Dalle major ai paesi produttori, le vittime del petrolio a 30 dollari

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

petrolio

ROMA. – Le big mondiali ma anche i paesi produttori con le spalle meno larghe. E’ lunga la lista delle vittime del crollo del prezzo del petrolio, che è sceso sotto quota 30 dollari facendo precipitare in Borsa tutto il comparto energetico. Le principali vittime del mini-greggio sono ovviamente le compagnie petrolifere. E’ cominciato il periodo della diffusione dei bilanci 2015 e sul campo si contano parecchi feriti.

E’ stata la volta di Bp ed Exxon, due delle vecchie Sette sorelle che dettavano legge negli anni ’50 e ’60. La prima ha annunciato un bilancio da brivido, con una perdita netta di 6,5 miliardi di dollari e un quarto trimestre con l’utile in picchiata del 91% a 196 milioni di dollari, contro i 2,24 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente. Il risultato è anche inferiore alle attese degli analisti, che avevano stimato per il trimestre un utile di 814,7 milioni di dollari. Il colosso inglese ha anche annunciato il taglio di 7.000 posti di lavoro entro il 2017: 4.000 posizioni saranno eliminate nella divisione marketing quest’anno e 3.000 nel settore raffinazione l’anno prossimo.

Meno disastrosi, e superiori alle stime degli analisti, i conti del gigante americano, che termina il quarto trimestre con un profitto di 2,78 miliardi di dollari, contro i 6,57 miliardi dello stesso periodo del 2014, e archivia il 2015 con un utile tagliato di netto a metà a 16 miliardi: il cattivo andamento della divisione petrolio e gas è stato in parte compensato dalla grande performance della raffinazione, che, proprio grazie ai bassi prezzi della materia prima, ha sostanzialmente raddoppiato i guadagni.

La settimana scorsa Petrochina ha lanciato un profit warning, Chevron ha riportato la prima perdita trimestrale dal 2002 e Royal Dutch Shell ha già annunciato, qualche settimana prima dei conti che usciranno il 4 febbraio, un crollo dell’utile trimestrale di almeno il 42%. Nei prossimi giorni arriveranno i conti di altre major come Total (l’11 febbraio) ed Eni (26 febbraio). Si tratta di un banco di prova importante: praticamente tutte sono state infatti messe sotto osservazione, con possibili implicazioni negative, da parte delle principali agenzie di rating.

Di ancora più ampia portata sono le conseguenze per i Paesi produttori, almeno quelli con le spalle meno larghe, che non riescono a sostenere una fase così lunga di quotazioni al minimo. A cominciare dalla Russia, che ha deciso di mettere sul piatto i propri pezzi migliori in un piano di privatizzazioni decisivo per rimpinguare le casse dello Stato, fino al Venezuela, che cerca consensi per costringere l’Opec a un taglio della produzione cui aspira da tempo, passando per la Nigeria.

Il crollo dei prezzi del petrolio, insomma, fa piangere tanti, dalle compagnie ai Paesi produttori, ma a qualcuno fa invece tornare il sorriso: favorisce infatti invece i Paesi consumatori (tra cui l’Italia) e le compagnie aeree. Proprio oggi Ryanair ha annunciato che nel 2017 risparmierà 430 milioni di euro grazie al minor costo del carburante.

Ultima ora

15:32Mattarella, sono entusiasta del Magistero del Papa

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Il Papa ha inciso profondamente nella sensibilità generale e nei rapporti tra le religioni. Anche per questo rappresenta un punto di riferimento, nella fiducia e nell'affetto, per credenti e non". Lo dice Mattarella in un' intervista a "Famiglia Cristiana". "Avere aperto il Giubileo della misericordia a Bangui, in un luogo che appare, più che periferia, il confine del mondo e che Francesco ha definito capitale spirituale del mondo è stato straordinario. A Buenos Aires uno studente mi ha chiesto un giudizio sul Magistero di papa Francesco. Gli ho risposto che sono entusiasta".

15:29Rifiuti: Raggi, maiale in strada è di un Casamonica

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Mi spiace che la campagna elettorale abbia spinto Giorgia Meloni a rilanciare l'immagine di un maiale in strada. La politica dovrebbe essere altro. Abbiamo scoperto che quel maiale è di proprietà di un membro della famiglia Casamonica che ha ammesso alla polizia locale di averne perso il controllo il giorno precedente". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi nel corso della presentazione di un protocollo per aumentare la differenziata, riferendosi alle foto rilanciate nei giorni scorsi da Giorgia Meloni di un maiale tra i cassonetti dei rifiuti e poi mentre attraversava la strada nel quartiere della Romanina, alla periferia di Roma.

15:25Praticante in aula con il velo, giudice la fa uscire

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - "Chi interviene o assiste all'udienza non può portare armi o bastoni e deve stare a capo scoperto e in silenzio". E' la scritta su un foglio davanti ad un'aula del Tar di Bologna dove questa mattina ad una giovane praticante avvocato che indossava il velo hijab è stato chiesto dal giudice di toglierselo, oppure uscire. Secondo quanto riferito da alcuni presenti la giovane, marocchina, a quel punto si è rifiutata di scoprirsi il capo e si è allontanata. (ANSA).

15:23Messico:imprenditore italiano nascosto,’mi hanno incastrato’

(ANSA) - VENEZIA, 17 GEN - "Mi hanno incastrato, stanno seminando indizi e prove contro di me". Si è rifatto vivo Alessandro Bozzato, 52 anni, l'imprenditore veneto che si troverebbe a Città del Messico in pericolo di vita. Del suo caso si sta interessando anche la Farnesina. L'uomo ha mandato un nuovo messaggio alla sorella Erica, che vive a Cavarzere (Venezia). Nei giorni scorsi aveva inviato video e messaggi inquietanti nei quali, dicendo di trovarsi coinvolto in una pericolosa vicenda criminale, lanciava un appello per tornare in Italia: "Aiutatemi, venitemi a prendere altrimenti mi ammazzano". Bozzato, imprenditore edile, vive e lavora da 20 anni in Messico. Ha raccontato alla sorella di essersi messo in affari nel giugno scorso con una persona che doveva acquistare un camion. "Ho speso mezzo milione di euro. Ma questo - ha sostenuto nei messaggi - era un delinquente e ha tentato di uccidermi per rubarmi i soldi. Poi gli hanno sparato e hanno dato la colpa a me. Adesso sono nascosto, sto bene, ma non mi faccio vedere".

15:22‘Ndrangheta:Tribunale riesame scarcera ex sindaco Taurianova

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 17 GEN - Il tribunale del riesame di Reggio Calabria ha annullato, per mancanza di gravità indiziaria, l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell'ex sindaco di Taurianova Domenico Romeo e ne ha disposto l'immediata scarcerazione. Lo rendono noto i suoi legali, gli avvocati Giuseppe Alvaro e Rocco Iorianni. Romeo era stato arrestato nel dicembre scorso nell'operazione Terramara-Closed contro le cosche Zagari - Fazzalari - Viola con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. In particolare è accusato di avere favorito, nella sua qualità di sindaco dal maggio 2011 fino alla data di scioglimento del Consiglio comunale del luglio 2013, gli interessi di alcune cosche nel settore degli impianti serricoli e fotovoltaici e di avere tentato di costringere il responsabile dell'ufficio tecnico a dire sì al rilascio di concessioni edilizie in favore di società ritenute mafiose. La decisione del riesame è giunta in accoglimento di un ricorso dei difensori di Romeo. (ANSA).

15:22Cremlino, Putin gode di ottima salute

(ANSA) - MOSCA, 17 GEN - Il presidente russo Vladimir Putin è in buona salute ed è in condizioni molto migliori di molte persone. Lo ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, citato da Interfax. "Posso assicurarvi che il presidente è assolutamente sano ed è in condizioni molto migliori di molte altre persone", ha detto Peskov ai giornalisti quando gli è stato chiesto se è previsto un rapporto dettagliato sulla salute di Putin simile a quello del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. "Non so nulla al riguardo, la nostra legislazione non prevede alcuna pubblicazione obbligatoria di informazioni sullo stato di salute del presidente", ha detto Peskov.

15:18Dj Fabo: pm, assolvere Cappato, fatto non sussiste

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - La procura di Milano ha chiesto l'assoluzione di Marco Cappato "perché il fatto non sussiste". Il radicale è imputato a Milano per aiuto al suicidio in relazione alla vicenda di Dj Fabo. Il pm Tiziana Siciliano insieme alla collega Sara Arduini hanno chiesto in subordine alla corte d'assise di eccepire l'illegittimità costituzionale dell'articolo 580 del codice penale, quello sull'aiuto al suicidio. "Marco Cappato non ha avuto alcun ruolo nella fase esecutiva del suicidio assistito di Fabiano Antoniani e non ha nemmeno rafforzato la sua volontà di morire" ha sostenuto in aula il pm Sara Arduini, che ha ripetuto più volte come fosse "forte e granitica la volontà di Fabiano di morire". I pm originariamente avevano chiesto l'archiviazione della indagine a carico di Cappato ma poi il gip Luigi Gargiulo aveva imposto l'imputazione coatta e l'esercizio dell'azione penale sostenendo che Cappato andasse accusato di aiuto al suicidio per avere addirittura rafforzato la volontà di togliersi la vita.

Archivio Ultima ora