Serie A: Juve da record ma il Napoli non perde un colpo

Pubblicato il 03 febbraio 2016 da redazione

Napoli's José María Callejón (C) jubilates after scoring the goal of the 0-2 during the Italian Serie A soccer match SS Lazio vs SSC Napoli at Olimpico stadium in Rome, Italy, 3 February 2016.  ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Napoli’s José María Callejón (C) jubilates after scoring the goal of the 0-2 during the Italian Serie A soccer match SS Lazio vs SSC Napoli at Olimpico stadium in Rome, Italy, 3 February 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Il Napoli è un rullo compressore, ma la Juve senza strafare inanella la tredicesima vittoria consecutiva da record. Il romanzo del campionato vive una giornata interlocutoria in cui tutte le protagoniste fanno bottino pieno.

I partenopei vincono facilmente all’Olimpico con un gol fortunoso di Higuain e un cucchiaio di Callejon: netta la differenza in campo con una Lazio mai in partita e gara interrotta per qualche minuto per cori razzisti dagli spalti contro Koulibaly. La Juve risponde con un’autorete che stende il Genoa, ma anche Allegri non perde un colpo. Facile vittoria del Milan a Palermo, solito 1-0 (decimo della stagione) dell’Inter in casa col Chievo, vittoria col brivido della Fiorentina con una zampata di Zarate nel recupero.

Ottime imprese delle pericolanti: il Verona ottiene la prima vittoria in stagione, il Frosinone abbatte il Bologna, al Carpi sfugge un punto a Firenze al 94′. Ma il turno infrasettimanale lascia le cose praticamente inalterate.

Più facile del previsto la temuta trasferta romana del Napoli (settima vittoria di fila, come ai tempi di Maradona). Higuain non sfrutta subito un errore di Basta, ma poi segna (23 gol in 23 gare) con un rimpallo dopo una respinta di Marchetti. Dominio asfissiante dei partenopei che raddoppiano su un assist di Insigne e lancio sul filo del fuorigioco per Callejon che poi supera il portiere con un pallonetto. Si infortuna pure Candreva e la Lazio si scoraggia e si arrende alla superiore qualità del gioco della capolista.

Qualche problema in più per la Juve che fa tredici di fila dopo avere trovato un ostacolo rognoso nel Genoa. Sblocca casualmente Cuadrado le cui incisive serpentine in area si concludono con un tiro-cross che De Maio devia nella propria porta. Allegri mastica amaro per il serio infortunio che lo priva di Caceres ma la super serie continua anche se il Napoli non dà segni di cedimento.

Bottino pieno anche per le milanesi. L’Inter riparte dopo il derby choc e le roventi polemiche su Mancini che schiera Icardi-Eder. E proprio l’argentino è grande protagonista per schiodare la gara col Chievo. Seculin bagna l’esordio con quattro grandi voli poi si arrende in mischia a Icardi lesto ad approfittare di una dormita collettiva dei veneti. L’argentino poi sfiora il raddoppio con un colpo di testa che fa tremare la traversa. Per Mancini qualche giorno senza tensioni.

Va sul velluto invece MIhajlovic perché il Milan passeggia a Palermo contro un’avversaria pasticciona. Incursione vincente di Bacca poi fallo di mano senza motivo di Goldaniga che procura un rigore: Niang ruba la palla a Bacca e trasforma con sicurezza. Per i rossoneri l’obiettivo Europa comincia a prendere consistenza.

Ma davanti vincono tutte, anche la Fiorentina che sblocca nel diluvio dopo 1′ con un assist di Ilicic che libera Borja che fa rotolare il pallone in rete. Quando sembra che i viola possano controllare la gara arriva il pari di Lasagna che compie un’altra prodezza dopo quella che ha fruttato un punto in casa dell’Inter. Ma Zarate nel recupero arpiona tre punti preziosi.

In chiave salvezza tre punti d’oro per il Frosinone che ferma la marcia sicura del Bologna con un rigore di Dionisi che fa rischiare l’infarto ai suoi tifosi. I ciociari arpionano il Carpi e tornano a sperare. La Samp si illude due volte con Muriel e Soriano, ma sempre Belotti toglie il sorriso a Montella. Sul primo pari buco imbarazzante di Ranocchia.

Si illude anche l’Udinese di poter vincere in casa di un Empoli un po’ stanco con Zapata che si libera di un avversario commettendo però un fallo. Poi Saponara si mangia un rigore, ma alla fine Pucciarelli trova la prodezza del pari. Prima vittoria della stagione per il Verona con spunto vincente di Pazzini dopo i gol di Conti e Siligardi.

Ultima ora

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

Archivio Ultima ora