Dalle major ai paesi produttori, le vittime del petrolio a 30 dollari

Pubblicato il 02 febbraio 2016 da redazione

petrolio

ROMA. – Le big mondiali ma anche i paesi produttori con le spalle meno larghe. E’ lunga la lista delle vittime del crollo del prezzo del petrolio, che è sceso sotto quota 30 dollari facendo precipitare in Borsa tutto il comparto energetico. Le principali vittime del mini-greggio sono ovviamente le compagnie petrolifere. E’ cominciato il periodo della diffusione dei bilanci 2015 e sul campo si contano parecchi feriti.

E’ stata la volta di Bp ed Exxon, due delle vecchie Sette sorelle che dettavano legge negli anni ’50 e ’60. La prima ha annunciato un bilancio da brivido, con una perdita netta di 6,5 miliardi di dollari e un quarto trimestre con l’utile in picchiata del 91% a 196 milioni di dollari, contro i 2,24 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente. Il risultato è anche inferiore alle attese degli analisti, che avevano stimato per il trimestre un utile di 814,7 milioni di dollari. Il colosso inglese ha anche annunciato il taglio di 7.000 posti di lavoro entro il 2017: 4.000 posizioni saranno eliminate nella divisione marketing quest’anno e 3.000 nel settore raffinazione l’anno prossimo.

Meno disastrosi, e superiori alle stime degli analisti, i conti del gigante americano, che termina il quarto trimestre con un profitto di 2,78 miliardi di dollari, contro i 6,57 miliardi dello stesso periodo del 2014, e archivia il 2015 con un utile tagliato di netto a metà a 16 miliardi: il cattivo andamento della divisione petrolio e gas è stato in parte compensato dalla grande performance della raffinazione, che, proprio grazie ai bassi prezzi della materia prima, ha sostanzialmente raddoppiato i guadagni.

La settimana scorsa Petrochina ha lanciato un profit warning, Chevron ha riportato la prima perdita trimestrale dal 2002 e Royal Dutch Shell ha già annunciato, qualche settimana prima dei conti che usciranno il 4 febbraio, un crollo dell’utile trimestrale di almeno il 42%. Nei prossimi giorni arriveranno i conti di altre major come Total (l’11 febbraio) ed Eni (26 febbraio). Si tratta di un banco di prova importante: praticamente tutte sono state infatti messe sotto osservazione, con possibili implicazioni negative, da parte delle principali agenzie di rating.

Di ancora più ampia portata sono le conseguenze per i Paesi produttori, almeno quelli con le spalle meno larghe, che non riescono a sostenere una fase così lunga di quotazioni al minimo. A cominciare dalla Russia, che ha deciso di mettere sul piatto i propri pezzi migliori in un piano di privatizzazioni decisivo per rimpinguare le casse dello Stato, fino al Venezuela, che cerca consensi per costringere l’Opec a un taglio della produzione cui aspira da tempo, passando per la Nigeria.

Il crollo dei prezzi del petrolio, insomma, fa piangere tanti, dalle compagnie ai Paesi produttori, ma a qualcuno fa invece tornare il sorriso: favorisce infatti invece i Paesi consumatori (tra cui l’Italia) e le compagnie aeree. Proprio oggi Ryanair ha annunciato che nel 2017 risparmierà 430 milioni di euro grazie al minor costo del carburante.

Ultima ora

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

20:27Nuoto: Mondiali, King oro e record mondo

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Medaglia d'oro e record del mondo per la statunitense Lilly King che trionfa nei 100 metri rana con il tempo di 1'04"13 ai Mondiali di nuoto di Budapest. Il primato precedente era della lituana Ruta Meilutyte che ai Mondiali di Barcellona 2013 aveva nuotato in 1'04"35. Medaglia d'argento per un'altra statunitense, Katie Meili (1'05"03), bronzo alla russa Yuliya Efimova (1'05"05).

20:15Calcio: Cassano, un invito dal Legino

(ANSA) - SAVONA, 25 LUG - "Cassano venga a giocare a Savona: sarà vicino a casa e non sentirà la nostalgia". È l'invito lanciato dalla società Unione Sportiva Legino 1910, squadra di Savona che milita nel campionato di Promozione e che ha visto i 'primi passi' di Stefan el Shaarawy. A lanciare la proposta l'allenatore e dirigente Fabio Tobia con l'appoggio dall'assessore allo sport Maurizio Scaramuzza. Se l'ingaggio di Fantantonio potrebbe rappresentare un ostacolo insormontabile per un club di Promozione, l'allenatore e l'assessore hanno trovato una soluzione: "Il Legino calcio non può permettersi, per il budget limitato, di sostenere i costi per un campione di questo calibro. Tuttavia a Antonio Cassano garantiremo l'ospitalità e l'accoglienza della città e tutte le volte che lo desidererà, la nostra farinata bianca".

20:06Migranti: Gentiloni, dopo impegni Juncker ora fatti

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Agli impegni su immigrazione presi da Juncker e Commissione, che ringrazio, corrisponda la mobilitazione dei partner Ue a fianco dell'Italia". Così il premier Paolo Gentiloni su twitter dopo le affermazioni del presidente della commissione europea.

20:01Nuoto: Pellegrini, domani sarà una bella lotta

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "E' stata una bella gara, sono contenta. Le altre hanno viaggiato un bel po', non si sono mai visti questi tempi per una finale Mondiale". Federica Pellegrini è felice della finale conquistata ai Mondiali di nuoto a Budapest ma è cosciente che domani è attesa ad una dura lotta per salire sul podio. "Io ho risposto presente - aggiunge ai microfoni della Rai l'azzurra - è la mia settima finale Mondiale, sono contenta di esserci e domani sarà una bella lotta".

Archivio Ultima ora