La Casa Bianca va allo scontro, Putin è corrotto

Pubblicato il 28 gennaio 2016 da redazione

Russian President Vladimir Putin, right, and U.S. President Barack Obama, rear, attend the COP21 UN Conference on Climate Change in Paris, France, Monday, Nov. 30, 2015. (Mikhail Klimentyev/Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)

Russian President Vladimir Putin, right, and U.S. President Barack Obama, rear, attend the COP21 UN Conference on Climate Change in Paris, France, Monday, Nov. 30, 2015. (Mikhail Klimentyev/Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)

WASHINGTON. – Scende un nuovo gelo tra Washington e Mosca dopo che la Casa Bianca ha condiviso il giudizio, espresso nei giorni scorsi da un dirigente del Tesoro, che Putin è corrotto. Mai prima l’amministrazione Obama era stata così esplicita nel puntare il dito direttamente contro lo zar e il suo presunto tesoro segreto, valutato nel 2007 dalla Cia in circa 40 miliardi di dollari.

A far spirare nuovi venti di guerra fredda sono le parole di Josh Earnest, il portavoce della Casa Bianca, che assesta un altro duro colpo all’immagine di Putin dopo l’ipotesi formulata dalla pubblica accusa britannica che il leader russo abbia “probabilmente” approvato l’uccisione dell’ex spia del Kgb Alexander Litvinenko.

“Riflette al meglio la visione dell’ amministrazione”, ha risposto Earnest ad un cronista che gli chiedeva di esprimersi sulle dichiarazioni rilasciate recentemente alla Bbc da Adam Szubin, sottosegretario facente funzione al Tesoro, che ha accusato il leader del Cremlino di essere corrotto sostenendo che Washington lo saprebbe da molti anni.

“Ha un presunto stipendio statale di circa 110 mila dollari all’anno, questa non è una dichiarazione precisa della sua ricchezza, si è preparato ed ha messo in atto i modi per mascherare la sua attuale ricchezza”, ha denunciato, senza però scendere nei particolari, come quelli rivelati da alcuni ex insider caduti in disgrazia. Ad esempio Olympia, lo yacht da 35 milioni di dollari che gli avrebbe regalato l’oligarca Roman Abramovich, il patron del Chelsea, i cui legali però hanno smentito.

Ma sul tesoro di Putin si favoleggia da anni: ville, dacie, aerei, orologi, ma soprattutto partecipazioni nei colossi di stato, da Gazprom a Surgutneftegz. Tanto che già nel 2008 lo stesso presidente russo era intervenuto personalmente per liquidare come “spazzatura” la notizia che lo indicava come l’uomo più ricco d’Europa.

Ma i sospetti che lui continui ad accumulare fortune, anche tramite la corruzione, non si sono mai fermati: dalle Olimpiadi di Sochi 2014 ai Mondiali di calcio 2018. Accuse spesso rilanciate dall’oppositore Alexiei Navalni, il nemico numero uno di Putin, ma senza mai prove evidenti. A parte forse la progressiva ascesa nelle classifiche dei Paperoni russi dei suoi amici ed alleati.

“Noi abbiamo visto come si siano arricchiti i suoi amici, i suoi alleati più stretti, e come siano stati marginalizzati coloro che egli non vede come amici. Che si tratti delle ricchezze energetiche della Russia, o di altri contratti statali, egli le indirizza verso coloro che crede servano ai suoi fini ed esclude coloro che non servono. Per me questo è un quadro di corruzione”, ha spiegato Szubin alla Bbc.

Affermazioni che hanno scatenato l’ira del Cremlino. Il portavoce del presidente, Dmitri Peskov, aveva già chiesto agli Usa di tirare fuori le prove. “Muovere accuse simili per un ente come il ministero delle Finanze Usa senza sostenerle con delle prove concrete getta un’ombra sull’ente stesso”, aveva tuonato. Ora per Mosca l’onere prove ricade sulla Casa Bianca.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora