Tempi duri per Mosca, greggio e sanzioni affossano il Pil

Pubblicato il 25 gennaio 2016 da redazione

russia

MOSCA. – Mosca archivia un anno nero, il 2015, ma di certo non i suoi problemi economici, e guarda con apprensione all’immediato futuro, con il 2016 che potrebbe rivelarsi un secondo anno consecutivo di recessione. Il collasso del prezzo del petrolio e le sanzioni occidentali per la crisi ucraina hanno letteralmente affossato il Pil del paese più vasto del mondo, che – stando a dati preliminari dell’istituto nazionale di statistica – lo scorso anno è sceso del 3,7%: un risultato in linea con le previsioni più recenti, ma comunque ampiamente negativo.

L’anno prima, in quel 2014 segnato dal deterioramento dei rapporti tra Mosca e Occidente per l’annessione russa della Crimea e il conflitto nel Donbass, il Pil russo aveva comunque registrato una, per quanto flebile, crescita: dello 0,6%. Adesso al braccio di ferro delle sanzioni si somma però il prezzo del greggio ai minimi termini, crollato del 70% negli ultimi 15 mesi e ora attorno ai 30 dollari al barile.

Un vero disastro per la Russia, che ha calcolato il proprio bilancio 2016 basandosi su un prezzo del petrolio di 50 dollari al barile e sarà quindi probabilmente costretta a rivedere i suoi conti pubblici con pesanti tagli. Il premier Dmitri Medvedev ha già annunciato che entro una settimana sulla sua scrivania ci sarà un nuovo piano anticrisi del governo che terrà conto dell’attuale andamento del prezzo del petrolio.

Mentre Vladimir Putin non ha potuto fare a meno di sottolineare che per le autorità russe “la cosa più importante” in questo momento di crisi deve essere “garantire decenti standard di vita alle persone”. Sono parole che fanno ben capire come il malessere dell’economia russa non è una questione astratta di numeri, ma ha conseguenze ben visibili sulla vita dei cittadini.

Innanzitutto nel 2015 si è registrato un boom della disoccupazione, che è cresciuta del 7,4% raggiungendo il 5,8% della popolazione attiva, cioè 4,42 milioni di persone. Poi c’è la contrazione dei salari reali del 9% (nei primi 11 mesi dello scorso anno), che si accompagna a un’inflazione da record: stimata al 12,9% nel 2015, ancora peggio dell’11,4% del 2014.

Come se non bastasse, il rublo negli ultimi tempi è letteralmente affondato e giovedì scorso ha superato per la prima volta quota 84 sul dollaro per poi tirarsi un po’ su trascinato da una leggera risalita del prezzo del greggio. La produzione industriale ridottasi del 3,4% e le vendite di auto scese del 36% completano il quadro di un anno da dimenticare.

Neanche la tv di Stato russa può permettersi di ignorare il problema, ma di certo non muove nessuna critica a Putin, che pure in 15 anni al potere non ha diversificato abbastanza l’economia in modo da renderla meno dipendente dalle esportazioni di gas e petrolio.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

11:00Violenza sessuale su minori, fermato 50enne nel Cagliaritano

(ANSA) - CAGLIARI, 20 OTT - Pornografia minorile e violenza sessuale su minori. Sono le accuse che nella tarda sera di ieri hanno portato al fermo di un uomo di 50 anni, residente nella provincia di Cagliari. Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri del Comando provinciale di Cagliari che mantengono, di concerto con l'autorità giudiziaria, la massima riservatezza sulla vicenda visto che le presunte violenze e la pornografia minorile sarebbero avvenuta in ambito familiari. (ANSA).

11:00Incendio in abitazione a Como, morto 49enne, gravi tre figli

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Un uomo di 49 anni è morto in un incendio di un'abitazione a Como e tre dei suoi 4 figli sarebbero in gravissime condizioni. Secondo quanto si apprende, all'interno dell'appartamento sarebbe stato ritrovato materiale accatastato, che farebbe presupporre che l'incendio sia stato appiccato da qualcuno all'interno dell'abitazione. I bambini coinvolti sono 4, tre femmine e un maschio, tra i 3 e gli 11 anni. Il padre, 49 anni, di nazionalità marocchina, è morto. Le fiamme sono divampate all'ultimo piano di una palazzina, in via per San Fermo.

10:31Vertice Ue, Gentiloni ospita minivertice leader socialisti

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Minivertice dei leader socialisti del Consiglio europeo in corso nella sede della delegazione italiana. Secondo quanto si apprende, con il premier Paolo Gentiloni sono riuniti lo slovacco Robert Fico, il ceco Bohuslav Sobotka, il portoghese Antonio Costa, il maltese Joseph Muscat, l'austriaco Christian Kern e lo svedese Stefan Lofven.

10:20Minacce a dipendenti, 2 imprenditori indagati per estorsione

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 20 OTT - Due imprenditori agricoli, operanti nella Piana di Lamezia Terme, sono indagati dalla Procura della Repubblica lametina, che ha emesso nei loro confronti un'informazione di garanzia e l'avviso di conclusione indagini, per estorsione ai danni di 95 loro dipendenti. Il provvedimento è scaturito nell'ambito di una serie di controlli effettuati dagli uomini della Guardia di finanza attraverso il monitoraggio di automezzi, sopralluoghi, appostamenti, pedinamenti e riscontri cinefotografici. In particolare, i finanzieri hanno scoperto, che, nel periodo compreso tra gennaio e febbraio 2016 i due imprenditori avrebbero costretto i dipendenti, in prevalenza extracomunitari, ad accettare retribuzioni ridotte di circa un terzo rispetto a quelle risultanti in busta paga oppure non corrispondenti a quelle previste dal contratto collettivo nazionale con la minaccia del licenziamento.(ANSA).

10:18Cia, Corea nord vicina a poter colpire

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - La Corea del Nord è a "mesi di distanza dallo sviluppare le capacità di colpire l'America con un missile balistico armato di testata nucleare. A lanciare l'allarme è il direttore della Cia, Mike Pompeo, sottolineando che nell'affrontare la questione nordcoreana gli Stati Uniti devono partire dall'idea che Kim Jong Un è "sull'orlo" di essere capace di colpire gli Usa. Pompeo aggiunge: Pyongyang è "pericolosamente vicina" a poter colpire l'America.

10:15Finte associazioni sportive smascherate da Gdf a Oristano

(ANSA) - ORISTANO, 20 OTT - Bar e pizzerie spacciati per associazioni sportive dilettantistiche e associazioni di promozione sociale per beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dalle normative di settore. Il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Oristano ne ha scoperte sei per un giro d'affari quantificato in un milione e 580 mila euro, con oltre 140mila euro di Iva evasa. I risultati dell'operazione "Face off" sono stati segnalati ai competenti uffici finanziari, che ora dovranno provvedere a recuperare le imposte evase. L'attività delle Fiamme Gialle mirava a contrastare l'utilizzo distorto dello strumento associativo per salvaguardare la libertà di giusta concorrenza tra gli operatori commerciali. In sostanza, la Guardia di Finanza oristanese ha accertato che i presunti soci delle associazioni paravento erano semplicemente clienti e che nessuno di loro ha mai partecipato ad assemblee societarie o alla nomina di propri rappresentanti, e che i presidenti delle sei false associazioni erano i titolari incontrastati delle attività commerciali esercitate. (ANSA).

10:06Giappone: verso nuovo imperatore in 2019

(ANSA) - TOKYO, 20 OTT - Il principe della corona giapponese Naruhito potrebbe ascendere al trono del Crisantemo il primo aprile 2019. Lo anticipa l'Asahi Shimbun che cita fonti governative, spiegando che la decisione verrà annunciata il prossimo mese dal governo di Tokyo dopo una serie di approfonditi colloqui con il consiglio della Casa imperiale. Secondo l'Asahi, l'esecutivo ha al vaglio due proposte: l'abdicazione dell'imperatore Akihito, 83 anni, alla fine del marzo 2019 con l'inizio di una nuova era sotto il figlio primogenito Naruhito il primo aprile 2019. L'altra opzione anticiperebbe l'abdicazione alla fine del dicembre 2018. Tra i due piani la prima possibilità appare la più probabile, per via dei tradizionali impegni ufficiali della Casa reale nelle stagioni autunnali e invernali. Anche il governo sembrerebbe più propenso a fare slittare la funzione in aprile.

Archivio Ultima ora