Venezuela: il presidente Maduro riconosce la legalità del Parlamento

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

esta

Passo a passo, tassello su tassello. Il “puzzle” del nuovo Parlamento comincia a prender forma. Lentamente. Con diplomazia ma con fermezza. Senza bruciare tappe, come vorrebbero le frange più estreme.

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, si è recato all’Assemblea Nazionale per presentare il bilancio della sua gestione durante il 2015. Lo ha fatto nonostante le critiche, a volte al limite dell’insulto, rivolte alla Direzione del Potere Legislativo; lo ha fatto consapevole della maggioranza parlamentare, di opposizione, che oggi domina il Congresso.

Giorni prima si era temuto che, su mandato della Corte, il capo dello Stato potesse snobbare il Parlamento e, come atto di sfida, presentare il bilancio in un altro scenario. Chissà, nello stesso palazzo presidenziale. Ma neanche il Tribunale Supremo di Giustizia, forse prevedendo le ripercussioni negative a livello internazionale, ha osato tanto.

E’ vero, la maggioranza parlamentare di opposizione, ha dovuto rinunciare a tre deputati sospesi dalla Corte, a causa di una denuncia di presunte frodi nella loro circoscrizione elettorale; quegli stessi parlamentari che, con un atto di sfida verso il Tribunale Supremo di Giustizia, erano stati accettati dalla nuova Presidenza. Come affermato dal presidente dell’Assemblea Nazionale, “a volte è necessario piegarsi, per ottenere alcune cose”.

E il Parlamento, con la presenza del capo dello Stato, ha ottenuto la “benedizione” – leggasi riconoscimento – del Potere Esecutivo. In un momento di lotta politica radicalizzata, di muro contro muro, non è stata cosa da poco. Lo scontro frontale tra due treni in corsa è stato per il momento scongiurato. O forse solo rimandato?

Il discorso del capo dello Stato non ha offerto nuove sponde alla distensione. Il presidente della Repubblica non ha rinunciato al suo abituale linguaggio litigioso. E ha insistito nell’affermare che coloro che hanno votato per il “Tavolo dell’Unità” hanno commesso un errore che inciderà sul futuro della “rivoluzione”. Ma ha anche sottolineato che il suo governo non farà un passo indietro. E l’ha dimostrato nell’affrontare l’argomento economico.

Il presidente della Repubblica ha dato di nuovo la colpa dei mali del paese alla “guerra economica” e al complotto dei grossi capitali nazionali e internazionali. Nonostante i risultati dei centri di ricerca nazionale, che ci presentano un paese con una povertà dilagante che raggiunge quasi il 75 per cento delle famiglie venezuelane, ha ripetuto che la qualità di vita del venezuelano è migliorata negli ultimi quindici anni.

E sottolineato con enfasi che difenderà tutte le “misiones”, gli ammortizzatori sociali creati dal “chavismo”, molti dei quali, purtroppo, lungi dal raggiungere gli effetti sperati sono diventati fonte di corruzione. In particolare, la “Misiòn Vivienda”.

Ha annunciato l’imminente incremento del prezzo della benzina, argomento del quale si parla ormai da anni ma che il “chavismo” ha sempre posposto per timore di una esplosione sociale. Non un passo indietro. In nessun momento c’è stato il riconoscimento di errori. Tanto meno è stata espressa la volontà di rettificare in quegli aspetti della politica economica che pare evidente ormai debbano essere corretti.

Il presidente Maduro non ha affrontato l’argomento dell’insicurezza. Eppure è questo un tema caro ai venezuelani. L’insicurezza merita un intervento immediato. Stando all’Osservatorio Venezuelano per la violenza, sono state 27mila 875 le morti violente nel Paese. Un numero tale da fare assurgere il paese tra le prime posizioni nella Top-Ten di quelli più pericolosi al mondo, nonostante le tante guerre in altri continenti.

La presentazione della “Memoria y Cuenta” del capo dello Stato, trasmessa a rete unificata, ha permesso al presidente dell’Assemblea Nazionale, Henry Ramos Allup, di dirigersi al paese. Un’occasione unica per illustrare ai venezuelani i punti di vista della maggioranza parlamentare. E per invitare al dialogo.

Ramos Allup ha negato l’esistenza di una guerra economica nel Paese. E ha sottolineato che l’attuale situazione di crisi nel Paese, le lunghe file di consumatori alle porte dei supermarket e la mancanza di generi alimentari e medicine sono solo il risultato di errori in politica economica; errori in nessun momento corretti.

Il presidente dell’An ha parlato di corruzione, ma ha avuto la sensibilità di non toccare il tema dei familiari del presidente accusati negli Usa di traffico di droga; della necessità di consegnare il titolo di proprietà ai venezuelani beneficiati dalla “Misiòn Vivienda”; e della volontà del Parlamento di legislare.

E’ stato un lungo discorso nel quale, senza snocciolare cifre noiose, il presidente dell’An passava in rassegna tutti, o quasi, i problemi del paese. Quindi, assicurava il presidente della Repubblica, che il suo bilancio di un anno di gestione sarebbe stato attentamente analizzato.

Quello del Parlamento potrà essere solo un giudizio politico ma, in considerazione dei tempi che corrono, avrà senz’altro importanti ripercussioni.

Giorni prima, il ministro dell’Economia, Luis Salas, aveva consegnato i “decreti dell’Emergenza economica”. Anche in questo caso, nulla di nuovo. È stata ribadita la volontà di seguire il cammino già tracciato senza correggere i vecchi errori. Si parla di controlli e di provvedimenti per far fronte alla presunta “guerra economica” in uno scenario in cui il prezzo del greggio venezuelano si avvicina pericolosamente alla soglia del costo di produzione che gli esperti stimano attorno ai 20 dollari il barile.

Il “decreto d’emergenza”, come altri provvedimenti presi in precedenza dal Governo del presidente Maduro, non rassicurano il produttore privato. Al contrario, ravvivano la fiamma del timore. E se non vi è un clima di fiducia nel Paese, per quanto ricco esso possa essere, l’imprenditorialità privata e quella straniera si astengono dall’investire.

Per uscire dalla recessione, che organismi internazionali stimano in oltre il 7 per cento, per frenare l’inflazione che il Fondo Monetario Internazionale calcola, nel 2016 attorno al 500 per cento, e per frenare la speculazione vi è bisogno di un governo che sappia rettificare e di un clima di fiducia che stimoli gli investimenti privati.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora