Coppa Libertadores: il Caracas sfida l’Huracan per un posto nella fase a gironi

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

caracas-huracan

CARACAS – Apri gli occhi. Apri gli occhi tifoso del Caracas. La Libertadores. Apri gli occhi. Intorno a te c’è di nuovo casa tua. Le cose che conosci, che ti sono familiari. Apri gli occhi e mettiti comodo in poltrona. Alza il volume. Magari scopri che così ad occhi aperti, si può ricominciare a sognare in questa nuova edizione della Coppa Libertadores.

Il Caracas inizierá oggi il suo periplo nella massima competizione continentale a livello di club: i ‘rojos del Ávila’ sfideranno l’Huracán. Il match contro la formazione argentina é valevole per i preliminari della Coppa Libertadores.

‘El globo’ non potrá schierare per questa decisiva gara il bomber Ramón ‘Wanchope’ Ábila, espulso nella gara di ritorno della finale della ‘Copa Sudamericana’. La Conmebol ha sanzionato con una squalifica di tre giornate ad Ábila per il pugno inflitto a Yerry Mina, difensore del Santa Fé. L’attaccante dell’Huracán, sará sostituito dal compagno di reparto Diego Mendoza, arrivato in questa sessione di mercarto alla corte del mister Eduardo Domínguez.

La formazione che l’allenatore dei vice-campioni della Sudamericana ha in mente, dovrebbe essere molto simile a quella che ha perso la finale contro i colombiani del Santa Fe. Le modifiche con molta probabilitá sarebbero: Matías Fritzler al posto di Federico Vismara (trasferitosi al Racing Club) e Carlos Araujo per José San Ramón.

Dal canto suo, il Caracas, che ha anche un allenatore nuovo (Antonio Franco che ha preso il posto di Eduardo Saragó), fará il suo esordio stagionale in questo 2016. Una prima gara come mister niente facile, ma con tante buone sensazioni dopo gli ottimi risultati ottenuti nelle amichevoli di precampionato.

L’ultima partecipazione della formazione della ‘Cota 905’ nella Coppa Libertadores risale all’edizione del 2014, allora furono battuti nei preliminari della manifestazione: così la formazione capitolina interruppe una scia positiva di 10 presenze consecutive nella fase a gironi della massima competizione continentale.

Adesso, suonerá nuevamente quella ‘musichetta’ che dará la carica necessaria al Caracas per tornare ad essere protagonista del Venezuela nel torneo per club piú importante del Sudamerica. Anche se la recente storia dei ‘rojos del Ávila’ nella coppa non é cosi notevole: l’ultima vittoria risale all’edizione 2013 contro i brasiliani del Gremio (2-1 reti di Angelo Peña ed Edder Farías) gara disputata nel rettangolo verde dello stadio Olímpico della Ucv.

Il bilancio del Caracas contro squadre provenienti dal campionato argentino é di una vittoria, un pareggio e sei sconfitte con un bottino di 4 reti segnate e 18 reti subite. L’unica vittoria risale all’8 marzo del 2007, quel giorno i ‘rojos del Ávila’ espugnarono lo storico Monumental de Nuñez e s’imposero per 0-1 grazie alla rete di Iván Velázquez. Mentre l’unico pari é arrivato contro il Lanús nel torneo del 2009, la gara si chiuse sull’1-1 e per il Caracas andó a segno Darío Figueroa.

L’arbitro dell’incontro sará il cileno Patricio Polic, coadiuvato dai suoi connazionali Carlos Astroza e Christian Schiemann.

La gara di ritorno é in programma tra sette giorni, il vincitore di questo playoff entrerá a far parte del gruppo 4 dove ci sono: Peñarol (Uruguay), Atlético Nacional (Colombia) e Sporting Cristal (Perú).

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora