Giovanni Di Salvo racconta: “Quando le ballerine danzavano col pallone”

Pubblicato il 26 gennaio 2016 da redazione

portada çballerine-pallone

CARACAS – I campioni del mondo sono gli Stati Uniti, il miglior allenatore del 2015 é Jill Ellis (vanta ben 3 titoli iridati in bacheca), il pallone d’oro é stato vinto da Carli Lloyd. Se non l’avete capito vi stiamo parlando di calcio femminile.

Forse pochi sanno che il calcio in rosa ha 121 anni di vita. Le sue origini le troviamo a Londra, dov e il 23 marzo del 1895 si giocò la prima partita fra donne che si ricordi. Per la cronaca la gara si disputò tra Inghilterra del nord e Inghilterra del sud, con il risultato di 7-1 in favore delle settentrionali.

In Italia, invece, arrivò solo nel 1933 a Milano col Gruppo Femminile Calcistico. Ben presto però le ragazze furono costrette a mettere il pallone in soffitta perché il calcio femminile venne ostracizzato dal CONI. Furono le ballerine a dare nuova spinta al movimiento nei primi anni del secondo dopo guerra in quanto iniziarono ad esibirsi non solo sui palchi dei teatri ma anche nei campi da gioco.

A piccoli passi il calcio femminile entrò nella famiglia della FIGC e nel 1986 venne inserita in ámbito della Lega Nazionale Dilettanti. Seguirono l’istituzione della Divisione Calcio Femminile e la sua recente trasformazione in Dipartimento.

Ci sono molte persone che ancora non accettano l’idea di vedere 22 ragazze in pantaloncini corti che corrono dietro a un pallone e tantomeno festeggiare un gol togliendosi la maglietta. Ma questo è uno sport che poco a poco sta guadagnandosi il suo spazio a livello mondiale, tant’è vero che è stato inserito nel programma olimpico dalle Olimpiadi di Atlanta (Usa) 1996. In quell’occasione, ad imporsi furono le padrone di casa.

L’autore siciliano Giovanni Di Salvo ha pubblicato un libro dal titolo “Quando le ballerine danzavano col pallone”.

“Il libro – spiega l’autore – vuole essere un’occasione per mostrare quanto le donne hanno dovuto lottare per giocare a calcio. Sembra una cosa strana ma non lo è. Fino al 1933 era necessario un parere medico per poter disputare delle partite. Il Coni poi vietò di praticare calcio e pugilato femminile. Si riprese solo negli anni ‘60 con le ballerine che erano solite concludere le loro esibizioni con una partita locale. Ci fu un risultato clamoroso che vide le donne giocare contro giornalisti uomini, con uno straordinario 3 a 2 che riempì i titoli dei giornali”.

Le sue 275 pagine raccolgono frammenti di storia, personaggi e defunte federazioni che rischiano di perdersi nelle pieghe del tempo. Non mancano aneddoti, curiosità e note di colore: dalla partita di beneficenza tra selezioni di universitari e arbitrata dal noto comico palermitano Franco Franchi, alla calciatrice “Miss” Paola Bresciano, che dopo aver ottenuto la fascia di più bella d’Italia si assicurò le gambe per un importo di mezzo miliardo delle vecchie lire, fino alle gemelline di Piacenza, che pur di giocare a pallone si travestirono da maschi. Un capitolo esamina il calcio femminile nelle sue altre incarnazioni: il calcio a 5 e ilbeach soccer.

Nell’opinione comune la ballerina rappresenta il massimo della femminilità mentre la calciatrice il punto più basso.

“Questo libro tenta di abbattere questi pregiudizi perché vuole dimostrare che c’è bellezza e dignità nel giocare a pallone”.

Il calcio femminile è trattato a 360° perché un capitolo esamina anche il futsal e il beach soccer e vengono accennate tutte le tappe significative del suo sviluppo: l’introduzione alle Olimpiadi, l’istituzione dei Mondiali, la nascita della Champion’s League ecc.

“La nostra numerosa comunità presente nel Regno Unito, oltre che essere appassionata di calcio femminile, è molto legata alla propria terra d’origine” conclude l’autore Giovanni Di Salvo “Perciò mi auguro che questo libro possa anche essere un ponte tra il Venezuela e l’Italia”.

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora