Rohani a Roma, polemiche per la censura sulle statue nude

Pubblicato il 26 gennaio 2016 da redazione

La Venere Capitolina, la statua coperta durante la visita del presidente iraniano Hassan Rohani. Roma, 26 gennaio 2016. ANSA/

La Venere Capitolina, la statua coperta durante la visita del presidente iraniano Hassan Rohani. Roma, 26 gennaio 2016. ANSA/

ROMA. – E’ diventata un caso politico la decisione di coprire alcune antiche statue di nudi dei Musei Capitolini in occasione della visita del presidente iraniano Hassan Rohani: diversi esponenti politici l’hanno definita ‘Roba da matti’, ‘oscurantismo’ ‘sudditanza culturale’, ‘vergogna’, ‘censura’, e hanno chiesto, ‘Matteo Renzi spieghi’.

E la vicenda ha trovato eco anche su importanti media internazionali, in alcuni casi con malcelata ironia. In Francia, ad esempio, Le Figaro online ha prontamente ricordato il detto: “a Roma fai come i romani”, per poi però aggiungere che “l’antico adagio sembra aver sofferto delle eccezioni nel corso della visita del presidente iraniano nella città eterna”, perché “delle statue di nudi sono state mascherate” per evitare imbarazzi.

Oltremanica ci ha pensato the Guardian a riferire la vicenda, scrivendo nel suo titolo che “Roma copre le statue di nudi per evitare al presidente iraniano di arrossire”. E Bbc News ricorda pure che “l’Italia ha anche scelto di non servire vino nei pranzi ufficiali, un gesto che la Francia, dove Rohani andrà poi, si è rifiutata di compiere”.

E anche negli Usa, Newsweek ha scritto che “Roma copre le statue di nudi per rispetto a Rohani”, e parla anche di “ulteriore rispetto” a proposito del vino.

Ma al di la delle ironie all’estero, è in Italia che la vicenda ha innescato un’aspra polemica, che viaggia anche sui social network, con l’hashtag #Rouhani che si è rapidamente imposto tra i piu’ popolari. E tra i commenti più infuocati ci sono quelli del leader della Lega Nord Matteo Salvini, secondo cui “Renzi accoglie con tutti gli onori il presidente dell’Iran, lo stesso ‘signore’ che vorrebbe eliminare Israele”. E aggiunge che “per la visita degli iraniani sono state “coperte” da pannelli bianchi alcune statue con nudi dei Musei Capitolini, per rispetto… Roba da matti”.

“La copertura delle statue dei musei capitolini per la visita di Rohani è una prova di zelo eccessivo”, ha dal canto suo affermato il deputato di Forza Italia Luca Squeri, secondo il quale “questo non è rispetto, è annullamento delle differenze o addirittura sottomissione”. E il suo collega di partito e presidente della Liguria Giovanni Toti rincara la dose affermando che “coprire le nostre opere d’arte è rinnegare la nostra cultura. Di questo bisogna vergognarsi, non del ‘nudo'”.

Gianluca Peciola, esponente di Sel, ha invece lanciato una petizione per chiedere al presidente del Consiglio “spiegazioni immediate ed ufficiali su una scelta che – dice – consideriamo una vergogna e una mortificazione per l’arte e la cultura intese come concetti universali”.

Il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, parla di un “livello di sudditanza culturale di Renzi e della sinistra” che “ha superato ogni limite di decenza”, mentre Fabio Rampelli, del suo stesso partito, sostiene che coprire le statue e’ stata una “scelta degna del peggiore terrorista islamico”.

A cercare di stemperare un po’ l’atmosfera (o forse no) è arrivata l’Associazione radicale Adelaide Aglietta. “A giugno dello scorso anno (non del secolo scorso), solo sette mesi fa, sempre ‘per rispetto’ – spiegano i radicali – vennero coperti i manifesti della mostra di Tamara de Lempicka per la visita del Papa nella laica (si fa per dire) Torino. Allora nessuno si scandalizzò, oggi nessuno lo ricorda”.

Ultima ora

13:49Israele: ‘no indagini premier in carica’, infuria dibattito

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 OTT - Un progetto di legge su cui stanno lavorando deputati del Likud, che mira ad impedire lo svolgimento di indagini di polizia nei confronti di un premier in carica, è al centro oggi di forti polemiche nell'opinione pubblica e desta anche contrasti nelle istituzioni. Secondo il Likud questa legge favorira' la stabilità istituzionale visto che negli ultimi due decenni tutti i primi ministri - Ehud Barak, Ariel Sharon, Ehud Olmert, e adesso Benyamin Netanyahu - sono stati oggetto di indagini della polizia, cosa che li ha necessariamente distratti da incombenze piu' impellenti. Ma oggi il Consigliere legale del governo Avichay Mendelblit ha replicato che una legge così sarebbe "inaccettabile", in quanto "colpisce in maniera severa lo Stato di Diritto e la fiducia del pubblico nella eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge". Sulla stampa quella che viene adesso bollata come "la Legge Bibi" e' oggetto di aspre critiche. "Non c'e' più vergogna" esclama il diffuso Yediot Ahronot.

13:49Referendum: Zaia, io premier? Resto in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 23 OTT - "Cacciari fa ancora dichiarazioni? Non esiste, soprattutto davanti a un voto come questo bisogna stare qui in Veneto e fare presidio". Lo dice il governatore del Veneto Luca Zaia commentando le dichiarazioni del filosofo veneziano che lo indica come futuro premier.

13:39Cacciatore uccide per errore fungaiolo nel savonese

(ANSA) - BARDINETO (SAVONA), 23 OTT - Un uomo di 59 anni, Roberto Viale, di Diano Marina (Imperia) è stato ucciso per errore da un cacciatore mentre cercava funghi nei boschi di Bardineto (Savona) insieme alla fidanzata. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri il cacciatore, Luigi Maule, 25 anni, avrebbe esploso un colpo contro un cinghiale, mancandolo: il proiettile ha invece raggiunto in pieno petto Viale, a circa 70 metri di distanza. La compagna dell'uomo ha immediatamente gridato per dare l'allarme, ed è stato lo stesso cacciatore il primo a raggiungere il ferito e a tentare, inutilmente, di tamponare il sangue. Il proiettile ha raggiunto gli organi vitali ed i soccorritori giunti poco dopo sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Il cacciatore ora è indagato per omicidio colposo. Secondo i primi rilievi dei militari si tratterebbe di una tragica fatalità: la vittima si trovava a grande distanza e non era visibile dal punto in cui è stato esploso il colpo.

13:34Calcio: serie B, Sacchi arbitra Cittadella-Venezia

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Questi gli arbitri designati per le partite dell'undicesima giornata di Serie B in programma domani martedì 24 ottobre alle ore 20.30. Ascoli-Spezia: Balice; Avellino-Pro Vercelli: Rapuano; Brescia-Bari (stasera ore 20.30): Pinzani; Carpi-Palermo: Di Paolo; Cittadella-Venezia: Sacchi; Empoli-Pescara: La Penna; Entella-Cremonese: Baroni; Foggia-Parma: Piccinini; Frosinone-Ternana: Giua; Novara-Salernitana: Ghersini; Perugia-Cesena: Fourneau.

13:27Calcio: Benevento, la delusione dei tifosi

(ANSA) - BENEVENTO, 23 OTT - "Dalle stelle alle stalle". E' il commento più diffuso tra i tifosi del Benevento all'indomani della nona sconfitta consecutiva della squadra, ancora a quota zero in classifica. "Non siamo la 'Cenerentola' del campionato - dice un tifoso - ma la 'Bella addormentata'". Opinione diffusa tra i sostenitori del club sannita è che i calciatori in campo non fanno gruppo, dimostrano di non avere attaccamento per la maglia e non sono dei veri lottatori come i "gladiatori Sanniti" della storia. I tifosi del Benevento criticano duramente la dirigenza della società, i calciatori ed anche l'allenatore Marco Baroni. "Se a giugno siamo balzati agli onori della cronaca nazionale per la scalata del Benevento dalla Lega Pro alla serie A in due anni - dice un esponente del tifo organizzato - oggi siamo la barzelletta in Europa". In queste ore il presidente Oreste Vigorito starebbe vagliando l'ipotesi di sostituire l'allenatore, forse già prima della sfida di mercoledì contro il Cagliari.

13:23Referendum: Salvini, nessun problema a linea Lega

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Gli alleati del centrodestra sappiano che il tema posto dai referendum diventa centrale". Lo ha detto il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, nella conferenza stampa in via Bellerio. "Quelli che dicevano che la linea nazionale della Lega avrebbe trovato problemi al Nord non hanno capito un accidente. Richieste di autonomia hanno convinto 5,5 milioni persone a votare, e Maroni e Zaia avranno mandato pieno mandato a trattare", ha aggiunto.

13:21Basket: Nba, Belinelli non basta, Atlanta perde a Brooklyn

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Una buona prova di Marco Belinelli (19 punti per lui) non basta agli Atlanta Hawks che vengono sconfitti in casa dei Brooklyn Nets per 116-104. Miglior realizzatore dell'incontro la guardia dei Nets Allen Crabbe con 20 punti. Per Atlanta si tratta della seconda sconfitta su tre partite. Negli altri due match della notte Nba da segnalare la vittoria per 115-113 dei Minnesota Timberwolves in casa degli Oklahoma City Thunder. Decisivo un canestro da centrocampo sulla sirena di Andrew Wiggins, miglior realizzatore dell'incontro (27 punti) insieme a Karl Anthony Towns. Successo esterno anche per i New Orleans Pelicans che trascinati da Anthony Davis (27 punti) violano per 119-112 il parquet dei Los Angeles Lakers.

Archivio Ultima ora