Senatore Claudio Micheloni, chiesti chiarimenti sulla posizione degli ex-emigrati nell’ambito del Voluntary Disclosure

Pubblicato il 27 gennaio 2016 da redazione

svizzera

ROMA – In occasione della discussione alla Commissione Esteri del Senato del provvedimento di “Ratifica ed esecuzione del Protocollo, che modifica la Convenzione tra la Repubblica italiana e la Confederazione svizzera per evitare le doppie imposizioni e per regolare altre questioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio”, il senatore eletto nella ripartizione Europa Claudio Micheloni(Pd), relatore del ddl 2125 alla 3° Commissione, ha deciso di non presentare la sua relazione, sospendendo di fatto la ratifica, per via delle mancate risposte (più volte sollecitate) del Governo italiano circa alcune violazioni della doppia imposizione da parte della Svizzera.

Il senatore ha anche ribadito l’urgenza di chiarire la posizione degli ex-emigrati (ex-aire) circa la Voluntary Disclosure, considerandoli fuori dalla dichiarazione volontaria.

“Chiedo ancora un po’ di tempo per permettere al Governo di rispondere alle mie domande, – ha esordito nel suo intervento in Commissione Claudio Micheloni – perché le risposte fornite dal sottosegretario Giro sono limitate ad un estratto di accordi del 1976, che conoscevo già vista la mia venerabile età. Il problema che sollevo, – ha spiegato Micheloni – non è legato alla ratifica di questo accordo ma alla fase di negoziazione dell’accordo stesso.

Abbiamo più volte sollecitato il Governo (anzi, i Governi che si sono succeduti in questa fase di negoziati) ad affrontare i problemi fiscali sulle doppie imposizioni riguardanti più di mezzo milione di italiani che vivono in Svizzera. Ma tali sollecitazioni sono state totalmente ignorate dai nostri negoziatori. Voglio portare qui un esempio per precisare la domanda che pongo al Governo italiano.

Alla fine di questo anno scadrà in Svizzera la possibilità per i cittadini italiani di dichiarare gli immobili posseduti in Italia (si tratta soprattutto di case, terreni ed altri beni ereditati) che non sono stati dichiarati fino ad ora al fisco svizzero, perché per molti anni quest’obbligo non era previsto in Svizzera. Nell’accordo di non doppia imposizione risulta che il fisco svizzero deve tassare questi beni solo per la cosiddetta fortuna, che sarebbe una tassa sul patrimonio, in quanto in Italia questa tassa non esiste.

Alcuni cantoni – ha proseguito il senatore – (ad esempio il cantone di Neuchâtel, ma ce ne sono molti altri), invece, non solo applicano una tassa sul patrimonio, ma addirittura calcolano un rendimento di questi immobili, come se fosse affittato. Il calcolo è teorico e non reale, ma viene comunque inserito nel reddito dei nostri cittadini in Svizzera.

Il tutto è tassato attorno ai 30/40%. Ciò rappresenta però una violazione dell’accordo di non doppia imposizione, che penalizza centinaia di migliaia di italiani. Ho chiesto più volte al Governo italiano di intervenire e chiarire questo comportamento del fisco Svizzero, ma con i risultati che sapete. Ribadisco in questa occasione che sto aspettando delle risposte”.

Micheloni ha inoltre chiesto chiarimenti anche sulla situazione dei nostri ex-iscritti Aire (vale a dire, ex-emigrati che sono rientrati in Italia). “Anche qui, – ha ribadito il senatore del Pd – mi sono stancato di aspettare, avendo proposto emendamenti al decreto, riproposto emendamenti alla Legge di Stabilità per risolvere questo problema, che è un problema di definizione.

Con l’entrata in vigore della norma sulla Dichiarazione Volontaria (Voluntary Disclosure) oggi i nostri ex-emigrati sono considerati degli evasori, non solo per il diritto italiano ma anche per le banche svizzere. Per quanto riguarda la doppia imposizione, avevamo organizzato già quattro cinque anni fa un incontro tra i due Senati, italiano e svizzero. Sugli altri punti riguardanti gli ex-emigrati e gli ex-frontalieri, abbiamo proposto emendamenti, ma ci troviamo davanti ad un muro di gomma.

Nel frattempo, è cambiata anche la norma europea riguardante il rapporto con i lavoratori transfrontalieri. Il Governo italiano ha firmato un nuovo accordo con la Svizzera qualche mese fa. Ho fatto richiesta del testo ma non riesco ancora ad averlo. Questo vuol dire che stiamo lavorando su questi temi, partecipando a dibattiti, non avendo nemmeno il testo di riferimento. Ci dobbiamo accontentare di ciò che ci riferiscono a voce.

Vi rendete conto – ha affermato Micheloni – che non riusciamo nemmeno ad avere il testo di un accordo firmato dal nostro Governo? Se il lavoro di parlamentare non consente neanche di ottenere delle risposte da parte del Governo, negative o positive che siano (tutte sono legittime purché ci siano), allora direi, dopo aver rottamato il Senato, perché non rottamiamo anche la Camera? Facciamo andare avanti solo i tecnici e i ministri? Capite che non è più sostenibile questa situazione”.

Caro presidente, – ha concluso Micheloni sottolineando la necessità di avere delle risposte prima di mettere ai voti la ratifica del provvedimento – se non ottengo risposte da parte del Governo italiano su come intende affrontare i temi posti con il Governo svizzero, non presento nessuna relazione sulla ratifica. Consideri che le scadenze stanno andando avanti. In Svizzera le penali sono tra il 100% e il 300%. Un cittadino ha ricevuto un adeguamento fiscale di 66 mila franchi svizzeri, che con un’eventuale penale potrebbe arrivare fino a 180 mila franchi”.

“Noi abbiamo capito perfettamente che il problema che solleva il collega non è tanto riferito a questo atto parlamentare, ma all’interpretazione legislativa adottata nell’ambito di qualche cantone svizzero; – ha affermato il presidente della Commissione Esteri Pier Ferdinando Casini – siamo in presenza di una situazione che diventa assai perniciosa per i nostri connazionali, perché a fronte di interpretazioni corrette che alcuni cantoni danno, altre sono molto discutibili, e comunque non abbiamo la certezza del diritto nell’interlocuzione con l’autorità svizzera”.

Casini ha anche annunciato l’invio di una lettera, al fine di acquisire chiarimenti su questo tema, al ministro degli Esteri Gentiloni. Una missiva in cui, per quanto riguarda il Ddl 2125, si ribadirà la necessità di sapere quali iniziative il Governo intenda assumere nei confronti delle autorità elvetiche per garantire ai cittadini italiani residenti in Svizzera la certezza dei loro diritti e di capire come si voglia procedere per chiarire la posizione degli ex-emigrati ed ex-frontalieri rientrati in Italia sulla questione della Voluntary Disclosure.

Ultima ora

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

00:12Indonesia: due kamikaze si fanno esplodere, tre agenti morti

(ANSA) - GIACARTA, 24 MAG - Almeno tre agenti di polizia sono rimasti uccisi e una decina di altre persone, fra cui cinque agenti, sono rimaste ferite in Indonesia, dove due kamikaze si sono fatti esplodere la scorsa notte a pochi minuti l'uno dall'altro in una stazione di autobus nell'affollato quartiere orientale di Kampung Melayu, a Giacarta, capitale federale della più popolata nazione a maggioranza islamica del mondo. Il portavoce della polizia ha confermato quanto si era saputo in precedenza sulla dinamica del duplice attentato, compiuto, ha detto, da due terroristi suicidi, entrambi uomini, che si aggiungono al computo delle vittime. La zona è piena di agenti, con artificieri e unità cinofile. Filmati ripresi da passanti con il cellulare e postati su Youtube mostrano un poliziotto ferito portato in ambulanza in barella. Un altro filmato mostra brandelli di carne sparsi a terra sul marciapiede. In Indonesia, da anni si combatte contro formazioni jihadiste, prima legate ad Al Qaida, ora con militanti collegati all'Isis.

00:05Calcio: Darmian, vittoria per le vittime di Manchester

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È stato un percorso lunghissimo e faticoso; la nostra presenza qui in finale non era scontata. È stata una partita difficile, ma abbiamo meritato di vincere questo trofeo che il club non aveva mai vinto nella sua storia. E poi con questo pubblico meraviglioso...". Lo ha detto Matteo Darmian a Sky Sport poco dopo la conquista dell'Europa League con lo United, nella finale di Stoccolma contro l'Ajax, a 48 ore dall'attentato terroristico di Manchester. "È stato un avvenimento drammatico che ci lascia un po' di amaro in bocca, nonostante questa fantastica serata - ha osservato il difensore - La vittoria è per tutte le vittime e per le persone che stanno soffrendo". Tornando a parlare di calcio, poi, Darmian ha dribblato la domanda sui suoi rapporti con il tecnico José Mourinho. "Io ho cercato sempre di lavorare - ha detto l'ex granata - Queste sono serate che ogni giocatore si augura di giocare: fortunatamente ne ho avuto l'opportunità e l'ho sfruttata. Ma l'importante è che la squadra abbia vinto".

23:41Manchester: Telegraph, arrestata una donna

(ANSA) - MANCHESTER 24 MAG - Una donna è stata arrestata a Manchester, in relazione all'attacco suicida di lunedì sera, che ha provocato la morte di almeno 22 persone e decine di feriti al termine del concerto di Ariana Grande, nell'Arena della città inglese. Lo scrive su Twitter il Telegraph. Secondo l'emittente Itv, l'arresto è frutto di una operazione armata della polizia locale e di unità antiterrorismo, in un quartiere di torri residenziali a nord della città. Testimoni hanno sentito una forte esplosione, mentre la polizia penetrava in serata in una palazzina di Northland Road a Blackley. Uno degli abitanti del quartiere, Chris Barlow, ha detto di aver parlato con uno degli agenti dell'unità antiterrorismo, secondo cui la polizia ha fatto saltare per aria la porta di uno degli appartamenti e ha portato via un paio di persone. Secondo fonti della polizia di Manchester "c'è stata una perquisizione e una donna è stata arrestata in relazione all'inchiesta sull'incidente all'Arena di Manchester".

Archivio Ultima ora