L’Italia Creativa vale 47 miliardi e dà lavoro a 1 milione di persone

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

ItaliaCreativa

MILANO. – Cultura e creatività valgono in Italia 47 miliardi di ricavi l’anno, il 2,9% del pil, e danno lavoro a 1 milione di persone, il 4,5% cioè della forza lavoro. E’ la fotografia che emerge dallo studio ‘Italia Creativa’ realizzato da Ernst & Young con le principali associazioni di categoria, guidate da Mibact e Siae. L’analisi è stata presentata a Milano in un convegno in Triennale al quale ha partecipato anche il ministro di beni culturali e turismo Dario Franceschini, oltre a molti esponenti dell’industria.

L’indagine, realizzata su dati 2014, segnala che nel settore l’86% dei ricavi, pari a circa 40,1 miliardi e al 2,5% del pil, e l’85% degli occupati, pari al 3,8% della forza lavoro, sono diretti. Derivano cioè da attività legate direttamente alla filiera creativa, quali la concezione, la produzione e la distribuzione di opere e servizi culturali e creativi. Evidenzia quindi il divario, e l’opportunità, che emerge dal confronto con l’Europa, dove il settore vale tra il 3,1 e il 3,5% del pil.

Altrove la configurazione industriale e magari le abitudini di consumo possono avere anche caratteristiche diverse; guardando però alla Francia, uno dei paesi a noi più vicini e comparabili nell’ambito della filiera creativa secondo l’analisi, si nota come cultura e della creatività pesino in Italia lo 0,9% del pil in meno: colmando tale divario ci sarebbero 15 miliardi di ricavi e 300mila posti di lavoro in più.

L’Italia ha fatto “uno straordinario lavoro per la tutela e per la valorizzazione del patrimonio che i nostri padri ci hanno lasciato”, ha affermato Franceschini, ma allo stesso tempo “abbiamo investito poco sul presente”, con investimenti non sufficienti sui giovani “negli anni”. “Oggi abbiamo fatte scelte molto diverse”, con 114 milioni di fondi europei messi per l’industria culturale e creativa e con la carta per i diciottenni che “spinge il consumo culturale”, ha ricordato.

“Abbiamo dimenticato che anche il Colosseo è stato contemporaneo, così come la pittura di Michelangelo e la musica di Verdi e Puccini”. “L’Italia è piena di talenti creativi di giovani e di grandi maestri e soprattutto questa creatività italiana può diventare un veicolo formidabile per la crescita”.

L’analisi EY evidenzia anche alcune sfide, come quella della competitività italiana nel mondo e o quella dell’innovazione e del digitale. La cultura può essere poi un’occasione per i giovani: il 41% degli occupati del comparto hanno tra 15 e i 39 anni, contro una media che nel paese per questa fascia d’età è solitamente del 37%.

Tra i nodi da risolvere, infine, si segnala quello della remunerazione della creatività sui canali digitali. Secondo un recente studio Siae, viene ricordato, gli intermediari tecnici (come aggregatori di contenuti e motori di ricerca) generano ricavi per 5 miliardi in Europa e 369 milioni in Italia, e di questi quasi nulla arriva ai produttori di contenuti.

(di Sabina Rosset/ANSA)

Ultima ora

08:35Libia: assalto carcere Tripoli, giallo su prigionieri

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Una milizia armata fedele al governo di unione nazionale del premier Fayez al Sarraj (le brigate rivoluzionarie di Tripoli di Haitem Tajouri) ha assaltato ieri sera e preso il controllo del carcere di Al Hadaba, a Tripoli. Lo riferiscono i media libici. Nella struttura sono reclusi diversi esponenti dell'ex regime, compresi Saadi Gheddafi - figlio del defunto rais Muammar - e l'ex capo degli 007 Abdallah al Senoussi. Secondo diverse fonti, i prigionieri sono stati trasferiti in un "luogo sicuro".

08:32Mo: finito sciopero fame detenuti palestinesi

(ANSAmed) - TEL AVIV, 27 MAG - Dopo oltre 40 giorni e' terminato oggi lo sciopero della fame dei membri di al-Fatah detenuti in Israele indetto dal loro dirigente Marwan Barghouti. Lo rende noto il servizio carcerario israeliano. Secondo i media nella notte e' stato raggiunto un accordo fra Israele, Anp e la Croce rossa che prevede ''benefici di carattere umanitario'' per i palestinesi detenuti in Israele. Questo sviluppo e' giunto in concomitanza con l'inizio del digiuno del Ramadan.

06:53Usa: morto Brezinski, consigliere sicurezza di Jimmy Carter

WASHINGTON - E' morto Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti durante la presidenza di Jimmy Carter. La notizia e' stata data dalla figlia Mika, conduttrice televisiva nel programma mattutino 'Morning Joe' dell'emittente MsNbc. Brzezinski aveva 89 anni.

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

Archivio Ultima ora