Mihajlovic, chi delude in Coppa Italia salta il derby

Pubblicato il 25 gennaio 2016 da redazione

Alessandria-Milan, semifinale di TIM CUP

Alessandria-Milan, semifinale di TIM CUP

CARNAGO (VARESE). – Vincere la Coppa Italia, e quindi conquistare anche un posto in Europa League, darebbe un senso alla stagione del Milan, al momento deludente. Ma non arrivare in finale sarebbe un fallimento duro da digerire, visto che finora la strada è stata in discesa per la squadra di Sinisa Mihajlovic (Perugia, Crotone, Sampdoria, Carpi) e in semifinale c’è un avversario di Lega Pro, l’Alessandria. Il rischio flop esiste.

“Pensare che sia facile è il modo migliore per fare brutta figura” è sicuro il serbo, che su internet ha trovato di esempi da mostrare ai suoi: nel 2010 in coppa di Francia hanno raggiunto la finale i dilettanti del Calais e nel 2012 una squadra di terza categoria, il Quevilly. Il Milan non può permettersi di fare la fine di Bordeaux e Rennes.

“Il nostro obiettivo è non rendere ancora più straordinario il cammino dell’Alessandria – ha chiarito il serbo alla vigilia del confronto con un altro allievo di Roberto Mancini -. Sono molto contento per il mio amico Gregucci e i suoi ragazzi, ma dobbiamo e vogliamo andare in finale: quando vinci un trofeo qualsiasi stagione è positiva. Tanti giocatori non hanno mai vinto nulla nella vita: sarebbe imperdonabile sciupare questa chance”.

Oltre al gusto per i vestiti (“Ma non dimentico le sue cravatte di pelle…”), Mihajlovic da Mancini ha assorbito anche quello per la Coppa Italia, vinta una volta al suo fianco e tre ai suoi ordini. E vorrebbe mettere la finale al sicuro prima di affrontarlo domenica a San Siro.

“Bisogna pensare alla semifinale come se fosse una gara secca”, predica il serbo, che in questa settimana può allontanare definitivamente l’ombra di Marcello Lippi (“Io al Milan? Non credo proprio. Al massimo andrò a Viareggio per il Carnevale”, ha detto l’ex ct) e piazzare lo sprint per l’Europa (contro Palermo, Udinese, Genoa, Napoli e Torino) prima del ritorno con l’Alessandria il primo marzo.

Mihajlovic farà un po’ di turn over ma ha promesso “una formazione competitiva e offensiva: chi si risparmia, domenica non giocherà il derby, questo è sicuro”. Boateng può partire titolare al posto di Bonaventura (fuori per un lieve mal di schiena), Balotelli si gioca il posto con Niang.

“Kevin e Mario hanno bisogno di giocare più possibile ma devono meritarselo”, ha chiarito l’allenatore che può contare su due soli difensori centrali (Romagnoli e Zapata) oltre al classe ’95 Simic, il cui trasferimento all’Hajduk Spalato è stato congelato (in Croazia il mercato chiude il 15 febbraio) dopo l’infortunio di Alex a Empoli.

La diagnosi è molto meno grave del previsto, Mihajlovic conta di recuperarlo per il derby. Così, con Mexes che dovrebbe tornare a breve, Galliani ha rinunciato all’ultimo assalto a Ranocchia. “Non facciamo più niente”, ha annunciato l’ad rossonero: “El Ghazi? È tornato Luiz Adriano, siamo troppi in avanti. Vangioni lo aspettiamo per giugno, il River Plate non ce lo darà prima”.

In uscita, mancano solo le firme per il prestito di El Shaarawy alla Roma, mentre non decollano le trattative per Diego Lopez e si attende un’offerta dagli Usa per Nocerino.

Ultima ora

11:32Thailandia: alluvioni nel sud, bilancio sale a 85 morti

(ANSA) - BANGKOK, 24 GEN - E' salito a 85 morti il bilancio delle alluvioni che nell'ultimo mese hanno colpito il sud della Thailandia. Lo ha annunciato ieri sera il dipartimento governativo per la prevenzione dei disastri naturali. Secondo il responsabile del dipartimento, Chatchai Promlert, le piogge monsoniche fuori stagione hanno causato danni o disagi a 1,7 milioni di persone, colpendo 580 mila case in 12 province meridionali, oltre a 2.300 scuole. Mentre in alcune zone il tempo è migliorato nell'ultima settimana, sette province rimangono ancora in gran parte sott'acqua, e in cinque di queste sono previste ulteriori precipitazioni nei prossimi due giorni.

11:32Scomparsa nell’Aretino: ‘frate uccise per evitare scandalo’

(ANSA) - AREZZO, 24 GEN - "Padre Gratien uccise Guerrina Piscaglia per evitare uno scandalo. Un atto istintivo. Aveva paura. Vedeva minacciate la salvaguardia del suo onore e la sua dignità di prete". E' la tesi che si legge nelle motivazioni della sentenza, pronunciata dalla Corte d'appello il 24 ottobre 2016, che ha condannato il frate congolese a 27 anni per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il caso è quello della donna scomparsa da Ca' Raffaello nell'Aretino il primo maggio 2014 il cui cadavere non è mai stato ritrovato. Padre Gratien si trova attualmente nel convento romano dei padri Premostratensi dove celebra messa e fa intensa vita di comunità. Non ha mai smesso di proclamarsi innocente.

11:32Musica: Orchestra femminile Afghanistan vince Freemuse Award

(ANSA) - KABUL, 24 GEN - 'Zohra', la prima ed unica orchestra femminile dell'Afghanistan, ha vinto l'edizione 2017 del Freemuse Award, riconoscimento assegnato con la finalità di promuovere la musica come motore della libertà. In un comunicato l'organizzazione ha ricordato che 'Zohra', che con i suoi strumenti tradizionali afghani si è esibita anche nel quadro del recente Forum di Davos, è composta unicamente da studentesse del'Istituto nazionale della Musica (Anim) che sta formando la prima nuova generazione di musiciste afghane degli ultimi 30 anni. Cercando di superare l'impasse e rilanciare la musica fra la gente, il professor Ahmad Sarmast ha avviato un coraggioso progetto educativo che ha portato all'apertura nel 2010 dell'Anim a Kabul. Fra i principali obiettivi dell'Istituto, vi è proprio quello di dare potere alle donne attraverso la musica. Così, 65 dei 200 studenti dell'Anim sono ragazze fra i 14 ed i 20 anni che hanno dato vita all'orchestra che si è già esibita in molte Nazioni.

11:28Siria: ribelli, disponibili a prolungamento colloqui Astana

(ANSA) - MOSCA, 24 GEN - Le trattative di Astana sulla crisi siriana potrebbero proseguire anche domani e quindi oltre i due giorni inizialmente previsti: lo sostiene il portavoce della delegazione dell'opposizione, Osama Abu Zeid. "Se i paesi garanti (Russia, Turchia e Iran, ndr) dicono di aver bisogno di piu' tempo, di un giorno in piu', saremo d'accordo", ha dichiarato Osama Abu Zeid. "Non siamo venuti qui per appena due giorni, abbiamo un obiettivo che deve essere raggiunto", ha poi aggiunto. Oggi si svolge la seconda giornata dei colloqui iniziati ieri nella capitale kazaka.

11:28Trump: Senato conferma Mike Pompeo capo della Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 24 GEN - Mike Pompeo è il nuovo capo della Cia. La sua nomina è stata confermata dal Senato Usa, con 67 voti a favore e 30 contro (quasi tutti democratici). Donald Trump ha blindato così il settore della sicurezza della sua amministrazione, dopo la conferma del capo del Pentagono, James Mattis, e del consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Di origini italiane (è membro dell'Italian American Congressional Delegation), laureato in legge ad Harvard, Pompeo ha prestato servizio nell'esercito per qualche anno e successivamente ha lavorato come avvocato e imprenditore nel settore aerospaziale prima di entrare in politica con il Partito Repubblicano. Ex deputato del Kansas, 54 anni, è un esponente dei Tea Party. Membro a vita della National Rifle Association, è stato tra i più convinti oppositori all'Obamacare ed è contrario alla chiusura di Guantanamo. Pompeo è inoltre noto per essere stato tra i sostenitori del programma di sorveglianza dell'Nsa rivelato da Edward Snowden.

11:27Bild, jihadisti pronti ad attacchi chimici in Germania

(ANSA) - BERLINO, 24 GEN - Il governo federale tedesco e l'Anticrimine mettono in guardia, in un rapporto, contro il pericolo di possibili attacchi chimici da parte dei terroristi. Lo scrive la Bild di oggi. Attentatori islamisti "avrebbero intenzione e sarebbero già in grado di reperire e impiegare grandi quantità di sostanze chimiche", scrive la Bka nel documento. Come "opzione realistica" viene indicata l'attacco chimico all'acqua potabile delle case di più famiglie, o a generi alimentari.

11:14Italicum: si è aperta udienza Corte Costituzionale

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - E' iniziata in Corte Costituzionale l'udienza pubblica per l'esame dell'Italicum: la Consulta dovrà valutare la legittimità del ballottaggio, del premio di maggioranza, dei capilista bloccati, delle multicandidature con l'opzione del candidato di scegliere in quale collegio essere eletto. I rilievi su questi aspetti sono contenuti in cinque ordinanze giunte dai tribunali di Messina, Torino, Perugia, Genova e Trieste. A promuovere i ricorsi un pool di avvocati: tra loro Felice Besostri, che fu già al centro dell'azione contro il Porcellum, poi dichiarato incostituzionale. Tredici i giudici presenti nell'aula della Consulta: relatore è Nicolò Zanon, che illustrerà la causa. Poi parleranno gli avvocati anti-Italicum e a seguire l'avvocato generale dello Stato, Massimo Massella Ducci Teri, che difenderà l'Italicum per conto della Presidenza del Consiglio. La decisione sarà presa dopo la camera di consiglio a porte chiuse dei giudici. E' attesa stasera, ma potrebbe anche slittare a domani.

Archivio Ultima ora