Coppa Libertadores: il Caracas sfida l’Huracan per un posto nella fase a gironi

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

caracas-huracan

CARACAS – Apri gli occhi. Apri gli occhi tifoso del Caracas. La Libertadores. Apri gli occhi. Intorno a te c’è di nuovo casa tua. Le cose che conosci, che ti sono familiari. Apri gli occhi e mettiti comodo in poltrona. Alza il volume. Magari scopri che così ad occhi aperti, si può ricominciare a sognare in questa nuova edizione della Coppa Libertadores.

Il Caracas inizierá oggi il suo periplo nella massima competizione continentale a livello di club: i ‘rojos del Ávila’ sfideranno l’Huracán. Il match contro la formazione argentina é valevole per i preliminari della Coppa Libertadores.

‘El globo’ non potrá schierare per questa decisiva gara il bomber Ramón ‘Wanchope’ Ábila, espulso nella gara di ritorno della finale della ‘Copa Sudamericana’. La Conmebol ha sanzionato con una squalifica di tre giornate ad Ábila per il pugno inflitto a Yerry Mina, difensore del Santa Fé. L’attaccante dell’Huracán, sará sostituito dal compagno di reparto Diego Mendoza, arrivato in questa sessione di mercarto alla corte del mister Eduardo Domínguez.

La formazione che l’allenatore dei vice-campioni della Sudamericana ha in mente, dovrebbe essere molto simile a quella che ha perso la finale contro i colombiani del Santa Fe. Le modifiche con molta probabilitá sarebbero: Matías Fritzler al posto di Federico Vismara (trasferitosi al Racing Club) e Carlos Araujo per José San Ramón.

Dal canto suo, il Caracas, che ha anche un allenatore nuovo (Antonio Franco che ha preso il posto di Eduardo Saragó), fará il suo esordio stagionale in questo 2016. Una prima gara come mister niente facile, ma con tante buone sensazioni dopo gli ottimi risultati ottenuti nelle amichevoli di precampionato.

L’ultima partecipazione della formazione della ‘Cota 905’ nella Coppa Libertadores risale all’edizione del 2014, allora furono battuti nei preliminari della manifestazione: così la formazione capitolina interruppe una scia positiva di 10 presenze consecutive nella fase a gironi della massima competizione continentale.

Adesso, suonerá nuevamente quella ‘musichetta’ che dará la carica necessaria al Caracas per tornare ad essere protagonista del Venezuela nel torneo per club piú importante del Sudamerica. Anche se la recente storia dei ‘rojos del Ávila’ nella coppa non é cosi notevole: l’ultima vittoria risale all’edizione 2013 contro i brasiliani del Gremio (2-1 reti di Angelo Peña ed Edder Farías) gara disputata nel rettangolo verde dello stadio Olímpico della Ucv.

Il bilancio del Caracas contro squadre provenienti dal campionato argentino é di una vittoria, un pareggio e sei sconfitte con un bottino di 4 reti segnate e 18 reti subite. L’unica vittoria risale all’8 marzo del 2007, quel giorno i ‘rojos del Ávila’ espugnarono lo storico Monumental de Nuñez e s’imposero per 0-1 grazie alla rete di Iván Velázquez. Mentre l’unico pari é arrivato contro il Lanús nel torneo del 2009, la gara si chiuse sull’1-1 e per il Caracas andó a segno Darío Figueroa.

L’arbitro dell’incontro sará il cileno Patricio Polic, coadiuvato dai suoi connazionali Carlos Astroza e Christian Schiemann.

La gara di ritorno é in programma tra sette giorni, il vincitore di questo playoff entrerá a far parte del gruppo 4 dove ci sono: Peñarol (Uruguay), Atlético Nacional (Colombia) e Sporting Cristal (Perú).

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

11:17Tennis: Australia, impresa Sonego, avanti anche Fognini

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Impresa di Lorenzo Sonego, attuale numero 218 del ranking mondiale (ma ora è già salito al numero 169), che alla sua prima apparizione nel tabellone principale di uno Slam ha battuto al primo turno degli Australian Open l'olandese Robin Haase, numero 43 Atp: 63 75 67 (6) 75 in tre ore e tre minuti. Una partita giocato con un gran cuore e tanta qualità dal 22enne torinese, che per la prima volta aveva superato le qualificazioni in un Major. Bene anche Fabio Fognini, che ha agevolmente superato l'argentino Horacio Zeballos, numero 66 Atp, invece. Il trentenne ligure, numero 27 del ranking mondiale e 25esima testa di serie, si è imposto per 64 64 75 in due ore e due minuti senza mai concedere nulla al rivale (16 ace in totale). Sono dunque tre i tennisti italiani al secondo turno. Ieri aveva esordito positivamente Andreas Seppi. Il 33enne altoatesino, numero 87 Atp e reduce dal successo nel challenger di Canberra, ha sconfitto in quattro set il 18enne mancino francese Corentin Moutet

11:16Devastazione e saccheggio, sgominata gang nel Salernitano

(ANSA) - SALERNO, 16 GEN - Arrestati nove giovani appena maggiorenni, componenti di una gang di ragazzi ritenuti responsabili in concorso di devastazione e saccheggio, nel Salernitano. L'operazione è scattata alle prime ore della mattinata. In azione sono entrati i Carabinieri, la Squadra Mobile della Questura e il Nucleo di Polizia Economica e Finanziaria della Guardia di Finanza di Salerno, tra San Marzano sul Sarno e Pagani. I provvedimenti cautelari (arresti domiciliari), sono stati emessi dal gip dal presso il Tribunale di Salerno su richiesta della locale Procura della Repubblica. I dettagli delle indagini verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa in programma alle 11 nella sede della Procura della Repubblica di Salerno. (ANSA).

11:02Birmania:intesa con Dacca,rimpatrio Rohingya in 2 anni

(ANSA) - BANGKOK, 16 GEN - Un accordo per il rimpatrio dei rifugiati Rohingya entro due anni è stato finalizzato oggi dai governi di Birmania e Bangladesh, dopo un'intesa preventiva raggiunta tra i due Paesi lo scorso novembre. Lo ha annunciato il ministro degli esteri di Dacca con un comunicato. L'accordo prevede la creazione di cinque campi di transito dal lato bengalese e due centri di accoglimento dalla parte birmana. I termini dell'intesa stabiliscono che il rimpatrio sia da completare "preferibilmente" entro due anni dall'inizio. Ma una data non è stata ancora comunicata.

10:59Cina-Usa: Xi a Trump, aprire di più nostri mercati

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - Cina e Usa devono aprire di più i rispettivi mercati e rafforzare la cooperazione, nel mezzo delle crescenti tensioni sugli squilibri commerciali. E' l'auspicio espresso dal presidente Xi Jinping nella telefonata di oggi con la controparte Donald Trump in cui ha osservato che le relazioni bilaterali sono rimaste stabili con progressi nel 2017. I due Paesi, ha riferito la tv statale Cctv, dovrebbero cooperare su numerosi temi e prendere "misure costruttive" in "un'ampliata cooperazione per risolvere i nodi commerciali ed economici".

10:56Belgio: esplosione Anversa, estratti 2 morti da macerie

(ANSA) - BRUXELLES, 16 GEN - I servizi di soccorso hanno estratto due persone decedute dalle macerie del palazzo crollato la notte scorsa ad Anversa. Lo scrive l'agenzia Belga, precisando che non sono ancora state identificate e quindi non si sa se sono le persone precedentemente dichiarate scomparse. Come e' noto, l'esplosione potrebbe essere avvenuta, a causa di una perdita di gas, nella cucina della pizzeria italiana 'Primavera' che si trovava al piano terra dell'edificio.

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

Archivio Ultima ora