La Casa Bianca va allo scontro, Putin è corrotto

Pubblicato il 28 gennaio 2016 da redazione

Russian President Vladimir Putin, right, and U.S. President Barack Obama, rear, attend the COP21 UN Conference on Climate Change in Paris, France, Monday, Nov. 30, 2015. (Mikhail Klimentyev/Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)

Russian President Vladimir Putin, right, and U.S. President Barack Obama, rear, attend the COP21 UN Conference on Climate Change in Paris, France, Monday, Nov. 30, 2015. (Mikhail Klimentyev/Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)

WASHINGTON. – Scende un nuovo gelo tra Washington e Mosca dopo che la Casa Bianca ha condiviso il giudizio, espresso nei giorni scorsi da un dirigente del Tesoro, che Putin è corrotto. Mai prima l’amministrazione Obama era stata così esplicita nel puntare il dito direttamente contro lo zar e il suo presunto tesoro segreto, valutato nel 2007 dalla Cia in circa 40 miliardi di dollari.

A far spirare nuovi venti di guerra fredda sono le parole di Josh Earnest, il portavoce della Casa Bianca, che assesta un altro duro colpo all’immagine di Putin dopo l’ipotesi formulata dalla pubblica accusa britannica che il leader russo abbia “probabilmente” approvato l’uccisione dell’ex spia del Kgb Alexander Litvinenko.

“Riflette al meglio la visione dell’ amministrazione”, ha risposto Earnest ad un cronista che gli chiedeva di esprimersi sulle dichiarazioni rilasciate recentemente alla Bbc da Adam Szubin, sottosegretario facente funzione al Tesoro, che ha accusato il leader del Cremlino di essere corrotto sostenendo che Washington lo saprebbe da molti anni.

“Ha un presunto stipendio statale di circa 110 mila dollari all’anno, questa non è una dichiarazione precisa della sua ricchezza, si è preparato ed ha messo in atto i modi per mascherare la sua attuale ricchezza”, ha denunciato, senza però scendere nei particolari, come quelli rivelati da alcuni ex insider caduti in disgrazia. Ad esempio Olympia, lo yacht da 35 milioni di dollari che gli avrebbe regalato l’oligarca Roman Abramovich, il patron del Chelsea, i cui legali però hanno smentito.

Ma sul tesoro di Putin si favoleggia da anni: ville, dacie, aerei, orologi, ma soprattutto partecipazioni nei colossi di stato, da Gazprom a Surgutneftegz. Tanto che già nel 2008 lo stesso presidente russo era intervenuto personalmente per liquidare come “spazzatura” la notizia che lo indicava come l’uomo più ricco d’Europa.

Ma i sospetti che lui continui ad accumulare fortune, anche tramite la corruzione, non si sono mai fermati: dalle Olimpiadi di Sochi 2014 ai Mondiali di calcio 2018. Accuse spesso rilanciate dall’oppositore Alexiei Navalni, il nemico numero uno di Putin, ma senza mai prove evidenti. A parte forse la progressiva ascesa nelle classifiche dei Paperoni russi dei suoi amici ed alleati.

“Noi abbiamo visto come si siano arricchiti i suoi amici, i suoi alleati più stretti, e come siano stati marginalizzati coloro che egli non vede come amici. Che si tratti delle ricchezze energetiche della Russia, o di altri contratti statali, egli le indirizza verso coloro che crede servano ai suoi fini ed esclude coloro che non servono. Per me questo è un quadro di corruzione”, ha spiegato Szubin alla Bbc.

Affermazioni che hanno scatenato l’ira del Cremlino. Il portavoce del presidente, Dmitri Peskov, aveva già chiesto agli Usa di tirare fuori le prove. “Muovere accuse simili per un ente come il ministero delle Finanze Usa senza sostenerle con delle prove concrete getta un’ombra sull’ente stesso”, aveva tuonato. Ora per Mosca l’onere prove ricade sulla Casa Bianca.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:44Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della sesta giornata di ritorno della Superlega di pallavolo: Calzedonia Verona - Diatec Trentino 1-3 Lube Civitanova - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Wixo Piacenza 2-3 BCC Castellana Grotte - Gi Group Monza 3-2 Taiwan Latina - Callipo Vibo Valentia 3-0 Kioene Padova - Bunge Ravenna 2-3 Sir Safety Perugia - Biosì Sora 3-0 - Classifica: Perugia 51; Civitanova 47; Modena 45; Trentino 33; Verona 32; Padova 30; Piacenza e Milano 29; Ravenna 27; Latina 22; Monza 19; Vibo Valentia 12; Castellana Grotte 10; Sora 7.

00:36Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della prima giornata del campionato di serie A di basket: GrissinBon Reggio E. - Sidigas Avellino 89-86 Red October Cantù - Banco Sardegna Sassari 102-96 Fiat Torino - Happy Casa Brindisi 68-82 Segafredo Bologna - Dolomiti Trentino 82-75 Umana Venezia - Openjobmetis Varese 63-75 Germani Brescia - VL Pesaro 88-70 The Flexx Pistoia - Betaland Capo d'Orlando 91-69 EA7 Armani Milano - Vanoli Cremona domani - Classifica: Brescia e Avellino 24; Milano e Venezia 22; Torino 20; Bologna e Cantù 18; Cremona e Sassari 16; Trentino 14; Reggio Emilia 12; Pistoia, Varese, Brindisi e Capo d'Orlando 10; Pesaro 8.

23:24Cav, Renzi ha chiuso con comunismo ma Pd rimasto senza anima

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Renzi ora è accusato di aver portato il Pd al 21% per il suo cattivo carattere, ma ha un merito: ha chiuso con la tradizione comunista del suo partito, ma non ha dato un'anima al Pd che ormai è una scatola vuota che si riempie solo con aspirazioni di potere". Lo afferma Silvio Berlusconi a "Non è l'Arena" su La7 parlando di Renzi.

23:19Shutdown: Statua Libertà e Ellis Island aperte,paga New York

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - La Statua della Liberta' e Ellis Island a New York saranno aperte domani ai visitatori, anche se lo shutdown dell'amministrazione federale Usa dovesse proseguire. Lo ha annunciato il governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo. Sara' infatti l'autorità statale a sostenere le spese necessarie per l'apertura dei siti compreso il salario dei dipendenti federali che vi lavorano. I due 'monumenti' - come gli altri nel Paese gestiti dalle autorità federali - sono rimasti chiusi a partire dalla mezzanotte di sabato quando è scattato lo shutdown. Cuomo ha spiegato che i siti sono vitali per l'industria del turismo. Da ciò la decisione di farsi carico della spesa per tenerli aperti, 65mila dollari al giorno, cifra inferiore rispetto alle entrate. La stessa decisione fu presa in occasione dello shutdown nel 2013 durante l'amministrazione Obama.

22:46Corea: Sud stregato da popstar del Nord, possibile concerto

(ANSA) - SEUL, 21 GEN - Tra flash di fotografi e grande attenzione dei media, Hyon Song Wol, leader della pop band tutta al femminile nordcoreana, le Moranbong, molto amata da Kim Jong Un, ha attraversato la zona demilitarizzata insieme ad una delegazione ufficiale di Pyongyang per visitare alcuni siti olimpici, e nella penisola coreana si vocifera di una sua esibizione musicale in occasione dei giochi olimpici invernali di Pyeongchang. Lo scrive il Guardian. Hyon Song Wol - che è apparsa in diretta alla tv sudcoreana mentre stringeva mani e saliva su un treno - ha infatti visitato alcune possibili arene per lo show, tra queste quella di Gangneung, dove parteciperà in ogni caso ad una performance artistica dell'ensemble Samjiyon (140 persone tra musicisti, cantanti e ballerini), concordata durante i colloqui al confine sulla partecipazione degli atleti di Pyeongyang ai Giochi. Hyon, che fa parte del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori nordcoreano, non ha rilasciato dichiarazioni.

22:40M5S: da Di Maio a Fico, i “big” capilista a plurinominali

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - I "big" del M55, stando alle liste dei vincitori delle parlamentarie, risultano tutti capolista ai plurinominali. Probabile - anche se c'è da considerare il fattore quote rosa - che gli esponenti siano stati anche i più votati. Primi nei loro collegi, infatti, risultano il leader M5S Luigi Di Maio, Roberto Fico, Paola Taverna, Carla Ruocco, Manlio Di Stefano, Danilo Toninelli. Primi Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro, esponenti molto vicini a Di Maio, e Carlo Sibilia in Campania.

22:21Calcio: Monchi, cerchiamo sempre innesti per il futuro

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Dzeko? Ora per noi sono importanti le prossime partite, quello che si farà sarà sempre pensando al meglio per la squadra. Lavoro 365 giorni all'anno, siamo sempre pronti a cercare innesti, ma non stiamo cercando un sostituto di Dzeko. Solo un giocatore per il futuro": lo dice il ds della Roma Monchi prima della partita contro l'Inter a San Siro. Il tema del mercato resta sempre al centro, anche per l'Inter che oggi accoglie Rafinha arrivato a Milano in serata. E il direttore sportivo Piero Ausilio racconta la trattativa: "E' stata difficile perché il Barcellona non voleva privarsene se non in prestito. Ma noi siamo l'Inter, non possiamo lavorare per gli altri. Abbiamo insistito per avere il diritto di un'opzione. Ci piace lavorare su giocatori che possono essere dell'Inter anche in futuro, se no non ci interessano". E sulle prossime operazioni: "Il mercato è imprevedibile, potremmo anche restare così. Nessun giocatore ci ha chiesto la cessione".

Archivio Ultima ora