L’Empoli frena il Milan, il 2-2 allontana l’Europa

Pubblicato il 23 gennaio 2016 da redazione

AC Milan's forward Carlos Bacca (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match between Empoli FC and AC Milan at Carlo Castellani stadium in Empoli, Italy, 23 January 2016. ANSA/FABIO MUZZI

AC Milan’s forward Carlos Bacca (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match between Empoli FC and AC Milan at Carlo Castellani stadium in Empoli, Italy, 23 January 2016.
ANSA/FABIO MUZZI

EMPOLI. – Due volte in vantaggio, due volte raggiunto. Il Milan a Empoli spreca una bella occasione per mettersi in scia alla Roma, domani sera impegnata allo Juventus Stadium. Dal 2-2 del ‘Castellani’ arriva solo un punto.

La squadra di Mihajlovic è in netta crescita: ha fatto 13 punti nelle ultime 8 giornate, ma contro i toscani poteva davvero concretizzarsi il blitz esterno con un po’ di attenzione in più, in particolare nella ripresa.

Per l’Empoli invece prosegue il momento magico, gli azzurri hanno perso solo una volta nelle ultime nove giornate di campionato: esclusa la sconfitta con l’Inter, per Befana, cinque vittorie e tre pareggi.

Gara bella, ma soprattutto nella prima frazione. Un primo tempo davvero vivace, con due squadre mentalmente cariche che si sono affrontate a viso aperto sviluppando un buon gioco. Milan più concreto e pratico, con Bacca e Niang che, dando profondità, hanno fin da subito messo in crisi la difesa azzurra.

Proprio su questo binario i rossoneri vanno in vantaggio alla prima vera azione: lo scatto di Bacca però è da vedere e rivedere, il colombiano sembra essere in posizione di fuorigioco di almeno un piede rispetto a Tonelli. In ogni caso il lancio di Antonelli da metà campo, lato sinistro della difesa milanista, è studiato e Bacca non si fa pregare nel partire a mille per involarsi verso la porta, proteggere il pallone da Barba che lo segue a ruota, poi davanti a Skorupski battere con un destro preciso. Per Bacca è il decimo gol su 29 tiri in porta in questo campionato.

L’Empoli non si spaventa e prosegue col proprio gioco, è il Milan a essere sempre ficcante e voglioso. Al 26′ Bertolacci cambia gioco per Bonaventura, il trequartista prova un bel sinistro al volo da una zona dell’area defilata, la botta c’è ma è centrale, Skorupski blocca con sicurezza. Al 29′ altra azione da moviola: gol annullato a Maccarone per fuorigioco. Punizione di Zielinski, Maccarone sfiora di testa quel tanto da mettere la palla in rete, ma lo fa oltre la linea dei difensori, l’arbitro Russo annulla.

Dopo qualche minuto arriva il pareggio. Assist di Saponara che al 32′ imbecca sulla destra Zielinski, il polacco appena entrato in area batte Donnarumma infilandolo sotto le gambe. Risponde il Milan con Niang dai 25 metri, Skorupski in presa sicura blocca. Ultima occasione Milan su punizione, dal limite dell’area Bonaventura gira bene la palla, ma la conclusione è sopra la traversa.

Nella ripresa la squadra di Mihajlovic entra in campo molto decisa, tuttavia il vantaggio arriva da un rimpallo fortunoso: al 3′ minuto di gioco rinvio di Tonelli che colpisce Niang in volto, la palla finisce a Bonaventura che in piena area batte Skorupski in diagonale. Nel frattempo era entrato Zapata per Alex, non al meglio, e Giampaolo aveva inserito Croce per Maiello, spostando Buchel al centro.

L’Empoli insiste e non ci sta allo svantaggio: il nuovo pari al 16′ con Maccarone. E’ lui il più veloce a correggere in rete dall’area piccola la respinta di Donnarumma su tiro di Pucciarelli. Maccarone ha fatto sei gol in 14 precedenti contro il Milan, a nessuna squadra ha segnato di più in Serie A, lui che è cresciuto proprio nelle giovanili rossonere.

Poco dopo il Milan gioca la carta Balotelli che prende il posto di Niang, fra gli azzurri Maccarone esce per Livaja. Sul 2-2 la partita prosegue a ritmi ancora interessanti. Ma Bacca non è più brillante come nel primo tempo e Balotelli si perde nelle solite manfrine comportamentali. L’ex Liverpool si fa vedere solo per una punizione dal limite, peraltro parata, e per qualche fallo, uno dei quali gli costa l’ammonizione.

Al 94′ ha però sul piede una palla importante: Croce perde il pallone sulla pressione di Abate che serve a centro area Balotelli, Skorupski gli chiude lo specchio, il rossonero era comunque in fuorigioco. Finisce 2-2 e alla fine il risultato è giusto: le due squadre si sono davvero bilanciate in campo e anche la classifica dice così.

Ultima ora

19:15Russiagate: Kislyak esce di scena,concluso il mandato in Usa

(ANSA) - MOSCA, 23 LUG - Fine del mandato come ambasciatore russo negli Usa per Serghiei Kislyak, uno dei personaggi più implicati nel Russiagate. L'ambasciata russa con un tweet ha confermato che il suo lavoro è finito ieri. Il suo successore non è stato ancora nominato ufficialmente anche se ci si aspetta che sia Anatoly Antonov, vice ministro degli Esteri ed ex vice ministro della Difesa, considerato uno dell'ala dura rispetto agli Stati Uniti. Il primo consigliere della sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, Michael Flynn, ha dato le dimissioni perché aveva mentito sui suoi contatti con Kilsyak. Le possibili interferenze della Russia nella campagna elettorale americana dello scorso anno sono al centro dell'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller.

19:14Calcio: Fiorentina ufficializza, Milic all’Olimpiakos

(ANSA) - FIRENZE, 23 LUG - La Fiorentina ha ufficializzato la cessione a titolo definitivo di Hrovje Milic, classe '89, all'Olimpiakos. L'esterno croato lascia la squadra viola dopo una sola stagione, il suo addio frutterà circa 1,5 milioni di euro. In partenza anche Vecino (Inter), Kalinic (Milan) e Tatarusanu (Nantes) mentre tra martedì e mercoledì arriveranno i due acquisti francesi, il mediano Veretout dell'Aston Villa e il centrocampista offensivo del Nizza Eysseric. Per l'attacco i nomi più gettonati sono quelli di Zapata, Simeone, Nestorovski. Intanto la Fiorentina ha concluso la preparazione a Moena da cui è rientrata nel pomeriggio. Pioli ha concesso due giorni di riposo fissando la ripresa per mercoledì. Prossima amichevole sabato a Lisbona contro lo Sporting cui seguirà la tournée in Germania dove i viola affronteranno il 1° agosto l'Eintracht e il 6 il Wolfsburg dell'ex Mario Gomez.

19:12Libia: inviato Onu, martedì all’Eliseo Haftar e Sarraj

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La riconciliazione della Libia passa per Parigi: martedì, a tre mesi dal primo faccia a faccia ad Abu Dhabi, i protagonisti della crisi libica il primo ministro Fayez Al Sarraj il generale Khalifa Haftar, su invito del presidente Emanuelle Macron, si incontreranno all'Eliseo alla presenza dell'inviato dell'Onu per la Libia Ghassan Salamè. E' lo stesso Salamè a confermarlo al Journal du Dimanache. L'indiscrezione sull'iniziativa libica del presidente francese era già circolata nei giorni scorsi su diversi quotidiani arabi, nonostante l'appuntamento non figuri sull'agenda ufficiale dell'Eliseo. "E' un nuovo tentativo perchè queste persone si parlino ed uniscano le loro forze per impedire che le metastasi dell'Daesh si ricostituiscano in Libia", ha dichiarato al Jdd un responsabile francese che si occupa del dossier libico.

19:04Gerusalemme: Alfano, appello alla moderazione e al dialogo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Seguo con grande preoccupazione la spirale di tensione e violenza in atto a Gerusalemme e in tutta la Cisgiordania", ha dichiarato il ministro degli Esteri Angelino Alfano. "La morte di due poliziotti nella Città vecchia, quella di tre cittadini israeliani in Cisgiordania, così come l'uccisione di giovani palestinesi negli scontri - ha aggiunto il ministro - sono eventi tragici. Non esiste alcuna giustificazione per gli assassini né per la glorificazione della violenza. Ogni attacco terroristico, a prescindere da dove è compiuto, deve essere condannato. Pertanto, lancio un appello alla moderazione e al dialogo ed esorto tutte le parti coinvolte a collaborare e ad agire con responsabilità nella gestione della difficile situazione nella Città vecchia e ad adoperarsi per un'immediata riduzione delle violenze e per scongiurare ulteriori vittime".

18:50Calcio: Gold Cup, morsi a rivali,squalificati 2 salvadoregni

(ANSA) - MIAMI (USA), 23 LUG - Henry Romero e Darwin Ceren, come Luis Suarez, il bomber dell'Uruguay. I due difensori della nazionale di El Salvador sono stati squalificati dalla Concacaf per aver morso degli avversari durante la partita dei quarti di finale di Gold Cup di mercoledì scorso persa contro gli Usa, come fece il Pistolero con Chiellini nel match del Mondiale brasiliano. Il provvedimento è stato preso dalla commissione disciplinare della confederazione nord e centro americana dopo aver preso visione dei filmati. Così Romero ha preso 6 turni di squalifica, mentre 3 sono state date a Ceren. Il tutto per "comportamento antisportivo". Romero ha preso pena doppia perchè ha morso lo statunitense Altidore sia ad una spalle che sul petto, mentre Ceren ha fatto lo stesso a spese di Gonzalez, limitandosi a una spalla. "Sono sicuro che non sarà fiero di ciò che ha fatto", ha commentato Altidore dopo aver appreso della squalifica di Romero.

18:32Calcio: Vecino a un passo dall’Inter, domani attese visite

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Matias Vecino è a un passo dall'Inter, tanto che il centrocampista potrebbe svolgere le visite mediche per il club nerazzurro già domani. L'Inter è decisa a versare i 24 milioni della clausola imposta dalla Fiorentina per regalare a Luciano Spalletti il secondo rinforzo, dopo Borja Valero a centrocampo. Vecino è il terzo acquisto per l'Inter in questo mercato, dopo il difensore Milan Skriniar e, appunto, Borja Valero.

18:30Scherma: Mondiali, Garozzo semifinale fioretto, è medaglia

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'olimpionico Daniele Garozzo approda alla semifinale del fioretto ai Mondiali di scherma in corso a Lipsia. L'azzurro, fresco campione europeo, ha superato in rimonta 15-14 l'americano race Imboden (era avanti 14-11 dopo aver iniziato 5-0) e adesso se la vedrà con il giapponese Saito. Eliminato l'altro invece Alessio Foconi, reduce dal derby vittorioso contro Cassarà, sconfitto 15-13 dal giapponese Shikine.

Archivio Ultima ora