Per il Fmi Venezuela rischia “implosione” economica nel 2016

People queue up outside a supermarket in Caracas on January 13, 2015. AFP PHOTO/FEDERICO PARRA
People queue up outside a supermarket in Caracas on January 13, 2015. AFP PHOTO/FEDERICO PARRA

NEW YORK. – L’economia del Venezuela si sta avviando verso una “implosione”, con “terribili” conseguenze sociali: questo il duro monito lanciato dal responsabile del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) per l’America Latina, Alejandro Werner.

In un dibattito economico a New York, Werner ha ricordato le previsioni del Fmi per il 2016: oltre 700% di inflazione e una contrazione del 10% del Pil, dopo che nel 2015 si è registrata un’inflazione del 200% con una contrazione dell’8% del Pil.

Lo scorso 15 gennaio, la Banca Centrale del Venezuela – dopo oltre un anno senza rendere noti i dati macroeconomici – ha informato da parte sua che nel 2015 l’inflazione è stata del 141,5% e la contrazione del Pil del 7,1%.
Werner ha sottolineato che per affrontare la drammatica crisi, acuita dal crollo dei prezzi internazionali del petrolio, “è necessario ridurre il settore pubblico” e soprattutto rilanciare la produzione privata, “ristabilendo una economia di mercato”.