Argentina, festa per la canonizzazione del “prete-gaucho”

Pubblicato il 26 gennaio 2016 da redazione

Brochero il prete-gaucho

Brochero il prete-gaucho

BUENOS AIRES. – Nel cuore dell’Argentina, in mezzo alle montagne nella provincia di Cordoba, è stata una giornata di festa per l’annunciata canonizzazione di Josè Gabriel Brochero, il ‘prete-gaucho’ del paese. Tra i tanti argentini presenti alla celebrazione in onore del futuro santo – il primo nato, vissuto e morto in terra argentina – c’era il presidente Mauricio Macri, il quale ha sottolineato che Brochero rappresenta “l’esempio di quanto vogliamo per il nostro paese: ha scommesso sul futuro, è sempre stato, ed ha lavorato, vicino alla gente. E’ stato un uomo positivo”.

Il ‘cura’ (sacerdote) Brochero è molto noto nel paese. Vestito con il tradizionale poncho e cappello a larghe tese, percorreva instancabilmente nella seconda metà dell’Ottocento la sua vasta parrocchia a Cordoba. Il “prete gaucho” – primo sacerdote e ottavo beato argentino – è morto del 1914, a 74 anni, cieco e sordo, vittima della lebbra che gli avevano trasmesso i malati che assisteva. Fu d’altra parte in prima linea nei soccorsi ai moribondi durante l’epidemia di colera che colpì Cordoba nel 1867.

La beatificazione è stata proclamata da Benedetto XVI alla fine del 2012, dopo un processo lungo e con tanti ostacoli. Nel 2004 Brochero era stato dichiarato venerabile, mentre la sua causa di canonizzazione era stata autorizzata già nel 1967. Poi, venerdì scorso, papa Francesco ha ricevuto il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, e nel corso dell’udienza ha autorizzato la Congregazione a promulgare il decreto riguardante proprio quello relativo al secondo miracolo attribuito all’intercessione del ‘sacerdote-gaucho’. Quello necessario a proclamarne la santità.

A chiudere la “settimana Brocheriana” a ‘Villa Cura Brochero’, un piccolo paese in mezzo alle montagne, è stato con una messa l’arcivescovo di Buenos Aires, cardinale Mario Poli, insieme a vescovi, sacerdoti e politici locali, con alla guida il governatore di Cordoba, Juan Schiaretti.

Il villaggio ha accolto una moltitudine di pellegrini giunti da tutta l’Argentina, in particolare dal centro e dal nord del paese, l’area dove il “prete-gaucho” ha portato per anni aiuto e conforto ai più poveri, oltre a diffondere la sua opera di evangelizzazione e la spiritualità di sant’Ignazio di Loyola. Quest’anno il ricordo di Brochero è stato segnato appunto dall’annunciata canonizzazione.

Qualche tempo fa Jorge Bergoglio aveva mandato in dono una campana su cui si legge la seguente scritta: ‘Jose’ Gabriel Brochero, un pastore che odora di pecora’.

Il primo santo nato in Argentina è invece San Hector Valdivielso Saez, conosciuto anche come San Benito de Jesus (1910-1934), ma all’età di quattro anni venne portato dai suoi genitori in Spagna, dove è morto durante la rivoluzione delle Asturie, prima della guerra civile spagnola.

Ultima ora

14:07Calcio: SerieA, Mazzoleni arbitra Genoa-Napoli

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Sarà Mazzoleni l'arbitro di Genoa-Napoli, partita della decima giornata di serie A in programma mercoledì 25 ottobre alle 20.45. L'anticipo di domani sera tra Inter e Sampdoria sarà diretto da Guida. A Pasqua è stata affidata Juventus-Spal, a Manganiello Roma-Crotone. Per Bologna-Lazio è stato designato Massa.

14:02Olanda: parte terzo governo Rutte, prima volta quadripartito

(ANSA) - BRUXELLES, 23 OTT - Aumentano le poltrone, calano le donne e la diversità nella nuova compagine ministeriale presentata dal premier Marke Rutte per il suo terzo governo, il primo 'quadripartito' nella storia d'Olanda. Con 16 ministri e 8 segretari di stato sono complessivamente 24 i membri che oggi hanno prestato giuramento: 14 uomini e 10 donne. Rutte ha creato tre vicepremier: Kajsa Ollongren (D66) ha anche la responsabilità degli interni, Hugo de Jonge (Cda) ha quella per la cura degli anziani nel Ministero della Salute, Carola Schouten (Cu) quella per l'agricoltura in un nuovo dicastero creato alla bisogna. Alle Finanze ha insediato il quarantaduenne Wopke Hoekstra (Cda), fino ad oggi partner di McKinsey&C ed ex manager con Shell. Agli esteri il premier ha piazzato uno dei 'duri' del Vvd: Halbe Zijlstra, 48 anni, parlamentare dal 2006. La Difesa, da cui si è dimessa Jeanine Hennis-Plasschaert che negli ultimi giorni ha respinto la proposta di riconferma, è andata a Ank Bijleveld (parlamentare Cda dal 1989).

13:49Israele: ‘no indagini premier in carica’, infuria dibattito

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 OTT - Un progetto di legge su cui stanno lavorando deputati del Likud, che mira ad impedire lo svolgimento di indagini di polizia nei confronti di un premier in carica, è al centro oggi di forti polemiche nell'opinione pubblica e desta anche contrasti nelle istituzioni. Secondo il Likud questa legge favorira' la stabilità istituzionale visto che negli ultimi due decenni tutti i primi ministri - Ehud Barak, Ariel Sharon, Ehud Olmert, e adesso Benyamin Netanyahu - sono stati oggetto di indagini della polizia, cosa che li ha necessariamente distratti da incombenze piu' impellenti. Ma oggi il Consigliere legale del governo Avichay Mendelblit ha replicato che una legge così sarebbe "inaccettabile", in quanto "colpisce in maniera severa lo Stato di Diritto e la fiducia del pubblico nella eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge". Sulla stampa quella che viene adesso bollata come "la Legge Bibi" e' oggetto di aspre critiche. "Non c'e' più vergogna" esclama il diffuso Yediot Ahronot.

13:49Referendum: Zaia, io premier? Resto in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 23 OTT - "Cacciari fa ancora dichiarazioni? Non esiste, soprattutto davanti a un voto come questo bisogna stare qui in Veneto e fare presidio". Lo dice il governatore del Veneto Luca Zaia commentando le dichiarazioni del filosofo veneziano che lo indica come futuro premier.

13:39Cacciatore uccide per errore fungaiolo nel savonese

(ANSA) - BARDINETO (SAVONA), 23 OTT - Un uomo di 59 anni, Roberto Viale, di Diano Marina (Imperia) è stato ucciso per errore da un cacciatore mentre cercava funghi nei boschi di Bardineto (Savona) insieme alla fidanzata. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri il cacciatore, Luigi Maule, 25 anni, avrebbe esploso un colpo contro un cinghiale, mancandolo: il proiettile ha invece raggiunto in pieno petto Viale, a circa 70 metri di distanza. La compagna dell'uomo ha immediatamente gridato per dare l'allarme, ed è stato lo stesso cacciatore il primo a raggiungere il ferito e a tentare, inutilmente, di tamponare il sangue. Il proiettile ha raggiunto gli organi vitali ed i soccorritori giunti poco dopo sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Il cacciatore ora è indagato per omicidio colposo. Secondo i primi rilievi dei militari si tratterebbe di una tragica fatalità: la vittima si trovava a grande distanza e non era visibile dal punto in cui è stato esploso il colpo.

13:34Calcio: serie B, Sacchi arbitra Cittadella-Venezia

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Questi gli arbitri designati per le partite dell'undicesima giornata di Serie B in programma domani martedì 24 ottobre alle ore 20.30. Ascoli-Spezia: Balice; Avellino-Pro Vercelli: Rapuano; Brescia-Bari (stasera ore 20.30): Pinzani; Carpi-Palermo: Di Paolo; Cittadella-Venezia: Sacchi; Empoli-Pescara: La Penna; Entella-Cremonese: Baroni; Foggia-Parma: Piccinini; Frosinone-Ternana: Giua; Novara-Salernitana: Ghersini; Perugia-Cesena: Fourneau.

13:27Calcio: Benevento, la delusione dei tifosi

(ANSA) - BENEVENTO, 23 OTT - "Dalle stelle alle stalle". E' il commento più diffuso tra i tifosi del Benevento all'indomani della nona sconfitta consecutiva della squadra, ancora a quota zero in classifica. "Non siamo la 'Cenerentola' del campionato - dice un tifoso - ma la 'Bella addormentata'". Opinione diffusa tra i sostenitori del club sannita è che i calciatori in campo non fanno gruppo, dimostrano di non avere attaccamento per la maglia e non sono dei veri lottatori come i "gladiatori Sanniti" della storia. I tifosi del Benevento criticano duramente la dirigenza della società, i calciatori ed anche l'allenatore Marco Baroni. "Se a giugno siamo balzati agli onori della cronaca nazionale per la scalata del Benevento dalla Lega Pro alla serie A in due anni - dice un esponente del tifo organizzato - oggi siamo la barzelletta in Europa". In queste ore il presidente Oreste Vigorito starebbe vagliando l'ipotesi di sostituire l'allenatore, forse già prima della sfida di mercoledì contro il Cagliari.

Archivio Ultima ora