Tempi duri per Mosca, greggio e sanzioni affossano il Pil

Pubblicato il 25 gennaio 2016 da redazione

russia

MOSCA. – Mosca archivia un anno nero, il 2015, ma di certo non i suoi problemi economici, e guarda con apprensione all’immediato futuro, con il 2016 che potrebbe rivelarsi un secondo anno consecutivo di recessione. Il collasso del prezzo del petrolio e le sanzioni occidentali per la crisi ucraina hanno letteralmente affossato il Pil del paese più vasto del mondo, che – stando a dati preliminari dell’istituto nazionale di statistica – lo scorso anno è sceso del 3,7%: un risultato in linea con le previsioni più recenti, ma comunque ampiamente negativo.

L’anno prima, in quel 2014 segnato dal deterioramento dei rapporti tra Mosca e Occidente per l’annessione russa della Crimea e il conflitto nel Donbass, il Pil russo aveva comunque registrato una, per quanto flebile, crescita: dello 0,6%. Adesso al braccio di ferro delle sanzioni si somma però il prezzo del greggio ai minimi termini, crollato del 70% negli ultimi 15 mesi e ora attorno ai 30 dollari al barile.

Un vero disastro per la Russia, che ha calcolato il proprio bilancio 2016 basandosi su un prezzo del petrolio di 50 dollari al barile e sarà quindi probabilmente costretta a rivedere i suoi conti pubblici con pesanti tagli. Il premier Dmitri Medvedev ha già annunciato che entro una settimana sulla sua scrivania ci sarà un nuovo piano anticrisi del governo che terrà conto dell’attuale andamento del prezzo del petrolio.

Mentre Vladimir Putin non ha potuto fare a meno di sottolineare che per le autorità russe “la cosa più importante” in questo momento di crisi deve essere “garantire decenti standard di vita alle persone”. Sono parole che fanno ben capire come il malessere dell’economia russa non è una questione astratta di numeri, ma ha conseguenze ben visibili sulla vita dei cittadini.

Innanzitutto nel 2015 si è registrato un boom della disoccupazione, che è cresciuta del 7,4% raggiungendo il 5,8% della popolazione attiva, cioè 4,42 milioni di persone. Poi c’è la contrazione dei salari reali del 9% (nei primi 11 mesi dello scorso anno), che si accompagna a un’inflazione da record: stimata al 12,9% nel 2015, ancora peggio dell’11,4% del 2014.

Come se non bastasse, il rublo negli ultimi tempi è letteralmente affondato e giovedì scorso ha superato per la prima volta quota 84 sul dollaro per poi tirarsi un po’ su trascinato da una leggera risalita del prezzo del greggio. La produzione industriale ridottasi del 3,4% e le vendite di auto scese del 36% completano il quadro di un anno da dimenticare.

Neanche la tv di Stato russa può permettersi di ignorare il problema, ma di certo non muove nessuna critica a Putin, che pure in 15 anni al potere non ha diversificato abbastanza l’economia in modo da renderla meno dipendente dalle esportazioni di gas e petrolio.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

12:17Bersani, parlare con M5S un dovere ma alleanza è altro

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Parlare con i 5 stelle è un dovere, fare una alleanza di governo è tutto un altro film". Lo ha ribadito Pier Luigi Bersani (LeU) rispondendo ad una domanda a Circo Massimo su Radio Capital. "E' chiaro che se Di Maio viene a dirmi: vado fuori dall'Euro, sull'antifascismo balbetto, sugli immigrati sto un po' con la destra, sul fisco viva la mamma... io gli dico ciao", ha detto Bersani. D'Alema dice che Berlusconi e Renzi hanno ancora in testa un inciucio?. "Se seguo le tracce - spiega Bersani - non ho dubbi su questo. Dopo l'uscita di Berlusconi dal Parlamento ci sono stati accordi sull'Italicum, chiacchiere e annusamenti sotterranei così come avvenuto anche su questa legge elettorale... Ma - avverte subito - è chiaro che per via dei numeri e delle situazioni c'è anche scarsa fattibilità".

12:11+Europa: Bonino, Gentiloni sta facendo bene

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Mi pare che Paolo Gentiloni stia facendo bene, rassicurando il Paese". Lo dice Emma Bonino di +Europa ad Agorà. Rispondendo a chi le chiede se abbia più sintonia con il Premier o con Renzi, Bonino risponde: "Con Gentiloni ho più sintonia nel linguaggio e nel modo di fare". E Calenda? "Potrà continuare ad essere un ottimo ministro dello sviluppo economico".

12:06Lazio: Lorenzin, andremo soli. Da Zingaretti scelta sinistra

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Andremo da soli". Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute, scioglie la riserva sulla corsa alle prossime regionali nel Lazio annunciando che la sua Lista Civica si presenterà da sola ai microfoni di '6 su Radio 1'. "Presenteremo alla fine della settimana la nostra lista nella regione Lazio. Il Presidente della Regione Zingaretti ha fatto una roboante dichiarazione dove diceva che la sua coalizione andava da Piero Grasso alla Lorenzin, e poi 'Leu' ha detto di no perché vuole essere in discontinuità con il governo Gentiloni e con le azioni del governo e quindi noi siamo rimasti fuori. Questa è una questione che attiene tutta al Presidente della Regione Lazio Zingaretti che ha fatto una scelta 'sinistra sinistra', tra l'altro sui temi della salute e questo sposta sicuramente a sinistra l'alleanza del Lazio e noi andremo da soli".

12:00Sfregiata con acido: giudice, Eddy voleva cancellare Gessica

(ANSA) - RIMINI, 22 GEN - Un uomo 'malvagio' che voleva cancellare l'essenza di Gessica Notaro, cioé la sua bellezza. Questo è Eddy Tavares secondo il giudice Fiorella Casadei che ha motivato la sentenza di condanna a 10 anni per il capoverdiano responsabile di aver sfregiato con l'acido la giovane modella riminese, sua ex fidanzata, il 10 gennaio 2017. "Solo la malvagità sottesa al suo agire derivata da un'autostima di sè priva di senso critico e anzi potenziata da quel forte senso di essere in grado di imporsi sull'altro con ogni altro mezzo, fino ad annullarne la volontà - scrive il giudice, come riporta la stampa locale - aveva spinto Tavares ad aggredire la ex fidanzata, totalmente inerte e indifesa fino ad attentare, con effetti irreversibili, la sua persona nella sfera più significativa, sfigurandone il volto e cancellandone per sempre i suoi tratti caratterizzanti". Il giudice parla anche di un movente "irragionevole e inaccettabile secondo i canoni del comune sentire e principi di una persona di media moralità".

11:57Roma:ßLippi “Dzeko? Si può puntare su Schick e Defrel”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "A Roma, Di Francesco è appena arrivato e, sia pure in mezzo a tanto scetticismo, ha organizzato la squadra, coinvolgendo i giocatori dal punto di vista tecnico-tattico. Non era facile, ma c'è riuscito, perché si vede che credono in quello che fanno. Vediamo adesso cosa uscirà dal mercato. Se mi vendessero Dzeko non so se mi arrabbierei. Potrebbe essere anche una cosa bella puntare tutto su Schick e Defrel". Così Marcello Lippi, parlando a Radio anch'io lo sport, su RadioRai. "Attenzione all'Inter, perché può rientrare nella corsa-scudetto dopo il mercato. La Lazio? La società ha avuto un ruolo importante e Simone Inzaghi ha fatto il resto: lui è bravo in tutto", aggiunge. "La situazione del calcio italiano? Di sicuro in seno alla Federcalcio deve starci gente che ha praticato il calcio", conclude.

11:55M5S: Di Maio, nostri punti chiari, chi vuole li condivida

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il 4 marzo ci sono due strade: "o un voto inutile al Pd o un voto al MoVimento che vuole liberare l'Italia ostaggio di questa classe dirigente". Lo ha detto il candidato premier di M5S Luigi Di Maio a Mattino 5. Il dirigente pentastellato poi torna sulle possibili alleanze in caso il suo partito non raccolga la maggioranza necessaria a governare. E lo fa facendo un passetto in avanti: "noi siamo la prima forza politica in Italia: è chiaro che se abbiamo i numeri da soli io non mi sottraggo a fare un appello a tutte le forze politiche per vedere su quali dei nostri 20 punti illustrati a Pescara" possono convergere. "Ci dicano quali sono le loro idee e mettiamole insieme, ma io - ci tiene a ribadire - presento la mia squadra prima del voto". Di Maio ha quindi aggiunto che "il Movimento è la prima forza politica", ma è soprattutto "un segnale ai vecchi partiti: basta stare lì dentro e pensare a voi e iniziate a lavorare per chi sta fuori".

11:55Renzi, se Pd primo gruppo parlamentare avrà carte in mano

(ANSA) - FIRENZE, 22 GEN - Per Matteo Renzi "la partita sui voti non si gioca soltanto sulle coalizioni. Spero e lavoro perché il Pd sia il primo gruppo parlamentare. Se questo avverrà dopo 5 marzo il Pd avrà le carte in mano". "Questa legge elettorale è la conseguenza del no al referendum del 4 dicembre. Dopo che abbiamo perso è evidente che siamo tornati a livello della prima Repubblica", ha detto il segretario del Pd a Controradio convinto, però, che "non è una legge elettorale autolesionista per il Pd: abbiamo dovuto farla ma io non credo che la partita sia chiusa".

Archivio Ultima ora