All’inferno e ritorno, Juve e Roma da ribaltone

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

Juventus' Stephan Lichtsteiner (3L) jubilates with his teammates after scoring the goal during the Italy Cup quarter final soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 20 January 2016. ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

Juventus’ Stephan Lichtsteiner (3L) jubilates with his teammates after scoring the goal during the Italy Cup quarter final soccer match SS Lazio vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 20 January 2016.
ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – Dagli altari alla polvere e viceversa. Roma e Juve, che incrociano i guantoni nel posticipo di domenica sera, sono reduci dalle montagne russe di una stagione agli antipodi, che certifica come nel calcio tutto è transitorio e ribaltabile. La Juve mostra orgogliosa la sua cavalcata imperiosa di dieci successi di fila in campionato, impreziosita dal turno passato in Champions e dalla semifinale in Coppa Italia conquistata violando l’Olimpico, massimo risultato col minimo sforzo e firma dell’ex Lichtsteiner.

Tutto sembra ora sfumato e quasi irreale, ma l’inizio bianconero è stato disastroso trovando la controprova proprio contro i giallorossi di Garcia, vittoriosi 2-1 con sigillo di Dzeko, il goleador ricco e famoso che sembrava destinato a una stagione boom. Invece la Juve ha continuato per un po’ a deragliare, ma poi Allegri ha trovato il bandolo della matassa rimettendo in carreggiata la squadra: sembrava comunque una stagione di transizione e invece la rimonta ha assunto le dimensioni di una marcia trionfale, e ora solo il Napoli sembra in grado di contenderle il quinto scudetto consecutivo.

Destino opposto per la Roma che Garcia e un mercato di colpi in attacco sembravano avere trasformato nella favorita della stagione. Invece qualche scricchiolio sinistro qua e là, la disfatta di Barcellona e una serie interminabile di pareggi hanno portato a una crisi da cui non è ancora uscita. Garcia è andato via da signore ma avendo fallito il salto di qualità dopo due stagioni comunque positive. Al suo posto è tornato un medico amico, conoscitore dell’ambiente come Luciano Spalletti che ha bisogno di tempo per rimettere in sesto la macchina giallorossa.

Sarà un derby tra due allenatori toscani nati a 80 km di distanza, quelli che separano Livorno da Certaldo, che vede la Juve nettamente favorita. Ma la storia, la rivalità, l’orgoglio dei giallorossi convincono Allegri e la squadra ad andarci coi piedi di piombo nell’affrontare la sfida. Non a caso la Roma con le squadre che la precedono in classifica ha ottenuto due vittorie, un pari e una sconfitta un po’ sfortunata (con l’Inter).

Il problema di Spalletti sarà quello di assestare, in attesa degli aggiustamenti di mercato, una fase difensiva incerta riposizionando i compiti dei quattro pilastri De Rossi, Pjanic, Nainggolan e Florenzi. La Juve gioca sul velluto, tutto ora le riesce facile anche grazie alle perle di Dybala, il talento argentino sbocciato anche ad alti livelli dopo la splendida gavetta di Palermo.

Sarà un po’ il duello anomalo tra lui e Dzeko una delle chiavi della partita visto che il bosniaco non riesce a capitalizzare le occasioni che gli capitano come col Verona. Ma se si sblocca lui e l’attacco riprende a segnare come nella prima fase della stagione, per la Roma può tornare la primavera riprendendo a competere per un posto Champions.

Spalletti fa però gli scongiuri perché i suoi confronti con la Juve da tecnico della Roma sono stati i passato molto negativi: due vittorie, due pari e sette sconfitte. In campionato è andata ancora peggio, non ha mai vinto: due pari e cinque ko, l’ultimo poi, 1-3 del 30 agosto 2009 gli è costato la panchina dopo due giornate in una stagione comunque positiva per la Roma che, condotta da Ranieri, ha conteso lo scudetto all’Inter fino all’ultima giornata.

Equilibrato ma positivo il bilancio invece dei confronti tra Spalletti e Allegri: una vittoria e un pari quando Max nel 2008-2009 era al timone del Cagliari, una vittoria per uno tra Milan e Zenit nella Champions 2012-2013 con rossoneri qualificati agli ottavi e russi retrocessi in Europa League. Nelle due gare col Cagliari a segnare è stato Francesco Totti, e non è detto che Spalletti non ricorra alla classe del vecchio campione in almeno uno spezzone della sfida di domenica.

Ultima ora

23:10F1: Hamilton vola anche in seconde libere Usa, Vettel 3/o

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Lewis Hamilton si conferma il più veloce anche nella seconda tornata di prove libere del Gp degli Usa. Sulla pista di Austin, in Texas, il pilota della Mercedes ha fatto registrare il miglior tempo in 1'34"668, la Red Bull di Max Verstappen e la Ferrari di Sebastian Vettel, lontano oltre mezzo secondo dal leader mondiale. Quarta l'altra Mercedes di Valtteri Bottas: sesta la rossa di Kimi Raikkone, alle spalle della Red Bull di Daniel Ricciardo.

21:43Calcio: serie B, Cremonese-Brescia 2-0

(ANSA) - CREMONA, 20 OTT - La Cremonese vince il derby con il Brescia 2-0 e si porta momentaneamente a un punto dalla vetta. Successo meritato da parte dei grigiorossi che con un gol per tempo regolano i biancazzurri. Primo tempo denso di emozioni con il Brescia più vivace in avvio con Somma che colpisce il palo con un destro da fuori area. La Cremonese risponde poco dopo con un cross da destra di Almici deviato da Meccariello degli ospiti che colpisce in pieno la traversa. La Cremonese è più intraprendente e al 29' si presenta a tu per tu con il portiere del Brescia ma da due passi Mokulu calcia fuori. Il gol è nell'aria e arriva al 37' con una meravigliosa azione personale di Piccolo culminata con un diagonale perfetto. La Cremonese raddoppia nel secondo tempo con Claiton di testa su un corner di Piccolo da sinistra al 24'.

21:40Legale ex moglie Della Noce, sul lastrico per colpe sue

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Non è stata la separazione dalla moglie a gettare sul lastrico Matteo Della Noce, l'ex comico della trasmissione Zelig che da alcuni giorni non ha altra casa che la sua macchina: a precisarlo è l'avvocato Andrea Natale, legale della ex moglie, che accusa Della Noce di aver rilasciato "molte dichiarazioni che non corrispondono a verità". L'avvocato ricorda che la separazione è avvenuta nel 2007 e dal 2013 Della Noce ha smesso di dare "qualsiasi tipo di contribuzione" per il mantenimento dei figli e che "per oltre 12 anni ha avuto un'altra relazione affettiva, dalla quale è nata una terza figlia". "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli".

21:18Calcio: Pallotta, club responsabili per pochi idioti

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La cosa frustrante è che a volte negli stadi è sufficiente che un paio di elementi facciano qualcosa di stupido affinché questo poi, purtroppo, si rifletta negativamente sul 99,9% delle persone che non la pensa in quel modo e non farebbe mai qualcosa del genere. Sono episodi gravi e deplorevoli sempre e comunque, a prescindere da quello che possa essersi verificato l'altro giorno, il mio è un discorso di carattere generale. Dispiace che i club siano ritenuti responsabili per le azioni di pochi idioti in giro per il mondo". Così James Pallotta, presidente della Roma, alla radio americana 'SiriusXM' dopo la decisione dell'Uefa di aprire un fascicolo d'inchiesta per alcuni presunti cori a sfondo razzista dei tifosi giallorossi a Londra durante la partita di Champions League col Chelsea. Da Trigoria fanno sapere che dagli audio analizzati non si riscontrano tali cori e che, soprattutto, né l'arbitro dell'incontro né il delegato Uefa hanno segnalato nulla in merito.

21:07Referendum: Zaia, veneti non hanno più anello al naso

(ANSA) - VENEZIA, 20 OTT - "La gestione di questo paese è stata una gestione centralista e assistenzialista che ha devastato i conti pubblici. E quindi fanno paura i veneti che vanno al voto. Sa perché? Perché quei mezzadri veneti che per Roma hanno l'anello al naso, non ci stanno più con l'anello al naso. È l'ora del riscatto dei veneti". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervistato da '24Mattino' su radio 24. "È l'ora di dimostrare - ha aggiunto - che noi siamo rispettosi della Costituzione. Ma bisogna dare più Stato per chi vuole più Stato, come la Sicilia, che non riesce a incassare 52 miliardi di tasse ed è evidente che ha bisogno di più Stato perché l'autonomia la gestisce male, e meno Stato dove ci vuole meno Stato".

21:02Diritti tv: Lotti, in manovra nuove norme su risorse a club

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 20 OTT - Con la legge di Bilancio, le risorse dei diritti tv saranno ripartite tra i club di calcio di serie A in base a criteri nuovi, che assicurano anche maggiore "equità" e portano dal 40 al 50% la percentuale da distribuire in parti uguali tra tutte le società. Lo ha sottolineato il ministro dello Sport, Luca Lotti, in occasione del convegno dei Giovani di Confindustria. "La legge Melandri aveva stabilito che il 40% della distribuzione dei diritti televisivi era in parti uguali, ora la percentuale è elevata al 50%", ha affermato. Per l'altro 50% "i criteri, prima considerati non misurabili, oggi hanno dei parametri fissi: quello dei punti in classifica e dei campionati degli ultimi cinque anni. Credo che anche le società più piccole - ha detto Lotti - saranno contente di apprezzare una redistribuzione in termini più meritocratici" e allo stesso tempo "c'è una fetta della percentuale di ripartizione in parti uguali che aumenta".

21:02Calcio: Benevento, Di Chiara torna ad allenarsi

(ANSA) - BENEVENTO, 20 OTT - Si è allenato regolarmente nella seduta odierna, presso il centro sportivo di Paduli, l'esterno difensivo del Benevento Gianluca Di Chiara, che mercoledì scorso aveva accusato un lieve malore. Il calciatore, che ha 23 anni, ha svolto una serie di esami e accertamenti presso il centro Coni di Roma e non sarebbero stati riscontrati problemi. Di Chiara potrebbe quindi essere tra i convocati dall'allenatore Baroni per l'incontro contro la Fiorentina di domenica.

Archivio Ultima ora