Marò: l’arbitrato non finirà prima dell’agosto 2018

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

maro-arbitrato

ROMA. – Ci vorranno almeno altri due anni e mezzo per sapere come finirà la vicenda dei due marò. I tempi dell’arbitrato internazionale, cui è ricorsa l’Italia dopo oltre tre anni di nulla di fatto nel tentativo di un accordo con l’India, sono infatti lunghi e non termineranno prima dell’agosto del 2018. L’indicazione che ha innescato nuove polemiche – Forza Italia parla di “tempi folli” – emerge dal calendario fissato dal Tribunale arbitrale nella prima riunione procedurale, le cui decisioni sono state pubblicate nei giorni scorsi.

Il caso dei due fucilieri sparisce intanto dal testo di una risoluzione sui ‘cittadini europei prigionieri in India’ che sarà presentata all’europarlamento. La loro vicenda, che insieme a quella di altri 6 soldati britannici e 14 estoni, era prevista nel testo del documento è stata stralciata alla vigilia.

Per evitare che inquinasse i già tesi rapporti con Delhi, è la versione ‘soft’, mentre un’altra lettura fornita da altre fonti parlamentari parla della contrarietà degli altri Paesi interessati – lettoni in prima linea – a veder accomunare i casi dei loro militari accusati di reati meno gravi con quello dei due fucilieri italiani, su cui pesa un accusa penalmente più rilevante, quella di omicidio.

Il testo – il cui titolo è passato da ‘Risoluzione sui cittadini Ue prigionieri in India, in particolare italiani, estoni e britannici’ a ‘Risoluzione sui marinai estoni e britannici prigionieri in India’ – è firmato da PPE, S&D, ALDE, Conservatori e EFDD. Pur sottoscritto dai principali gruppi dell’emiciclo, la risoluzione potrebbe essere comunque ritirata domani prima del voto perché considerata troppo blando.

Anche se i marò sono stati cancellati dalla risoluzione comune del Parlamento Ue, la Lega Nord “discuterà” del caso domani nella plenaria, ha promesso l’eurodeputato del Carroccio Mario Borghezio. Tornando al lavoro del tribunale arbitrale più a stretto giro si dovrebbe invece sapere se Salvatore Girone, il fuciliere ancora a New Delhi dopo il rientro in Italia di Massimiliano Latorre per problemi di salute, potrà lasciare l’India e attendere la fine della procedura in Italia.

Il Tribunale ha infatti confermato che esaminerà – come anticipato dall’ANSA nei giorni scorsi – la richiesta italiana di farlo rientrare in patria il 30 e 31 marzo prossimi. In quella sede si dovrà decidere se il marò, ancora in libertà vigilata in India, potrà tornare e rimanere nel suo Paese per tutta la durata della procedura arbitrale. Su questo punto il Tribunale dovrebbe decidere in un paio di settimane.

Il governo italiano aveva chiesto il 12 dicembre scorso al Tribunale “di riconoscere e proteggere alcuni diritti fondamentali (del Fuciliere di Marina) anche prima della soluzione definitiva della controversia”. Controversia che vede l’Italia e l’India contendersi la giurisdizione del caso che vede Girone e Latorre accusati da Delhi di aver ucciso due pescatori indiani il 15 febbraio 2012 in un’operazione antipirateria a bordo dell’Enrica Lexie al largo del Kerala.

Tornando alla procedura arbitrale, secondo quanto stabilito lunedì dal Tribunale, l’Italia dovrà presentare una Memoria scritta – con la propria esposizione dei fatti e la propria richiesta al Tribunale – il 16 settembre 2016, mentre l’India presenterà la sua il 31 marzo 2017. Di seguito è prevista una replica italiana il 28 luglio 2017 e, ancora, una controreplica indiana l’1 dicembre 2017.

A quel punto, nel caso Delhi abbia presentato obiezioni di giurisdizione o ammissibilità, il governo italiano avrà ancora la possibilità di contro-replicare il 2 febbraio 2018. Il Tribunale, secondo le regole stabilite, avrà quindi sei mesi di tempo per decidere, arrivando così all’estate del 2018, ma si riserva di poter allungare i tempi per la presentazione delle rispettive dichiarazioni “in accordo con le Parti”.

“Trentadue mesi per concludere la procedura arbitrale sono una follia”, tuona Elvira Savino, deputata pugliese di Forza Italia, sottolineando che “questo lunghissimo lasso di tempo non farà che aumentare la preoccupazione dei due nostri fucilieri di Marina e delle loro famiglie che aspettano da anni giustizia”. “Lunghi o corti che siano – ha tagliato corto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni – sono i tempi della giustizia arbitrale. Noi ci auguriamo che questo periodo possa vedere Latorre e Girone in Italia. Su questo ci sarà una prima riposta del tribunale arbitrale a marzo”.

Ultima ora

12:19Coniugi uccisi: figlio indagato trasferito a Torino

(ANSA) - TORINO, 20 GEN - Si trova nel carcere minorile Ferrante Aporti di Torino il sedicenne che ha progettato l'omicidio dei genitori, Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni nella loro abitazione di Pontelangorino di Codigoro (Ferrara). Il giovane è sotto stretta sorveglianza della polizia penitenziaria e ha avuto numerosi colloqui con il personale educativo della struttura. Secondo quanto si apprende, appare sereno e tranquillo, anche se la sera piange. Il ragazzo è a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Non sono ancora noti la data e l'orario dei funerali dei coniugi, che si svolgeranno a Torino. I familiari desiderano che vengano celebrati in forma privata. Il 16enne è indagato del duplice omicidio assieme all' amico di 17 anni, che - secondo la ricostruzione finora accertata dagli investigatori - ha materialmente colpito i due coniugi.(ANSA).

12:16Hotel Rigopiano: sindaco Galtuer, vi siamo vicini

(ANSA) - BOLZANO, 20 GEN - "Quando capitano simili tragedie, il nostro pensiero va automaticamente alle persone coinvolte e ai soccorritori". Lo dice al quotidiano austriaco Der Standard il sindaco di Galtuer, Anton Mattle, che fu già primo cittadino nel 1999, quando una valanga colpì il centro turistico tirolese, uccidendo 31 persone. Il giorno dopo, il 24 febbraio, un'altra slavina costò la vita ad altre sette persone nella vicina Valzur. A Galtuer sette case furono spazzate via dalle masse nevose, 50 persone rimasero intrappolate nelle loro abitazioni. La prima notte gli abitanti e i turisti rimasero abbandonati a loro stessi, perché a causa della forte nevicata il paesino non era raggiungibile né via terra né in elicottero. "I lavori di sgombero durarono fino a giugno, ma tornammo alla vita di tutti i giorni solo dopo tre, quattro anni", ricorda Mattle. L'inchiesta, aperta dalla procura di Innsbruck per disastro colposo, fu archiviata, perché secondo i giudici una tragedia di queste dimensioni non fu prevedibile. (ANSA).

12:01Qatar: britannico muore lavorando a stadio per mondiali 2022

(ANSA-AP) - DOHA, 20 GEN - Un cittadino britannico di 40 anni è morto lavorando alla realizzazione di uno stadio in Qatar in cui nel 2022 si disputeranno delle partite dei mondiali di calcio. Lo hanno reso noto gli organizzatori della Coppa del Mondo precisando che l'uomo, di cui non viene reso noto il nome, è morto ieri lavorando al Khalifa International Stadium. In un comunicato si afferma inoltre che "le autorità pertinenti sono state informate e anche la famiglia" del cittadino britannico. "Una indagine è stata immediatamente avviata sulle cause di questa fatalità e ulteriori dettagli verranno resi noti a tempo debito". La Coppa del Mondo in Qatar è da tempo al centro di una controversia. Diverse associazioni per la difesa dei diritti umani protestano lamentando i metodi di assunzione e le condizioni di lavoro cui sono sottoposti centinaia di migliaia di immigrati in Qatar, molti dei quali spesso rimangono vittima di incidenti.

11:57Maltempo: Spagna, notte in autostrada per 500 persone

(ANSA) - MADRID, 20 GEN - Almeno 500 persone hanno dovuto trascorrere la notte in auto in Spagna bloccate dalla neve sull'autostrada A31 che collega Madrid ad Alicante. Forti nevicate hanno costretto a chiudere l'autostrada fra Villagordo del Cabriel e Chiva, nella Comunità Valenciana, bloccando fino a 1200 auto. Circa 500 sono rimaste bloccate tutta la notte. L'Unità militare di emergenza Ume ha portato coperte e pasti ai loro occupanti, bloccati nel freddo sull'asfalto. Una cellula di crisi è stata costituita a Valencia. Il ministro dei trasporti Inigo dela Serna ha detto che è stata una "notte eccezionale" ed ha chiesto "scusa per tutti i disagi". Il ministro ha detto che oggi si cercherà di riaprire l'autostrada al traffico e di liberare le auto bloccate. L'ondata di gelo e neve che ha colpito la Spagna ha provocato disagi, seppure meno gravi, su diverse altre strade e autostrade in tutto il paese. Diversi treni ad alta velocità sono stati bloccati dalla neve sulla linea Madrid- Alicante.

11:55Basket: Livorno, procura chiede processo bancarotta per 12

(ANSA) - LIVORNO, 20 GEN - Sono 12 le persone, tra cui un ex assessore al bilancio del Comune di Livorno, per le quali la procura di Livorno ha chiesto il rinvio a giudizio per, a vario titolo, bancarotta fraudolenta patrimoniale e societaria in relazione alla gestione della Basket Livorno, squadra (partecipata anche al 5% da una società municipalizzata locale) impegnata fino al 2009 nei campionati di serie A1 (dal 2001 al 2007) e serie A2, dichiarata fallita nel maggio 2014 dopo essere stata messa in liquidazione nel 2009. Il processo è stato chiesto per 5 membri dell'ex cda pro tempore (tra cui l'ex assessore), 6 del collegio sindacale e per il liquidatore: l'udienza preliminare si terrà il 27 gennaio.

11:39Tennis: Australia,Murray e Kerber volano facilmente a ottavi

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tutto facile per i due numeri uno del tennis mondiale, lo scozzese Andy Murray e la tedesca Angelique Kerber, che si sono sbarazzati senza problemi dei loro avversari nel terzo turno e sono passati agli ottavi di finale. Murray, che pure aveva accusato un dolore alla caviglia, ha superato in tre set l'americano Sam Querrey, con un 6-4 6-2 6-4 che non lascia spazio a ulteriori commenti. La Kerber invece ha rifilato un pesante 6-0 6-4 alla ceca Kristyna Pliskova. (ANSA).

11:31Siria: Sana, Isis ha distrutto proscenio teatro Palmira

(ANSAMed) - BEIRUT, 20 GEN - L'Isis ha distrutto il proscenio dell'antico teatro romano di Palmira, nella Siria centrale, e il Tetrapilo, una struttura colonnata sempre nel sito archeologico patrimonio dell'Unesco. Lo riferisce l'agenzia ufficiale siriana Sana senza al momento fornire ulteriori dettagli.

Archivio Ultima ora