Venezuela, dal crac economico all’emergenza sanitaria

Pubblicato il 01 febbraio 2016 da redazione

emergenza

Non il Governo, ma il Parlamento. Non il potere Esecutivo, in possesso delle statistiche necessarie per prendere la decisione e assumere le proprie responsabilità, ma il potere Legislativo, su richiesta delle organizzazioni legate all’ambito della salute. In Venezuela è stata decretata l’Emergenza Sanitaria. Una decisione che si attendeva da mesi, vista la mancanza cronica di medicine e nuovamente la presenza di malattie che erano state debellate dal Paese nel secolo scorso.

Malattie nuove, come il virus Zika; altre conosciute e bene o male controllate, come i virus del dengue e del chicunguya; e altre ancora debellate dal secolo scorso, come il paludismo, la scabbia, la tubercolosi e il “mal de Chaga”. Tutte patologie che oggi sono nuovamente tema di preoccupazione. E che dilagano a macchia d’olio specialmente nei quartieri più umili e nelle regioni più povere del Paese. Insomma, lì dove l’igiene personale resta una chimera.

Nonostante gli annunci rimbombanti del governo del Presidente Maduro, in Venezuela, oggi, manca di tutto. Non si tratta più solo di cibo o di prodotti per l’igiene. Neanche dell’umiliazione alla quale siamo soggetti a causa delle file e della necessità di deporre l’impronta digitale, per acquistare un litro di latte, un chilo di farina o una saponetta.

Oggi, il problema è ben più grave. E’ la mancanza di medicine che mette a repentaglio il benessere e la vita del venezuelano. Stando alle cifre conservatrici offerte da Ferfaven (Federación de Farmacias de Venezuela), si stima in oltre il 60 per cento la mancanza di farmaci. Ma altre fonti offrono cifre ancora più drammatiche.

La carenza di medicinali, stando agli esperti, è la conseguenza logica del debito del governo con i laboratori farmaceutici; un debito che sembrerebbe attestarsi attorno ai 3mila milioni di dollari e che non permette ai laboratori d’importare le materie prime per la produzione di medicinali.

E’ sempre più difficile per i venezuelani trovare una medicina in farmacia. Gli scaffali delle grandi catene farmaceutiche, ma anche quelli delle piccole farmacie, sono pieni di bevande gassate, patatine fritte, a volte biscotti ma non medicine. Sono queste le grandi assenti. Mancano gli antidolorifici e gli antifebbrili per bambini, le pasticche per il dolore di testa e il mal di gola, i farmaci antiacidi e digestivi, gli sciroppi per la tosse.

Insomma, le medicine più elementari e di uso comune. Ma non solo. Grandi assenti, nelle farmacie, sono anche gli antibiotici, gli antidepressivi, i farmaci antipertensivi e ipoglicemizzanti, gli anticoncettivi e le soluzioni per combattere l’Aids.

Se negli ospedali pubblici la carenza cronica di medicamenti si è andata aggravando, nelle cliniche private, solitamente ben rifornite, è ormai “codice rosso”. Mancano i biochimici e i reagenti per i laboratori, le lastre per gli esami di radiologia, e le materie prime per gli esami di medicina nucleare. Insomma, ospedali e cliniche, fatta eccezione per casi contati, non hanno le materie prime necessarie per effettuare gli esami diagnostici. Chi può, quindi, si reca nei centri specializzati in Colombia, Aruba e Curacao o nella vicina Miami. Ma questa è una soluzione alla portata di pochi, di pochissimi.

La cordata di solidarietà all’estero, per diminuire le difficoltà e ridurre le sofferenze dei venezuelani, non è sufficiente per sopperire alla grave mancanza di medicine nel paese. Ma aiutano. E infatti, ad esempio, è di grande aiuto la raccolta di medicine promossa in Abruzzo da “Aiuti Umanitari per il Venezuela”, con in prima linea il medico Eduardo Leombruni e gli italo-venezuelani Giovanni Secchi e Lorenzo Capellin. Essa è parte di un progetto di più amplio respiro nato in seno alla comunità venezuelana residente a Miami grazie all’impegno di Marisol Dieguez; un’iniziativa che è cresciuta e ha avuto un’amplia diffusione in tutta Europa.

In Abruzzo, le farmacie della Val Pescara e della Valle Peligna sono state tra le prime a organizzare una grande cordata di solidarietà. Le medicine sono inviate a orfanotrofi, anzianati, pompieri, organizzazioni religiose e Ong.

Anche in questa occasione, non si hanno cifre ufficiali della situazione sanitaria del Paese. Si sa, perché lo ha affermato il ministro della Salute, che i probabili casi di Zika sono circa 4mila. Ma la cifra è refutata da personalità di spicco del mondo della medicina.

Ad esempio, José Félix Oletta, Julio Castro, Ana Carvajal, Oswaldo Godoy, Carlos Walter, Ángel Rafael Orihuela, Saúl Peña e Andrés Barreto che segnalano che nelle prime due settimane di gennaio i casi registrati di febbre acuta, e quindi con il sospetto della presenza dello ZiKa, sono stati: Zulia 25.439, Miranda 12.248, Anzoátegui 11.866, Bolívar 11.593, Lara 9.453, Carabobo 8.115, Aragua 6.315, Portuguesa 6.173, e Yaracuy 5.672.

Il Servizio di Cardiologia dell’Ospedale universitario di Caracas ha denunciato recentemente il decesso di 13 malati per mancanza di materiale chirurgico. E la morte di altri 42 infermi che, rimandati a casa, erano in attesa di un’operazione al cuore.

E mentre la crisi sanitaria si abbatte sul Venezuela, il clima politico si fa sempre più rovente. Il dibattito è aspro, brusco, appassionato. La decisione del presidente dell’Assemblea Nazionale, Henry Ramos Allup, di disertare l’inizio dell’Anno Giudiziario 2016, ha permesso al capo dello Stato, Nicolás Maduro, di sferzare nuovamente il Parlamento dominato da deputati del “Tavolo dell’Unità”. E di sostenere che la Corte è l’unica istituzione con il potere per decidere sui conflitti politici. Una chiara allusione, questa, ai deputati dello Stato Amazonas, sospesi per presunta frode elettorale e dei quali ancora non si conosce quale sarà il destino.

Ma quelle del presidente Maduro, in occasione della cerimonia d’inizio dell’Anno Giudiziario, non sono state le uniche dure e denigranti espressioni pronunciate contro il Parlamento. Già in precedenza, aveva infierito contro i deputati della maggioranza, colpevoli di approvare, in prima discussione, la Legge che permetterà all’inquilino delle Case della “Mision Vivienda” di riceverne il titolo di proprietà.

– Si vuole tornare alla proprietà privata – ha tuonato il capo dello Stato -. E noi non lo permetteremo.

L’opposizione, dal canto suo, ha spiegato che la legge permetterà a chi oggi abita in una casa popolare della “Misiòn Vivienda” di esserne legittimo proprietario. E, così, di poterla dare in eredità ai propri figli e, nel caso lo considerasse necessario, affittarla e ipotecarla o venderla per acquistarne una nuova.

C’è oggi chi sospetta che la veemenza con cui il governo difende l’attuale struttura della “Misiòn Vivienda” abbia alla base ben altre ragioni. Ad esempio, c’è chi suggerisce che possano venire a galla casi di corruzione e di irregolarità amministrative. Altri, invece, formulano l’ipotesi che il numero di case costruite sia di gran lunga inferiore a quello pubblicizzato dal Governo.

Speculazioni e considerazioni che comunque seminano dubbi e perplessità; dubbi e perplessità che troverebbero conferma nella mancanza di materie prime per l’industria della costruzione. Il deputato Josè Prad ha reso noto che Sidor, oggi, produce al 24 per cento della propria capacità, Venalum, al 23 per cento; Alcasa, al 22 per cento; Bauxiven, al 32 per cento e Ferrominera, al 42 per cento.

Il dibattito politico, quindi, pare assumere toni sempre più preoccupanti come sempre più preoccupante è la situazione sociale del paese. Il Venezuela, quindi, non è solo sull’orlo del crac economico ma anche di una crisi sanitaria di proporzioni mai vissute. Aver decretato l’”Emergenza” è solo un primo passo. Significa averne preso coscienza. Si attendono ora i provvedimenti per superarla.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

01:02Senato respinge revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON 27 LUG - Il Senato degli Stati Uniti ha bocciato il testo presentato dai repubblicani per la semplice revoca della maggior parte della riforma sanitaria detta Obamacare senza prevedere un testo che la sostituisca. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto con 45 voti favorevoli e 55 voti contrari. Il senato ha già dato il via libera alla discussione su un nuovo testo da mettere a punto per sostituire la riforma sanitaria di Obama, visto che quello già elaborato non è andato avanti per le divisioni dei repubblicani.

00:29Tunisia: passa la legge contro la violenza sulle donne

(ANSAmed) - TUNISI, 26 LUG - Voto storico a Tunisi. Dopo un iter parlamentare accidentato e ostacolato da rinvii che avevano fatto temere un fallimento, il parlamento tunisino ha approvato all'unanimità con 146 voti a favore la legge organica contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. Quarantatrè articoli divisi in 5 capitoli per fornire misure efficaci per lottare contro ogni forma di violenza o sopruso basato sul genere. Il testo ha l'obiettivo di garantire alla donna il rispetto della dignità e assicurare l'uguaglianza tra i sessi, garantita dalla Costituzione, attraverso un approccio globale basato sulla prevenzione, la punizione dei colpevoli e la protezione delle vittime. La legge punta inoltre ad eliminare ogni forma di disuguaglianza tra i sessi anche sul lavoro.

00:27Calcio: Champions League, Nizza-Ajax 1-1

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Mario Balotelli a segno, ma il Nizza non riesce ad imporsi sull'Ajax che dalla Costa Azzurra porta via un prezioso 1-1 nell'andata di una delle gare del terzo turno preliminare di Champions League. Al vantaggio rossonero al 32' grazie all'attaccante italiano, infatti, i Lancieri hanno risposto al 4' della ripresa con van de Beek. Mercoledì prossimo la gara di ritorno che varrà l'accesso ai playoff. Tra gli altri risultati delle gare di oggi, da segnalare lo 0-0 fra gli scozzesi del Celtic e i norvegesi del Rosenborg e il 3-1 degli ucraini della Dynamo Kiev sugli svizzeri dello Young Boys.

00:03Sci: Italia Team, operata l’azzurra Marsaglia

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Francesca Marsaglia è stata operata presso la clinica La Madonnina, a Milano, per una sindrome pubico-inguinale che le impediva di allenarsi con regolarità. Lo rende noto la Federsci precisando che l'operazione è stata effettuata dal dottor Gianpiero Campanelli, sotto la supervisione della Commissione medica della Fisi. La 27enne sciatrice azzurra dovrà ora osservare una decina di giorni di riposo assoluto e ricominciare gradualmente la preparazione: l'obiettivo, conclude la Fisi, è quello di presentarsi regolarmente alla partenza del viaggio sudamericano con destinazione Ushuaia (Argentina), ad inizio settembre.

23:28Calcio: 1-0 al Lille di Bielsa, il “Bortolotti” all’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Atalanta di Gian Piero Gasperini ha vinto la ventitreesima edizione del trofeo "Achille e Cesare Bortolotti", intitolato alla memoria dei due presidenti scomparsi, battendo per 1-0 il Lille di Marcelo Bielsa davanti a poco meno di diecimila spettatori. A segno nel primo tempo Cristante (14') che controlla e di esterno destro piazza sotto la traversa l'assist con scavetto di Gomez. Nella ripresa, Gollini salva il risultato parando a Benzia un rigore concesso per un contatto fra Palomino e Ponce. Per i nerazzurri una prova discreta in attesa delle altre sgambate internazionali: quella con il Borussia Dortmund del primo agosto ad Altach (19.30) e quella a Valencia l'11 dello stesso mese. Da giovedì, intanto, squadra a San Gallo per la seconda fase della preparazione.

23:24Calcio: Marotta, offerta a Lotito per Keita Baldé

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Abbiamo parlato con Lotito per Keita Baldé. Abbiamo fatto la nostra proposta, ora sta a lui valutarla". L'ad della Juventus Beppe Marotta esce allo scoperto e annuncia di voler acquistare l'esterno della Lazio. Non nega neppure una trattativa per Matuidi: "È un'ipotesi. Stiamo valutando alcune situazioni, non nascondiamo che cerchiamo un centrocampista d'esperienza". Poi, su Schick chiarisce: "Mi spiace che sia andata così e che non si sia arrivati alla conclusione per impedimenti oggettivi. È un talento emergente, ma per il momento è un'operazione chiusa". Quindi, esclude la cessione di Dybala, nonostante piaccia al Barcellona: "Abbiamo rifiutato tante offerte. Quando un giocatore è contento di rimanere alla Juve, ci resta finché vuole". Infine, sulla possibilità di affidare la maglia n.10 al neoarrivato Bernardeschi: "È una maglia pesante nella storia della Juventus e del calcio in generale, valuteremo. È anche una forma di protezione per non esporlo a troppe responsabilità. Bisogna essere molto cauti".

23:00Calcio: Tavecchio, col Var ci aspettiamo meno polemiche

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Con il Var ci aspettiamo molte meno polemiche. Sono stato fra i primi a chiederlo ai tempi di Blatter e sono felice che quest'anno entri in vigore. All'inizio bisognerà abituarsi, ma è una novità sicuramente positiva. Garantirà maggiore sicurezza nelle analisi degli arbitri". Il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, parla dell'introduzione del Var.

Archivio Ultima ora