La Germania litiga. Si avvicina la fine dell’era Merkel?

Pubblicato il 26 gennaio 2016 da redazione

merkel

BERLINO. – Le “fantasie” sulla fine dell’era Merkel, in Germania, sono un passatempo, ormai, soprattutto fra i “suoi”. Nel Paese che litiga sulla generosità della cancelliera coi profughi, di fronte ai timori crescenti di un fallimento dell’agognata soluzione europea, proprio i politici del suo partito, la Cdu, e gli alleati bavaresi, ipotizzano scenari e cercano alternative.

Stando allo Spiegel on line, c’è chi già vede la “donna più potente del mondo” in un esilio dorato a dirigere l’Onu, il ritorno ai comandi “dell’eterno principe della corona” Friedrich Merz, e il divorzio fra i cristiano-democratici e i cristiano-sociali bavaresi. Perché nell’entourage di Horst Seehofer, il futuro del partito del ricco Land del sud si vedrebbe a destra, per contendere il terreno ad Alternative fuer Deutschland.

Che lo scacchiere politico tedesco sia a dir poco agitato viene confermato da fughe in avanti ormai quotidiane, e dai numeri dei sondaggi. Un rilevamento dell’Insa pubblicato dalla Bild dà l’estrema destra di AFD addirittura al 13%, di fronte a un crollo della Cdu al 32,5%. Sono assai meno spinti i dati del sondaggio che fa da faro nel Paese: per il Forsa i falchi di Alternativa sono al 10 (comunque in allarmante crescita) e il partito della cancelliera ancora comunque al 37: con un enorme scarto rispetto al 23% dell’SPD. Il clima politico interno resta comunque incandescente.

I bavaresi di Seehofer hanno inviato una lettera di fuoco alla cancelliera, rilanciando la minaccia di portarla davanti alla corte costituzionale a rispondere delle sue politiche sui profughi, se non cambierà rotta in modo visibile. E sono stati i socialdemocratici ad alzare la voce contro la Csu, stigmatizzando quello che suonerebbe come “l’annuncio della rottura della coalizione”.

Fra alleati non si dovrebbe ricorrere alle lettere minatorie, ha attaccato il capogruppo parlamentare dell’SPD Thomas Oppermann, “così non si risolve il problema dei profughi”. Da una seduta a porte chiuse del suo gruppo parlamentare, arriva l’appello di Angela Merkel, che ha chiesto all’Unione di restare compatta: “Lasciateci dimostrare che possiamo risolvere i problemi, senza che l’Europa ne venga danneggiata”, ha detto nel tentativo di placare il fuoco amico.

La cancelliera ha aggiunto che si sta lavorando a un accordo fra Turchia e Grecia, per giungere a una migliore tutela dei confini. Una caduta della Frau di ferro non è più un tabù nel suo Paese, ma lo Spiegel che le ha dedicato la copertina di sabato, definendola “sola”, si chiede adesso: “Sarebbe davvero meglio senza di lei?” Una domanda che ci si dovrebbe fare anche fuori dalla Germania.

(di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

21:16Giordania: attacco amb.Israele, un morto e un ferito

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Attacco all'ambasciata di Israele in Giordania. Un giordano è morto e un israeliano è rimasto ferito secondo fonti di sicurezza giordane citate dai media internazionali, tra cui l'iraniana Press tv. Secondo il sito Hala Akhbar legato ai militari, citato dall'Ap, si sarebbe trattato di un accoltellamento e della reazione con colpi di arma da fuoco.

21:03Polonia: ottavo giorno di proteste contro riforma giustizia

(ANSA) - VARSAVIA, 23 LUG - Per l'ottavo giorno consecutivo migliaia di polacchi sono scesi nelle strade di Varsavia, sventolando bandiere dell'Unione Europea e della Polonia, per chiedere al presidente Andrzei Duda di non firmare la legge che limiterà drasticamente l'autonomia dei giudici nel Paese cedendo di fatto al governo il controllo della Corte Suprema. Da oltre una settimana i manifestanti denunciano un vero e proprio assalto alle fondamenta democratiche del Paese ed accusano il leader del partito di governo Jaroslaw Kaczynski di comportamenti autoritari mirati espressamente a cementare il suo potere personale.

20:47Calcio: amichevoli, Bologna-Trento 5-0

(ANSA) - BOLOGNA, 23 LUG - Il Bologna ha battuto il Trento (Serie D) 5-0, nell'ultima amichevole disputata durante il ritiro a Castelrotto (Bolzano). Le reti: 10' Krejci, 22' Verdi, 24' Pulgar, 38' Petkovic, 73' Falco. Domani il gruppo rossoblù si cimenterà in un percorso di rafting sul fiume Rienza, all'interno dell'abitato di Issengo, in Bassa Pusteria, al terz'ultimo giorno di permanenza in Alto Adige.

20:33Calcio: Atalanta, Gasperini, Petagna sta lavorando bene

(ANSA) - CLUSONE, 23 LUG - "Più che test questi sono allenamenti importanti sul piano fisico che servono ai nuovi per farsi conoscere". Gian Piero Gasperini commenta così il 3-1 della sua Atalanta sulla Giana, a cui è seguita una partitella in famiglia in cui hanno giocato anche Berisha, Rossi, Eguelfi, Melegoni e Petagna. Il tecnico si sofferma su quest'ultimo: "È stato fra gli ultimi ad aggregarsi al gruppo in ritiro, ma si è fatto trovare pronto, sta lavorando bene sulle conclusioni a rete e anche oggi ha segnato una bella doppietta". Sul possibile dualismo nel ruolo di punta esterna, Gasperini mostra apprezzamento sia per Ilicic che per Orsolini, schierati insieme nel primo tempo contro i milanesi: "Sono entrambi mancini, quindi chi dei due gioca a destra trova più facilmente il tiro rientrando sul piede preferito. Ma anche Gomez può fare entrambe le fasce, davanti abbiamo molte soluzioni". Ultima battuta sui possibili colpi di mercato, viste le voci su De Roon: "Numericamente siamo a posto, ci sarà qualche movimento in uscita".

20:04Calcio: Bonucci ‘7 Champions non casuali,Milan è tradizione’

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - "Pensando al Milan mi vengono in mente tradizione, storia, vittorie importanti. Una squadra non ha 7 Champions in bacheca per caso: qui c'è tradizione, mentalità vincente. Ora tocca a noi riportare il Milan dove merita". Leonardo Bonucci ha espresso così tutta la sua voglia di far parte di una rinascita, nonché la speranza di trasmettere la sua 'febbre' milanista ai figli: "Uno è granata, l'altro juventino. Vediamo se riesco a far cambiare idea a quello grande". Alla tv tematica del club, il calciatore classe '87 si è raccontato partendo dalla svolta che lo portò a diventare un difensore centrale. "Ho cominciato a 16 anni, prima facevo il centrocampista davanti alla difesa e per qualche partita la prima punta. Poi - ha ricordato - l'anno della Beretti con la Viterbese: l'allenatore Carlo Perrone mi disse che se avessi voluto diventare qualcuno nel mondo del calcio avrei dovuto fare il difensore centrale. Ero il capitano e ho dovuto accettare anche se non ero convintissimo. Poi però ha avuto ragione lui".

19:53Tour: Froome trionfa a Parigi, è il quarto successo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Chris Froome ha vinto il 104/o Tour de France di ciclismo, dopo la 'passerella' odierna sui Campi Elisi. Per l'inglese di origini keniane, che gareggia con il Team Sky, si tratta del quarto successo in carriera, dopo quelli conquistati a Parigi nel 2013, 2015 e 2016. Il podio è stato completato nell'ordine dal colombiano Rigoberto Uran e dal francese Romain Bardet. La 21/a e ultima tappa, partita da Montgeron e conclusa ai piedi dell'Arco di Trionfo (103 chilometri), è stata vinta dall'olandese Dylan Groenewegen.

19:42Scherma: Mondiali, Garozzo battuto in semifinale fioretto

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'azzurro Daniele Garozzo, campione olimpico ed europeo in carica, non ce l'ha fatta a raggiungere la finale della gara di fioretto dei Mondiali di Lipsia. A batterlo per 15-12 è stato il giapponese Toshiya Saito. Garozzo è quindi medaglia di bronzo.

Archivio Ultima ora