Passa la paura sui mercati. Spinta dal petrolio fino 32 dollari

Pubblicato il 22 gennaio 2016 da redazione

I movimenti della borsa scorrono sullo schermo di un ponte a Shanghai, in Cina, il 7 gennaio 2016. (Afp)

I movimenti della borsa scorrono sullo schermo di un ponte a Shanghai, in Cina, il 7 gennaio 2016. (Afp)

MILANO. – Il grande gelo sui mercati finanziari sembra, almeno per il momento, passato. I listini hanno rimbalzato ancora una volta dai minimi di mercoledì. Ed è stata una corsa che, oltre a rivitalizzare le Piazze del Vecchio Continente, ha coinvolto l’Asia (con Tokyo sugli scudi) e poi anche Wall Street.

Questa volta la spinta è duplice: da una parte il petrolio che prima di chiudere la giornata a poco sotto 31,96 dollari il barile vola sopra quota 32 come non accadeva da due settimane a questa parte, dall’altra l’ennesima sferzata della Banca Centrale Europea già pronta ad impegnarsi da marzo con nuovi interventi.

“C’è speranza di più stimoli a marzo e c’è un potenziale di maggiori stimoli in Giappone e in Cina, quindi se ci sono concrete notizie economiche positive il rimbalzo potrebbe durare anche la prossima settimana”, ha sottolineato a Bloomberg John Plassard, senior trader della Mirabaud Securities Ginevra.

Con i timori sulla stabilità della Cina e il crollo dei prezzi del greggio (con Moody’s che ha messo sotto osservazione il rating di oltre 120 compagnie petrolifere, minerarie e attive nell’estrazione di gas), le Banche Centrali sono tornate prepotentemente sulla scena. Dal Forum economico di Davos, il presidente della Bce Mario Draghi ha assicurato che ci sono “numerosi strumenti” per far risalire l’inflazione, che “davvero” è lontana dall’obiettivo vicino al 2%. D’altro canto le prospettive inflazionistiche sono cambiate e “c’è meno da essere ottimisti”, non solo per il forte calo dei prezzi petroliferi, ma anche – sottolinea Draghi – per “la revisione al ribasso delle prospettive di crescita delle economie emergenti”.

L’Eurotower è dunque pronta a fare di tutto e i mercati, in qualche modo, hanno alleggerito le tensioni della settimana. Il rimbalzo è stato più evidente per Londra (+2,19%) e Parigi (+3,10%). In coda Francoforte (+1,99%) con la Germania che ha visto rallentare l’attività manifatturiera e dei servizi. A gennaio l’indice Pmi composito è sceso a 54,5 punti da 55,5 precedente contro stime per un calo più contenuto a 55,1 punti.

Corsa a scatti, invece, per Piazza Affari che ha rallentato nel finale di seduta (Ftse Mib +1,63% e spread a quota 109 punti). Ad incidere il tonfo di Saipem (-20,5%) in scia allo sconto del 37% annunciato sull’aumento di capitale da 3,5 miliardi. Ma sotto i riflettori restano ancora le banche con le popolari chiamate ad aggregarsi e, soprattutto, Mps (+2,74%) per la quale, secondo i rumors, sarebbe forte l’interesse da parte del Santander.

Ultima ora

06:27Weinstein: si dimette Roy Price, capo Amazon studios

WASHINGTON - Roy Price, capo di Amazon Studios, si è dimesso dopo le notizie che avrebbe molestato una produttrice e ignorato un'accusa da parte di un'attrice sugli assalti sessuali da parte di Harvey Weinstein. Lo rende noto un portavoce di Amazon. Inizialmente Price era stato sospeso.

06:23Man Booker Prize ad un americano per il secondo anno

LONDRA - L'americano George Saunders ha vinto il Man Booker Prize con il romanzo "Lincoln in the Bardo", diventando il secondo autore americano ad aggiudicarsi il prestigioso premio britannico. Il libro parte dalla visita realmente compiuta dal presidente Abraham Lincoln nel 1862 in un cimitero di Washington sulla tomba del figlio di undici anni Willie e da lì si sviluppa con un coro di personaggi, tutti morti che non riescono a lasciare questa vita.

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

Archivio Ultima ora