Marò: l’arbitrato non finirà prima dell’agosto 2018

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

maro-arbitrato

ROMA. – Ci vorranno almeno altri due anni e mezzo per sapere come finirà la vicenda dei due marò. I tempi dell’arbitrato internazionale, cui è ricorsa l’Italia dopo oltre tre anni di nulla di fatto nel tentativo di un accordo con l’India, sono infatti lunghi e non termineranno prima dell’agosto del 2018. L’indicazione che ha innescato nuove polemiche – Forza Italia parla di “tempi folli” – emerge dal calendario fissato dal Tribunale arbitrale nella prima riunione procedurale, le cui decisioni sono state pubblicate nei giorni scorsi.

Il caso dei due fucilieri sparisce intanto dal testo di una risoluzione sui ‘cittadini europei prigionieri in India’ che sarà presentata all’europarlamento. La loro vicenda, che insieme a quella di altri 6 soldati britannici e 14 estoni, era prevista nel testo del documento è stata stralciata alla vigilia.

Per evitare che inquinasse i già tesi rapporti con Delhi, è la versione ‘soft’, mentre un’altra lettura fornita da altre fonti parlamentari parla della contrarietà degli altri Paesi interessati – lettoni in prima linea – a veder accomunare i casi dei loro militari accusati di reati meno gravi con quello dei due fucilieri italiani, su cui pesa un accusa penalmente più rilevante, quella di omicidio.

Il testo – il cui titolo è passato da ‘Risoluzione sui cittadini Ue prigionieri in India, in particolare italiani, estoni e britannici’ a ‘Risoluzione sui marinai estoni e britannici prigionieri in India’ – è firmato da PPE, S&D, ALDE, Conservatori e EFDD. Pur sottoscritto dai principali gruppi dell’emiciclo, la risoluzione potrebbe essere comunque ritirata domani prima del voto perché considerata troppo blando.

Anche se i marò sono stati cancellati dalla risoluzione comune del Parlamento Ue, la Lega Nord “discuterà” del caso domani nella plenaria, ha promesso l’eurodeputato del Carroccio Mario Borghezio. Tornando al lavoro del tribunale arbitrale più a stretto giro si dovrebbe invece sapere se Salvatore Girone, il fuciliere ancora a New Delhi dopo il rientro in Italia di Massimiliano Latorre per problemi di salute, potrà lasciare l’India e attendere la fine della procedura in Italia.

Il Tribunale ha infatti confermato che esaminerà – come anticipato dall’ANSA nei giorni scorsi – la richiesta italiana di farlo rientrare in patria il 30 e 31 marzo prossimi. In quella sede si dovrà decidere se il marò, ancora in libertà vigilata in India, potrà tornare e rimanere nel suo Paese per tutta la durata della procedura arbitrale. Su questo punto il Tribunale dovrebbe decidere in un paio di settimane.

Il governo italiano aveva chiesto il 12 dicembre scorso al Tribunale “di riconoscere e proteggere alcuni diritti fondamentali (del Fuciliere di Marina) anche prima della soluzione definitiva della controversia”. Controversia che vede l’Italia e l’India contendersi la giurisdizione del caso che vede Girone e Latorre accusati da Delhi di aver ucciso due pescatori indiani il 15 febbraio 2012 in un’operazione antipirateria a bordo dell’Enrica Lexie al largo del Kerala.

Tornando alla procedura arbitrale, secondo quanto stabilito lunedì dal Tribunale, l’Italia dovrà presentare una Memoria scritta – con la propria esposizione dei fatti e la propria richiesta al Tribunale – il 16 settembre 2016, mentre l’India presenterà la sua il 31 marzo 2017. Di seguito è prevista una replica italiana il 28 luglio 2017 e, ancora, una controreplica indiana l’1 dicembre 2017.

A quel punto, nel caso Delhi abbia presentato obiezioni di giurisdizione o ammissibilità, il governo italiano avrà ancora la possibilità di contro-replicare il 2 febbraio 2018. Il Tribunale, secondo le regole stabilite, avrà quindi sei mesi di tempo per decidere, arrivando così all’estate del 2018, ma si riserva di poter allungare i tempi per la presentazione delle rispettive dichiarazioni “in accordo con le Parti”.

“Trentadue mesi per concludere la procedura arbitrale sono una follia”, tuona Elvira Savino, deputata pugliese di Forza Italia, sottolineando che “questo lunghissimo lasso di tempo non farà che aumentare la preoccupazione dei due nostri fucilieri di Marina e delle loro famiglie che aspettano da anni giustizia”. “Lunghi o corti che siano – ha tagliato corto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni – sono i tempi della giustizia arbitrale. Noi ci auguriamo che questo periodo possa vedere Latorre e Girone in Italia. Su questo ci sarà una prima riposta del tribunale arbitrale a marzo”.

Ultima ora

21:05Francia: Rihanna all’Eliseo, ‘un incontro incredibile’

(ANSA) - PARIGI, 26 LUG - "Un incontro incredibile", così la cantante Rihanna ha definito il suo colloquio all'Eliseo con "il presidente e la first lady" di Francia, Emanuel Macron e sua moglie Brigitte, che sono, ha detto, "incredibilmente cortesi". Durante i colloqui, "ci siamo concentrati sulla questione dell'insegnamento da un punto di vista globale e faremo un annuncio davvero grande il prossimo settembre, durante la settimana delle Nazioni Unite e faremo anche un ulteriore lavoro ad ottobre in Africa", ha detto ancora Rihanna, che è ambasciatrice dell'organizzazione internazionale Global Partnership for Education. Parlando con i giornalisti, la cantante ha anche affermato di essere "davvero ispirata dalla sua leadership", di Macron.

21:01Scherma: Mondiali, Italia oro nel fioretto uomini

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Italia ha vinto la medaglia d'oro nel fioretto a squadre maschile che chiude i Mondiali di scherma di Lipsia. Daniele Garozzo, Giorgio Avola, Alessio Foconi e Andrea Cassarà hanno battuto in finale gli Stati Uniti col punteggio di 45-41.

20:41Calcio: altro stadio targato Allianz, sarà negli Usa

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Dopo che anche la Juventus ha ribattezzato il proprio impianto 'Allianz Stadium, il colosso assicurativo tedesco darà il proprio nome anche all'arena in cui gioca il Minnesota United, una delle squadre partecipanti alla Major League Soccer nordamericana. Si chiamerà Minnesota Field ed è è previsto che la capienza venga ampliata dagli attuali 19.400 posti a 24.474. Si tratterà dell'ottavo impianto nel mondo 'targato' Allianz, dopo quelli di Bayern Monaco, Rapid Vienna, Sydney FC, Nizza, Palmeiras, Juventus e London Saracens di rugby.

20:35Calcio: Galliani, questo Milan mi piace

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Mi piace questo Milan. Sono un tifoso pazzo del Milan e non cambio maglia. I dirigenti passano, i presidenti passano ma la fede rimane": lo dice l'ex ad rossonero Adriano Galliani a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A. "Bonucci? E' super", aggiunge poi con un sorriso Galliani.

20:35Calcio: Cairo, Belotti continuerà a indossare maglia Torino

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "In Torino-Milan, sicuramente Belotti giocherà con la maglia granata": lo dice il presidente del Torino Urbano Cairo alla presentazione del nuovo calendario di Serie A, in cui il primo derby sarà proprio quello tra i granata e la Juventus. "Quella sul futuro di Belotti è una domanda che mi farete ancora, lo so. E io continuerò a dire che resta. E' un grande attaccante - continua il patron - ma il Toro non è solo Belotti. E' la punta dell'iceberg, è reduce da un campionato molto buono e mi aspetto che lo faccia altrettanto positivo in vista del Mondiale". Cairo commenta anche il sorteggio del derby con la Juventus che si giocherà alla sesta giornata: "Speriamo di non farci rimontare all'ultimo minuto come negli scorsi anni".

20:34Calcio: Marotta, Bonucci?Via campione ma rimasti tanti altri

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "E' stata una cosa molto veloce. Scelte umane e professionali che vanno rispettate. E' andato via un campione ma e' rimasto un gruppo di campioni. Un rischio calcolato". L'ad della Juventus Beppe Marotta commenta così, alla presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, la cessione di Leonardo Bonucci al Milan. "Abbiamo un gruppo di difensori molti forti. Così come Bonucci si è formato da noi, abbiamo giovani interessanti che cresceranno e troveranno continuità".

20:31Calcio: Ferrero, dove va Schick? Da me che gli voglio bene

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - ''Schick va da Ferrero che gli vuole tanto bene''. Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, a margine della presentazione del nuovo calendario di Serie A, risponde così ad una domanda sul futuro di Patrik Schick. La trattativa con la Juventus non sarebbe ancora chiusa definitivamente e sullo sfondo resta l'Inter, molto interessata al giovane attaccante. Schick però potrebbe anche restare un anno alla Sampdoria, come da richiesta di Ferrero. Il patron blucerchiato parla anche di Antonio Cassano che ha dato l'addio al calcio qualche giorno fa: ''E' un grande calciatore non credo che smetterà davvero. E' presto per perdere un talento come il suo''. Infine evita di sbilanciarsi sulla prossima stagione: ''Non faccio pronostici, il calcio è cambiamento''.

Archivio Ultima ora