Gb accusa Putin, fu lui a ordinare la morte di Litvinenko

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

Litvinenko in ospedale in un fermo immagine del Tg1.  ANSA / FERMOIMMAGINE TG1

Litvinenko in ospedale in un fermo immagine del Tg1. ANSA / FERMOIMMAGINE TG1

LONDRA. – E’ appeso a un avverbio, “probabilmente”, il ‘verdetto’ britannico che accusa Vladimir Putin della morte di Aleksandr Litvinenko, avvelenato quasi 10 anni fa nel cuore di Londra con una micidiale dose radioattiva di polonio 210. L’inchiesta ‘pubblica’ affidata dal governo di sua maestà a sir Robert Owen è al capolinea.

E la conclusione resa nota dall’alto magistrato già infiamma, almeno a parole, lo scontro con Mosca: a uccidere “deliberatamente” l’ex ufficiale dell’Fsb (erede del Kgb sovietico), divenuto nemico giurato del Cremlino e dell’ex compagno d’armi Putin, furono Aleksandr Lugovoi e Dmitri Kovtun, altri due veterani della Lubianka; ma questi, con “forte probabilità”, agirono “sotto la direzione dell’Fsb”; e “tenuto conto di tutti gli elementi e le analisi a me disponibili – puntualizza sir Robert – l’operazione dell’Fsb per assassinare Litvinenko fu probabilmente approvata da (Nikolai) Patrushev come anche dal presidente Putin”.

Parole pesate, ma pesantissime. Che chiamano in causa per nome – con accuse tali da offrire a David Cameron il destro per evocare da Davos l’ombra di “uno spaventoso omicidio sponsorizzato da uno Stato” – il leader della seconda potenza nucleare del pianeta e l’allora capo dei servizi segreti interni. E a cui Mosca replica parlando d’una “pseudo-indagine che rovina i rapporti” e ventilando “conseguenze”.

Il rapporto Owen è in realtà pubblico solo in parte. Non pochi documenti e testimonianze restano top secret per volere del governo Cameron e degli 007 dell’MI6. Ma ciò che accredita è pura dinamite. Litvinenko, transfuga a Londra fin dal 2000 dopo essere entrato in rotta di collisione con il Cremlino ed essersi avvicinato all’oligarca-ribelle Boris Berezovski, avrebbe pagato le accuse a Putin e al sistema di potere russo, dalla Cecenia alle presunte infiltrazioni del crimine organizzato, ma soprattutto l’essersi messo al servizio dell’MI6 britannico mentre otteneva la cittadinanza del regno in tempi record.

La sua morte, avvenuta il 23 novembre 2006 al culmine di un’atroce agonia di fronte agli impotenti medici del London’s University College Hospital, fu conseguenza di una sindrome acuta da radiazioni, tre settimane dopo aver bevuto un fatale tè al Pine Bar del Millenium Hotel di Mayfair assieme a Lugovoi e a Kovtun, si legge nel testo.

“Sono sicuro che il signor Lugovoi e il signor Kovtun abbiano messo il polonio 210 nella teiera di Litvinenko al Pine Bar”, afferma senza incertezze Owen. Ma le accuse a questi ‘comprimari’ scolorano di fronte a quelle rivolte ai sancta sanctorum del Cremlino. E – seppure in termini probabilistici – allo ‘zar’ in persona. La convinzione di sir Robert è che l’uso del polonio, isotopo degno dei più sofisticati laboratori militari sia stata una sorta di firma, quasi “un messaggio” in codice ai “traditori”: non sarete mai al sicuro, nemmeno se vi rifugiate a Londra sotto l’ala protettrice degli epigoni di James Bond.

Ma anche in qualche modo di “una faida”, una resa dei conti nella confraternita delle spie dell’ex Kgb. Segnata “indiscutibilmente – sono parole sue – da una dimensione di antagonismo personale” tra Putin e Litvinenko. Sia come sia, il sospetto è ora sul tavolo, in tutta la sua gravità. E Downing Street deve fronteggiare le pressioni di chi chiede risposte dure. Prima fra tutti la vedova della vittima, Marina Litvinenko, per anni indomita in prima linea nella battaglia per ottenere “giustizia per Sasha” e che ora invoca sanzioni individuali e divieto d’ingresso in Gran Bretagna per tutte le persone citate nelle carte, “inclusi Patrushev e Putin”.

Il rapporto – commenta quasi sollevata al fianco del figlio Anatoli, 12enne quando il padre morì – “conferma le parole dette da mio marito sul letto di morte”. Il quale, rivolgendosi ormai stremato e senza un capello in testa a Putin, concluse il suo j’accuse così: “Che Dio ti perdoni per ciò che hai fatto non solo a me, ma all’amata Russia e al suo popolo”.

Il governo Cameron non può tuttavia attendere il giudizio divino. Così è scattata la convocazione dell’ambasciatore russo. Ma al di là della retorica, Norman Smith, commentatore politico della Bbc, intravvede una risposta britannica “cauta e circoscritta”. Anche e soprattutto per le esigenze diplomatiche legate alla Siria e alla guerra all’Isis. Cameron ha fatto balenare un irrigidimento verso Mosca, ma senza citare nuove misure concrete. E lo stesso ministro dell’Interno, Theresa May, presentando il rapporto Owen ai Comuni, ha usato espressioni forti (“terrorismo di Stato”, “inaccettabile violazione delle relazioni internazionali”), ma ha annunciato per ora il congelamento degli asset di Lugovoi e Kovtun, entrambi al sicuro in patria, e poco altro.

“Risposta debole” secondo molti deputati come il ministro ombra laburista, Andy Burnham, che ha reclamato semmai ritorsioni asimmetriche contro l’organizzazione in Russia dei prossimi campionati del mondo di calcio nel 2018. Da Mosca il fuoco preventivo è d’altronde già partito. Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri, ha bollato l’inchiesta inglese come “una farsa politicizzata” per “denigrare la Russia”.

Intanto ha ritorto l’arma del sospetto su Londra, invocando “un’indagine obiettiva e imparziale non solo sulla morte di Litvinenko, ma di tutti i cittadini russi, e sono numerosi, che in diverse circostanze, anche molto strane, sono morti e continuano a morire in Gran Bretagna”.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

14:47Diritti tv: scaduto termine offerte, ora valutazioni Lega A

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - E' scaduto alle 13 il termine per la presentazione delle offerte per il bando domestico dei diritti tv della Lega Serie A del triennio 2018-21, che verranno valutate dall'assemblea dei club in programma alle 15. Alle 11 era convocata, ma non si è ancora aperta, un'altra assemblea, con all'ordine del giorno il rinnovo delle cariche e l'approvazione della modifica dello statuto che introduce per le elezioni il quorum a maggioranza semplice a partire dal terzo scrutinio. I dirigenti delle società sono riuniti informalmente e sul fronte della governance della Lega Serie A, commissariata da nove mesi, è atteso un nuovo rinvio.

14:44Calcio: Inter, visite mediche per Rafinha

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Rafinha sta svolgendo le visite mediche con l'Inter e, a ore, è attesa l'ufficialità del suo trasferimento in nerazzurro dal Barcellona con la formula del prestito con diritto di riscatto. Il centrocampista, arrivato a Milano nella serata di ieri, ha già svolto la prima parte delle visite alla clinica Humanitas e ora sta sostenendo quelle al Coni. Non è escluso che Rafinha raggiunga Appiano Gentile per una prima seduta di allenamento e per incontrare il tecnico Luciano Spalletti.

14:39Suicida dopo accusa abusi: impiccato davanti a una chiesa

(ANSA) CASSINO (FROSINONE), 22 GEN -Ha deciso di suicidarsi all'ingresso di una piccola chiesa di montagna, non distante da Cassino, l'agente della penitenziaria accusato di aver abusato della figlia 14enne. A notare il corpo dell'uomo è stato un passante che ha avvisato i carabinieri. Il corpo si trovava all'ingresso del luogo di culto, in uno spazio delimitato da una grata a protezione del portone. Per togliersi la vita ha utilizzato uno spago da imballaggio. Secondo una prima ricostruzione l'uomo non avrebbe lasciato nessun biglietto.

14:37Catalogna: Torrent, Puigdemont candidato presidente

(ANSA) - MADRID, 22 GEN - Il presidente del parlamento catalano Roger Torrent ha annunciato che presenterà il nome di Carles Puigdemont come candidato presidente della Catalogna che sarà sottoposto all'investitura della plenaria a fine mese. Quello di Puigdemont, appoggiato dal fronte indipendentista che ha la maggioranza assoluta, è il solo nome emerso dal giro di consultazioni con i gruppi politici degli ultimi giorni, ha precisato. La sessione di investitura del nuovo presidente catalano è prevista entro il 31 gennaio.

14:37Calcio: Sun, Raiola porterà Balotelli alla Juve

(ANSA) - LONDRA, 22 GEN - Calciomercato o fantacalcio? L'ultima clamorosa voce arriva dall'Inghilterra: al centro Mario Balotelli e il suo agente Mino Raiola. Secondo il tabloid inglese Sun, l'attaccante sarebbe vicino a un clamoroso ritorno in Italia, per vestire la maglia della Juventus. Il giornale scrive di un contratto già pronto a Torino per l'attuale punta del Nizza che a fine stagione sarà svincolato per scadenza contratto. Balotelli ha giocato nelle ultime due stagioni con la maglia del Nizza e quest'anno ha già messo a segno 17 reti, stabilendo il nuovo record personale. Secondo le indiscrezioni provenienti dall'Inghilterra l'accordo, della durata di cinque anni, prevedrebbe per SuperMario un ruolo centrale nel progetto di Massimiliano Allegri, e non di semplice alternativa a Gonzalo Higuain.

14:23Tennis: Australia, Chung elimina Djokovic

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Sorpresa agli Open d'Australia di tennis, dove Novak Djokovic è stato eliminato negli ottavi di finale. Il serbo, ex numero 1 del mondo e vincitore per sei volte a Melbourne, si è arreso al giovane sudcoreano Hyeon Chung, che si è imposto in tre set con il punteggio di 7-6, 7-6, 7-6. Chung, 21 anni, vincitore a novembre nelle Next gen Atp Finals a Milano, e autore al turno precedente dell'eliminazione del tedesco Alexander Zverev, incontrerà adesso lo statunitense Tennys Sandgren che ha sconfitto per 6-2, 4-6, 7-6 (4), 6-7 (7), 6-3 l'austriaco Dominic Thiem, numero 5 del seeding.

13:58Calcio: Cagliari, arrivano Lykogiannis e Ceter

(ANSA) - CAGLIARI, 22 GEN - Ora è ufficiale: il greco Charalampos Lykogiannis, classe 1993 e il colombiano Damir Ceter, classe 1997 sono due giocatori del Cagliari. Lykogiannis arriva dallo Sturm Graz e si trasferisce in rossoblù a titolo definitivo legandosi al club rossoblù sino al 2022. È un difensore che gioca abitualmente sulla fascia sinistra, bravo in fase di copertura ma anche nelle ripartenze. È cresciuto nell'Olympiakos e con la squadra greca ha vinto un campionato nazionale, due coppe e ha esordito in Champions League. Lo scorso settembre ha anche esordito in nazionale. Nelle ultime due stagioni ha giocato nel campionato austriaco: 81 presenze e sei gol. In rossoblù e con contratto sino al 2022 anche Ceter (FOTO): attaccante centrale alto e fisicamente ben piazzato è considerato uno dei nomi emergenti del calcio sudamericano. Nell'ultima stagione ha giocato con l'Independiente di Santa Fè: 12 presenze e due gol. Alle 15.30 nella sala stampa della Sardegna Arena, la presentazione ufficiale dell'attaccante.

Archivio Ultima ora