Venezuela: il presidente Maduro riconosce la legalità del Parlamento

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

esta

Passo a passo, tassello su tassello. Il “puzzle” del nuovo Parlamento comincia a prender forma. Lentamente. Con diplomazia ma con fermezza. Senza bruciare tappe, come vorrebbero le frange più estreme.

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, si è recato all’Assemblea Nazionale per presentare il bilancio della sua gestione durante il 2015. Lo ha fatto nonostante le critiche, a volte al limite dell’insulto, rivolte alla Direzione del Potere Legislativo; lo ha fatto consapevole della maggioranza parlamentare, di opposizione, che oggi domina il Congresso.

Giorni prima si era temuto che, su mandato della Corte, il capo dello Stato potesse snobbare il Parlamento e, come atto di sfida, presentare il bilancio in un altro scenario. Chissà, nello stesso palazzo presidenziale. Ma neanche il Tribunale Supremo di Giustizia, forse prevedendo le ripercussioni negative a livello internazionale, ha osato tanto.

E’ vero, la maggioranza parlamentare di opposizione, ha dovuto rinunciare a tre deputati sospesi dalla Corte, a causa di una denuncia di presunte frodi nella loro circoscrizione elettorale; quegli stessi parlamentari che, con un atto di sfida verso il Tribunale Supremo di Giustizia, erano stati accettati dalla nuova Presidenza. Come affermato dal presidente dell’Assemblea Nazionale, “a volte è necessario piegarsi, per ottenere alcune cose”.

E il Parlamento, con la presenza del capo dello Stato, ha ottenuto la “benedizione” – leggasi riconoscimento – del Potere Esecutivo. In un momento di lotta politica radicalizzata, di muro contro muro, non è stata cosa da poco. Lo scontro frontale tra due treni in corsa è stato per il momento scongiurato. O forse solo rimandato?

Il discorso del capo dello Stato non ha offerto nuove sponde alla distensione. Il presidente della Repubblica non ha rinunciato al suo abituale linguaggio litigioso. E ha insistito nell’affermare che coloro che hanno votato per il “Tavolo dell’Unità” hanno commesso un errore che inciderà sul futuro della “rivoluzione”. Ma ha anche sottolineato che il suo governo non farà un passo indietro. E l’ha dimostrato nell’affrontare l’argomento economico.

Il presidente della Repubblica ha dato di nuovo la colpa dei mali del paese alla “guerra economica” e al complotto dei grossi capitali nazionali e internazionali. Nonostante i risultati dei centri di ricerca nazionale, che ci presentano un paese con una povertà dilagante che raggiunge quasi il 75 per cento delle famiglie venezuelane, ha ripetuto che la qualità di vita del venezuelano è migliorata negli ultimi quindici anni.

E sottolineato con enfasi che difenderà tutte le “misiones”, gli ammortizzatori sociali creati dal “chavismo”, molti dei quali, purtroppo, lungi dal raggiungere gli effetti sperati sono diventati fonte di corruzione. In particolare, la “Misiòn Vivienda”.

Ha annunciato l’imminente incremento del prezzo della benzina, argomento del quale si parla ormai da anni ma che il “chavismo” ha sempre posposto per timore di una esplosione sociale. Non un passo indietro. In nessun momento c’è stato il riconoscimento di errori. Tanto meno è stata espressa la volontà di rettificare in quegli aspetti della politica economica che pare evidente ormai debbano essere corretti.

Il presidente Maduro non ha affrontato l’argomento dell’insicurezza. Eppure è questo un tema caro ai venezuelani. L’insicurezza merita un intervento immediato. Stando all’Osservatorio Venezuelano per la violenza, sono state 27mila 875 le morti violente nel Paese. Un numero tale da fare assurgere il paese tra le prime posizioni nella Top-Ten di quelli più pericolosi al mondo, nonostante le tante guerre in altri continenti.

La presentazione della “Memoria y Cuenta” del capo dello Stato, trasmessa a rete unificata, ha permesso al presidente dell’Assemblea Nazionale, Henry Ramos Allup, di dirigersi al paese. Un’occasione unica per illustrare ai venezuelani i punti di vista della maggioranza parlamentare. E per invitare al dialogo.

Ramos Allup ha negato l’esistenza di una guerra economica nel Paese. E ha sottolineato che l’attuale situazione di crisi nel Paese, le lunghe file di consumatori alle porte dei supermarket e la mancanza di generi alimentari e medicine sono solo il risultato di errori in politica economica; errori in nessun momento corretti.

Il presidente dell’An ha parlato di corruzione, ma ha avuto la sensibilità di non toccare il tema dei familiari del presidente accusati negli Usa di traffico di droga; della necessità di consegnare il titolo di proprietà ai venezuelani beneficiati dalla “Misiòn Vivienda”; e della volontà del Parlamento di legislare.

E’ stato un lungo discorso nel quale, senza snocciolare cifre noiose, il presidente dell’An passava in rassegna tutti, o quasi, i problemi del paese. Quindi, assicurava il presidente della Repubblica, che il suo bilancio di un anno di gestione sarebbe stato attentamente analizzato.

Quello del Parlamento potrà essere solo un giudizio politico ma, in considerazione dei tempi che corrono, avrà senz’altro importanti ripercussioni.

Giorni prima, il ministro dell’Economia, Luis Salas, aveva consegnato i “decreti dell’Emergenza economica”. Anche in questo caso, nulla di nuovo. È stata ribadita la volontà di seguire il cammino già tracciato senza correggere i vecchi errori. Si parla di controlli e di provvedimenti per far fronte alla presunta “guerra economica” in uno scenario in cui il prezzo del greggio venezuelano si avvicina pericolosamente alla soglia del costo di produzione che gli esperti stimano attorno ai 20 dollari il barile.

Il “decreto d’emergenza”, come altri provvedimenti presi in precedenza dal Governo del presidente Maduro, non rassicurano il produttore privato. Al contrario, ravvivano la fiamma del timore. E se non vi è un clima di fiducia nel Paese, per quanto ricco esso possa essere, l’imprenditorialità privata e quella straniera si astengono dall’investire.

Per uscire dalla recessione, che organismi internazionali stimano in oltre il 7 per cento, per frenare l’inflazione che il Fondo Monetario Internazionale calcola, nel 2016 attorno al 500 per cento, e per frenare la speculazione vi è bisogno di un governo che sappia rettificare e di un clima di fiducia che stimoli gli investimenti privati.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

21:19Calcio: amichevoli, Sassuolo batte Real Vicenza 9-0

(ANSA) - VIPITENO (BOLZANO), 22 LUG - Nove gol del Sassuolo nell'amichevole disputata a Vipiteno contro il Real Vicenza. Mattatori del test i due attaccanti Iemmello e Falcinelli, con il primo che ha firmato un poker, doppietta invece per l'ex del Crotone. Senza Berardi, arrivato solo da un paio di giorni nel ritiro, l'allenatore Bucchi ha tenuto a riposo il portiere titolare Consigli. Il primo tempo si è chiuso sul 3-0, con la rete in apertura di Sensi e la successiva doppietta di Falcinelli. Nella ripresa sono cambiati tutti gli 11 titolari, compreso il tridente offensivo formato da Politano, Falcinelli e Ragusa. Subito in rete Duncan poi è toccato a Iemmello. Sul 5-0 è stato il turno di Matri e gran finale nel segno di Iemmello, che ha portato il risultato finale sul 9-0.

21:07Pd: Conferenza programmatica, Orlando ed Emiliano nel gruppo

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Si è formalizzato il gruppo ristretto, che sarà responsabile dei contenuti della Conferenza Programmatica 'Italia 2020' e che si svolgerà a ottobre, gruppo che sarà composto da Andrea Orlando, Michele Emiliano, Graziano Delrio, Sergio Chiamparino, Maria Elena Boschi. Per la segreteria Maurizio Martina e Tommaso Nannicini". Lo annuncia un comunicato dell'ufficio stampa del Pd. Anche nella nuova organizzazione dei dipartimenti del partito figurano, tra le 20 donne e i 20 uomini che li guideranno, esponenti delle minoranze interne.

21:07Migranti: Berlusconi, disponibili ad aiutare governo

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Siete disponibili ad un tavolo nazionale sull'emergenza migranti? "Ovviamente sì", risponde Silvio Berlusconi. "Abbiamo messo a disposizione del governo, come è giusto fare di fronte a una simile tragedia, la nostra esperienza e la nostra competenza. Ci sono stati degli incontri e delle manifestazioni di disponibilità, ma mi pare che non si sia andati oltre", ha detto in una intervista a Tiscalinews. Il leader di Forza Italia ha contemporaneamente sottolineato che "su questo tema negli ultimi giorni sono state dette cose molto gravi. Il PD e i governi da esso sostenuti hanno fortissime responsabilità, che ora cercano di nascondere, dando la colpa una volta all'Europa - che pure non è esente da responsabilità - una volta addirittura, e questo è davvero ridicolo, ai nostri governi".

21:06Pd: Renzi, chi gioca dentro rispetti maggioranza interna

(ANSA) - POGGIBONSI (SIENA), 22 LUG - "Ci sono ragioni ideologiche nella scissione, e ragioni personali che non mi sembrano sufficienti a giustificare la scissione", "ma noi non buttiamo fuori nessuno. Chi decide la leadership nel partito? Gli iscritti. Tutti insieme con le primarie si decide una strategia. Chi gioca nel partito deve rispettare i voleri della maggioranza dentro il partito". Lo ha detto Matteo Renzi alla Festa del Pd a Poggibonsi (Siena), rispondendo a una domanda del pubblico sulla scissione della sinistra interna al Pd. "Non si possono fare sempre le primarie", "qualcuno le vorrebbe spesso, sembra la collezione autunno-inverno...", ha anche ironizzato.

21:05L.elettorale: Renzi, scriverla con Grillo e Berlusconi

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - (ANSA) - POGGIBONSI (SIENA), 22 LUG - "Io le regole del gioco sono per scriverle insieme a Grillo e a Berlusconi, non contro di loro. Dopodichè bisogna che gli altri ci stiano...": così il segretario del Pd Matteo Renzi sulla legge elettorale rispondendo alle domande del pubblico a Poggibonsi (Siena) dove presenta il libro 'Avanti' alla festa del partito.

20:51Berlusconi, visita a sorpresa a Golfo Aranci

(ANSA) - GOLFO ARANCI, 22 LUG - Visita a sorpresa di Silvio Berlusconi, in vacanza a Porto Rotondo, questo pomeriggio alla Festa del Gusto a Golfo Aranci. L'ex premier attorno alle 18 ha fatto una passeggiata tra gli stand allestiti sul lungomare in occasione della manifestazione enogastronomica dedicata ai prodotti sardi e internazionali in programma da giovedì 20 e che si chiude domenica 23 luglio. Accompagnato dalla sua scorta e insieme ai sindaci di Olbia, Settimo Nizzi e di Golfo Aranci, Giuseppe Fasolino (entrambi di Fi), Berlusconi si è fermato per scambiare due battute con i numerosi espositori, una ottantina, si è concesso ai selfie, infine si è complimentato con lo staff organizzatore. "Ci ha fatto i complimenti per la manifestazione - racconta all'ANSA Alessia Littarru, presidente dell'associazione Primavera Sulcitana - è stata una bella sorpresa per noi e per tutti gli espositori".

20:40Trump, Nyt svelò piano contro Baghdadi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - "Il fallimentare New York Times ha vanificato gli sforzi degli Usa per uccidere il terrorista più ricercato, Al-Baghdadi (il capo dell'Isis, ndr). La loro agenda malata sulla Sicurezza Nazionale". Lo scrive il presidente Usa Donald Trump in uno della raffica di tweet pubblicati oggi. Nel suo tweet Trump non entra del dettaglio e non specifica a quale articolo del New York Times faccia riferimento. Il giornale della Grande Mela, dando conto dei commenti del presidente in un più vasto articolo, ipotizza però che il presidente possa aver reagito ad un servizio di Fox News trasmesso proprio prima che Trump intervenisse su Twitter e in cui si citava il generale americano Tony Thomas che ad un forum ha dichiarato che le forze americane erano particolarmente vicine ad al Baghadi dopo che in un'incursione del 2015 erano state recuperate informazioni. "Una pista ottima. Sfortunatamente venne fatta filtrare da un importante quotidiano nazionale una settimana dopo e la pista scomparve".

Archivio Ultima ora