Riforme, Federalismo e nuovo Senato: che cambia?

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

approvato

ROMA. – Stop al bicameralismo perfetto; un Senato con meno poteri legislativi e composto da 95 senatori eletti dai Consigli regionali ma con legittimazione popolare; nuovo Federalismo, con abolizione delle materie di competenza concorrente tra Stato e Regioni e alcune competenze strategiche riportate in capo allo Stato.

Sono i pilastri della riforma costituzionale approvata dal Senato. Manca ora l’ultimo sì della Camera, il prossimo aprile. La riforma modifica e completa quella del Titolo V del marzo del 2001, che ha introdotto il federalismo.

CAMERA – Sarà l’unica a votare la fiducia. I deputati restano 630 e verranno eletti a suffragio universale, come oggi.

SENATO – Continuerà a chiamarsi Senato della Repubblica, ma sarà composto da 95 membri eletti dai Consigli Regionali (21 sindaci e 74 consiglieri-senatori), più 5 nominati dal Capo dello Stato che resteranno in carica per 7 anni. Avrà competenza legislativa piena solo su riforme e leggi costituzionali. Per quanto riguarda le leggi ordinarie, potrà chiedere alla Camera di modificarle, ma Montecitorio non sarà tenuta a dar seguito alla richiesta. Se il Senato chiede alla Camera di modificare una legge che riguarda il rapporto tra Stato e Regioni, l’ assemblea di Montecitorio può respingere la richiesta solo a maggioranza assoluta.

LEGITTIMAZIONE POPOLARE – Saranno i cittadini, al momento di eleggere i Consigli Regionali a indicare quali consiglieri saranno anche senatori. I Consigli, una volta insediati, saranno tenuti a ratificare la scelta.

SENATORI-CONSIGLIERI: I 95 senatori saranno ripartiti tra le Regioni in base al loro peso demografico. I Consigli Regionali eleggeranno con metodo proporzionale i senatori tra i propri componenti; uno per ciascuna Regione dovrà essere un sindaco.

IMMUNITA’: I nuovi senatori godranno delle stesse tutele dei deputati. Non potranno essere arrestati o sottoposti a intercettazione senza l’autorizzazione del Senato.

FEDERALISMO: Sono riportate in capo allo Stato alcune competenze come energia, infrastrutture strategiche e sistema nazionale di protezione civile. Inoltre, su proposta del governo, la Camera potrà approvare leggi anche nei campi di competenza delle Regioni, “quando lo richieda la tutela dell’unità giuridica o economica della Repubblica, ovvero la tutela dell’interesse nazionale”.

VOTO IN DATA CERTA: i Regolamenti parlamentari dovranno indicare un tempo certo per il voto dei ddl del governo; vengono introdotti limiti al governo sui contenuti dei decreti legge.

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA: Lo eleggeranno i 630 deputati e i 100 senatori. Per i primi tre scrutini occorrono i due terzi dei componenti, poi dal quarto si scende ai tre quinti; dal settimo scrutinio sarà sufficiente la maggioranza dei tre quinti dei votanti (oggi il quorum è più basso, maggioranza assoluta degli aventi diritto dalla quarta votazione in poi).

CORTE COSTITUZIONALE: Dei 15 giudici Costituzionali, 3 saranno eletti dalla Camera e 2 dal Senato.

REFERENDUM: Introdotto un quorum minore per i referendum sui quali sono state raccolte 800.000 firme anziché 500.000: per renderlo valido basterà la meta’ degli elettori delle ultime elezioni politiche, anziché la meta’ degli iscritti alle liste elettorali.

DDL DI INIZIATIVA POPOLARE: Salgono da 50.000 a 150.000 le firme necessarie per presentare un ddl di iniziativa popolare. Pero’ i regolamenti della Camera dovranno indicare tempi precisi di esame, clausola che oggi non esiste.

LEGGE ELETTORALE – Introdotto il ricorso preventivo sulle leggi elettorali alla Corte Costituzionale su richiesta di un quarto dei componenti della Camera. Tra le norme transitorie c’è anche la possibilità di ricorso preventivo già in questa legislatura. Anche l’Italicum potrebbe finire dunque all’esame della Corte.

PROVINCE – Vengono cancellate dalla Costituzione, atto necessario per abrogarle definitivamente.

CNEL – Abrogato il Consiglio Nazionale Economia e Lavoro, organo costituzionale secondo la Carta del 1948.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

21:20Calcio: Florenzi, messaggio a Milik

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Ci vedremo al San Paolo e ci scambieremo la maglia. Fieri della nostra forza e più forti del nostro destino. Un grande abbraccio! Ale". Con questi messaggio, pubblicato sul proprio account di Twitter, il romanista Alessandro Florenzi ha dato appuntamento al collega del Napoli, Arkadiusz Milik, che, come il giallorosso, ha subito due gravi infortuni al ginocchio a poche settimane di distanza. L'attaccante dei partenopei oggi è stato operato a Roma e tornerà in campo fra cinque-sei mesi.

21:10Calcio: Van Bronckhorst, il Feyenoord punta alla vittoria

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - "Arriviamo a Napoli con molti infortunati ma dobbiamo vedere le cose in modo positivo e giocare meglio come squadra, sarebbe ideale trovare subito il vantaggio domani ma sarà molto difficile. Non saremo favoriti". Lo ha detto Giovanni Van Bronckhorst, allenatore del Feyenoord, alla vigilia della sfida contro il Napoli in Champions League. Il Feyenoord arriva a Napoli senza il bomber Jorgensen e il difensore Botteghin che il tecnico olandese ricorda "tornerà a gennaio-febbraio", precisa Van Bronckhorst che punta a vincere: "Domani ci servono i tre punti - dice - giocheremo senza paura ma con equilibrio. Sarà importante non prendere gol in avvio. Sappiamo di non essere favoriti ma sappiamo come gioca il Napoli, fanno un pressing molto alto e noi non dovremo rischiare di perdere palloni, ma allo stesso tempo impostare da dietro".

20:56Sport: Lotti palleggia con atleti paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Io vengo a giocare ragazzi. Invitatemi e vengo". Così il ministro dello Sport Luca Lotti che si è fermato a palleggiare con i calciatori della nazionale italiana Calcio Amputati al termine della inaugurazione del centro di preparazione paralimpica al Tre Fontane. Lotti si è fermato a palleggiare a lungo scherzando con gli atleti paralimpici che durante lo scambio del pallone lo esortavano ironicamente con queste parole: "Se cade (la palla, ndr) cade il governo".

20:47Calcio: condanna Agnelli, Malagò non si espone

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "La cosa peggiore è che il presidente di un Comitato olimpico giudichi una sentenza di primo grado. Penso che la giustizia sportiva ha tre gradi di giudizio, è giusto, doveroso, aspettare il completamento di tutto il percorso". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commenta la sentenza del Tribunale federale nazionale della Figc che ha condannato a un anno di inibizione il presidente della Juve Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita dei biglietti ai tifosi. "Dispiace comunque che il calcio e il nostro mondo - ha aggiunto Malagò a margine dell'inaugurazione del Centro di preparazione paralimpica - ogni tanto vada agli onori o agli oneri delle cronache con delle cose che indubbiamente dispiacciono a tutti in assoluto". "Non commento le sentenze", ha invece detto il ministro dello Sport Luca Lotti. Per quanto riguarda le infiltrazioni dei mafiosi nel calcio - ha aggiunto - la Commissione Antimafia ha fatto un ottimo lavoro sul quale poter lavorare come parlamento e come governo per il futuro".

20:36Sport: Lotti esalta Centro Paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Vivo questa giornata con gioia, orgoglio e grande senso di responsabilità per quello che stiamo facendo oggi. L'inaugurazione della Cittadella dello Sport paralimpico, un modello unico, deve essere vissuta come si fa quando si inaugura la grande infrastruttura di interesse strategico per tutto il Paese. L'augurio è che la Cittadella dello Sport Paralimpico possa essere un'altra pietra miliare su cui costruire il futuro". E' quanto espresso dal ministro dello Sport, Luca Lotti, intervenuto all'inaugurazione del centro di preparazione olimpica del Comitato Italiano Paralimpico al Tre Fontane. "Il cammino davanti a noi è ancora lungo - ha precisato Lotti - per questo il governo ha approvato lo stanziamento di altri 6.5 milioni per il completamento del Centro con un palazzetto polifunzionale e foresteria che lo farà diventare davvero all'avanguardia nel mondo".

20:26Calcio: Udinese, Danilo salta anche la Sampdoria

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Lesione tra il primo e il secondo grado del bicipite femorale della coscia destra: è il risultato evidenziato dagli esami strumentali cui si è sottoposto Danilo dopo l'infortunio che mercoledì scorso, nella sfida persa contro il Torino, l'ha costretto ad abbandonare il campo (e a mancare il successivo impegno contro la Roma). Il difensore seguirà ora il programma di recupero predisposto dallo staff medico della società bianconera saltando, dunque, anche la sfida casalinga con la Sampdoria (sabato alle 18). Intanto, Stipe Perica è tornato a lavorare con il gruppo, mentre Silvan Widmer sta completando il proprio percorso riabilitativo.

20:21Giappone: premier Abe, elezioni anticipate a ottobre

(ANSA) - TOKYO, 25 SET - Il premier giapponese annuncia lo scioglimento delle camere ed elezioni anticipate per avviare una 'rivoluzione della produttività' attraverso una maggiore equità fiscale e il mantenimento della sicurezza contro le minacce della Corea del Nord. Nel suo discorso alla nazione il premier si è fatto 'paladino della patria' e ha usato tutta l'esperienza dei suoi due precedenti mandati, approfittando dello scompiglio dell'opposizione. Lo scioglimento della Camera bassa - le elezioni sono previste per il 22 ottobre - anticipa di un anno la fine della legislatura e coincide con il recupero del tasso di approvazione del premier che, complice la crisi nella penisola coreana, è risalito intorno al 50% dopo un progressivo declino nei mesi estivi. Il tutto coincide con la divulgazione di due scandali di clientelismo riconducibili direttamente ad Abe, il cui clamore il partito democratico all'opposizione non è riuscito a capitalizzare.

Archivio Ultima ora