Marò: l’arbitrato non finirà prima dell’agosto 2018

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

maro-arbitrato

ROMA. – Ci vorranno almeno altri due anni e mezzo per sapere come finirà la vicenda dei due marò. I tempi dell’arbitrato internazionale, cui è ricorsa l’Italia dopo oltre tre anni di nulla di fatto nel tentativo di un accordo con l’India, sono infatti lunghi e non termineranno prima dell’agosto del 2018. L’indicazione che ha innescato nuove polemiche – Forza Italia parla di “tempi folli” – emerge dal calendario fissato dal Tribunale arbitrale nella prima riunione procedurale, le cui decisioni sono state pubblicate nei giorni scorsi.

Il caso dei due fucilieri sparisce intanto dal testo di una risoluzione sui ‘cittadini europei prigionieri in India’ che sarà presentata all’europarlamento. La loro vicenda, che insieme a quella di altri 6 soldati britannici e 14 estoni, era prevista nel testo del documento è stata stralciata alla vigilia.

Per evitare che inquinasse i già tesi rapporti con Delhi, è la versione ‘soft’, mentre un’altra lettura fornita da altre fonti parlamentari parla della contrarietà degli altri Paesi interessati – lettoni in prima linea – a veder accomunare i casi dei loro militari accusati di reati meno gravi con quello dei due fucilieri italiani, su cui pesa un accusa penalmente più rilevante, quella di omicidio.

Il testo – il cui titolo è passato da ‘Risoluzione sui cittadini Ue prigionieri in India, in particolare italiani, estoni e britannici’ a ‘Risoluzione sui marinai estoni e britannici prigionieri in India’ – è firmato da PPE, S&D, ALDE, Conservatori e EFDD. Pur sottoscritto dai principali gruppi dell’emiciclo, la risoluzione potrebbe essere comunque ritirata domani prima del voto perché considerata troppo blando.

Anche se i marò sono stati cancellati dalla risoluzione comune del Parlamento Ue, la Lega Nord “discuterà” del caso domani nella plenaria, ha promesso l’eurodeputato del Carroccio Mario Borghezio. Tornando al lavoro del tribunale arbitrale più a stretto giro si dovrebbe invece sapere se Salvatore Girone, il fuciliere ancora a New Delhi dopo il rientro in Italia di Massimiliano Latorre per problemi di salute, potrà lasciare l’India e attendere la fine della procedura in Italia.

Il Tribunale ha infatti confermato che esaminerà – come anticipato dall’ANSA nei giorni scorsi – la richiesta italiana di farlo rientrare in patria il 30 e 31 marzo prossimi. In quella sede si dovrà decidere se il marò, ancora in libertà vigilata in India, potrà tornare e rimanere nel suo Paese per tutta la durata della procedura arbitrale. Su questo punto il Tribunale dovrebbe decidere in un paio di settimane.

Il governo italiano aveva chiesto il 12 dicembre scorso al Tribunale “di riconoscere e proteggere alcuni diritti fondamentali (del Fuciliere di Marina) anche prima della soluzione definitiva della controversia”. Controversia che vede l’Italia e l’India contendersi la giurisdizione del caso che vede Girone e Latorre accusati da Delhi di aver ucciso due pescatori indiani il 15 febbraio 2012 in un’operazione antipirateria a bordo dell’Enrica Lexie al largo del Kerala.

Tornando alla procedura arbitrale, secondo quanto stabilito lunedì dal Tribunale, l’Italia dovrà presentare una Memoria scritta – con la propria esposizione dei fatti e la propria richiesta al Tribunale – il 16 settembre 2016, mentre l’India presenterà la sua il 31 marzo 2017. Di seguito è prevista una replica italiana il 28 luglio 2017 e, ancora, una controreplica indiana l’1 dicembre 2017.

A quel punto, nel caso Delhi abbia presentato obiezioni di giurisdizione o ammissibilità, il governo italiano avrà ancora la possibilità di contro-replicare il 2 febbraio 2018. Il Tribunale, secondo le regole stabilite, avrà quindi sei mesi di tempo per decidere, arrivando così all’estate del 2018, ma si riserva di poter allungare i tempi per la presentazione delle rispettive dichiarazioni “in accordo con le Parti”.

“Trentadue mesi per concludere la procedura arbitrale sono una follia”, tuona Elvira Savino, deputata pugliese di Forza Italia, sottolineando che “questo lunghissimo lasso di tempo non farà che aumentare la preoccupazione dei due nostri fucilieri di Marina e delle loro famiglie che aspettano da anni giustizia”. “Lunghi o corti che siano – ha tagliato corto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni – sono i tempi della giustizia arbitrale. Noi ci auguriamo che questo periodo possa vedere Latorre e Girone in Italia. Su questo ci sarà una prima riposta del tribunale arbitrale a marzo”.

Ultima ora

19:16Calcio: nuove maglie Inter, design asimmetrico

(ANSA) - MILANO, 23 MAG - Rivoluzione Inter anche per le maglie della prossima stagione: non più strisce nere e azzurre di egual misura, il nuovo design sarà asimmetrico. Le divise 2017-2018, già in prevendita sul sito della Nike così come quelle della Roma 2017-18, saranno presentate giovedì nello store ufficiale del centro di Milano. Le strisce azzurre saranno più larghe, mentre quelle nere saranno di diversa dimensione, da sottili a più spesse. Le nuove maglie potrebbero debuttare già nell'ultima partita di campionato, domenica sera contro l'Udinese a San Siro. I primi cento tifosi, fa sapere l'Inter, che si presenteranno giovedì mattina nello store di Milano per acquistare la nuova divisa, potranno chiedere foto e autografi a Ivan Perisic e Danilo D'Ambrosio.

19:11Corea sud: Park in aula in manette

(ANSA) - PECHINO, 23 MAG - L'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye è comparsa oggi dinanzi alla Corte centrale distrettuale di Seul nel processo a suo carico dove deve rispondere di 18 capi d'accusa, tra cui corruzione, abuso di potere e divulgazione di segreti di stato, cinque di più di quelli che le furono contestati a fine marzo quando fu arrestata, appena due settimane dopo il via libera all' impeachment convalidato dalla Corte costituzionale. Park è giunta in mattinata in aula, scortata dalla polizia e con le manette ai polsi, indossando la divisa blu carceraria su cui si leggeva chiaramente il numero 503. L'ex presidente si è trovata in aula per la prima volta faccia a faccia con Choi Soon-sil, la 'sciamana', come è stata rinominata dai media, l'amica di vecchia data che aveva accesso a informazioni riservate e da cui è scoppiato lo scandalo fino all'impeachment e alla decadenza di due mesi fa. Park e Choi hanno respinto ogni addebito.

19:06Calcio: Raggi e Zingaretti invitati a Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La Roma ha formalmente invitato la sindaca della capitale, Virginia Raggi e il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, alla partita di domenica col Genoa, probabile addio di Francesco Totti alla squadra giallorossa. Intanto, nonostante il sold out annunciato, continuano ad arrivare alla Roma richieste di acquisto biglietti e di accredito da tutto il mondo. Tutto esaurito anche in tribuna stampa. E in occasione della partita con il Genoa, la squadra giallorossa vestirà la maglia che indosserà il prossimo anno.

18:39Manchester: Conte, rabbia e dolore

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Un concerto, come una partita, è un' occasione di festa e di gioia e non mi rassegno ad accettare che possa diventare un simbolo di odio". Sono un misto di dolore e rabbia le parole di Antonio Conte sull'attentato di Manchester. Il tecnico del Chelsea, neo vincitore del titolo in Premier League, ha sottolineato in un post sul suo profilo social che "le vite di tanti giovani non possono essere spezzate dal gesto di un terrorista. Da padre - continua Conte - mi stringo forte alle famiglie delle vittime e ai tanti feriti di Manchester". Il Chelsea, durante l'allenamento in vista della finale della Coppa d'Inghilterra, si è stretto in cerchio in campo osservando un minuto di silenzio.

18:38Ciclista morto nel vicentino, indagini per omicidio stradale

(ANSA) - VICENZA, 23 MAG - I carabinieri di Bassano (Vicenza) configurano l'ipotesi di reato di omicidio stradale e fuga a seguito del sinistro per la morte di Roberto Brotto, 54 anni, dirigente dell'Ulss di Cittadella (Padova), di cui non si avevano più notizie da ieri. L'uomo è stato trovato morto questa mattina, a fianco della sua bicicletta, in una scarpata dell'Altopiano di Asiago (Vicenza) nel territorio di Conco. "Gli indizi a carico del soggetto, in fase di rapida identificazione - scrivono in una nota i militari -, sono gravi e concordanti nell'individuarlo quale materiale autore del decesso" del ciclista. I militari nel corso di una rapida indagine hanno trovato sui resti della bicicletta segni riconducibili ad un tamponamento mentre altri elementi, secondo quanto si è appreso, sarebbero stati dati da dei segni sul guard-rail e dal ritrovamento dei resti di uno specchietto d'auto. Il corpo del ciclista è stato recuperato dagli uomini del soccorso alpino ed è già stata disposta l'autopsia.

18:37Falcone: Sangiorgi dei Negramaro canta davanti all’Albero

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - Giuliano Sangiorgi dei Negramaro ha voluto ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e i ragazzi della scorta morti nella strage di Capaci con la canzone "Lo sai da qui", intonata davanti all'Albero Falcone, il ficus davanti all'abitazione del magistrato, in via Notarbartolo, a Palermo. "E' una grande emozione essere qui oggi - ha detto Sangiorgi - Voglio onorare la memoria di Falcone e delle vittime di Capaci e via D'Amelio con questa canzone dedicata a mio padre".

18:29Manchester: Viminale, attenzione alta, minaccia non cambia

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "L'attenzione rimane altissima ma il livello della minaccia non cambia per l'Italia". Così il Viminale al termine della riunione del Comitato di analisti strategica antiterrorismo, presieduta dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, che ha analizzato la situazione dell'Italia dopo l'attentato di Manchester. Presenti col ministro i vertici nazionali delle forze di polizia, dei servizi di intelligence e il rappresentante della sicurezza del Regno Unito a Roma. Minniti ha chiesto di "tenere elevato il livello di vigilanza, rafforzando le misure di sicurezza a protezione degli obiettivi ritenuti più a rischio, nonché verso i luoghi che registrano particolare affluenza e aggregazione di persone".

Archivio Ultima ora