Digitel comienza el 2016 con la más amplia red de tercera y cuarta generación

Pubblicato il 26 gennaio 2016 da redazione

digitel

La ampliación de la huella 4G LTE en todo el territorio nacional, las mejoras en la calidad de servicio con la modernización de la red 3G y los programas de RSE de la operadora centrados en la implementación de la tecnología para el beneficio de la sociedad, marcaron la pauta durante el año 2015

Digitel una vez más celebra los logros que año tras año ha labrado con el trabajo y compromiso de sus trabajadores y el respaldo y fidelidad de sus más de 6.5 millones de usuarios. En 2015, cuando se cumplieron 16 años del lanzamiento comercial de la marca, la operadora cosechó logros en materia de servicios, infraestructura tecnológica e iniciativas de carácter social con el objetivo de impactar en la calidad de vida de sus usuarios, ofreciéndoles la mejor relación precio-valor del mercado de las telecomunicaciones en Venezuela.

Entre los logros en materia tecnológica destacan la modernización de la red 3G HSDPA+ en todo el país, con la implementación de 32 sitios nuevos de NodosB en distintas regiones del país como Gran Caracas, Altos Mirandinos y Valles del Tuy, Guarenas-Guatire, en Occidente, Oriente y Guayana, que han representado un aumento de la capacidad de transmisión y de concentración de clientes que tiene Digitel al tener un ancho de banda mayor y mejor administrado, mejorando sustancialmente la calidad de la voz, velocidad de la transmisión de datos y brindando mayor continuidad en la comunicación.

El mejoramiento de la red 3G se apalancó además en el encendido de 77 segundas portadoras distribuidas en las regiones Gran Caracas con 39 encendidos, en los Altos Mirandinos y Valles del Tuy con 11 y entre Oriente y Guayana con 27, duplicando la capacidad de manejo de tráfico de voz y de datos de la red de tercera generación, permitiendo que más usuarios puedan estar conectados simultáneamente, tanto para realizar llamadas, como para navegar mediante servicio de datos, mejorando sustancialmente la calidad de servicio en estas zonas de la capital.

Para permitir el acceso del doble de usuarios netos con la mejor calidad, se realizó el tendido de una red de fibra óptica de 8,75 Km adosada al Puente General Rafael Urdaneta en la ciudad de Maracaibo. De igual manera, se implementó el tendido de fibra óptica en Puerto Ayacucho, con el fin de dar continuidad operativa de BTS’s desde Puerto Ayacucho y Cerro Orinoco, además del empalme de fibra óptica de nueve estaciones en Centro Llanos y Oriente.

Estas mejoras soportan el despliegue de la red 4G LTE, que fue lanzada en septiembre de 2013 y que durante el 2015 se instalaron 28 sitios nuevos LTE distribuidos en distintas regiones del país como Gran Caracas, Guarenas- Guatire, Altos Mirandinos y Valles del Tuy, Occidente, Andes, Oriente y Guayana.

El despliegue de esta tecnología se ha realizado de manera progresiva, alcanzando el más alto estándar de redes de cuarta generación a nivel mundial, la cual permite alcanzar velocidades de navegación hasta diez veces más rápido que en 3G y permitiendo descargas en tiempo real de videos, música, juegos, aplicaciones y mucho más, sin interrupciones.

Oswaldo Cisneros, presidente de la Junta Directiva de Digitel comentó la importancia de estas acciones en materia tecnológica: “Este ha sido un gran esfuerzo de toda la corporación que ha incluido el despliegue de nodos LTE y la modernización de nuestra red 3G HSDPA+, estas mejoras representan en 2015 una inversión sustancial, muestra de nuestro compromiso con Venezuela y con nuestros usuarios”.

Por su parte Alberto Sosa, Presidente Ejecutivo destacó la importancia para la industria de estos logros en materia tecnológica: “Nos sentimos muy orgullosos de continuar avanzando en la implementación de la red 4G LTE por todo el territorio nacional para que nuestros clientes 412 puedan contar con esta tecnología y con el mejoramiento de nuestra red 3G, lo que nos posiciona como la empresa más innovadora del mercado de las telecomunicaciones en Venezuela”.

Con estas iniciativas Digitel ratifica este 2016 su compromiso con sus usuarios y con todos los venezolanos al ofrecer la mejor oferta de servicios en tercera y cuarta generación, posicionándose como la empresa más innovadora del mercado de las telecomunicaciones en Venezuela, pionera en soluciones de comunicación de avanzada que ofrece servicios de telefonía móvil, fija e Internet de alta velocidad con cobertura nacional, talento 100% venezolano y compromiso social.

Ultima ora

15:24Sci: Cdm, stagione finita per Aksel Svindal

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 17 GEN - Stagione finita, e dunque niente Mondiali di St. Moritz a febbraio, per il campione norvegese Aksel Svindal che ad Oslo è stato sottoposto ad una seconda operazione al ginocchio destro. Svindal, uno dei grandi protagonisti della coppa del mondo soprattutto per le discipline veloci, aveva lasciato Wengen la scorsa settimana lamentando dolori. Stessa cosa era successa alla vigilia delle gare di Santa Caterina Valfurva. Il norvegese - 34 anni e 32 vittorie in coppa del mondo oltre ad un oro olimpico e cinque titoli mondiali - si era infortunato un anno fa proprio nella discesa di Kitzbuehel con rottura dei legamenti e lesioni al menisco. Era rientrato ad inizio stagione con ottimi risultati conquistando tre podi nelle quattro gare veloci che aveva disputato. Poi sono tornati i problemi all'articolazione.

15:21Carceri, tentata rivolta al minorile Beccaria di Milano

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Un tentativo di rivolta è stato sedato nella mattinata di ieri nel carcere minorile Beccaria di Milano. A darne notizia sono i sindacati della Polizia penitenziaria Sappe e Sinappe. "Durante la permanenza all'aria - ricostruisce il Sinappe - i detenuti hanno iniziato a manifestare, rifiutandosi di rientrare nelle proprie celle e solo grazie ad un intervento da parte dell' Ispettore di sorveglianza generale e del preposto, rientravano. Appena giunti in sezione, i detenuti hanno iniziato a creare disordini e ad incendiare capi di abbigliamento, coperte e cuscini e a danneggiare il locale adibito a sala TV, gli arredi delle celle, televisori, lanciare tavoli dalle scale, sputi e minacce a carico degli agenti etc.". La situazione è rientrata dopo l'intervento della Polizia Penitenziaria "ma all'ora di pranzo i detenuti hanno ricominciato a protestare gettando nel corridoio del refettorio i cibo e incendiando materiale di varia natura presente in sezione".

15:20Cucchi: pm,morte determinata da schiaffi,pugni e calci

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Stefano Cucchi fu colpito dai tre carabinieri che lo avevano arrestato con "schiaffi, pugni e calci". Lo scrivono il procuratore della repubblica Giuseppe Pignatone ed il sostituto Giovanni Musarò nell'avviso di chiusura indagine. Le botte, per l'accusa, provocarono "una rovinosa caduta con impatto al suolo in regione sacrale" che "unitamente alla condotta omissiva dei sanitari che avevano in cura Cucchi presso la struttura protetta dell'ospedale Sandro Pertini, ne determinavano la morte". L'attacco epilettico del quale è stato vittima Stefano Cucchi nei giorni di detenzione dopo il suo arresto, citato in una perizia fatta in incidente probatorio, non figura tra le cause che ne hanno causato il decesso. Nella perizia svolta dal professore Francesco Introna, su incarico del gip, si faceva invece riferimento ad un attacco epilettico come una probabile causa della morte del giovane.

15:18Maltempo: Abruzzo, emergenza a Teramo senza luce da ore

(ANSA) - TERAMO, 17 GEN - Emergenza nel Teramano dove il capoluogo con i suoi 55mila abitanti e buona parte della provincia sono senza luce e quindi senza riscaldamento, dove non c'è possibilità di usare gruppi elettrogeni, in alcune zone anche dalle 4 di questa mattina. Le maggiori emergenze, al momento, sono per quanti vivono in casa attaccati a macchine salvavita. Sta cercando di intervenire la Protezione Civile. La Prefettura ha attivato il 'Centro di coordinamento dei soccorsi' (CCS) quale struttura provvisoria per il tempo dell'emergenza. Alle 8, il sindaco del capoluogo Maurizio Brucchi ha emesso un'ordinanza urgente con cui ha chiuso tutti gli uffici pubblici, tranne quelli comunali che stanno gestendo l'emergenza, dopo aver sentito il Prefetto. Chiuse scuole e università. Il sindaco sta valutando un'eventuale ordinanza anche per domani. Il manto nevoso in alcuni quartieri di Teramo ha superato i 70 centimetri. In centro ce ne sono al momento tra i 30 e i 40. La fascia collinare registra altezze superiori al metro.

15:11Bimba uccisa da eliche yacht, papà e comandante a processo

(ANSA) - CAGLIARI, 17 GEN - Sarà un processo a stabilire le responsabilità della morte di Letizia Trudu, la bambina di 11 anni uccisa nell'estate del 2015 dall'elica dello yacht dal quale si era tuffata assieme al padre e alla sorellina nelle acque di Santa Margherita di Pula. Il Gup del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, ha rinviato a giudizio il papà Andrea Trudu, 48 anni, di Assemini, e il comandante dell'imbarcazione, Maurizio Loi, di 59 anni, di Serdiana, ex campione di windsurf. Dovranno comparire il 10 maggio prossimo davanti al giudice monocratico della prima sezione penale per rispondere del reato di omicidio colposo contestato dal sostituto procuratore Sandro Pili. A rappresentare le parti civili (madre, sorella e zia della vittima) è l'avvocato Guido Manca Bitti, mentre gli imputati sono difesi da Massimiliano Carboni e Leonardo Filippi. Secondo la ricostruzione del pubblico ministero, il padre della piccola le avrebbe detto di tuffarsi nonostante lo yacht avesse ancora i motori accesi, mentre al capitano dell'imbarcazione si contestano violazioni di norme sulla sicurezza della navigazione. (ANSA).

15:09Brexit: May annuncia uscita dal mercato unico europeo

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - "Non vogliamo più essere membri del mercato unico europeo". Lo ha detto la premier britannica Theresa May annunciando i piani per i negoziati sulla Brexit in un discorso alla Lancaster House di Londra. La Gran Bretagna punta ad un accordo di libero scambio con l'Ue ma non intende contribuire al bilancio europeo, ha aggiunto la premier, precisando di volere un accordo con la Ue sulla Brexit "entro due anni" con una implementazione "graduale" delle intese,

15:09Maltempo: Sindaco Chieti, serve Esercito per rimuovere neve

(ANSA) - CHIETI, 17 GEN - "Oggi le emergenze sono la quasi impossibilità di continuare nello spazzamento, perchè non sappiamo più dove mettere la neve che stiamo togliendo dalle strade, e l'energia elettrica che manca a 10.000 nostri concittadini e che sta procurando per davvero grandi difficoltà anche per riscaldarsi". Così il sindaco di Chieti Umberto Di Primio parlando di una città che anche questa mattina è assediata dalla neve. Le scuole resteranno chiuse anche mercoledì e giovedì. Oggi chiusi gli uffici pubblici. "Il problema lo possiamo risolvere soltanto iniziando a togliere la neve - ha aggiunto Di Primio - sto chiamando il corpo Forestale dello Stato perchè abbiamo bisogno di autorizzazioni per stoccare la neve: si tratta infatti di rifiuti speciali. Abbiamo necessità di entrare con i mezzi in città. Abbiamo chiesto il supporto dell'Esercito non per spalare la neve - dice ancora Di Primio - ma perchè abbiamo necessità di rimuovere i cumuli".

Archivio Ultima ora