Mancini e Sarri, scuse accettate e caso chiuso

Pubblicato il 22 gennaio 2016 da redazione

La lite tra Mancini e Sarri

La lite tra Mancini e Sarri

MILANO. – Mancini e Sarri non solo fanno pace, alla fine scoprono anche di pensarla allo stesso modo sulle unioni civili, sui matrimonio e adozioni gay. Il blitz delle Iene, a Castel Volturno prima e ad Appiano Gentile poi, scrive un finale felice nella vicenda tra i due allenatori e riporta il sereno anche nel calcio. Mancini e l’Inter accettano le scuse di Sarri e il tecnico del Napoli apre al dialogo con l’Arcigay: “Sabato non posso andare in corteo, perché sono in ritiro, ma ci farei volentieri una chiacchierata”.

A mettere la definitivamente la parola fine a polemiche e veleni, ci pensa infine l’Inter con una nota sul sito. Il club prima ribadisce “il completo supporto a Mancini ed alla posizione etica da lui assunta” e sottolinea che nella società nerazzurra fin dalla sua fondazione “vi è la convinzione che tutti i giocatori, senza distinzione di nazionalità, lingua, religione, condizioni e orientamenti personali e sociali, siano i benvenuti in squadra”.

Poi chiude il caso con Sarri e il Napoli: “È giunto il momento di tracciare una linea che possa porre fine alle tante discussioni nate durante gli ultimi minuti di gara. Mancini e il club desiderano accettare dunque le scuse presentate da Sarri e dal Napoli e auspicano che l’attenzione dei media e del pubblico – si legge nella nota – possa ora tornare alle partite di Serie A e TIM Cup, in una stagione particolarmente avvincente per i tifosi di entrambi i club”.

Sarri trova finalmente la pace con Mancini, ma deve fare i conti con la querela forse più inaspettata, quella della Nuova Democrazia Cristiana infastidita dalla frase pronunciata dal tecnico per giustificarsi degli insulti a Mancini. “È la prima offesa che mi è venuta in mente – aveva detto Sarri – gli potevo dire anche democristiano”. E’ l’unico neo in una giornata che ha finalmente i toni distesi.

Anche Antonello Sannino, presidente dell’Arcigay Campania, ha avuto parole di conforto verso Sarri: “Non ci siamo sentiti offesi dalle sue parole e siamo disposti anche a fare una colletta per pagare la multa che è stata inflitta all’allenatore. Ma la Lega usi i soldi per iniziative contro la discriminazione”.

Anche Sinisa Mihajlovic, alla vigilia di Empoli-Milan, spezza una lancia a favore dell’allenatore del Napoli confermando l’errore del collega, ma allo stesso tempo sottolineando che “non è un razzista. Ha sbagliato, e lo ha ammesso, magari tensione e pressione ti portano a dire quello che non pensi. Io l’avrei gestita in maniera diversa, parlandogli faccia a faccia, da uomo a uomo. Facendo così sui giornali si parla per giorni e giorni, si tirano fuori cose che uno ha detto quindici anni prima”.

Dopo giorni di polemiche e tensioni, infatti, sia all’Inter che al Napoli sperano di voltare pagina e pensare al campo. Gli azzurri saranno impegnati nella difficile trasferta di Genova contro la Sampdoria e l’Inter deve ritrovare la vittoria in campionato contro il Carpi. Sullo sfondo resta il mercato con il ds nerazzurro Ausilio che ha trovato l’accordo con la Sampdoria per la cessione di Ranocchia e lunedì dovrebbero arrivare le firme sul trasferimento. Per la cessione di Guarin, bisognerà attendere ancora qualche giorno. Dopo il caso di Luiz Adriano l’agente del colombiano vuole avere più certezze dallo Jiangsu Suning.

La sua cessione finanzierebbe gli acquisti di Soriano, Eder e Lavezzi. Continuano i contatti con l’agente del giocatore del Psg e il suo arrivo in Italia non è più solo un sogno. L’uomo in più che serve all’Inter per lottare per lo scudetto e mettere in scena una battaglia col Napoli di solo calcio giocato.

Ultima ora

17:02Catalogna: Maroni, oggi fra peggiori pagine democrazia

(ANSA) - MILANO, 20 SET - "Su ciò che sta avvenendo in Catalogna condivido totalmente il pensiero di Luca Zaia: è una pagina fra le peggiori per la democrazia". Così il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, sul suo profilo Facebook. Madrid ha fatto arrestare 14 promotori del referendum secessionista.

16:56Minoranze: nuovo comune val di Fassa solo in ladino

(ANSA) - BOLZANO, 20 SET - Il consiglio regionale del Trentino Alto Adige è tornato ad occuparsi della toponomastica monolingue, questa volta però non in tedesco ma in ladino. Un disegno di legge della maggioranza prevede infatti, l'istituzione del nuovo Comune di Sèn Jan di Fassa-Sèn Jan mediante la fusione dei Comuni di Pozza di Fassa-Poza e Vigo di Fassa-Vich, come voluto da un referendum dello scorso novembre. Il consigliere di Alto Adige nel cuore Alessandro Urzì ha criticato la denominazione solo in ladino Sèn Jan, senza l'addizione italiana di S. Giovanni, temendo "un effetto guida anche per l'Alto Adige". Urzì ha espresso dubbi sulla costituzionalità. L'assessore Josef Noggler ha risposto che il referendum non riguardava solo l'unificazione dei comuni ma anche la sua nuova denominazione. Dopo un lungo dibattito il consiglio regionale ha respinto la richiesta di rinvio del ddl, chiesto da Urzì.(ANSA).

16:50Imposte riscosse e non versate, 100 Comuni da risarcire

(ANSA) - BOLOGNA, 20 SET - La Corte dei conti dell'Emilia-Romagna ha condannato Aipa, agenzia italiana per le pubbliche amministrazioni Spa, ora in amministrazione straordinaria e gli ex vertici della società, Daniele Santucci e Maria Grazia Badiali, a risarcire 98 comuni emiliano-romagnoli e due lombardi con 430.597 euro, danno provocato da imposte comunali di pubblicità riscosse e non versate da Aipa, tra 2008 e 2013, agli enti titolari. Si tratta di uno dei versanti contabili di una vicenda che ha avuto nel 2014 risvolti penali, con l'arresto per peculato di Santucci, all'epoca presidente Aipa, condannato con l'accusa di essersi 'intascato' somme dovute a enti in più regioni. L'ex società di riscossione è commissariata da una sentenza del 2016 del tribunale di Milano che ne ha dichiarato lo stato di insolvenza. Dalle indagini della Gdf di Lecco, citate nella sentenza contabile, è emerso che Aipa riscuoteva le imposte versate su conti intestati a Santucci, fondi poi distratti con prelievi per spese personali. (ANSA).

16:29Ius soli: Delrio, ci sia voto coscienza

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Se si è lasciato un voto di coscienza su altre questioni come le unioni civili dove i 5 Stelle hanno ragionato con la loro testa, è possibile astenersi al Senato? I singoli parlamentari non si pongono un tema di fare un voto coscienza su questo? Questo è il senso del mio appello". Così il ministro dei trasporti Graziano Delrio è tornato sul tema di un voto di coscienza sullo Ius soli. "Penso - ha detto a Radio Capital - che in Senato ci siano culture, intelligenze e capacità per valutare con la propria scelta non per ordini di partito. Gli ordini di partito sui diritti a me fanno un po' ridere". All'ipotesi di un voto di fiducia sul tema, il ministro ha risposto: "Penso che sia uno dei risultati cui dobbiamo stare legati, per una questione di diritti. Penso che il Governo, se non vi sarà altra ratio, dovrà valutare e fare questa proposta".

16:27M5s: Di Maio, non ci sono divisioni, programma unico

(ANSA) - GALLODORO (MESSINA), 20 SET - "Sicuramente quello che sta accadendo in questi giorni è utilizzare ogni piccola dichiarazione per enfatizzare delle divisioni. Ma nel M5s non possono esistere divisioni perché il programma è unico per tutti i candidati. Tutti quanti ci rifacciamo alle 5 stelle e intorno a un'idea, a un programma col quale vogliamo andare al governo del Paese. Poi gli iscritti decideranno chi sarà il portavoce". Lo ha detto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio a margine di un incontro a Gallodoro, nel Messinese. "Si vota, vediamo. Io sono tra i candidati, decideranno gli iscritti a Italia 5 stelle, che non sarà l'arrivo di un percorso, ma di partenza al governo del Paese". E "il candidato premier - ha sottolineato Di Maio - sarà a capo di una squadra di ministri che lavorerà in gruppo con tutti i vari componenti del M5s per ambire al governo".

16:26Iran: violentò e uccise bimba, impiccato

(ANSA) - TEHERAN, 20 SET - Un pedofilo assassino di 40 anni, Esmail Rangraz, è stato impiccato in pubblico questa mattina nella città iraniana di Parsabad Moghan, in provincia di Ardebil. Rangraz era stato arrestato nel giugno scorso per aver violentato e ucciso una bambina di sette anni, Atena Aslani, nascondendone poi il corpo nel parcheggio della sua abitazione. L'uccisione della piccola era avvenuto il 18 giugno scorso, ma il corpo fu scoperto venti giorni dopo. L'episodio aveva suscitato notevole collera ed emozione in Iran - ha ricordato il il procuratore di Ardebil, Nasser Atabati - e ciò ha spinto le autorità a svolgere le indagini e il processo il più presto possibile, arrivando in due mesi all'esecuzione della pena.

16:23Noemi: autopsia, lesioni provocate da mezzi diversi

(ANSA) - SPECCHIA (LECCE), 20 SET - Le "lesioni multiple" rilevate durante l'autopsia compiuta ieri sul collo e sulla testa di Noemi Durini sono state "indotte da mezzi diversi". Quali siano questi mezzi, al momento non è certo perché il corpo è fortemente interessato dai ditteri cadaverici che hanno alterato le lesioni. Saranno quindi necessari esami istologici sui tessuti. Sul corpo non sono presenti segni di colpi di pietra. Lo si apprende da fonti vicine alle indagini secondo cui i medici legali ieri sono riusciti a ricostruire quanto è avvenuto il 3 settembre scorso, giorno della scomparsa e dell' uccisione della giovane. Sulla ricostruzione dei fatti, la Procura di Lecce ha imposto il riserbo per non influenzare ulteriori atti d'indagine. Durante l'autopsia sono stati anche eseguiti tamponi che saranno inviati al Ris di Roma per verificare se vi siano tracce del Dna di altre persone che potrebbero avere avuto contatti con la vittima anche dopo la morte.

Archivio Ultima ora