All’inferno e ritorno, Juve e Roma da ribaltone

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

Juventus' Stephan Lichtsteiner (3L) jubilates with his teammates after scoring the goal during the Italy Cup quarter final soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 20 January 2016. ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

Juventus’ Stephan Lichtsteiner (3L) jubilates with his teammates after scoring the goal during the Italy Cup quarter final soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 20 January 2016.
ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – Dagli altari alla polvere e viceversa. Roma e Juve, che incrociano i guantoni nel posticipo di domenica sera, sono reduci dalle montagne russe di una stagione agli antipodi, che certifica come nel calcio tutto è transitorio e ribaltabile. La Juve mostra orgogliosa la sua cavalcata imperiosa di dieci successi di fila in campionato, impreziosita dal turno passato in Champions e dalla semifinale in Coppa Italia conquistata violando l’Olimpico, massimo risultato col minimo sforzo e firma dell’ex Lichtsteiner.

Tutto sembra ora sfumato e quasi irreale, ma l’inizio bianconero è stato disastroso trovando la controprova proprio contro i giallorossi di Garcia, vittoriosi 2-1 con sigillo di Dzeko, il goleador ricco e famoso che sembrava destinato a una stagione boom. Invece la Juve ha continuato per un po’ a deragliare, ma poi Allegri ha trovato il bandolo della matassa rimettendo in carreggiata la squadra: sembrava comunque una stagione di transizione e invece la rimonta ha assunto le dimensioni di una marcia trionfale, e ora solo il Napoli sembra in grado di contenderle il quinto scudetto consecutivo.

Destino opposto per la Roma che Garcia e un mercato di colpi in attacco sembravano avere trasformato nella favorita della stagione. Invece qualche scricchiolio sinistro qua e là, la disfatta di Barcellona e una serie interminabile di pareggi hanno portato a una crisi da cui non è ancora uscita. Garcia è andato via da signore ma avendo fallito il salto di qualità dopo due stagioni comunque positive. Al suo posto è tornato un medico amico, conoscitore dell’ambiente come Luciano Spalletti che ha bisogno di tempo per rimettere in sesto la macchina giallorossa.

Sarà un derby tra due allenatori toscani nati a 80 km di distanza, quelli che separano Livorno da Certaldo, che vede la Juve nettamente favorita. Ma la storia, la rivalità, l’orgoglio dei giallorossi convincono Allegri e la squadra ad andarci coi piedi di piombo nell’affrontare la sfida. Non a caso la Roma con le squadre che la precedono in classifica ha ottenuto due vittorie, un pari e una sconfitta un po’ sfortunata (con l’Inter).

Il problema di Spalletti sarà quello di assestare, in attesa degli aggiustamenti di mercato, una fase difensiva incerta riposizionando i compiti dei quattro pilastri De Rossi, Pjanic, Nainggolan e Florenzi. La Juve gioca sul velluto, tutto ora le riesce facile anche grazie alle perle di Dybala, il talento argentino sbocciato anche ad alti livelli dopo la splendida gavetta di Palermo.

Sarà un po’ il duello anomalo tra lui e Dzeko una delle chiavi della partita visto che il bosniaco non riesce a capitalizzare le occasioni che gli capitano come col Verona. Ma se si sblocca lui e l’attacco riprende a segnare come nella prima fase della stagione, per la Roma può tornare la primavera riprendendo a competere per un posto Champions.

Spalletti fa però gli scongiuri perché i suoi confronti con la Juve da tecnico della Roma sono stati i passato molto negativi: due vittorie, due pari e sette sconfitte. In campionato è andata ancora peggio, non ha mai vinto: due pari e cinque ko, l’ultimo poi, 1-3 del 30 agosto 2009 gli è costato la panchina dopo due giornate in una stagione comunque positiva per la Roma che, condotta da Ranieri, ha conteso lo scudetto all’Inter fino all’ultima giornata.

Equilibrato ma positivo il bilancio invece dei confronti tra Spalletti e Allegri: una vittoria e un pari quando Max nel 2008-2009 era al timone del Cagliari, una vittoria per uno tra Milan e Zenit nella Champions 2012-2013 con rossoneri qualificati agli ottavi e russi retrocessi in Europa League. Nelle due gare col Cagliari a segnare è stato Francesco Totti, e non è detto che Spalletti non ricorra alla classe del vecchio campione in almeno uno spezzone della sfida di domenica.

Ultima ora

19:49Calcio: Tommasi, per nuova Figc nodo inadempienze Dilettanti

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - E' allarme tra i Dilettanti per le tante società inadempienti: a lanciarlo e' il direttivo dell'assocalciatori, riunitosi oggi a Milano per parlare di elezioni federali e dei nodi da affrontare nel futuro. In attesa che venga fissata la data e si ufficializzino le candidature, l'Aic ha discusso di quali saranno gli argomenti principali da porre sul tavolo del prossimo governo federale. "Abbiamo fatto il punto - sottolinea Damiano Tommasi, presidente Aic - la situazione tra i dilettanti e' preoccupante: molti club non riescono a coprire i rimborsi concordati, e non scendono in campo o sono costretti a schierare le squadre giovanili: abbiamo segnalato gia' la situazione pesante alla Lega Dilettanti, e poi anche all'autorita' mista di controllo sulle scommesse, un atto dovuto visto che quelle sono le situazioni tipo di rischio".

19:45Boldrini,per combattere davvero mafia serve progetto sociale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Oltre alle buone leggi per il contrasto alle mafie "bisogna dare ai giovani una prospettiva, un lavoro, ridurre le disuguaglianze sociali e territoriali che dividono il Paese. Non si sconfiggono le mafie senza giustizia sociale: questo ci ha insegnato Pio La Torre". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini all'incontro a Montecitorio nel novantesimo anniversario della nascita di Pio La Torre, il segretario regionale del Pci ucciso dalla mafia. Secondo Boldrini, "fare sul serio" nella lotta alla mafia significa "combatterla e proporre ai giovani un progetto di società che sia basato sulla pace e sulla giustizia sociale".

19:36Mose: Mazzacurati confuso e disorientato davanti a perito

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - Giovanni Mazzacurati avrebbe manifestato una sostanziale incapacità di intendere e volere nel corso della perizia svolta nei giorni scorsi negli Stati Uniti, dove l'ex presidente del Consorzio Venezia Nuova risiede, ed effettuata nell'ambito del processo a carico di otto imputati nell'inchiesta Mose. La perizia è stata effettuata, per conto del Tribunale di Venexis, dal dott. Carlo Schenardi che presenterà l'esito dell'accertamento in aula il 26 gennaio. L'esame peritale si è svolto a La Jolla, in California, dove Mazzacurati abita, alla presenza del proprio legale di fiducia, Giovanni Battista Muscari Tomaioli, del prof. Pietro Pietrini, consulente di una difesa, e del giudice Massimo Manduzio, che si è recato negli Usa, a sue spese, per provvedere qualora fossero nati problemi sul fronte processuale con la giustizia americana. Secondo quanto si è appreso, Mazzacurati sarebbe apparso estremamente confuso e disorientato, tanto che a precise domande non avrebbe saputo dare adeguate minime risposte.

19:31Pugilato: Tricolore superwelter, c’è anche ricco sottoclou

(ANSA) - ANDRIA, 16 GEN - L'organizzazione Roundzero, in collaborazione con la Pugilistica Andriese e il Comune di Andria, sta lavorando per allestire al meglio la riunione pugilistica di sabato 21 gennaio al Palasport di Andria. Oltre al main event, la sfida per il titolo italiano dei pesi superwelter, che ora è vacante, tra i due pugliesi Francesco Lezzi, detto 'Il Gladiatore della libertà', e Felice 'Faccia d'angelo' Moncelli, in programma un ricco sottoclou, tra cui spicca il 'derby' tra due pesi medi laziali, Diego Di Luisa ed Alex Marongiu. Il vincitore combatterà per il titolo italiano.

19:29Maltempo: freddo record al Nord, disagi per neve al Centro

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - L'ondata di freddo polare che attanaglia lo Stivale non molla la presa: a Nord la colonnina di mercurio prosegue senza interruzioni la sua picchiata, con temperature quasi siberiane registrate sull'Altopiano di Asiago (-32 gradi); al Centro e in Sardegna la neve è caduta abbondante, costringendo molte amministrazioni a chiudere le scuole. I fiocchi sono caduti copiosi anche nelle zone terremotate, cosa che ha peggiorato ulteriormente la vivibilità degli sfollati ancora presenti nel cratere e allocati nelle tensostrutture. Massima attenzione poi dei Vigili del Fuoco e Protezione Civile sugli edifici pericolanti, resi ancora più fragili dal peso della neve. Nel frattempo le temperature artiche hanno prodotto un'altra vittima: a Canicattì, nell'Agrigentino, un senzatetto di 53 anni è stato trovato senza vita dai carabinieri.

19:17Grasso, modificare in tempi brevi codice antimafia

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Auspico che si dia corso immediatamente alla discussione delle modifiche al Codice Antimafia, che peraltro attengono anche proprio alla materia delle confische dei patrimoni illeciti, e alle riforme che riguardano il processo penale". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso intervenendo all'incontro, a Montecitorio, per il novantesimo anno dalla nascita di Pio La Torre. Un appello in tal senso era stato poco prima lanciato dalla presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi.

19:15Sci: Cdm donne, positiva verifica neve su Olimpia Cortina

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 16 GEN - I delegati e i tecnici della Fis hanno dato una valutazione positiva sullo stato dell'innevamento della pista Olimpia delle Tofane, a Cortina, dove si disputeranno due gare di Coppa del mondo di sci femminile il 28 e 29 gennaio prossimi. L'ispezione effettuata a partire da ieri, domenica, ha soddisfatto i requisiti di sicurezza e garanzia del regolare svolgimento delle competizioni del prossimo fine settimana. Cortina ospiterà la discesa libera il prossimo sabato 28 (partenza alle 10.30) e il Super G domenica 29 (start alle 11.30). Le prove della discesa saranno due e andranno in scena giovedì 26 e venerdì 27.

Archivio Ultima ora