Giovanni Di Salvo racconta: “Quando le ballerine danzavano col pallone”

Pubblicato il 26 gennaio 2016 da redazione

portada çballerine-pallone

CARACAS – I campioni del mondo sono gli Stati Uniti, il miglior allenatore del 2015 é Jill Ellis (vanta ben 3 titoli iridati in bacheca), il pallone d’oro é stato vinto da Carli Lloyd. Se non l’avete capito vi stiamo parlando di calcio femminile.

Forse pochi sanno che il calcio in rosa ha 121 anni di vita. Le sue origini le troviamo a Londra, dov e il 23 marzo del 1895 si giocò la prima partita fra donne che si ricordi. Per la cronaca la gara si disputò tra Inghilterra del nord e Inghilterra del sud, con il risultato di 7-1 in favore delle settentrionali.

In Italia, invece, arrivò solo nel 1933 a Milano col Gruppo Femminile Calcistico. Ben presto però le ragazze furono costrette a mettere il pallone in soffitta perché il calcio femminile venne ostracizzato dal CONI. Furono le ballerine a dare nuova spinta al movimiento nei primi anni del secondo dopo guerra in quanto iniziarono ad esibirsi non solo sui palchi dei teatri ma anche nei campi da gioco.

A piccoli passi il calcio femminile entrò nella famiglia della FIGC e nel 1986 venne inserita in ámbito della Lega Nazionale Dilettanti. Seguirono l’istituzione della Divisione Calcio Femminile e la sua recente trasformazione in Dipartimento.

Ci sono molte persone che ancora non accettano l’idea di vedere 22 ragazze in pantaloncini corti che corrono dietro a un pallone e tantomeno festeggiare un gol togliendosi la maglietta. Ma questo è uno sport che poco a poco sta guadagnandosi il suo spazio a livello mondiale, tant’è vero che è stato inserito nel programma olimpico dalle Olimpiadi di Atlanta (Usa) 1996. In quell’occasione, ad imporsi furono le padrone di casa.

L’autore siciliano Giovanni Di Salvo ha pubblicato un libro dal titolo “Quando le ballerine danzavano col pallone”.

“Il libro – spiega l’autore – vuole essere un’occasione per mostrare quanto le donne hanno dovuto lottare per giocare a calcio. Sembra una cosa strana ma non lo è. Fino al 1933 era necessario un parere medico per poter disputare delle partite. Il Coni poi vietò di praticare calcio e pugilato femminile. Si riprese solo negli anni ‘60 con le ballerine che erano solite concludere le loro esibizioni con una partita locale. Ci fu un risultato clamoroso che vide le donne giocare contro giornalisti uomini, con uno straordinario 3 a 2 che riempì i titoli dei giornali”.

Le sue 275 pagine raccolgono frammenti di storia, personaggi e defunte federazioni che rischiano di perdersi nelle pieghe del tempo. Non mancano aneddoti, curiosità e note di colore: dalla partita di beneficenza tra selezioni di universitari e arbitrata dal noto comico palermitano Franco Franchi, alla calciatrice “Miss” Paola Bresciano, che dopo aver ottenuto la fascia di più bella d’Italia si assicurò le gambe per un importo di mezzo miliardo delle vecchie lire, fino alle gemelline di Piacenza, che pur di giocare a pallone si travestirono da maschi. Un capitolo esamina il calcio femminile nelle sue altre incarnazioni: il calcio a 5 e ilbeach soccer.

Nell’opinione comune la ballerina rappresenta il massimo della femminilità mentre la calciatrice il punto più basso.

“Questo libro tenta di abbattere questi pregiudizi perché vuole dimostrare che c’è bellezza e dignità nel giocare a pallone”.

Il calcio femminile è trattato a 360° perché un capitolo esamina anche il futsal e il beach soccer e vengono accennate tutte le tappe significative del suo sviluppo: l’introduzione alle Olimpiadi, l’istituzione dei Mondiali, la nascita della Champion’s League ecc.

“La nostra numerosa comunità presente nel Regno Unito, oltre che essere appassionata di calcio femminile, è molto legata alla propria terra d’origine” conclude l’autore Giovanni Di Salvo “Perciò mi auguro che questo libro possa anche essere un ponte tra il Venezuela e l’Italia”.

Ultima ora

15:55Scattarono foto in caserma, non fu spionaggio

(ANSA) - VIAREGGIO (LUCCA), 21 GEN - E' decaduta l'accusa di spionaggio per i due fotografi viareggini, Leonardo Bertuccelli 25 ani e Tommaso Fontana 24 anni, che nella primavera di quattro anni fa si introdussero a Firenze in una caserma per scattare delle foto. Entrò in funzione il sistema di allarme e furono sorpresi dai carabinieri. Nei loro confronti scattò l'accusa di spionaggio, che dopo la prima udienza, che si è tenuta ieri al Tribunale di Firenze, è decaduta. A darne notizia è il loro avvocato, Aldo Lasagna, che annuncia che il processo è aggiornato a fine marzo. A carico dei due fotografi rimane l'accusa di ingresso clandestino in luogo tutelato da segreto militare. Le foto scattate ed esaminate, non sarebbero state considerate compromettenti per la sicurezza e non avrebbero svelato nessuno obiettivo segreto. (ANSA).

15:45Siria: autobomba in campo profughi, almeno 5 morti

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Almeno 5 persone sono rimaste uccise e 30 ferite oggi da un'autobomba in un campo di sfollati siriani sul confine con la Giordania, secondo fonti della sicurezza di Amman. Testimoni oculari hanno riferito all'ANSA che l'esplosione è avvenuta nei pressi del mercato centrale del campo di Al Raqban. Nella struttura è ospitata una fazione armata siriana, l'Esercito Al Ashair, sostenuta dalla Giordania per controllare la sicurezza nel campo e l'afflusso di rifugiati verso il Regno hashemita.

15:44Calcio: Udinese, Thereau gioca a Empoli “vogliamo carisma”

(ANSA) - UDINE, 21 GEN - "Thereau sta bene. E' della partita". Il tecnico dell'Udinese, Gigi Delneri, nella conferenza stampa della vigilia scioglie qualsiasi dubbio su un possibile impiego dell'attaccante francese, domani a Empoli. In settimana Thereau si è sottoposto a sedute di allenamento differenziato ''per recuperare questo tipo di malanno'', quello al ginocchio che ormai lo affligge da qualche tempo. Ma ieri e oggi si è ''allenato bene'' in gruppo. E quindi il tecnico friulano non è intenzionato a privarsi di quella che considera una delle pedine fondamentali della sua Udinese. "Per noi è importante avere giocatori di carisma; la squadra ha bisogno di gente che abbia impatto sulla partita importante", ha indicato. Pochi i dubbi del tecnico anche sulla formazione: "Non si discosta molto da quello di domenica scorsa. Stiamo bene. I giocatori che abbiamo a disposizione possono giocare tutti dal primo minuto". Il ballottaggio è tra Hallfredsson e Kums a centrocampo. Plauso agli uomini al lavoro a Rigopiano.

15:44Trump: donne in piazza a Milano contro neo presidente

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Anche a Milano donne in protesta contro il nuovo presidente americano Donald Trump. Circa un centinaio di manifestanti si sono radunate in piazza della Scala, di fronte a Palazzo Marino sede del Comune di Milano, per l'iniziativa 'Women's March' che oggi si tiene a Washington e in varie parti del mondo contro il neo presidente Usa, che ieri si è insediato ufficialmente. Le donne hanno dei cartelli con le scritte: 'Love not hate' (amore non odio), oppure 'Dump Trump' (butta via Trump), su altri viene riportato uno degli slogan della campagna della candidata democratica sconfitta alle elezioni Hillary Clinton, 'Women rights are human rights'. Tra le donne presenti in piazza, che si sono ritrovate anche tramite un passaparola sui social, ci sono anche alcune americane che vivono a Milano, in piazza "per lottare contro le discriminazioni, per i diritti delle minoranze che Trump calpesta", ha spiegato una di loro. (ANSA).

15:24Calcio: sfogo Balotelli “razzismo legale a Bastia? Vergogna”

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Vergogna davvero, una vera vergogna". Si chiude così il messaggio postato oggi da Mario Balotelli sul suo profilo Instagram per denunciare il comportamento razzista dei tifosi del Bastia nei suoi confronti durante la partita di ieri di Ligue 1 tra la squadra corsa e il suo Nizza, finita 1-1. "E' normale che i tifosi del Bastia abbiano fatto versi da scimmia e 'uh uh' per l'intera partita e nessuno della commissione disciplinare dica nulla? - scrive l'attaccante del Nizza - Dunque il razzismo è legale in Francia? O lo è solo a Bastia? Il calcio è un bello sport, ma persone come i tifosi del Bastia lo rendono orribile! Vergogna davvero. Una vera vergogna", conclude Balotelli, che accompagna allo sfogo una foto completamente nera.

15:19Bus ungherese: inchiesta per omicidio colposo plurimo

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Omicidio colposo plurimo stradale: è il titolo di reato del fascicolo contro ignoti aperto dalla procura della repubblica di Verona sull'incidente che ha causato la morte di 16 persone che erano a bordo del pullman ungherese partito ieri mattina dalla Francia per fare ritorno a Budapest dopo una vacanza scolastica sulle nevi. La procura veronese, nel rispetto delle questioni giudiziarie legate a quella che si annuncia come un'inchiesta complessa per stabilire le cause e le eventuali responsabilità dell'incidente, ha espresso piena disponibilità a incontrare i familiari e le autorità ungheresi. (ANSA).

15:14Rigopiano: prefettura, 23 i dispersi per ora segnalati

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il bilancio della valanga che ha colpito l'hotel Rigopiano è per ora di nove persone salvate, 5 vittime recuperate e 23 dispersi. Lo comunica la prefettura di Pescara. I dispersi sono persone risultanti sulla lista ufficiale degli ospiti della struttura e da altre segnalazioni ricevute; si tratta comunque, precisa la prefettura, di una lista la cui composizione è soggetta a continue verifiche.

Archivio Ultima ora