Venezuela: il presidente Maduro riconosce la legalità del Parlamento

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

esta

Passo a passo, tassello su tassello. Il “puzzle” del nuovo Parlamento comincia a prender forma. Lentamente. Con diplomazia ma con fermezza. Senza bruciare tappe, come vorrebbero le frange più estreme.

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, si è recato all’Assemblea Nazionale per presentare il bilancio della sua gestione durante il 2015. Lo ha fatto nonostante le critiche, a volte al limite dell’insulto, rivolte alla Direzione del Potere Legislativo; lo ha fatto consapevole della maggioranza parlamentare, di opposizione, che oggi domina il Congresso.

Giorni prima si era temuto che, su mandato della Corte, il capo dello Stato potesse snobbare il Parlamento e, come atto di sfida, presentare il bilancio in un altro scenario. Chissà, nello stesso palazzo presidenziale. Ma neanche il Tribunale Supremo di Giustizia, forse prevedendo le ripercussioni negative a livello internazionale, ha osato tanto.

E’ vero, la maggioranza parlamentare di opposizione, ha dovuto rinunciare a tre deputati sospesi dalla Corte, a causa di una denuncia di presunte frodi nella loro circoscrizione elettorale; quegli stessi parlamentari che, con un atto di sfida verso il Tribunale Supremo di Giustizia, erano stati accettati dalla nuova Presidenza. Come affermato dal presidente dell’Assemblea Nazionale, “a volte è necessario piegarsi, per ottenere alcune cose”.

E il Parlamento, con la presenza del capo dello Stato, ha ottenuto la “benedizione” – leggasi riconoscimento – del Potere Esecutivo. In un momento di lotta politica radicalizzata, di muro contro muro, non è stata cosa da poco. Lo scontro frontale tra due treni in corsa è stato per il momento scongiurato. O forse solo rimandato?

Il discorso del capo dello Stato non ha offerto nuove sponde alla distensione. Il presidente della Repubblica non ha rinunciato al suo abituale linguaggio litigioso. E ha insistito nell’affermare che coloro che hanno votato per il “Tavolo dell’Unità” hanno commesso un errore che inciderà sul futuro della “rivoluzione”. Ma ha anche sottolineato che il suo governo non farà un passo indietro. E l’ha dimostrato nell’affrontare l’argomento economico.

Il presidente della Repubblica ha dato di nuovo la colpa dei mali del paese alla “guerra economica” e al complotto dei grossi capitali nazionali e internazionali. Nonostante i risultati dei centri di ricerca nazionale, che ci presentano un paese con una povertà dilagante che raggiunge quasi il 75 per cento delle famiglie venezuelane, ha ripetuto che la qualità di vita del venezuelano è migliorata negli ultimi quindici anni.

E sottolineato con enfasi che difenderà tutte le “misiones”, gli ammortizzatori sociali creati dal “chavismo”, molti dei quali, purtroppo, lungi dal raggiungere gli effetti sperati sono diventati fonte di corruzione. In particolare, la “Misiòn Vivienda”.

Ha annunciato l’imminente incremento del prezzo della benzina, argomento del quale si parla ormai da anni ma che il “chavismo” ha sempre posposto per timore di una esplosione sociale. Non un passo indietro. In nessun momento c’è stato il riconoscimento di errori. Tanto meno è stata espressa la volontà di rettificare in quegli aspetti della politica economica che pare evidente ormai debbano essere corretti.

Il presidente Maduro non ha affrontato l’argomento dell’insicurezza. Eppure è questo un tema caro ai venezuelani. L’insicurezza merita un intervento immediato. Stando all’Osservatorio Venezuelano per la violenza, sono state 27mila 875 le morti violente nel Paese. Un numero tale da fare assurgere il paese tra le prime posizioni nella Top-Ten di quelli più pericolosi al mondo, nonostante le tante guerre in altri continenti.

La presentazione della “Memoria y Cuenta” del capo dello Stato, trasmessa a rete unificata, ha permesso al presidente dell’Assemblea Nazionale, Henry Ramos Allup, di dirigersi al paese. Un’occasione unica per illustrare ai venezuelani i punti di vista della maggioranza parlamentare. E per invitare al dialogo.

Ramos Allup ha negato l’esistenza di una guerra economica nel Paese. E ha sottolineato che l’attuale situazione di crisi nel Paese, le lunghe file di consumatori alle porte dei supermarket e la mancanza di generi alimentari e medicine sono solo il risultato di errori in politica economica; errori in nessun momento corretti.

Il presidente dell’An ha parlato di corruzione, ma ha avuto la sensibilità di non toccare il tema dei familiari del presidente accusati negli Usa di traffico di droga; della necessità di consegnare il titolo di proprietà ai venezuelani beneficiati dalla “Misiòn Vivienda”; e della volontà del Parlamento di legislare.

E’ stato un lungo discorso nel quale, senza snocciolare cifre noiose, il presidente dell’An passava in rassegna tutti, o quasi, i problemi del paese. Quindi, assicurava il presidente della Repubblica, che il suo bilancio di un anno di gestione sarebbe stato attentamente analizzato.

Quello del Parlamento potrà essere solo un giudizio politico ma, in considerazione dei tempi che corrono, avrà senz’altro importanti ripercussioni.

Giorni prima, il ministro dell’Economia, Luis Salas, aveva consegnato i “decreti dell’Emergenza economica”. Anche in questo caso, nulla di nuovo. È stata ribadita la volontà di seguire il cammino già tracciato senza correggere i vecchi errori. Si parla di controlli e di provvedimenti per far fronte alla presunta “guerra economica” in uno scenario in cui il prezzo del greggio venezuelano si avvicina pericolosamente alla soglia del costo di produzione che gli esperti stimano attorno ai 20 dollari il barile.

Il “decreto d’emergenza”, come altri provvedimenti presi in precedenza dal Governo del presidente Maduro, non rassicurano il produttore privato. Al contrario, ravvivano la fiamma del timore. E se non vi è un clima di fiducia nel Paese, per quanto ricco esso possa essere, l’imprenditorialità privata e quella straniera si astengono dall’investire.

Per uscire dalla recessione, che organismi internazionali stimano in oltre il 7 per cento, per frenare l’inflazione che il Fondo Monetario Internazionale calcola, nel 2016 attorno al 500 per cento, e per frenare la speculazione vi è bisogno di un governo che sappia rettificare e di un clima di fiducia che stimoli gli investimenti privati.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

05:56Germania: proiezioni finali, Cdu-Csu a 32,9, Spd 20,8

ROMA, 25 SET - L'autorita' federale per le elezioni ha leggermente modificato i dati delle proiezioni finali per il rinnovo del Parlamento tedesco diffusi dall'Istituto di sondaggi Zdf. L'Unione Cdu-Csu consegue il 33% dei voti, i socialdemocratici della Spd il 20,5% e gli oltranzisti di destra della Afd il 12,6%. Secondo Zdf poi, Fpd e' al 10,4% (+5,6%); i Verdi al 9,0% (+0,6%); Linke al 9,0% (+0,4%). Se queste proiezioni fossero confermate dai risultati finali, questa sarebbe la nuova divisione dei seggi in Parlamento: Cdu-Csu 238, socialdemocratici 148, AfD 95, liberali 78, Linke 66, Verdi 65.

05:43Usa: nuova stretta su ingressi, riguarda 8 Paesi

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova stretta sugli ingressi negli Stati Uniti. Le nuove misure riguardano otto Paesi: oltre a cinque dei sei a maggioranza musulmana gia' presi di mira nel bando in scadenza alla mezzanotte (Iran, Somalia, Libia, Yemen e Siria) spuntano ora anche Ciad, Corea del Nord e Venezuela. Le restrizioni non riguarderanno chi gia' possiede un visto Usa. Scompare dalla lista il Sudan.

05:28Marocco, la polizia interrompe la festa di una sposa bambina

RABAT - C'erano la torta e i fiori, gli invitati, i regali, i parenti felici. Ma le immagini postate su Facebook hanno indignato la Rete: nell'abito bianco di quella che sembrava una sposa c'era una bambina, accanto a lei un uomo di 27 anni. È accaduto a Tetouan, poco più di 400 mila abitanti, nel nord del Marocco, ai piedi della catena del Rif. L'ondata di sdegno ha costretto la polizia a intervenire. Gli uomini in divisa hanno interrotto la cerimonia e rimandato a casa gli invitati. La madre della bambina assicura che si trattava soltanto di una festa di fidanzamento, una promessa di amore in attesa che la piccola raggiunga l'età giusta per sposarsi, i 18 anni previsti dalla Moudawana, il codice della Famiglia riscritto e aggiornato nel 2004.

05:21Kushner come Hillary, usa account email privato

NEW YORK - Jared Kushner come Hillary Clinton. Il genero di Donald Trump e uno dei piu' stretti consiglieri del presidente americano avrebbe infatti usato un account email privato per comunicare con altri alti responsabili dell'amministrazione Trump, contravvenendo all'obbligo di ricorrere solo alla email governativa ufficiale. Lo svela Politico.

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

Archivio Ultima ora