La Germania litiga. Si avvicina la fine dell’era Merkel?

Pubblicato il 26 gennaio 2016 da redazione

merkel

BERLINO. – Le “fantasie” sulla fine dell’era Merkel, in Germania, sono un passatempo, ormai, soprattutto fra i “suoi”. Nel Paese che litiga sulla generosità della cancelliera coi profughi, di fronte ai timori crescenti di un fallimento dell’agognata soluzione europea, proprio i politici del suo partito, la Cdu, e gli alleati bavaresi, ipotizzano scenari e cercano alternative.

Stando allo Spiegel on line, c’è chi già vede la “donna più potente del mondo” in un esilio dorato a dirigere l’Onu, il ritorno ai comandi “dell’eterno principe della corona” Friedrich Merz, e il divorzio fra i cristiano-democratici e i cristiano-sociali bavaresi. Perché nell’entourage di Horst Seehofer, il futuro del partito del ricco Land del sud si vedrebbe a destra, per contendere il terreno ad Alternative fuer Deutschland.

Che lo scacchiere politico tedesco sia a dir poco agitato viene confermato da fughe in avanti ormai quotidiane, e dai numeri dei sondaggi. Un rilevamento dell’Insa pubblicato dalla Bild dà l’estrema destra di AFD addirittura al 13%, di fronte a un crollo della Cdu al 32,5%. Sono assai meno spinti i dati del sondaggio che fa da faro nel Paese: per il Forsa i falchi di Alternativa sono al 10 (comunque in allarmante crescita) e il partito della cancelliera ancora comunque al 37: con un enorme scarto rispetto al 23% dell’SPD. Il clima politico interno resta comunque incandescente.

I bavaresi di Seehofer hanno inviato una lettera di fuoco alla cancelliera, rilanciando la minaccia di portarla davanti alla corte costituzionale a rispondere delle sue politiche sui profughi, se non cambierà rotta in modo visibile. E sono stati i socialdemocratici ad alzare la voce contro la Csu, stigmatizzando quello che suonerebbe come “l’annuncio della rottura della coalizione”.

Fra alleati non si dovrebbe ricorrere alle lettere minatorie, ha attaccato il capogruppo parlamentare dell’SPD Thomas Oppermann, “così non si risolve il problema dei profughi”. Da una seduta a porte chiuse del suo gruppo parlamentare, arriva l’appello di Angela Merkel, che ha chiesto all’Unione di restare compatta: “Lasciateci dimostrare che possiamo risolvere i problemi, senza che l’Europa ne venga danneggiata”, ha detto nel tentativo di placare il fuoco amico.

La cancelliera ha aggiunto che si sta lavorando a un accordo fra Turchia e Grecia, per giungere a una migliore tutela dei confini. Una caduta della Frau di ferro non è più un tabù nel suo Paese, ma lo Spiegel che le ha dedicato la copertina di sabato, definendola “sola”, si chiede adesso: “Sarebbe davvero meglio senza di lei?” Una domanda che ci si dovrebbe fare anche fuori dalla Germania.

(di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

14:52Catalogna: accordo Pp e Pse per voto a gennaio

(ANSA) - MADRID, 20 OTT - Il premier spagnolo Mariano Rajoy e il leader Psoe Pedro Sanchez hanno concordato di convocare in gennaio elezioni anticipate in Catalogna se la regione ribelle sarà commissariata con l'art. 155 della costituzione, riferisce La Vanguardia citando la dirigente socialista Carmen Calvo. "Si, Sanchez ritiene che il 155 servirà a portare la Catalogna alle elezioni" ha detto Calvo, che negozia per il Psoe con il governo sul 155, che il governo attiverà domani. Il governo spagnolo dovrebbe prendere il controllo fra l'altro dei Mossos d'Esquadra e della tv pubblica catalana Tv3 grazie all'art.155 della costituzione che attiverà domani, ha detto la socialista Carmen Calvo che negozia per il Psoe il 'commissariamento' della Catalogna. Secondo Calvo, citata dai media catalani, Madrid controllerà anche le finanze catalane e parte delle competenze del presidente Carles Puigdemont.

14:35Bankitalia: Orfini a Calenda, non incidente, è democrazia

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Il Parlamento che esprime una valutazione non è "un incidente". È democrazia". Lo scrive su Twitter il presidente del Pd Matteo Orfini, commentando le parole di Carlo Calenda su Bankitalia".

14:35Bankitalia: Gentiloni, non parlo nemmeno sotto tortura

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Sulle soluzioni per Bankitalia non parlo neanche sotto tortura né un tanto al chilo, è un compito rilevante che spetta in parte al Governo, c'è una procedura che investe diverse istituzioni, il Governo prenderà le sue decisioni nel rispetto dell'autonomia della banca. Non facciamo indiscrezioni o cose di questo genere": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine del vertice Ue.

14:34Fidanzati uccisi: Procura chiede ergastolo per Ruotolo

(ANSA) - TRIESTE, 20 OTT - La condanna all'ergastolo con due anni di isolamento diurno è stato chiesto per Giosuè Ruotolo dal pubblico ministero Pier Umberto Vallerin nel processo per il duplice omicidio della coppia di fidanzati, Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone. "Ruotolo ha commesso gli omicidi per salvare la sua carriera", ha affermato il pm nelle ultime battute della sua lunga requisitoria cominciata ieri davanti alla Corte d'Assise di Udine. "L'odio verso Trifone e la gelosia verso Teresa lo avevano assalito già da tempo. Togliendoli di mezzo sparivano due rivali, due minacce viventi, due persone verso cui covava odio già da tempo. E il suo futuro sarebbe tornato ad essere roseo", ha aggiunto. Il processo riprenderà lunedì 23 ottobre con gli interventi delle parti civili.

14:25Tusk, esagerato parlare blocco su Brexit

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Dire che i progressi non sono sufficienti non significa che non ci sono progressi". Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk in merito ai negoziati della Brexit che definisce "esagerate" le insistenze sulle difficoltà dei colloqui. I progressi "non sarebbero stati possibili senza il nuovo slancio dato dal discorso di Firenze della May", ha aggiunto, sottolineando di "sperare di potere passare alla fase 2 del negoziato a dicembre".

14:24Bankitalia: SI a Boldrini, governo riferisca a Camera

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Il gruppo di Sinistra Italiana alla Camera, in una lettera inviata alla presidente Laura Boldrini, ha chiesto, a quanto si apprende, che il governo riferisca in Aula sulla vicenda Bankitalia. Nella lettera, firmata dal capogruppo Giulio Marcon e dal deputato Giovanni Paglia, SI evidenzia "i motivi di viva preoccupazione rispetto alla vicenda che, da giorni, domina le cronache giornalistiche e che si sta pericolosamente allargando a macchia d'olio coinvolgendo diversi livelli istituzionali e gettando nella bufera il governo".

14:23Card. Bassetti, liberi di emigrare ma non per disperazione

(ANSA) - PERUGIA, 20 OTT - "Siamo tutti liberi di emigrare dal nostro Paese, ma questo non può avvenire per disperazione": lo ha detto il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, intervenendo a un convegno a Perugia sul tema "Giovani e il lavoro che (non) c'è", alla presenza di più di 300 studenti. "L'Italia, che ha bisogno di nuove energie morali, ha bisogno di tutti noi - ha sottolineato Bassetti - ma particolarmente di voi giovani, delle vostre antenne che ci spingono a guardare lontano, dei vostri talenti a cui noi, generazione adulta, dobbiamo dare chance e speranza". "Altrimenti - ha continuato - la fila di giovani che lasceranno l'Italia continuerà ad aumentare e i dati recentemente pubblicati dalla Fondazione Migrantes della Cei sono eloquenti e lasciano una profonda inquietudine". "Carissimi giovani, ci attende una grande missione - ha aggiunto - quella di essere una presenza viva, autorevole e concreta, per tante attese che cogliamo nella povera gente e per il bene delle nostre famiglie e per il futuro dell'Italia".

Archivio Ultima ora