La Germania litiga. Si avvicina la fine dell’era Merkel?

Pubblicato il 26 gennaio 2016 da redazione

merkel

BERLINO. – Le “fantasie” sulla fine dell’era Merkel, in Germania, sono un passatempo, ormai, soprattutto fra i “suoi”. Nel Paese che litiga sulla generosità della cancelliera coi profughi, di fronte ai timori crescenti di un fallimento dell’agognata soluzione europea, proprio i politici del suo partito, la Cdu, e gli alleati bavaresi, ipotizzano scenari e cercano alternative.

Stando allo Spiegel on line, c’è chi già vede la “donna più potente del mondo” in un esilio dorato a dirigere l’Onu, il ritorno ai comandi “dell’eterno principe della corona” Friedrich Merz, e il divorzio fra i cristiano-democratici e i cristiano-sociali bavaresi. Perché nell’entourage di Horst Seehofer, il futuro del partito del ricco Land del sud si vedrebbe a destra, per contendere il terreno ad Alternative fuer Deutschland.

Che lo scacchiere politico tedesco sia a dir poco agitato viene confermato da fughe in avanti ormai quotidiane, e dai numeri dei sondaggi. Un rilevamento dell’Insa pubblicato dalla Bild dà l’estrema destra di AFD addirittura al 13%, di fronte a un crollo della Cdu al 32,5%. Sono assai meno spinti i dati del sondaggio che fa da faro nel Paese: per il Forsa i falchi di Alternativa sono al 10 (comunque in allarmante crescita) e il partito della cancelliera ancora comunque al 37: con un enorme scarto rispetto al 23% dell’SPD. Il clima politico interno resta comunque incandescente.

I bavaresi di Seehofer hanno inviato una lettera di fuoco alla cancelliera, rilanciando la minaccia di portarla davanti alla corte costituzionale a rispondere delle sue politiche sui profughi, se non cambierà rotta in modo visibile. E sono stati i socialdemocratici ad alzare la voce contro la Csu, stigmatizzando quello che suonerebbe come “l’annuncio della rottura della coalizione”.

Fra alleati non si dovrebbe ricorrere alle lettere minatorie, ha attaccato il capogruppo parlamentare dell’SPD Thomas Oppermann, “così non si risolve il problema dei profughi”. Da una seduta a porte chiuse del suo gruppo parlamentare, arriva l’appello di Angela Merkel, che ha chiesto all’Unione di restare compatta: “Lasciateci dimostrare che possiamo risolvere i problemi, senza che l’Europa ne venga danneggiata”, ha detto nel tentativo di placare il fuoco amico.

La cancelliera ha aggiunto che si sta lavorando a un accordo fra Turchia e Grecia, per giungere a una migliore tutela dei confini. Una caduta della Frau di ferro non è più un tabù nel suo Paese, ma lo Spiegel che le ha dedicato la copertina di sabato, definendola “sola”, si chiede adesso: “Sarebbe davvero meglio senza di lei?” Una domanda che ci si dovrebbe fare anche fuori dalla Germania.

(di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

12:24C.destra: Salvini, non abbiamo bisogno di garanti in Europa

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "L'Italia non ha bisogno di garanti, siamo una Repubblica libera e sovrana che è stata calpestata dagli interessi di Bruxelles e Berlino, quindi sono gli italiani a dover essere garantiti da questo". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, interpellato sul viaggio 'europeo' a Bruxelles di Silvio Berlusconi, a margine di un incontro elettorale in un mercato di Milano con il candidato governatore della Lombardia per il centrodestra, Attilio Fontana. Salvini si è comunque detto sicuro che il prossimo governo sarà di centrodestra e applicherà il programma sottoscritto: "Nessun appello, avremo la maggioranza sia percentuale sia di seggi", ha risposto a una domanda sull'ipotesi che non ci sia una maggioranza a livello di seggi parlamentari dopo le elezioni del 4 marzo.

12:21Berlusconi giunto a Bruxelles, incontri con Juncker e Tajani

(ANSA) - BRUXELLES, 22 GEN - Silvio Berlusconi è appena arrivato a Bruxelles per una due giorni fitta di incontri. L'ex premier incontrerà il presidente della commissione Ue Jean Claude Junker e il presidente del Parlamento Antonio Tajani. Tra gli altri appuntamenti un faccia a faccia con Michel Barnier, responsabile dei negoziati sulla Brexit, oltre ad una serie di colloqui con tutto il vertice del partito popolare Europeo. In mattinata il primo incontro con il segretario del Ppe Antonio Lopez Isturiz.

12:21Pence, ‘è un onore essere a Gerusalemme, capitale d’Israele’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - "E' un grande onore per me essere a Gerusalemme capitale di Israele". Lo ha detto il vicepresidente Usa Mike Pence nell'incontro con premier Benyamin Netanyahu ribadendo la posizione Usa sulla città. Penche ha poi espresso la "fiducia di essere all'inizio di una nuova era di rinnovati colloqui per ottenere la pace". Netanyahu ha ringraziato Pence e il presidente Trump "per la storica dichiarazione" aggiungendo si "discuterà di come portare avanti la sicurezza e la pace nella regione, obiettivo comune".

12:21Tennis: Australia, battuto Fucsovics e Federer nei quarti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Prosegue spedita la marcia di Roger Federer, negli Open d'Australia di tennis. Lo svizzero, numero 2 del torneo e campione in carica, ha disposto facilmente dell'ungherese Marton Fucsovics, battuto con il punteggio di 6-4, 7-6 (7-3), 6-2, qualificandosi per i quarti di finale dove affronterà il ceco Tomas Berdych, che ha eliminato l'azzurro Fabio Fognini.

12:20Maltempo: valanga su regionale a Oyace, sfiorata casa

(ANSA) - AOSTA, 22 GEN - Una valanga è caduta stamane sulla strada regionale numero 28, all'altezza del comune di Oyace (Aosta), nella zona del Grand Combin. "E' una slavina di grandi dimensioni. Ha sfiorato una casa e la vicina stalla. Per fortuna nessuno è rimasto coinvolto", spiega al telefono il sindaco, Remo Domaine, che con un'ordinanza ha disposto la chiusura della carreggiata. Da sabato scorso la Valle d'Aosta è interessata da una perturbazione che ha portato molta neve in quota e pioggia nel fondo valle. (ANSA).

12:17Bersani, parlare con M5S un dovere ma alleanza è altro

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Parlare con i 5 stelle è un dovere, fare una alleanza di governo è tutto un altro film". Lo ha ribadito Pier Luigi Bersani (LeU) rispondendo ad una domanda a Circo Massimo su Radio Capital. "E' chiaro che se Di Maio viene a dirmi: vado fuori dall'Euro, sull'antifascismo balbetto, sugli immigrati sto un po' con la destra, sul fisco viva la mamma... io gli dico ciao", ha detto Bersani. D'Alema dice che Berlusconi e Renzi hanno ancora in testa un inciucio?. "Se seguo le tracce - spiega Bersani - non ho dubbi su questo. Dopo l'uscita di Berlusconi dal Parlamento ci sono stati accordi sull'Italicum, chiacchiere e annusamenti sotterranei così come avvenuto anche su questa legge elettorale... Ma - avverte subito - è chiaro che per via dei numeri e delle situazioni c'è anche scarsa fattibilità".

12:11+Europa: Bonino, Gentiloni sta facendo bene

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Mi pare che Paolo Gentiloni stia facendo bene, rassicurando il Paese". Lo dice Emma Bonino di +Europa ad Agorà. Rispondendo a chi le chiede se abbia più sintonia con il Premier o con Renzi, Bonino risponde: "Con Gentiloni ho più sintonia nel linguaggio e nel modo di fare". E Calenda? "Potrà continuare ad essere un ottimo ministro dello sviluppo economico".

Archivio Ultima ora