Ciclismo: Cassani, ‘Bici a motore? Io tra i primi a dirlo’

(ANSA) – ROMA, 01 FEB – “Io sono stato uno dei primi a lanciare l’allarme dicendo di stare attenti perché la bici elettrica esiste. Purtroppo siamo arrivati al giorno che è stata scovata”. Così il ct azzurro della squadra di ciclismo, Davide Cassani, commentando la scoperta di una bici a motore ai mondiali di ciclocross. Secondo Cassani non ci sono tuttavia rischi che il doping tecnologico possa estendersi al resto del ciclismo su strada: “Penso di no – afferma Cassani -, oggi ci sono gli strumenti per individuare qualsiasi manipolazione, quindi questo aiuta e penso che ci liberi da un possibile problema”. Parole pronunciate a margine della presentazione, presso la Casa delle Armi al Foro Italico, del progetto per Rio 2016. Proprio sull’avvicinamento ai prossimi Giochi, “sentiamo una grossa responsabilità – precisa Cassani, riferendosi alle aspettative di medaglia per il ciclismo -, ma abbiamo un percorso duro ma dove finalmente possiamo dire la nostra”.

Condividi: