattivo giudizio.

03:42Manchester, settimo arresto in Inghilterra

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia britannica ha arrestato una settima persona in connessione all'attentato di Manchester. Un uomo è stato fermato ieri dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato ricerche nella città inglese di Nuneaton, circa 160 chilometri a sud di Manchester. Si tratta del primo arresto in Inghilterra a svolgersi al di fuori di Manchester dal giorno dell'attentato. Sono quindi ora in tutto sei uomini e una donna le persone arrestate nel Regno Unito nell'ambito delle indagini sull'attacco suicida che lunedì ha ucciso 22 persone al concerto della pop star Ariana Grande all'Arena.

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

00:12Indonesia: due kamikaze si fanno esplodere, tre agenti morti

(ANSA) - GIACARTA, 24 MAG - Almeno tre agenti di polizia sono rimasti uccisi e una decina di altre persone, fra cui cinque agenti, sono rimaste ferite in Indonesia, dove due kamikaze si sono fatti esplodere la scorsa notte a pochi minuti l'uno dall'altro in una stazione di autobus nell'affollato quartiere orientale di Kampung Melayu, a Giacarta, capitale federale della più popolata nazione a maggioranza islamica del mondo. Il portavoce della polizia ha confermato quanto si era saputo in precedenza sulla dinamica del duplice attentato, compiuto, ha detto, da due terroristi suicidi, entrambi uomini, che si aggiungono al computo delle vittime. La zona è piena di agenti, con artificieri e unità cinofile. Filmati ripresi da passanti con il cellulare e postati su Youtube mostrano un poliziotto ferito portato in ambulanza in barella. Un altro filmato mostra brandelli di carne sparsi a terra sul marciapiede. In Indonesia, da anni si combatte contro formazioni jihadiste, prima legate ad Al Qaida, ora con militanti collegati all'Isis.

Archivio Ultima ora