Renzi: basta Italia sotto tutela, gli italiani sono con me

Pubblicato il 25 gennaio 2016 da redazione

renzi-ue

ROMA. – Al giro di boa del chiarimento in Europa, tra gli incontri a Bruxelles sulla bad bank e venerdì il faccia a faccia con Angela Merkel, Matteo Renzi non si sente isolato nel suo affondo contro l’Ue. “Non sono solo, sono con 50 milioni di italiani, io so che tutta l’Italia dice sì all’Europa ma non ci sta a fare la parte di un paese sotto tutela”, si dice certo il premier per il quale, dopo le riforme, “è finito il tempo dei compiti a casa”, ma anche dei politici italiani che “facevano i ganzi, facevano carriera dicendo sempre sì all’Europa”.

La controprova che l’Ue deve correggere la marcia è, per Renzi, sotto gli occhi di tutti: da un lato la messa in discussione di Schengen che per il premier “significa tradire noi stessi”, dall’altra la ripresa economica che stenta a ripartire a causa di vincoli e austerity.

“L’Italia chiede più Europa, chiede un’Europa diversa. Un’Europa che non perda tempo dietro alle polemiche inutili e si concentri sulle questioni vere. Più Europa sociale, più crescita, più diritti. Un’Europa capace di osare di più e di funzionare meglio di oggi”.

Renzi coniugherà la sua Europa anche nell’incontro con la Merkel, ma se sulle riforme ritiene di aver fatto la sua parte, a favore dell’uguaglianza annuncia che nella legge delega 600 milioni della legge di stabilità, più 100 milioni delle fondazioni bancarie, saranno destinate “alle famiglie povere con minori a carico” visto che sono circa un milione in Italia i minori sotto la soglia di povertà.

Per giocare all’attacco e chiedere regole uguali per tutti, il leader Pd non si stanca di mettere in fila la diversità di trattamento per l’Italia rispetto ad altri paesi europei: per le banche “gli stress test hanno penalizzato l’Italia”, sull’energia si è portato avanti Northstream a danno di Southstream e dell’Italia.

“Tutti gli altri paesi – sostiene Renzi – quando vanno a Bruxelles si compattano e tecnici, burocrati, politici lavorano per il paese, da noi in passato si faceva il ganzo difendendo più l’interesse degli altri paesi che dell’Italia”. In questa strategia di difesa degli interessi nazionali, Renzi ha mandato a Bruxelles Carlo Calenda con l’obiettivo di far sentire alta la voce italiana. E lui stesso non ha intenzione di tornare indietro. Neanche davanti ad Angela Merkel con la quale, ripete, “il rapporto personale è buono”.

“Alla Germania – è la linea in vista del colloquio a Berlino – conviene un’Italia forte, non siamo ai mondiali, non è noi contro di loro, ma bisogna vincere insieme. Noi non ci stiamo a fare la parte di quelli che devono fare i compiti. Le riforme le abbiamo fatte, io mi sono preso gli scioperi, gli insulti….”.

Critiche che il premier è pronto a mettere in conto anche in futuro, determinato “ad andare avanti fino al 2018” e a presentarsi alle elezioni. L’unico inciampo alla durata del suo governo sarebbe l’esito perdente del referendum. “Io non sono come gli altri – assicura – non posso restare aggrappato alla politica. Se sulle riforme gli italiani diranno di no, prendo la borsettina e torno a casa”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

15:46Tav:rapporti con recluso No Tav,ricorso contro licenziamento

(ANSA) - TORINO, 25 MAG - Una educatrice torinese di una cooperativa che opera nella casa circondariale 'Lorusso e Cutugno' è stata sospesa dall'incarico per avere intrattenuto rapporti con alcuni attivisti nell'area anarco-insurrezionalista e per aver pubblicato su Facebook foto di alcuni No Tav arrestati in segno di solidarietà. Il legale, l'avvocato Roberto Lamacchia, ha chiesto ai giudici del Tar la revoca del divieto di lavorare nel carcere delle Vallette. "Per tre anni lei ha svolto la sua attività nel padiglione dei tossicodipendenti, che nulla hanno a che fare con il Movimento No Tav, e l'ha fatto con buoni risultati - ha spiegato il legale - Tutto questo non determina l'esistenza di ragioni di sicurezza tali da allontanarla dal carcere". "Voglio riavere il mio lavoro - commenta Angela - Non mi è stato nemmeno permesso di salutare i ragazzi che seguivo". Alcuni autonomi hanno organizzato un presidio di solidarietà davanti agli uffici del Tar.

15:29M5s: La Rocca, se rinviata a giudizio non mi ricandido

(ANSA) - PALERMO, 24 MAG - "Se sarò rinviata a giudizio non mi ricandiderò alle regionali, come ho già annunciato nei giorni scorsi". Lo dice Claudia La Rocca, deputata dei 5stelle che si è auto-sospesa dopo avere ricevuto l'avviso di garanzia nell'inchiesta firme false della Procura di Palermo con la quale ha collaborato ammettendo di essere stata presente nel giorno della ricopiatura degli autografi di chi aveva firmato a sostegno della lista per le comunali del 2012.

15:27Manchester: Bonino, dobbiamo resistere culturalmente

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Attentato a Manchester? La sicurezza al 100% rispetto ai lupi solitari è impossibile. Ci saranno stati sicuramente degli errori nella prevenzione. Non dobbiamo cedere alla paura. Non dobbiamo dargliela vinta. Dobbiamo resistere culturalmente". Queste le parole di Emma Bonino presente stamani all'Università Statale di Milano.

15:22L.elettorale: Gelmini, nessun inciucio ma accelerazione urne

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Nessun Nazareno bis, nessun inciucio. Silvio Berlusconi con Forza Italia è impegnato a garantire una legge elettorale in grado di portare rapidamente gli italiani alle urne. Il centrodestra non ha bisogno di continui distinguo ma di una forte azione comune che racconti agli italiani qual è il Paese che vogliamo costruire". Così Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera.

15:21Boldrini, bene Confindustria su coesione e crescita

(ANSA) - ROMA, 24 MAY - "Ho trovato molto interessante l'accento posto sulla coesione e sulla crescita, così come mi è piaciuta l'insistenza sull'importanza di investire di più sui giovani". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini a margine dell'Assemblea di Confindustria. "Ho anche trovato importante la sottolineatura sulla necessità di rafforzare una casa comune in Europa per le aziende, che se non saranno capaci di stare insieme non avranno uno spazio in futuro", aggiunge.

15:18Calcio: serie B, una giornata a Vignali

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Una giornata di squalifica a Vignali dello Spezia, espulso per doppia ammonizione nel primo turno dei playoff di Serie B. Il giocatore sconterà la squalifica nella prossima stagione, essendo stata la squadra ligure eliminata dal Benevento.

15:18Vaccini: Rosato, non c’era altra strada che obbligo

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "I vaccini sono farmaci efficaci e sicuri. Hanno permesso di sconfiggere malattie terribili di cui ormai non abbiamo più memoria, come il vaiolo cancellato dalla faccia della Terra solo alcuni decenni fa. Di altre malattie infettive abbiamo sentito parlare ma non le avvertiamo più come una minaccia, anche se circolano ancora nell'Europa dell'Est. Per anni siamo stati protetti dal progresso della scienza ma ultimamente c'è stata un'inversione di rotta, ingiustificata". Lo scrive il capogruppo del Pd alla Camera Ettore Rosato in un post su Facebook rispondendo alle preoccupazioni per l'obbligo delle vaccinazioni. "Il calo delle vaccinazioni, rispetto ad altri Paesi europei, è diventato preoccupante. Gli italiani si vaccinano sempre meno contro la poliomielite, il tetano, la difterite, la rosolia, il morbillo, con un trend in discesa. Occorreva invertire la tendenza prima che fosse troppo tardi. Per affrontare questa emergenza non c'era altra strada che rendere obbligatorie le vaccinazioni".

Archivio Ultima ora