Senatore Claudio Micheloni, chiesti chiarimenti sulla posizione degli ex-emigrati nell’ambito del Voluntary Disclosure

Pubblicato il 27 gennaio 2016 da redazione

svizzera

ROMA – In occasione della discussione alla Commissione Esteri del Senato del provvedimento di “Ratifica ed esecuzione del Protocollo, che modifica la Convenzione tra la Repubblica italiana e la Confederazione svizzera per evitare le doppie imposizioni e per regolare altre questioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio”, il senatore eletto nella ripartizione Europa Claudio Micheloni(Pd), relatore del ddl 2125 alla 3° Commissione, ha deciso di non presentare la sua relazione, sospendendo di fatto la ratifica, per via delle mancate risposte (più volte sollecitate) del Governo italiano circa alcune violazioni della doppia imposizione da parte della Svizzera.

Il senatore ha anche ribadito l’urgenza di chiarire la posizione degli ex-emigrati (ex-aire) circa la Voluntary Disclosure, considerandoli fuori dalla dichiarazione volontaria.

“Chiedo ancora un po’ di tempo per permettere al Governo di rispondere alle mie domande, – ha esordito nel suo intervento in Commissione Claudio Micheloni – perché le risposte fornite dal sottosegretario Giro sono limitate ad un estratto di accordi del 1976, che conoscevo già vista la mia venerabile età. Il problema che sollevo, – ha spiegato Micheloni – non è legato alla ratifica di questo accordo ma alla fase di negoziazione dell’accordo stesso.

Abbiamo più volte sollecitato il Governo (anzi, i Governi che si sono succeduti in questa fase di negoziati) ad affrontare i problemi fiscali sulle doppie imposizioni riguardanti più di mezzo milione di italiani che vivono in Svizzera. Ma tali sollecitazioni sono state totalmente ignorate dai nostri negoziatori. Voglio portare qui un esempio per precisare la domanda che pongo al Governo italiano.

Alla fine di questo anno scadrà in Svizzera la possibilità per i cittadini italiani di dichiarare gli immobili posseduti in Italia (si tratta soprattutto di case, terreni ed altri beni ereditati) che non sono stati dichiarati fino ad ora al fisco svizzero, perché per molti anni quest’obbligo non era previsto in Svizzera. Nell’accordo di non doppia imposizione risulta che il fisco svizzero deve tassare questi beni solo per la cosiddetta fortuna, che sarebbe una tassa sul patrimonio, in quanto in Italia questa tassa non esiste.

Alcuni cantoni – ha proseguito il senatore – (ad esempio il cantone di Neuchâtel, ma ce ne sono molti altri), invece, non solo applicano una tassa sul patrimonio, ma addirittura calcolano un rendimento di questi immobili, come se fosse affittato. Il calcolo è teorico e non reale, ma viene comunque inserito nel reddito dei nostri cittadini in Svizzera.

Il tutto è tassato attorno ai 30/40%. Ciò rappresenta però una violazione dell’accordo di non doppia imposizione, che penalizza centinaia di migliaia di italiani. Ho chiesto più volte al Governo italiano di intervenire e chiarire questo comportamento del fisco Svizzero, ma con i risultati che sapete. Ribadisco in questa occasione che sto aspettando delle risposte”.

Micheloni ha inoltre chiesto chiarimenti anche sulla situazione dei nostri ex-iscritti Aire (vale a dire, ex-emigrati che sono rientrati in Italia). “Anche qui, – ha ribadito il senatore del Pd – mi sono stancato di aspettare, avendo proposto emendamenti al decreto, riproposto emendamenti alla Legge di Stabilità per risolvere questo problema, che è un problema di definizione.

Con l’entrata in vigore della norma sulla Dichiarazione Volontaria (Voluntary Disclosure) oggi i nostri ex-emigrati sono considerati degli evasori, non solo per il diritto italiano ma anche per le banche svizzere. Per quanto riguarda la doppia imposizione, avevamo organizzato già quattro cinque anni fa un incontro tra i due Senati, italiano e svizzero. Sugli altri punti riguardanti gli ex-emigrati e gli ex-frontalieri, abbiamo proposto emendamenti, ma ci troviamo davanti ad un muro di gomma.

Nel frattempo, è cambiata anche la norma europea riguardante il rapporto con i lavoratori transfrontalieri. Il Governo italiano ha firmato un nuovo accordo con la Svizzera qualche mese fa. Ho fatto richiesta del testo ma non riesco ancora ad averlo. Questo vuol dire che stiamo lavorando su questi temi, partecipando a dibattiti, non avendo nemmeno il testo di riferimento. Ci dobbiamo accontentare di ciò che ci riferiscono a voce.

Vi rendete conto – ha affermato Micheloni – che non riusciamo nemmeno ad avere il testo di un accordo firmato dal nostro Governo? Se il lavoro di parlamentare non consente neanche di ottenere delle risposte da parte del Governo, negative o positive che siano (tutte sono legittime purché ci siano), allora direi, dopo aver rottamato il Senato, perché non rottamiamo anche la Camera? Facciamo andare avanti solo i tecnici e i ministri? Capite che non è più sostenibile questa situazione”.

Caro presidente, – ha concluso Micheloni sottolineando la necessità di avere delle risposte prima di mettere ai voti la ratifica del provvedimento – se non ottengo risposte da parte del Governo italiano su come intende affrontare i temi posti con il Governo svizzero, non presento nessuna relazione sulla ratifica. Consideri che le scadenze stanno andando avanti. In Svizzera le penali sono tra il 100% e il 300%. Un cittadino ha ricevuto un adeguamento fiscale di 66 mila franchi svizzeri, che con un’eventuale penale potrebbe arrivare fino a 180 mila franchi”.

“Noi abbiamo capito perfettamente che il problema che solleva il collega non è tanto riferito a questo atto parlamentare, ma all’interpretazione legislativa adottata nell’ambito di qualche cantone svizzero; – ha affermato il presidente della Commissione Esteri Pier Ferdinando Casini – siamo in presenza di una situazione che diventa assai perniciosa per i nostri connazionali, perché a fronte di interpretazioni corrette che alcuni cantoni danno, altre sono molto discutibili, e comunque non abbiamo la certezza del diritto nell’interlocuzione con l’autorità svizzera”.

Casini ha anche annunciato l’invio di una lettera, al fine di acquisire chiarimenti su questo tema, al ministro degli Esteri Gentiloni. Una missiva in cui, per quanto riguarda il Ddl 2125, si ribadirà la necessità di sapere quali iniziative il Governo intenda assumere nei confronti delle autorità elvetiche per garantire ai cittadini italiani residenti in Svizzera la certezza dei loro diritti e di capire come si voglia procedere per chiarire la posizione degli ex-emigrati ed ex-frontalieri rientrati in Italia sulla questione della Voluntary Disclosure.

Ultima ora

18:24Catalogna: Ue, rispettiamo Costituzione spagnola

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - "Rispettiamo l'ordine costituzionale della Spagna come facciamo con tutti gli stati membri" ed è "in seno a questo che tutte queste questioni dovranno o potranno essere affrontate". Lo ha ribadito il portavoce della Commissione Ue Margaritis Schinas sulla Catalogna. "Abbiamo già espresso più volte la posizione della Commissione" sulle questioni degli indipendentismi nazionali e, anche alla luce di un possibile ruolo di mediazione tra Madrid e Barcellona, questa "non ha che le competenze attribuitele". "La posizione risale al 2004 e passa per il rispetto del quadro costituzionale e dell'ordine giuridico di ogni stato membro".

18:21Kenya: fissate nuove elezioni al 26 ottobre

(ANSA-AP) - NAIROBI, 21 SET - La Commissione elettorale del Kenya ha annunciato di aver fissato la data per nuove elezioni presidenziali al prossimo 26 ottobre. Il primo settembre scorso la Corte Suprema del Kenya aveva fatto sapere di aver riscontrato irregolarità nelle recenti elezioni presidenziali che hanno visto la riconferma di Uhuru Kenyatta e aveva ordinato un nuovo voto entro 60 giorni. Quattro dei sei giudici della Corte suprema avevano votato in favore della petizione presentata dal principale sfidante di Kenyatta e suo storico oppositore Raila Odinga, che contestava l'esito del voto dell'8 agosto scorso, denunciando brogli. Lo stesso giorno, il presidente Uhuru Kenyatta, esprimendo il proprio "personale disappunto" ha affermato di accettare la decisione della Corte Suprema, anche se, ha affermato, "ha deciso di andare contro la volontà del popolo".

18:19Coni: Malagò, 19/12 cerimonia Collari d’Oro con Gentiloni

(ANSA) - ANCONA, 21 SET - Si terrà il 19 dicembre alla presenza del premier Paolo Gentiloni e del ministro Luca Lotti, e in diretta tv sulla Rai, la cerimonia per l'assegnazione dei Collari d'oro, la massima onorificenza del Coni, ai campioni del mondo delle stagioni passate in cui il riconoscimento non era ancora stato istituito. L'ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò, nella conferenza stampa dopo la riunione della giunta, tenutasi ad Ancona. "In quell'occasione - ha detto - inviteremo tutti i campioni del mondo di sport a squadre che non hanno avuto l'onorificenza: la nazionale di calcio del 1982 (Bearzot e Scirea saranno rappresentati da loro familiari), gli atleti della pallavolo e un atleta della pallanuoto". Nello stesso giorno è in programma la messa per gli sportivi, che ''per la prima volta, per motivi logistici, non sarà a San Pietro ma in una chiesa vicina alla nostra sede".

18:12Passa una notte bloccato nel fango, anziano salvato

(ANSA) - PIACENZA, 21 SET - Ha trascorso un giorno e una notte immobile in un canale pieno di acqua e di fango, in attesa che qualcuno lo trovasse. Si è conclusa fortunatamente nel migliore dei modi la disavventura accaduta a un anziano di Piacenza che questa mattina è stato trovato riverso in un canale di campagna vicino al San Rocco al Porto, in provincia di Lodi, a pochi chilometri da Piacenza. L'uomo, ieri mattina, a bordo della sua auto era rimasto impantanato in aperta campagna. Sceso per controllare, appena ha aperto la portiera non si è accorto del canale di fianco e vi è precipitato finendo nella melma e non più in grado di muoversi a causa della caduta. Scattate le ricerche, una pattuglia dei carabinieri, notata la sua vettura abbandonata, si è avvicinata e lo ha trovato ancora vivo. Sul posto i vigili del fuoco di Piacenza e il 118 per riportarlo in salvo. Poi il trasporto con l'ambulanza in ospedale, ma non si troverebbe in pericolo.(ANSA).

18:10Calcio: Moratti, a Inter manca giocatore fantasia

(ANSA) - MILANO - "Oggi nell'Inter non c'è un giocatore che accende la fantasia come succedeva con Recoba. E' una squadra ordinata in cui ognuno fa il suo, forse Perisic ha più classe degli altri ma non c'è un giocatore che sia sorprendente come Recoba. Io lo apprezzavo perché svegliava i miei sogni": lo dice l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, in un'intervista a Sportitalia. "Mi diverte vedere i giocatori delle altre squadre e capire quali sono interessanti. Certamente - continua l'ex patron - ci sono giocatori giovani italiani come Chiesa e come Verdi che giocano molto bene. Moratti ha parole positive per Mauro Icardi: "Ha lo stile da vero centravanti. Ha tantissime qualità anche umane, non si spaventa ed ha grandi doti umane. Infine l'ex presidente commenta l'introduzione della Var a"La considero una novità positiva. Nel 90% dei casi - spiega - la decisione che viene presa risulta corretto. Purtroppo toglie un po' di emotività ma di certo priva l'arbitro di un elemento di discussione".

18:09Trump su copertina Newsweek, ‘pazzo fuori di testa’

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - "Insane in the membrane": un pazzo fuori di testa, un cervello bacato. Newsweek dedica, con questo titolo, la copertina del suo prossimo numero a Donald Trump. Il presidente americano e' immortalato di profilo, in bianco e nero. Nel sottotitolo il magazine scrive: "Come la destra ha perso la testa, venduto la sua anima e appoggiato Donald Trump".

18:04Moto: Pernat, Rossi in pista? Non avevo dubbi

(ANSA) - GENOVA, 21 SET - "Rossi in pista? Non avevo dubbi". Carlo Pernat, il manager che ha lanciato Rossi nel Motomondiale, risponde così all'ANSA sul via libera per Valentino Rossi nel Gp di Aragon. "Tre settimane fa avevo detto che si sarebbe presentato ad Aragon: Valentino è troppo forte con la testa, senza contare che la frattura era composta e questo ha aiutato - ha spiegato Pernat -, conoscendolo ero sicuro che ci avrebbe provato. Mi ricordo un episodio simile capitato nel '92 con Alex Gramigni: venne investito a 20 giorni dalla prova del Mugello e si ruppe tibia e perone. Con il dottor Costa decidemmo di operarlo subito e alla fine corse al Mugello conquistando 6 punti. Quell'anno poi vinse il Mondiale".

Archivio Ultima ora