Venezuela: il presidente nel suo labirinto. Nuova sfida per la Mud

Pubblicato il 25 gennaio 2016 da redazione

maduro

Solo, nel suo labirinto. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro continua a perdere popolarità. E la perde proprio in quei settori, la classe popolare e gli strati più umili della popolazione, sui quali si sostiene tutta l’impalcatura del potere costruita con pazienza certosina dall’estinto presidente Chávez.

I venezuelani continuano, con stoicismo, a fare lunghe file alle porte dei supermercati nella speranza di poter acquistare generi alimentari o prodotti per l’igiene. E’ vero. Non vi sono ancora sondaggi che traducano in numeri e percentuali il malcontento popolare. Ma è sufficiente ascoltare le conversazioni dei venezuelani che attendono impassibili l’arrivo improbabile di un carico di polli, pasta, farina, zucchero o carne per rendersi conto di come sia cambiato l’umore della gente.

Dalla caratteristica malizia “criolla”, emergono dubbi, perplessità, irritazione. Non c’è più passione per il “processo rivoluzionario”. L’ondata di entusiasmo è stata sostituita da frustrazioni e delusione. E viene meno la fiducia verso il “delfino” mentre resta inalterata l’ammirazione per l’estinto “Comandante Supremo”.

Il presidente della Repubblica è sempre più solo. Nei discorsi ripete con ostinata ossessione il suo diagnostico della crisi economica che ha portato il paese sull’orlo del burrone. “Guerra economica” e débâcle dei prezzi del petrolio. Due fenomeni, insiste, provocati dalle forze reazionarie dell’“imperialismo internazionale” che muovono, da dietro le quinte, le trame del potere. Ma non presenta soluzioni. O, ancor meglio, non propone nuove idee in alternativa a quelle che, come abbiamo visto, non hanno ottenuto alcun risultato positivo.

Il “Decreto di Emergenza”, al centro della polemica nei giorni scorsi, è stato semplicemente l’enunciato non di provvedimenti concreti per mettere la crisi con le spalle al muro – leggasi, ad esempio, politica dei prezzi della benzina, provvedimenti orientati a dare nuovo ossigeno ai complessi produttivi privati, strategie per riscattare le industrie e le cooperative inefficienti in mano dello Stato o politiche per liberare lo Stato dal peso di aziende deficitarie e oggi fonte di corruzione – ma la richiesta di maggiori poteri all’Esecutivo. Una richiesta ovviamente inaccettabile per un Parlamento controllato dall’Opposizione.

Quanto avvenuto nei giorni scorsi non è stato altro che la “cronaca di una morte annunciata”. Un luogo comune, è vero, ma che illustra chiaramente l’ambiente che si respirava nel Paese ancor prima della presentazione del rapporto redatto dalla Commissione creata “ad hoc” per analizzare il “Decreto di Emergenza”.

Insubordinazione, renitenza, riluttanza. Soprattutto timore a un esame che avrebbe probabilmente messo allo scoperto irregolarità e anomalie. Il capo dello Stato ha assunto la responsabilità della mancata presentazione dei ministri dell’Economia alla Commissione presieduta dall’economista José Guerra. Al di là delle conseguenze giuridiche che i costituzionalisti potranno attribuire al gesto di indisciplina, pare ovvio che i funzionari hanno preferito non esporsi all’esame del Parlamento. E, nel sollecitare che l’udienza fosse privata, all’esame dei venezuelani.

E’ senz’altro vero che vi è una massa critica di informazioni che non può essere ventilata pubblicamente senza serie conseguenze per il paese. Ad esempio, provvedimenti futuri nell’ambito del mercato cambiario e finanziario. Ma lo è anche che vi è un’altra massa critica di informazioni che il Paese deve conoscere. Ad esempio, quali sono l’entità reale delle Riserve Internazionali del paese, l’ammontare del debito estero, la consistenza del deficit, la capacità produttiva della holding petrolifera, la spesa che rappresenta Petrocaribe e i singoli accordi con paesi del Centro-America, e così via.

Sono informazioni indispensabili per tratteggiare interventi di politica economica orientati a recuperare la fiducia dell’investitore, ridurre l’inflazione, rafforzare l’impresa pubblica e privata e frenare la crisi.

Ma rendere pubbliche le cifre dell’economia venezuelana sarebbe stato probabilmente l’equivalente a esporre il governo a un esame dal quale sarebbe stato se non “bocciato”, almeno “respinto a settembre”. E avrebbe messo a nudo la proporzione di una crisi che non è solo frutto della débâcle petrolifera e, tanto meno, di una presunta “guerra economica”.

Probabilmente sarebbero emersi tanti elementi legati non alla razionalità economica ma a quella geopolitica; elementi che, sia detto per inciso, in determinate occasioni sono validi e fanno parte della politica globale di un Governo. D’altronde, negli anni d’oro dell’economia venezuelana – leggasi decade del ‘60 e del ‘70 -, la partecipazione del Venezuela al “Patto Andino” e ad altri accordi internazionali in centroamerica rispondeva più che a criteri di razionalità economica ad altri di politica internazionale e di strategie geopolitiche.

La decisione del Parlamento di rispedire al mittente il “Decreto di Emergenza Economica”, così com’è stato presentato, era inevitabile. Continua il “muro contro muro”. Naufraga il tentativo del Governo di far partecipe l’Assemblea Nazionale delle responsabilità della crisi. Il Parlamento se ne tira fuori, non senza presentare alcuni suggerimenti.

La crisi economica del paese, quindi, resta responsabilità del Governo. E sarà suo interesse risolverla al più presto, se non vorrà subire una nuova sconfitta elettorale: all’orizzonte fa capolino l’elezione per il rinnovo di Governatori e Sindaci.

Questo appena iniziato, stando alle previsioni del Fondo Monetario Internazionale e di altri organismi multilaterali, sarà il terzo anno consecutivo di profonda recessione. Si stima la caduta del Prodotto tra il 6 e l’8 per cento. Brutte notizie anche sul fronte dell’inflazione. Si teme che nel 2016 il Venezuela possa entrare nella spirale dell’iperinflazione. Ovvero, tasso di crescita mensile dei prezzi superiore al 50 per cento a causa del deficit fiscale finanziato dalla stampa di nuova moneta.

Se ciò fosse poco, il mercato petrolifero, con l’irruzione dell’Iran che ha già annunciato l’intenzione di vendere oltre un milione di barili al giorno, non pare sia in condizione di recuperare terreno nei prossimi mesi. L’incremento dell’offerta di greggio, a fronte di una domanda sempre debole a causa della crisi cinese e della lenta ripresa europea, permette di pronosticare prezzi se non inferiori ai 20 dollari il barile certamente non superiori ai 30.

E’ in questo contesto che il Governo dovrà assumere le proprie responsabilità, se vorrà disinnescare la bomba dell’esplosione sociale ed evitare che l’Opposizione continui a guadagnare le simpatie dell’elettorato.

A tutto questo, il “Tavolo dell’Unità” tace. Dopo mesi, la strana alleanza che ha permesso il trionfo dell’Opposizione nella Parlamentarie, ha ceduto la battuta al Parlamento. Ma dovrà riprenderla a breve. A prescindere da quale delle correnti in seno all’Opposizione prevarrà – sullo sfondo vi è lo scontro tra falchi, che difendono la teoria della “Salida”, ossia di un referendum per destituire il Capo dello Stato, e colombe, che sostengono la strategia dei piccoli passi -, l’Opposizione dovrà impegnarsi per conquistare il maggior numero di Governi locali. Insomma, dovrà ipotecare nuovi spazi. E affrontare un Governo che, dopo la sconfitta del 6 dicembre, non sarà disposto a cederne altri.

All’orizzonte si presenta un 2016 di aspro confronto politico; di dispute che porranno sotto stress l’intera struttura democratica e spingeranno forze politiche a tirare dalla giacca istituzioni – leggasi Forze Armate – preposte a incombenze nelle quali la partecipazione politica non dovrebbe essere contemplata.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

20:51Berlusconi, visita a sorpresa a Golfo Aranci

(ANSA) - GOLFO ARANCI, 22 LUG - Visita a sorpresa di Silvio Berlusconi, in vacanza a Porto Rotondo, questo pomeriggio alla Festa del Gusto a Golfo Aranci. L'ex premier attorno alle 18 ha fatto una passeggiata tra gli stand allestiti sul lungomare in occasione della manifestazione enogastronomica dedicata ai prodotti sardi e internazionali in programma da giovedì 20 e che si chiude domenica 23 luglio. Accompagnato dalla sua scorta e insieme ai sindaci di Olbia, Settimo Nizzi e di Golfo Aranci, Giuseppe Fasolino (entrambi di Fi), Berlusconi si è fermato per scambiare due battute con i numerosi espositori, una ottantina, si è concesso ai selfie, infine si è complimentato con lo staff organizzatore. "Ci ha fatto i complimenti per la manifestazione - racconta all'ANSA Alessia Littarru, presidente dell'associazione Primavera Sulcitana - è stata una bella sorpresa per noi e per tutti gli espositori".

20:40Trump, Nyt svelò piano contro Baghdadi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - "Il fallimentare New York Times ha vanificato gli sforzi degli Usa per uccidere il terrorista più ricercato, Al-Baghdadi (il capo dell'Isis, ndr). La loro agenda malata sulla Sicurezza Nazionale". Lo scrive il presidente Usa Donald Trump in uno della raffica di tweet pubblicati oggi. Nel suo tweet Trump non entra del dettaglio e non specifica a quale articolo del New York Times faccia riferimento. Il giornale della Grande Mela, dando conto dei commenti del presidente in un più vasto articolo, ipotizza però che il presidente possa aver reagito ad un servizio di Fox News trasmesso proprio prima che Trump intervenisse su Twitter e in cui si citava il generale americano Tony Thomas che ad un forum ha dichiarato che le forze americane erano particolarmente vicine ad al Baghadi dopo che in un'incursione del 2015 erano state recuperate informazioni. "Una pista ottima. Sfortunatamente venne fatta filtrare da un importante quotidiano nazionale una settimana dopo e la pista scomparve".

20:37Calcio: amichevoli, Bologna-Sudtirol 3-0

(ANSA) - BOLOGNA, 22 LUG - Due gol nel primo tempo e uno nella ripresa: il Bologna supera per 3-0 il Sudtirol, nell'amichevole disputata a Castelorotto, contro la squadra altoatesina che milita nel campionato di Lega Pro. Nella terza partita del ritiro rossoblù in Alto Adige, ad aprire il tabellino dei marcatori - dopo 7' - è stato il difensore Masina, con un colpo di testa su calcio d'angolo battuto da Verdi. A raddoppiare, per la squadra di Donadoni, è stato Di Francesco che, al 40', con un'azione personale, ha fatto centro con un tiro di destro a parabola. Il terzo gol è arrivato - davanti a 1.500 spettatori - grazie a Falco che, al 62', dopo un contrasto, ha recuperato il pallone e colpito, fissando così il risultato finale a favore della squadra emiliana.

20:33Calcio: Genoa batte Hoffenheim, ultima amichevole a Neustift

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Successo per il Genoa nella terza amichevole stagionale che ha concluso il ritiro di Neustift. La squadra di Ivan Juric ha battuto 3-2 i tedeschi dell'Hoffenheim, protagonisti nell'ultima Bundesliga con la qualificazione ai preliminari di Champions. I rossoblu sono scesi in campo nel primo tempo con Perin tra i pali, in difesa Munoz, Zukanovic, Spolli, mentre a centrocampo sono stati schierati Lazovic, Bertolacci, Veloso e Laxalt, infine Ninkovic e Rigoni hanno giocato alle spalle di Simeone. Nel primo tempo in vantaggio i tedeschi con Bicakcic al 5', poi il Genoa effettua il sorpasso in pochi minuti: prima Ninkovic al 25', con un gran tiro, poi il raddoppio di Veloso al 28', dopo una bella azione personale. Nella ripresa il pareggio al 62' di Hoogma, quindi il gol decisivo dei rossoblu a 6' dal termine con Galabinov con una grande conclusione. Adesso due giorni di riposo per il Genoa che tornerà a allenarsi martedì a Pegli.

20:30Calcio: Samp imballata, ma basta Caprari

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Nel secondo test amichevole a Ponte di Legno, la Sampdoria batte 1-0 il Feralpisalò, squadra di Lega Pro: decisiva la rete di Caprari al 36' del primo tempo che sfrutta al meglio un assist di Barreto e batte il portiere Caglioni. Davanti a 1.500 tifosi sul campo di Temù, l'allenatore dei doriani Marco Giampaolo ha schierato dall'inizio Puggioni tra i pali, in difesa Sala, Silvestre, Regini e Pavlovic mentre a centrocampo in cabina di regia Torreira affiancato da Barreto e Djuricic: sulla trequarti Praet alle spalle del duo offensivo composto da Quagliarella e Caprari. Una Sampdoria ancora imballata, ma che comunque ha dato indicazioni importanti al tecnico Giampaolo. Alle 21,30, nel cuore di Ponte di Legno, si ritroveranno tifosi, giocatori e staff tecnico per la presentazione ufficiale della squadra, ma non ci sarà il presidente Massimo Ferrero.

20:15Picchiano clochard e ragazzi che lo difendono,arrestati

(ANSA) - MILANO, 22 LUG - Hanno massacrato di botte un clochard usando la sua stessa stampella nei pressi della Stazione Centrale di Milano. Poi se la sono presa con un gruppo di ragazzi vicentini che, reduci dal concerto dei Red Hot Chili Peppers, quando hanno visto la scena, hanno cercato di difendere il senzatetto. Uno di loro colpito alla mano è finito all'ospedale, prognosi di 25 giorni. Poco distante il terzetto ha cercato di rapinare del telefono cellulare un gruppo, livornesi, anche loro di ritorno dallo stesso concerto. Alla fine sono stati arrestati dai carabinieri. Notte brava e di violenza per tre ragazzi tra i 18 e i 20 anni, italiani, residenti in tre comuni dell'hinterland (Cesate, Rovello Porro e Saronno), tra Milano e Varese. Due erano già stati coinvolti in indagini per le rapine sui treni nel varesotto. La stessa indagine che ha portato all'arresto nel luglio di un anno fa di altri due giovani, loro amici, che dopo i colpi si facevano i selfie con soldi e pistole in stile 'Gomorra'.

20:12Calcio: amichevoli, Fiorentina-Bari 1-1

(ANSA) - MOENA (TRENTO) - Si è conclusa 1-1 l'amichevole tra la Fiorentina e il Bari, che ha chiuso i 15 giorni di ritiro dei viola a Moena (Trento). E' stata la squadra di Fabio Grosso a passare per prima con Improta, nella ripresa è arrivato il pari con Baez. Dopo tanto incitamento, nell'intervallo è partito qualche coro contro i Della Valle e sono apparsi alcuni striscione di protesta contro la proprietà in mezzo a uno in cui gli ultrà della Fiesole assicurano sostegno alla squadra e all'allenatore. "Questo è importante, perché bisogna restare uniti - ha dichiarato Pioli -. E' stato un ritiro positivo per la disponibilità dei giocatori, ma adesso mi auguro che si risolvano delle situazioni in sospeso".

Archivio Ultima ora