Morto dopo Tso: barelliere a 118, lo hanno fatto soffocare

(ANSA) – TORINO, 28 GEN – L’intervento su Andrea Soldi, il quarantacinquenne malato di schizofrenia morto a Torino lo scorso 5 agosto durante un ricovero forzato, “secondo me è stato un po’ invasivo: lo hanno preso per il collo e fatto un po’ soffocare”. E’ quanto disse un barelliere-autista dell’ambulanza in una conversazione telefonica con la centrale operativa del 118. L’audio integrale, depositato agli atti dell’inchiesta della procura di Torino, è stato diffuso oggi dal sito internet del Corriere della Sera. “Io non volevo farlo – aggiunge – ma loro mi hanno ordinato di metterlo a pancia in giù e portarlo così”. Per la morte di Soldi la procura di Torino ha chiuso formalmente l’inchiesta: gli indagati sono tre agenti della polizia municipale e lo psichiatra. “Le dichiarazioni del barelliere hanno già trovato smentita negli atti dell’indagine – sostiene l’avvocato Anna Ronfani, difensore dello psichiatra -. Lo evidenzieremo nelle sedi opportune”.(ANSA).

Condividi: