Gb accusa Putin, fu lui a ordinare la morte di Litvinenko

Pubblicato il 21 gennaio 2016 da redazione

Litvinenko in ospedale in un fermo immagine del Tg1.  ANSA / FERMOIMMAGINE TG1

Litvinenko in ospedale in un fermo immagine del Tg1. ANSA / FERMOIMMAGINE TG1

LONDRA. – E’ appeso a un avverbio, “probabilmente”, il ‘verdetto’ britannico che accusa Vladimir Putin della morte di Aleksandr Litvinenko, avvelenato quasi 10 anni fa nel cuore di Londra con una micidiale dose radioattiva di polonio 210. L’inchiesta ‘pubblica’ affidata dal governo di sua maestà a sir Robert Owen è al capolinea.

E la conclusione resa nota dall’alto magistrato già infiamma, almeno a parole, lo scontro con Mosca: a uccidere “deliberatamente” l’ex ufficiale dell’Fsb (erede del Kgb sovietico), divenuto nemico giurato del Cremlino e dell’ex compagno d’armi Putin, furono Aleksandr Lugovoi e Dmitri Kovtun, altri due veterani della Lubianka; ma questi, con “forte probabilità”, agirono “sotto la direzione dell’Fsb”; e “tenuto conto di tutti gli elementi e le analisi a me disponibili – puntualizza sir Robert – l’operazione dell’Fsb per assassinare Litvinenko fu probabilmente approvata da (Nikolai) Patrushev come anche dal presidente Putin”.

Parole pesate, ma pesantissime. Che chiamano in causa per nome – con accuse tali da offrire a David Cameron il destro per evocare da Davos l’ombra di “uno spaventoso omicidio sponsorizzato da uno Stato” – il leader della seconda potenza nucleare del pianeta e l’allora capo dei servizi segreti interni. E a cui Mosca replica parlando d’una “pseudo-indagine che rovina i rapporti” e ventilando “conseguenze”.

Il rapporto Owen è in realtà pubblico solo in parte. Non pochi documenti e testimonianze restano top secret per volere del governo Cameron e degli 007 dell’MI6. Ma ciò che accredita è pura dinamite. Litvinenko, transfuga a Londra fin dal 2000 dopo essere entrato in rotta di collisione con il Cremlino ed essersi avvicinato all’oligarca-ribelle Boris Berezovski, avrebbe pagato le accuse a Putin e al sistema di potere russo, dalla Cecenia alle presunte infiltrazioni del crimine organizzato, ma soprattutto l’essersi messo al servizio dell’MI6 britannico mentre otteneva la cittadinanza del regno in tempi record.

La sua morte, avvenuta il 23 novembre 2006 al culmine di un’atroce agonia di fronte agli impotenti medici del London’s University College Hospital, fu conseguenza di una sindrome acuta da radiazioni, tre settimane dopo aver bevuto un fatale tè al Pine Bar del Millenium Hotel di Mayfair assieme a Lugovoi e a Kovtun, si legge nel testo.

“Sono sicuro che il signor Lugovoi e il signor Kovtun abbiano messo il polonio 210 nella teiera di Litvinenko al Pine Bar”, afferma senza incertezze Owen. Ma le accuse a questi ‘comprimari’ scolorano di fronte a quelle rivolte ai sancta sanctorum del Cremlino. E – seppure in termini probabilistici – allo ‘zar’ in persona. La convinzione di sir Robert è che l’uso del polonio, isotopo degno dei più sofisticati laboratori militari sia stata una sorta di firma, quasi “un messaggio” in codice ai “traditori”: non sarete mai al sicuro, nemmeno se vi rifugiate a Londra sotto l’ala protettrice degli epigoni di James Bond.

Ma anche in qualche modo di “una faida”, una resa dei conti nella confraternita delle spie dell’ex Kgb. Segnata “indiscutibilmente – sono parole sue – da una dimensione di antagonismo personale” tra Putin e Litvinenko. Sia come sia, il sospetto è ora sul tavolo, in tutta la sua gravità. E Downing Street deve fronteggiare le pressioni di chi chiede risposte dure. Prima fra tutti la vedova della vittima, Marina Litvinenko, per anni indomita in prima linea nella battaglia per ottenere “giustizia per Sasha” e che ora invoca sanzioni individuali e divieto d’ingresso in Gran Bretagna per tutte le persone citate nelle carte, “inclusi Patrushev e Putin”.

Il rapporto – commenta quasi sollevata al fianco del figlio Anatoli, 12enne quando il padre morì – “conferma le parole dette da mio marito sul letto di morte”. Il quale, rivolgendosi ormai stremato e senza un capello in testa a Putin, concluse il suo j’accuse così: “Che Dio ti perdoni per ciò che hai fatto non solo a me, ma all’amata Russia e al suo popolo”.

Il governo Cameron non può tuttavia attendere il giudizio divino. Così è scattata la convocazione dell’ambasciatore russo. Ma al di là della retorica, Norman Smith, commentatore politico della Bbc, intravvede una risposta britannica “cauta e circoscritta”. Anche e soprattutto per le esigenze diplomatiche legate alla Siria e alla guerra all’Isis. Cameron ha fatto balenare un irrigidimento verso Mosca, ma senza citare nuove misure concrete. E lo stesso ministro dell’Interno, Theresa May, presentando il rapporto Owen ai Comuni, ha usato espressioni forti (“terrorismo di Stato”, “inaccettabile violazione delle relazioni internazionali”), ma ha annunciato per ora il congelamento degli asset di Lugovoi e Kovtun, entrambi al sicuro in patria, e poco altro.

“Risposta debole” secondo molti deputati come il ministro ombra laburista, Andy Burnham, che ha reclamato semmai ritorsioni asimmetriche contro l’organizzazione in Russia dei prossimi campionati del mondo di calcio nel 2018. Da Mosca il fuoco preventivo è d’altronde già partito. Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri, ha bollato l’inchiesta inglese come “una farsa politicizzata” per “denigrare la Russia”.

Intanto ha ritorto l’arma del sospetto su Londra, invocando “un’indagine obiettiva e imparziale non solo sulla morte di Litvinenko, ma di tutti i cittadini russi, e sono numerosi, che in diverse circostanze, anche molto strane, sono morti e continuano a morire in Gran Bretagna”.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

19:14Calcio: Fiorentina ufficializza, Milic all’Olimpiakos

(ANSA) - FIRENZE, 23 LUG - La Fiorentina ha ufficializzato la cessione a titolo definitivo di Hrovje Milic, classe '89, all'Olimpiakos. L'esterno croato lascia la squadra viola dopo una sola stagione, il suo addio frutterà circa 1,5 milioni di euro. In partenza anche Vecino (Inter), Kalinic (Milan) e Tatarusanu (Nantes) mentre tra martedì e mercoledì arriveranno i due acquisti francesi, il mediano Veretout dell'Aston Villa e il centrocampista offensivo del Nizza Eysseric. Per l'attacco i nomi più gettonati sono quelli di Zapata, Simeone, Nestorovski. Intanto la Fiorentina ha concluso la preparazione a Moena da cui è rientrata nel pomeriggio. Pioli ha concesso due giorni di riposo fissando la ripresa per mercoledì. Prossima amichevole sabato a Lisbona contro lo Sporting cui seguirà la tournée in Germania dove i viola affronteranno il 1° agosto l'Eintracht e il 6 il Wolfsburg dell'ex Mario Gomez.

19:12Libia: inviato Onu, martedì all’Eliseo Haftar e Sarraj

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La riconciliazione della Libia passa per Parigi: martedì, a tre mesi dal primo faccia a faccia ad Abu Dhabi, i protagonisti della crisi libica il primo ministro Fayez Al Sarraj il generale Khalifa Haftar, su invito del presidente Emanuelle Macron, si incontreranno all'Eliseo alla presenza dell'inviato dell'Onu per la Libia Ghassan Salamè. E' lo stesso Salamè a confermarlo al Journal du Dimanache. L'indiscrezione sull'iniziativa libica del presidente francese era già circolata nei giorni scorsi su diversi quotidiani arabi, nonostante l'appuntamento non figuri sull'agenda ufficiale dell'Eliseo. "E' un nuovo tentativo perchè queste persone si parlino ed uniscano le loro forze per impedire che le metastasi dell'Daesh si ricostituiscano in Libia", ha dichiarato al Jdd un responsabile francese che si occupa del dossier libico.

19:04Gerusalemme: Alfano, appello alla moderazione e al dialogo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Seguo con grande preoccupazione la spirale di tensione e violenza in atto a Gerusalemme e in tutta la Cisgiordania", ha dichiarato il ministro degli Esteri Angelino Alfano. "La morte di due poliziotti nella Città vecchia, quella di tre cittadini israeliani in Cisgiordania, così come l'uccisione di giovani palestinesi negli scontri - ha aggiunto il ministro - sono eventi tragici. Non esiste alcuna giustificazione per gli assassini né per la glorificazione della violenza. Ogni attacco terroristico, a prescindere da dove è compiuto, deve essere condannato. Pertanto, lancio un appello alla moderazione e al dialogo ed esorto tutte le parti coinvolte a collaborare e ad agire con responsabilità nella gestione della difficile situazione nella Città vecchia e ad adoperarsi per un'immediata riduzione delle violenze e per scongiurare ulteriori vittime".

18:50Calcio: Gold Cup, morsi a rivali,squalificati 2 salvadoregni

(ANSA) - MIAMI (USA), 23 LUG - Henry Romero e Darwin Ceren, come Luis Suarez, il bomber dell'Uruguay. I due difensori della nazionale di El Salvador sono stati squalificati dalla Concacaf per aver morso degli avversari durante la partita dei quarti di finale di Gold Cup di mercoledì scorso persa contro gli Usa, come fece il Pistolero con Chiellini nel match del Mondiale brasiliano. Il provvedimento è stato preso dalla commissione disciplinare della confederazione nord e centro americana dopo aver preso visione dei filmati. Così Romero ha preso 6 turni di squalifica, mentre 3 sono state date a Ceren. Il tutto per "comportamento antisportivo". Romero ha preso pena doppia perchè ha morso lo statunitense Altidore sia ad una spalle che sul petto, mentre Ceren ha fatto lo stesso a spese di Gonzalez, limitandosi a una spalla. "Sono sicuro che non sarà fiero di ciò che ha fatto", ha commentato Altidore dopo aver appreso della squalifica di Romero.

18:32Calcio: Vecino a un passo dall’Inter, domani attese visite

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Matias Vecino è a un passo dall'Inter, tanto che il centrocampista potrebbe svolgere le visite mediche per il club nerazzurro già domani. L'Inter è decisa a versare i 24 milioni della clausola imposta dalla Fiorentina per regalare a Luciano Spalletti il secondo rinforzo, dopo Borja Valero a centrocampo. Vecino è il terzo acquisto per l'Inter in questo mercato, dopo il difensore Milan Skriniar e, appunto, Borja Valero.

18:30Scherma: Mondiali, Garozzo semifinale fioretto, è medaglia

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'olimpionico Daniele Garozzo approda alla semifinale del fioretto ai Mondiali di scherma in corso a Lipsia. L'azzurro, fresco campione europeo, ha superato in rimonta 15-14 l'americano race Imboden (era avanti 14-11 dopo aver iniziato 5-0) e adesso se la vedrà con il giapponese Saito. Eliminato l'altro invece Alessio Foconi, reduce dal derby vittorioso contro Cassarà, sconfitto 15-13 dal giapponese Shikine.

18:20Nuoto: Italia subito podio mondiali, Detti bronzo 400sl

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Italia subito sul podio nel primo giorno di gare in vasca ai mondiali di nuoto di Budapest. Arriva il bronzo nei 400 stile libero di Gabriele Detti, che bissa così, con il tempo di 3'43''93, il terzo posto conquistato alle Olimpiadi di Rio. L'oro è andato al cinese Sun Yang (3'41''38), argento all'australiano e campione olimpico lo scorso anno Mack Horton (3'43''85).

Archivio Ultima ora