Renzi: basta Italia sotto tutela, gli italiani sono con me

Pubblicato il 25 gennaio 2016 da redazione

renzi-ue

ROMA. – Al giro di boa del chiarimento in Europa, tra gli incontri a Bruxelles sulla bad bank e venerdì il faccia a faccia con Angela Merkel, Matteo Renzi non si sente isolato nel suo affondo contro l’Ue. “Non sono solo, sono con 50 milioni di italiani, io so che tutta l’Italia dice sì all’Europa ma non ci sta a fare la parte di un paese sotto tutela”, si dice certo il premier per il quale, dopo le riforme, “è finito il tempo dei compiti a casa”, ma anche dei politici italiani che “facevano i ganzi, facevano carriera dicendo sempre sì all’Europa”.

La controprova che l’Ue deve correggere la marcia è, per Renzi, sotto gli occhi di tutti: da un lato la messa in discussione di Schengen che per il premier “significa tradire noi stessi”, dall’altra la ripresa economica che stenta a ripartire a causa di vincoli e austerity.

“L’Italia chiede più Europa, chiede un’Europa diversa. Un’Europa che non perda tempo dietro alle polemiche inutili e si concentri sulle questioni vere. Più Europa sociale, più crescita, più diritti. Un’Europa capace di osare di più e di funzionare meglio di oggi”.

Renzi coniugherà la sua Europa anche nell’incontro con la Merkel, ma se sulle riforme ritiene di aver fatto la sua parte, a favore dell’uguaglianza annuncia che nella legge delega 600 milioni della legge di stabilità, più 100 milioni delle fondazioni bancarie, saranno destinate “alle famiglie povere con minori a carico” visto che sono circa un milione in Italia i minori sotto la soglia di povertà.

Per giocare all’attacco e chiedere regole uguali per tutti, il leader Pd non si stanca di mettere in fila la diversità di trattamento per l’Italia rispetto ad altri paesi europei: per le banche “gli stress test hanno penalizzato l’Italia”, sull’energia si è portato avanti Northstream a danno di Southstream e dell’Italia.

“Tutti gli altri paesi – sostiene Renzi – quando vanno a Bruxelles si compattano e tecnici, burocrati, politici lavorano per il paese, da noi in passato si faceva il ganzo difendendo più l’interesse degli altri paesi che dell’Italia”. In questa strategia di difesa degli interessi nazionali, Renzi ha mandato a Bruxelles Carlo Calenda con l’obiettivo di far sentire alta la voce italiana. E lui stesso non ha intenzione di tornare indietro. Neanche davanti ad Angela Merkel con la quale, ripete, “il rapporto personale è buono”.

“Alla Germania – è la linea in vista del colloquio a Berlino – conviene un’Italia forte, non siamo ai mondiali, non è noi contro di loro, ma bisogna vincere insieme. Noi non ci stiamo a fare la parte di quelli che devono fare i compiti. Le riforme le abbiamo fatte, io mi sono preso gli scioperi, gli insulti….”.

Critiche che il premier è pronto a mettere in conto anche in futuro, determinato “ad andare avanti fino al 2018” e a presentarsi alle elezioni. L’unico inciampo alla durata del suo governo sarebbe l’esito perdente del referendum. “Io non sono come gli altri – assicura – non posso restare aggrappato alla politica. Se sulle riforme gli italiani diranno di no, prendo la borsettina e torno a casa”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

15:06Mafia: stragi ’92, Messina Denaro rinviato a giudizio

(ANSA) - CALTANISSETTA, 23 GEN - Il gup di Caltanissetta Marcello Testaquatra ha rinviato a giudizio il boss latitante Matteo Messina Denaro, ritenuto uno dei mandanti degli attentati di Capaci e via D'Amelio in cui vennero uccisi Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e otto agenti delle scorte. E' di strage l'accusa della quale Messina Denaro dovrà rispondere davanti alla Corte d'assise nissena nel processo che inizierà il 13 marzo.

15:02Terremoto: Salvini, Charlie Hebdo disgustoso

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "A me non sono piaciute le vignette di Charlie Hebdo, anche quelle passate. Ritengo che il modo migliore per reagire sia quello di ignorarli. Come era disgustosa questa ne ritengo disgustose parecchie anche precedenti. Quando ci sono di mezzo dei morti bisognerebbe ironizzare su qualcosa d'altro". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando ai microfoni di Radio Cusano Campus la vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto.

14:55Terremoto: crepe a sede, lavoratori Afm L’Aquila non entrano

(ANSA) - L'AQUILA, 23 GEN - Sede mai ristrutturata dal terremoto del 2009 e danni in aumento per le continue scosse con nuove crepe evidenti: per questo motivo 10 dipendenti dell'Azienda farmaceutica municipalizzata di L'Aquila, società comunale che gestisce sette farmacie pubbliche, si sono rifiutati di entrare a lavoro. La notizia è stata diffusa dall'Ugl con una nota del segretario provinciale Giuliana Vespa, che chiede prima di tutto una sede sicura per i dipendenti amministrativi, "fosse pure un container". "La sede della Afm, come da noi più volte ribadito anche in sede prefettizia il 19 dicembre 2014, non è stata mai oggetto dei lavori di ristrutturazione post-sisma - afferma -. In quella sede ci fu detto che lo stabile che ospita l'Afm aveva ottenuto la agibilità parziale con classificazione 'B' e che era stato interessato, quale proprietario dell'immobile, il Comune per i lavori di ristrutturazione, mai avvenuti".

14:49Calcio: Real, Marcelo salta il Napoli

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Brutte notizie per Marcelo, il terzino sinistro del Real uscito anzitempo durante la sfida di Liga contro il Malaga: il brasiliano ha riportato una lesione di secondo grado al bicipite femorale destro e starà fuori almeno un mese, saltando quindi la sfida di andata di Champions contro il Napoli, con qualche speranza di averlo per il ritorno (7 marzo). Questo l'esito dell'esame cui si è sottoposto stamani il giocatore, visitato insieme a Luka Modric che invece tornerà in campo tra circa 10 giorni: per il croato solo un sovraccarico all'adduttore della gamba destra. Marcelo sarà invece certamente indisponibile contro Celta (Liga e Coppa del Re), Real Sociedad, Osasuna, Espanyol, Valencia e Villarreal (Liga) e, appunto, Napoli. Per la sfida contro il Celta di mercoledì prossimo (che i blancos devono recuperare dopo il ko casalingo dell'andata), Zidane oltre a Marcelo e Modric, dovrà fare a meno anche di Carvajal, Pepe e Bale.

14:47Sindaci dopo allarme Grandi rischi, no a scaricabarile

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 23 GEN - "Mi assumo la responsabilità di riaprire domani le scuole di Ascoli Piceno perché sono nelle condizioni in cui erano prima del terremoto del 24 agosto. Alla luce dell'allarme della Commissione Grandi Rischi, ho però scritto al presidente del consiglio Gentiloni, al ministro Fedeli, a Errani e Curcio chiedendo loro di dirmi se la mia decisione è amministrativamente corretta o se, in assenza dei certificati di vulnerabilità che non abbiamo per nessun edificio scolastico, come del resto praticamente in tutta Italia, devo tenerle chiuse e dichiarare finito anche l'anno scolastico". Così il sindaco Guido Castelli. ''Scaricare sui sindaci responsabilità che è impossibile sostenere è il sintomo di un Paese malato'' dice il sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola. ''Ho fatto quello che posso fare: ho disposto che in tutte le scuole di ogni ordine e grado e in tutti gli uffici pubblici si effettuino prove di evacuazione ogni settimana. Non posso certo rafforzare le strutture''.

14:44Trump: Barron insultato sul web, Chelsea Clinton lo difende

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Chelsea Clinton in campo per difendere Barron Trump. A poche ore dall'insediamento del padre alla Casa Bianca il più piccolo dei figli del presidente americano, l'unico avuto dalla First Lady Melania, è stato vittima di violenze e insulti su internet. Così Chelsea, che sa cosa vuol dire crescere con gli occhi del mondo puntati addosso, ha deciso di difenderlo. D'altronde lei, oggi madre di due bambini, aveva 13 anni, solo tre in più di Barron, quando ha varcato per la prima volta la soglia della Casa Bianca. "Barron Trump ha il diritto che tutti i bambini devono avere: quello di essere un bambino", ha scritto su Twitter la figlia di Hillary e Bill che non ha anche colto l'occasione per lanciare una frecciata a Trump. "Difendere i diritti di tutti i bambini, vuol dire anche opporsi a quelle politiche del presidente (Potus) che li danneggiano", ha puntualizzato Chelsea.

14:42Tennis: Internazionali Italia, le rassicurazioni di Frongia

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Gli Internazionali di tennis erano, sono e resteranno a Roma". Ne è certo l'assessore allo Sport del Comune di Roma, Daniele Frongia, a margine della presentazione del Sei Nazioni di rugby avvenuta oggi al Salone d'Onore del Coni. "Stiamo lavorando insieme alla Fit per rendere questo evento per la prima volta estremamente positivo anche per la mobilità e i servizi - ha aggiunto Frongia - Binaghi chiede uno spazio a Piazza del Popolo e la cerimonia del sorteggio al Colosseo? Ci siamo già attivati e stiamo lavorando su entrambi i fronti. Di più non posso dire". Il responsabile del Campidoglio ha quindi affrontato il tema della copertura del Centrale del tennis: "È in fase di completamento un'istruttoria dell'ufficio urbanistica - ha spiegato l'assessore - Stiamo parlando anche di questo con Mibact, Coni e Fit. Avremo degli aggiornamenti entro la data della conferenza stampa di presentazione degli Internazionali, a marzo".

Archivio Ultima ora